Podcasts about xe8

  • 44PODCASTS
  • 1,229EPISODES
  • 32mAVG DURATION
  • 1DAILY NEW EPISODE
  • Dec 4, 2022LATEST

POPULARITY

20152016201720182019202020212022

Categories



Best podcasts about xe8

Show all podcasts related to xe8

Latest podcast episodes about xe8

Luisterrijk luisterboeken
Een wagon vol duivels

Luisterrijk luisterboeken

Play Episode Listen Later Dec 4, 2022 3:00


Over de vriendschap tussen twee mannen en de droom van een zangcarrière – oergeestig en vol menselijk meedogenUitgegeven door Atlas ContactSpreker(s): Justus van Dillen

Prêche la Parole
Question #101 - Quel est le rôle du chrétien dans un gouvernement?

Prêche la Parole

Play Episode Listen Later Dec 1, 2022 31:42


Réponse : Puisque les croyants doivent cohabiter avec les non-croyants, ils sont appelés à participer avec eux au gouvernement de la société. Ils le font comme chrétiens en étant la lumière du monde ~ Matthieu 5.14-16

Luisterrijk luisterboeken

In geconcentreerde scènes bijt letselschadeadvocaat Palthe zich vast in zijn laatste zaak: een jonge vrouw, die vanaf haar middel verlamd is geraakt. Een loodsteile afdaling terug in de tijdUitgegeven door Atlas ContactSpreker(s): Vonne van der Meer

Prêche la Parole
#208 L’apparition en Galilée – L’adoration et le doute – Mt 28.16-17

Prêche la Parole

Play Episode Listen Later Nov 21, 2022 51:58


Pascal Denault - Mt 28.16-17 DESCRIPTION : Bien que Jésus ait apparu à ses disciples en Judée, c’est en Galilée qu’il leur donne rendez-vous après sa résurrection pour lancer la grande mission finale. Chaque détail de cette ultime rencontre mérite qu’on s’y arrête pour en tirer les instructions nécessaires à la mission de l’Église et à la vie de disciple. PLAN A. Les onze B. La Galilée C. La montagne D. L’adoration E. Les doutes QUESTIONS 1. Que peut-on noter de tragique et d’encourageant de la mention « les onze »? 2. Pourquoi la rencontre en Galilée est-elle significative? 3. Que symbolise la montagne comme lieu de rencontre final avec Christ? 4. Quelle est la première chose qui se produisit lors de cette rencontre sur la montagne? 5. Comment faut-il comprendre que « quelques-uns eurent des doutes »?

Prêche la Parole
Sylvain Turgeon - Notre adoption en Jésus-Christ - Romains 8.15-17

Prêche la Parole

Play Episode Listen Later Nov 14, 2022 47:42


Sylvain Turgeon - Romains 8.15-17 DESCRIPTION : L’adoption est un acte d’amour que Dieu a manifesté envers ceux qu’il a choisis et qui fait d’eux les enfants du Père Céleste et les frères de Jésus-Christ, par l’œuvre du Saint-Esprit. Nous allons donc examiner plus en détail ce qu’est l’adoption, quel est le rapport entre l’adoption et la justification, l’adoption et la sanctification et quels sont les privilèges rattachés à l’adoption. Nous terminerons le message en nous posant la question « Qu’en est-il de nous ? » PLAN 1) Qu’est-ce que l’adoption ? 2) L’adoption et la justification 3) L’adoption et la sanctification 4) Les privilèges de l’adoption 5) Qu’en est-il de nous?

Prédicateurs invités
Sylvain Turgeon - Notre adoption en Jésus-Christ - Romains 8.15-17

Prédicateurs invités

Play Episode Listen Later Nov 14, 2022 47:42


Sylvain Turgeon - Romains 8.15-17 DESCRIPTION : L’adoption est un acte d’amour que Dieu a manifesté envers ceux qu’il a choisis et qui fait d’eux les enfants du Père Céleste et les frères de Jésus-Christ, par l’œuvre du Saint-Esprit. Nous allons donc examiner plus en détail ce qu’est l’adoption, quel est le rapport entre l’adoption et la justification, l’adoption et la sanctification et quels sont les privilèges rattachés à l’adoption. Nous terminerons le message en nous posant la question « Qu’en est-il de nous ? » PLAN 1) Qu’est-ce que l’adoption ? 2) L’adoption et la justification 3) L’adoption et la sanctification 4) Les privilèges de l’adoption 5) Qu’en est-il de nous?

Luisterrijk luisterboeken
Sonja Pourier leest

Luisterrijk luisterboeken

Play Episode Listen Later Nov 11, 2022 3:00


Prêche la Parole
#207 La résurrection niée – Le rapport de la garde sépulcrale – Mt 28.11-15

Prêche la Parole

Play Episode Listen Later Nov 7, 2022 56:22


Pascal Denault - Mt 28.11-15 DESCRIPTION : Le rapport de la garde du sépulcre aux principaux sacrificateurs n’est rapporté que par Matthieu. Ce récit nous offre un angle de vue très intéressant sur ceux qui refusent de croire à la résurrection malgré le tombeau vide. Nous verrons comment les ennemis du Christ achètent la complicité du monde pour rejeter la vérité et affirmer le mensonge. PLAN A. Des évangélistes sans évangile – v.11 B. Des évangélisés sans scrupule – v.12-13 C. Des complices sans crédibilité – v.14-15 D. Des observations sans complaisance QUESTIONS 1. Comment les gardes sont-ils comparables aux femmes parties du tombeau? 2. Pourquoi les chefs religieux persistent et signent dans leur erreur? 3. Quelles étaient les failles de leur alibi? 4. Qu’est-ce que l’amour de la vérité et qu’arrive-t-il à ceux qui ne l’ont pas reçu? 5. Quelles applications pouvons-nous faire de ce récit?

Prêche la Parole
Dieu le tentateur tenté – Jc 1.13

Prêche la Parole

Play Episode Listen Later Oct 30, 2022 59:28


Pascal Denault - Jc 1.13 DESCRIPTION : Dans ce verset, Jacques déclare qu’il y a deux choses que le Dieu omnipotent ne peut pas faire : (1) être tenté par le mal (2) tenter l’homme au mal. Pourtant ne demandons-nous pas au Dieu qui a tenté Abraham (Gn 22.1 ; Hé 11.17) : « ne nous induis pas en tentation » (Mt 6.13)? Et si Dieu ne peut être tenté par le mal, comment est-il dit qu’il fut tenté par les hommes (Nb 14.22 ; Dt 6.16 ; Ps 78.18)? De plus, il est dit du Christ, qu’il « a été tenté comme nous en toutes choses » (Hé 4.15). Comment cela est-il possible si Christ est Dieu qui ne peut être tenté ? Ces questions nous permettront non seulement de réfléchir à l’application du principe de non-contradiction des Écritures, mais nous forceront à reconsidérer nos propres tentations dans la lumière que nous apporte le Christ Dieu-homme. PLAN A. Dieu tentateur - Nos tentations B. Dieu tenté - Ses tentations QUESTIONS 1. Quels sont les différents sens du mot « tenter » dans l’Écriture? 2. Comment devons-nous prier Dieu en lien avec nos tentations? 3. Dieu peut-il être tenté et que signifie « tenter Dieu »? 4. Comment Jésus a-t-il pu être tenté et pourquoi a-t-il été tenté?

Prêche la Parole
Jeff Laurin - Ces choses leur sont arrivées pour servir d'exemples - 1 Co 10.11

Prêche la Parole

Play Episode Listen Later Oct 23, 2022 46:21


Jeff Laurin - 1 Corinthiens 10.11 DESCRIPTION : Comment pouvons-nous être encouragés et édifiés par l'Ancien Testament? L'apôtre Paul considère que toute l'histoire avant Christ sert d'exemple à ceux qui, depuis la venue de Jésus, sont parvenus à la fin des siècles. Par l'histoire qui les a précédés, ils apprennent à vivre dans le siècle présent.

Prédicateurs invités
Jeff Laurin - Ces choses leur sont arrivées pour servir d'exemples - 1 Co 10.11

Prédicateurs invités

Play Episode Listen Later Oct 23, 2022 46:21


Jeff Laurin - 1 Corinthiens 10.11 DESCRIPTION : Comment pouvons-nous être encouragés et édifiés par l'Ancien Testament? L'apôtre Paul considère que toute l'histoire avant Christ sert d'exemple à ceux qui, depuis la venue de Jésus, sont parvenus à la fin des siècles. Par l'histoire qui les a précédés, ils apprennent à vivre dans le siècle présent.

Prêche la Parole
#206 La rencontre du ressuscité – Les premières messagères de la résurrection – Mt 28.8-10

Prêche la Parole

Play Episode Listen Later Oct 16, 2022 46:04


Pascal Denault - Mt 28.8-10 DESCRIPTION : Dans cette courte péricope, Matthieu nous présente la première apparition de Jésus ressuscité à celles qui le cherchent. Chaque élément de ce texte nous éclaire et nourrit notre compréhension de la vie de disciple au service de notre Sauveur vivant. Qu’est-ce que le Seigneur a voulu révéler dans cette première rencontre? PLAN A. Le message à annoncer B. La rencontre du ressuscité QUESTIONS 1. Que peut-on remarquer et imiter concernant ces femmes? 2. Qu’est-ce que cette apparition de Jésus a de particulier? Quelles furent les autres apparitions? 3. Quelle fut la double réponse des femmes à son apparition? 4. Quelle instruction Jésus donne-t-il aux femmes?

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno
[Sab 15] Commento: Chi mi riconoscerà anch'io lo riconoscerò...

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno

Play Episode Listen Later Oct 14, 2022 1:48


Nel vangelo di oggi spicca il tema della testimonianza dei cristiani. Gesù si rivolge ad una comunità che subirà persecuzioni di ogni sorta perciò vuol infondere coraggio e fiducia nei cuori che potrebbero vacillare di fronte alle difficoltà che essa dovrà affrontare. La vita delle prime comunità cristiane ci riporta numerosi esempi di testimonianze vere e coraggiose, il più delle volte pagate con il prezzo della propria vita offerta con gioia. Potremo essere portati a credere che il martirio sia per pochi e la vera via alla santità è privilegio per anime ben temprate. A noi non rimane che vivere in una quotidianità sempre uguale a se stessa, nella quale possiamo solo sperare nella misericordia di Dio. La fede in Dio misericordioso è l'anima della vera speranza cristiana che guarda in Cristo la salvezza incarnata e realizzata nel Mistero Pasquale. In questa realtà dovremo porre la nostra vita, nelle sue difficoltà quotidiane, per trovare una via di riscatto che ci faccia avanzare verso l'amore di Cristo. Scopriamo che la via alla santità non è per una piccola schiera di eletti ma per tutti noi, scelti prima della creazione del mondo, per essere santi e immacolati al cospetto di Dio nella carità. E' nell'amore e nella carità che possiamo dare la vera testimonianza di essere figli di Dio. Lo stesso Gesù ha detto ai discepoli che dovranno distinguersi in modo assoluto da come ci si ama a vicenda. Gesù è la fonte del nostro amore e l'unico vero modello. La vera testimonianza di Gesù è nella nostra vita; così come rinneghiamo Gesù quando non lo poniamo al centro della nostra esistenza.

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno
[Ven 14] Vangelo: Ef 1, 11-14; Sal 32; Lc 12, 1-7.

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno

Play Episode Listen Later Oct 13, 2022 1:11


In quel tempo, si erano radunate migliaia di persone, al punto che si calpestavano a vicenda, e Gesù cominciò a dire anzitutto ai suoi discepoli: «Guardatevi bene dal lievito dei farisei, che è l'ipocrisia. Non c'è nulla di nascosto che non sarà svelato, né di segreto che non sarà conosciuto. Quindi ciò che avrete detto nelle tenebre sarà udito in piena luce, e ciò che avrete detto all'orecchio nelle stanze più interne sarà annunciato dalle terrazze. Dico a voi, amici miei: non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo e dopo questo non possono fare più nulla. Vi mostrerò invece di chi dovete aver paura: temete colui che, dopo aver ucciso, ha il potere di gettare nella Geènna. Sì, ve lo dico, temete costui. Cinque passeri non si vendono forse per due soldi? Eppure nemmeno uno di essi è dimenticato davanti a Dio. Anche i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate paura: valete più di molti passeri!».

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno
[Ven 14] Commento: Anche i capelli del vostro capo sono tutti contati.

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno

Play Episode Listen Later Oct 13, 2022 1:39


Dinanzi ad una moltitudine di persone, che si accalcava attorno a lui per ascoltarlo, Gesù si rivolse anzitutto ai discepoli: "guardatevi dal lievito dei farisei, che è l'ipocrisia". Le parole di incoraggiamento di Cristo sono inquadrate in un contesto di persecuzione e di ostilità, in cui saranno situati i discepoli. Essi sono incoraggiati a non fare come i farisei, le cui parole non corrispondono a ciò che pensano. Essi sono chiamati a testimoniare la loro fede, costi quel che costi, perché "non c'è nulla di nascosto che non sarà svelato". Gesù è venuto a togliere all'uomo i veli della menzogna e ha restituirlo alla sua verità di figlio, infinitamente amato dalla misericordia del Padre. Certo i credenti, come uomini, provano timore di fronte al pericolo della persecuzione, di una testimonianza difficile. Comunque una sola perdita è irreparabile: "temete colui che dopo aver già ucciso, ha il potere di gettarvi pure nella Geenna". L'atteggiamento fondamentale dei credenti non è fondato sul timore. C'è chi vigila, per difenderli. Dio si prende cura perfino dei passeri. A maggior ragione non dimenticherà i discepoli. "Anche i capelli del vostro capo sono tutti contati". Questo vuol dire che viviamo in un mondo d'amore e di fiducia. Dio ci ama, ci sostiene con la sua mano forte, come sostenne Gesù sulla terra. Perciò l'ultima parola è sempre il "non abbiate timore".

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno
[Gio 13] Commento: Sarà domandato conto del sangue dei profeti.

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno

Play Episode Listen Later Oct 12, 2022 2:10


Il Vangelo riporta le due ultime invettive di Gesù contro gli scribi. Costoro, non contenti di imporre agli altri obblighi che essi non osservano, mantengono lo stesso atteggiamento di quelli che in tempi passati non ascoltarono i profeti e li uccisero. "Guai a voi che costruite i sepolcri dei profeti". Sarebbe un onore costruire sepolcri a persone da venerare, ma nelle parole di Gesù c'è un pizzico di ironia. Se i loro padri hanno ucciso i profeti per non convertirsi, ora loro, invece di essere testimoni della sapienza di Dio, portano a consumazione il mistero di iniquità come i loro padri, soffocando la Parola ascoltata. "Per questo la sapienza di Dio ha detto: "Manderò loro profeti e apostoli e ne uccideranno e ne perseguiteranno". La sapienza di Dio da sempre sa di essere perseguitata e uccisa: è la sapienza della croce. "Guai a voi, dottori della legge che avete presa la chiave della scienza! Voi non siete entrati e l'avete impedito a quelli che volevano entrarvi". La chiave è la conoscenza di quel Dio che è misericordia in Gesù, che ora si manifesta loro. Essi non ci sono entrati, perché hanno e danno l'immagine di un Dio senza misericordia. Perciò: "sarà domandato conto del sangue dei profeti". Questa espressione sottolinea come alla generazione di Gesù, verrà chiesto conto del sangue di tutti i giusti di tutti i tempi. Infatti il mistero del male si consuma nell'ora della sua passione. Questa è l'opera del Signore. "Padre perdona loro perché non sanno quello che fanno", voce che si fa voce nello Spirito di tutti i profeti, consegnati all'estrema testimonianza. Infatti la Divina Provvidenza dispose di non limitare la sua bontà al suo Figlio diletto, ma di espanderla, per mezzo di lui, a molte altre creature, perché lo adorassero e lo lodassero per l'eternità insieme a tutti i fratelli. Questa è la chiave che ci è stata riconsegnata.

Évangile de Matthieu
#205 La résurrection attestée – L’ange et le tombeau vide – Mt 28.1-7

Évangile de Matthieu

Play Episode Listen Later Oct 9, 2022 55:32


Pascal Denault - Mt 28.1-7 DESCRIPTION : Nous entamons le dernier chapitre de l’Évangile selon Matthieu où se trouve le glorieux récit de la résurrection de Jésus. Ce texte, bref et sobre, donne peu d’explication théologique et spirituelle à propos de la résurrection et se contente de présenter les faits historiques. Au cours de notre exposition, nous insisterons à la fois sur l’historicité et la signification de la résurrection. Ce premier message s’arrêtera sur le premier jour, le premier-né et les premiers témoins. PLAN A. Le premier jour de la semaine – v.1 B. Le premier-né des morts – v.2-3 C. Les premiers témoins – v.4-7 QUESTIONS 1. En quoi le jour indiqué est-il significatif? 2. Que signifie l’expression « Premier-né des morts »? 3. Quelles furent les gloires particulières qui entourèrent la résurrection de Jésus? 4. Qu’est-ce que la réaction des gardes indique? 5. Quels sont les trois impératifs de l’ange aux femmes? 6. Que peut-on noter concernant la conclusion du message de l’ange?

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno
[Dom 9] Vangelo: 2 Re 5, 14-17; Sal 97; 2 Tm 2, 8-13; Lc 17, 11-19.

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno

Play Episode Listen Later Oct 8, 2022 1:02


Lungo il cammino verso Gerusalemme, Gesù attraversava la Samarìa e la Galilea. Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, che si fermarono a distanza e dissero ad alta voce: "Gesù, maestro, abbi pietà di noi!". Appena li vide, Gesù disse loro: "Andate a presentarvi ai sacerdoti". E mentre essi andavano, furono purificati. Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce, e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo. Era un Samaritano. Ma Gesù osservò: "Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all'infuori di questo straniero?". E gli disse: "Àlzati e va'; la tua fede ti ha salvato!".

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno
[Dom 9] Commento: La salvezza del Signore è per tutti i popoli.

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno

Play Episode Listen Later Oct 8, 2022 3:05


Non si è trovato chi tornasse a rendere gloria a Dio all'infuori di questo straniero. Gesù è diretto a Gerusalemme e attraversa la Samaria. Entrato nel territorio giudaico, da lui si presentano dieci lebbrosi. Essi si tengono a distanza, come prescriveva la legge di allora, data la virulenza del contagio di una malattia ancora oggi così terribile ma soprattutto per paura dei farisei che li segregavano nei campi chiusi. Nonostante queste limitazioni, i dieci lebbrosi riescono ad attirare attenzione di Gesù, con la loro invocazione di aiuto. Gesù li sana tutti e dieci, invitandoli a presentarsi ai sacerdoti. Questo invito di Gesù, all'immediata prossimità della sua Passione, ha due significati ben precisi. Da un lato è il riconoscimento del sacerdozio allora in vigore e dall'altro è il donare ai dieci malati una nuova vita civile-religiosa. I dieci uomini guariti sono soddisfatti di quanto operato da Gesù ma quasi tutti non sentono neanche la necessità di ritornare, per ringraziare lo stesso Gesù. Uno solo di loro, un samaritano - appartenente ad un territorio considerato pagano - torna a lodare Dio in Gesù. Nel ringraziare il Signore, il samaritano mostra una vera fede; una fede sincera. Gli altri nove, anche se giudei invece, non mostrano la stessa fede. L'atto di fede del samaritano è lodato dallo stesso Gesù; il samaritano torna, proprio per questo suo atto di fede, non solo sanato nel corpo - come gli altri nove, ma anche salvato nell'anima. L'episodio della liturgia di oggi è fonte di alcune riflessioni importanti per la nostra vita. Vi è un primo invito a liberare il nostro cuore da qualsiasi pregiudizio. Gli atti più belli e più puri possono venire da persone che noi giudichiamo inferiori. Già questo porterebbe un motivo sufficiente per alimentare la nostra preghiera personale. Possiamo, però chiederci - nelle nostre preghiere - cosa domandiamo a Gesù? Siamo interessati alla nostra conversione con la salvezza o pensiamo soltanto al nostro corpo? La sollecitudine di Gesù ad esaudire i dieci lebbrosi dimostra quanto sia importante la guarigione fisica, soprattutto se con questa si ridona una dignità civile. Quanto più importante, però è la salvezza dell'anima, quella che ci fa rinascere ad una vera vita nuova? Anche questo interrogativo ci interpella nel profondo del cuore nell'invito a riconoscere le vere priorità della nostra vita. Ancora però possiamo chiederci quante volte "torniamo" a ringraziare Gesù per i suoi doni? Quante volte riconosciamo il suo intervento nella nostra vita? O Piuttosto crediamo che tutto ci debba essere come dovuto di diritto...? Non esiste una preghiera più bella di quella del rendimento di grazie...

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno
[Sab 8] Commento: La beatitudine di Maria e nostra.

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno

Play Episode Listen Later Oct 7, 2022 2:13


La Vergine Madre, nel suo canto di lode e di ringraziamento al Signore, per la sua prodigiosa maternità, con accenti profetici, esclama: «Tutte le generazioni mi proclameranno beata». L'angelo che le reca l'annunzio dice di lei: «Benedetta tu fra tutte le donne». San Giovanni, nel libro dell'Apocalisse, la vede come la donna vestita di sole con, ai suoi piedi, dodici stelle. Elisabetta la definisce Madre del mio Signore. Oggi è una voce anonima di una donna, che sgorga dalla folla e grida: «Beato il grembo che ti ha portato e il seno che ti ha allattato!». Comincia già ad avverarsi la profezia della Madre di Cristo. Egli però ha da proclamare una più ampia e universale beatitudine: «Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano!». È una evidente conferma alle parole profetiche della Madre sua. Lei per prima ha ascoltato, accolto e messo in pratica la parola del Signore, che le è stata proclamata dall'Arcangelo Gabriele. Maria è quindi beata, non solo perché ha avuto il singolare e sublime privilegio di accogliere e generare il Verbo di Dio nella sua carne mortale, ma ancor più perché si è mostrata docile alla volontà divina e, come il suo dilettissimo Figlio, ha accettato il piano divino fino al Calvario, condividendo con lui la passione. Quanto Maria ha fatto, come umile e docile discepola, anche noi siamo chiamati a farlo con tutta la nostra vita. Su ciascuno di noi il buon Dio ha un piano di salvezza, che egli ci rivela nel tempo e nelle circostanze di ogni giorno. Possiamo essere beati se conformiamo la nostra volontà a quella del Signore. Dobbiamo perciò essere ascoltatori attenti della sua parola. Dobbiamo avere Cristo e la sua Madre come nostri modelli. Occorre riscoprire l'umiltà del cuore e la sincerità con noi stessi per diventare avidi della parola di Dio, bisognosi della sua verità e della sua grazia e infine capaci di operare il bene. Il Signore ce lo conceda.

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno

Emergono ai nostri giorni due tendenze sostanzialmente opposte in merito al demonio: alcuni lo vedono ovunque e ne moltiplicano le presenze e i malèfici influssi, altri lo misconoscono completamente, fino a negarne perfino l'esistenza. Il vangelo di oggi ci illumina. Gesù ne parla ripetutamente e la sua opera è anche quella di scacciare satana dai corpi e dagli spiriti degli uomini. Il suo annuncio è liberazione dal male, da ogni male; affiderà ai suoi la stessa missione. Egli stesso si è sottoposto alle tentazioni di satana, dopo i quaranta giorni di deserto e le ha superate con la forza della verità rivelata. Satana invece è il menzognero fin dal principio e il tentatore che si è accanito e si accanisce ancora contro l'uomo per distoglierlo dal bene e indurlo al male in tutte le sue manifestazioni. Si mostra astuto e maléfico, si insinua nell'intimo dell'uomo e lo tormenta nel corpo e nello spirito. Soccombe però dinanzi a Cristo, che in tono imperativo comanda di uscire dall'uomo e di lasciarlo libero. Talvolta ancora ai nostri giorni appaiono evidenti le sue trame, soprattutto quando riesce a penetrare, non in un solo uomo, ma in intere collettività, creando correnti di pensiero e relativi comportamenti, chiaramente contro Dio e in modo più subdolo anche contro gli uomini. Dove Dio è assente o ancor peggio, respinto e odiato, lì satana trova facile acceso e terreno per lui fertile. Lì cerca di instaurare il suo regno per dominare e soggiogare. La nostra invincibile corazza, che ci protegge dal male, è Cristo Gesù, è la sua vivificante presenza in noi, è la sua verità accolta e vissuta, è il suo corpo che si santifica e identifica con la sua stessa persona. Armiamoci di armi spirituali, e il primo è il santo Rosario che oggi ci viene ricordato, per non permettere che il suo regno di tenebre dilaghi sempre più. Il Rosario è l'arma potente della quale il nemico ha tanta paura... Santa Maria, prega per noi.

Piazzapulita
Il valore umano – Il racconto di Stefano Massini

Piazzapulita

Play Episode Listen Later Oct 6, 2022 5:42


Vi proponiamo l'ascolto del nuovo episodio del podcast "Raccontami una Storia" di Stefano Massini in cui è raccontata la storia di due uomini morti sul lavoro negli ultimi 6 giorni: uno è un operaio di 60 anni, l’altro un rider di 26, entrambi vittime della mostruosa normalità del morire sul lavoro. Ma altrettanto sconcertante è il metodo con cui verrà calcolato il loro cosiddetto valore umano: un sistema a punti, ogni punto vale 3365 euro…

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno
[Gio 6] Commento: La perseveranza nella preghiera.

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno

Play Episode Listen Later Oct 5, 2022 2:16


Se la preghiera è essenzialmente comunione di amore con Dio, non possiamo mai e poi mai desistere dal praticarla, resteremmo privi di ciò che è essenziale per il nostro esistere e vivere. Alcuni si interrogano come mai dobbiamo reiterare le nostre richieste al Signore, se lui tutto vede e tutto conosce. La risposta è ìnsita nella nostra natura umana, corrotta dal peccato: dobbiamo colmare con la preghiera la distanza che noi, colpevolmente, abbiamo stabilito dal nostro Padre celeste, lasciando la casa paterna per vagare nell'illusione della libertà, sperperando tutti i nostri beni più preziosi. Nel dialogo possiamo stabilire la comunione, nell'umiltà della preghiera, possiamo manifestare a Lui le nostre debolezze e implorare la su forza. Non possiamo dimenticare poi la nostra fragilità e il bisogno estremo di conoscere la volontà di Dio, il suo piano di salvezza per tutti noi. Noi, istintivamente aneliamo al bene, ma non siamo più capaci né di conoscerlo, né di amarlo, né di praticarlo. Bisogna allora chiedere, cercare, bussare affinché il nostro cuore si riapra a Dio e il suo al nostro. Così rinasce l'amore, così riscopriamo il vero bene, così, pregando senza stancarci mai, impariamo l'arte sublime della preghiera. L'approdo a cui la preghiera ci conduce è la certezza di essere amati e di essere capaci di amare come Dio vuole. Scopriamo di essere suoi figli, di essere fratelli, di dover seguire le sue vie, di essere finalmente capaci di comprendere i valori della vita presente e quelli della vita futura. Rientriamo in sintonia con il nostro Padre celeste, con i nostri simili, con noi stessi. Impariamo a vivere dei beni semplici ed umili della vita, senza lasciarci soffocare dagli affanni e dalle eccessive preoccupazioni. Impariamo ad elevarci varcando senza fatica la soglia del tempo. Diventiamo cittadini del cielo ed eredi dei beni di Dio. È la più grande conquista che possiamo realizzare con la nostra fugace esistenza.

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno
[Mer 5] Commento: Gesù maestro di preghiera.

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno

Play Episode Listen Later Oct 4, 2022 2:53


Esiste un vincolo inscindibile tra noi e il nostro Creatore e Signore. È stato lui stesso a stabilirlo sin dal momento della creazione, alitando il suo spirito in noi e facendoci simili a Lui. È vero che abbiamo deturpato quella primordiale immagine con l'arroganza del peccato, mai però si è completamento spento in noi l'innato desiderio di riunirci in qualche modo al nostro Dio e Padre. La preghiera è perciò un desiderio spontaneo in ogni essere umano, è la necessità urgente di dialogo con Colui che nel suo amore ci ha generati. Non è facile però immergersi nell'invisibile e nell'infinitamente grande; da quando ci siamo prostrati sulle cose della terra è diventata ardua la via del cielo. Gli stessi apostoli, testimoni oculari delle intense preghiere del loro maestro, sentono la necessita di chiedere: «Signore, insegnaci a pregare». È pronta la risposta di Gesù. Egli, perfetto nella natura divina e umana, sa come rivolgersi al Padre, come unirsi in intima comunione con Lui. E intona la sua splendida preghiera: «Padre, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno». La paternità è per Lui connaturale e intima, ma vuole, anticipando i frutti della redenzione, che anche noi ci rivolgiamo a Dio con gli stessi accenti. Ci invita a riscoprire le meraviglie del suo amore. Egli vuole che chiamandolo Padre, riscopriamo la nostra figliolanza, gustiamo come il figlio prodigo l'abbraccio amoroso che ci ridona in pienezza la primitiva dignità, sentiamo in noi la gioia di Dio per il nostro ritorno a lui. La preghiera di Gesù ci risuona come l'inno iniziale di una grande festa, come l'avvento del suo regno in noi. Sentiamo che è davvero salutare per noi che si compia, non la volontà degli uomini, vittima di mille inquinamenti, ma quella del nostro Padre che è alimentata solo dal suo infinito amore. È sulla scia di questa meravigliosa scoperta che con fiducia chiediamo poi quanto ci occorre, affinché ognuno possa vivere dignitosamente e possa progredire nella sua grazia e nella vera fraternità. Riscopriamo così la forza sanante del perdono e della riconciliazione, riscopriamo quell'aiuto soprannaturale di grazia che ci rende forti dinanzi alle tentazioni e liberi da ogni male. Riscopriamo infine un nuovo programma di vita da realizzare pregando: siamo suoi figli e opera delle sue mani, siamo tutti fratelli in Cristo, tutti da lui riconciliati con il Padre, tutti peccatori, ma capaci di riconciliazione e di perdono. Tutti affamati, ma tutti partecipi nella solidarietà e nella condivisione, dell'unica mensa del pane di Dio.

Prêche la Parole
#205 La résurrection attestée – L’ange et le tombeau vide – Mt 28.1-7

Prêche la Parole

Play Episode Listen Later Oct 3, 2022 55:32


Pascal Denault - Mt 28.1-7 DESCRIPTION : Nous entamons le dernier chapitre de l’Évangile selon Matthieu où se trouve le glorieux récit de la résurrection de Jésus. Ce texte, bref et sobre, donne peu d’explication théologique et spirituelle à propos de la résurrection et se contente de présenter les faits historiques. Au cours de notre exposition, nous insisterons à la fois sur l’historicité et la signification de la résurrection. Ce premier message s’arrêtera sur le premier jour, le premier-né et les premiers témoins. PLAN A. Le premier jour de la semaine – v.1 B. Le premier-né des morts – v.2-3 C. Les premiers témoins – v.4-7 QUESTIONS 1. En quoi le jour indiqué est-il significatif? 2. Que signifie l’expression « Premier-né des morts »? 3. Quelles furent les gloires particulières qui entourèrent la résurrection de Jésus? 4. Qu’est-ce que la réaction des gardes indique? 5. Quels sont les trois impératifs de l’ange aux femmes? 6. Que peut-on noter concernant la conclusion du message de l’ange?

Prêche la Parole
#204 Les adversaires au tombeau de Jésus – Le Roi mort gardé – Mt 27.62-66

Prêche la Parole

Play Episode Listen Later Oct 3, 2022 51:46


Pascal Denault - Mt 27.62-66 DESCRIPTION : Après que quelques disciples honorèrent la mort de Jésus, ses adversaires continuèrent à lui manifester leur haine invétérée. Cette opposition révèle à la fois la tragédie de la dépravation humaine et la sagesse de Dieu qui déjoue les plans des hommes en les faisant concourir à sa gloire. PLAN A. Le sabbat final B. Leur haine viscérale C. La permission prétoriale D. Le sceau et la garde sépulcrale

KINK FAST
De ‘Hit or Miss’ top 5 en kaarten winnen voor Thrice in 013

KINK FAST

Play Episode Listen Later Oct 3, 2022 61:14


Wat is de emo, poppunk scene zonder zijn klassiekers. Nu schrokken onze Lesley en Bart er behoorlijk van dat een aantal juweeltjes in hun 2,5-jarige KINK FAST carrière nog nooit voorbij waren gekomen. Daarom is het nu tijd voor de ‘Hit or Miss’ Top 5 waarin hits voorbijkomen die de mannen hebben gemist. Dit met o.a. Hawthorne Heights, Fall Out Boy en Taking Back Sunday. Daarnaast komt natuurlijk de nieuwe single van Paramore voorbij, maar ook muziek van Loveless, Alden Ave en Thrice. Van laatstgenoemde kun je trouwens deze week kaarten winnen. Wil je op 23 oktober naar Thrice, Coheed and Cambria en Touché Amoré in 013 Tilburg? Volg dan @lesleyklaverdijk, @baart87 of @kinkdistortion op Instagram en stuur ze een DM. Playlist: 01. New Found Glory – Hit Or Miss 02. Hawthorne Heights – Ohio Is For Lovers03. Jimmy Eat World – The Middle04. Loveless – Worst Case Scenario 05. Thrice – Open Your Eyes and Dream 06. Taking Back Sunday – MakeDamnSure 07. Panic! At The Disco – I Write Sins Not Tragedies 08. Alden Ave – One Last Night 09. Paramore – This Is Why 10. Fall Out Boy – Grand Theft Autumn / Where Is Your Boy 11. All Time Low – Coffee Shop Soundtrack

Évangile de Matthieu
#204 Les adversaires au tombeau de Jésus – Le Roi mort gardé – Mt 27.62-66

Évangile de Matthieu

Play Episode Listen Later Oct 3, 2022 51:46


Pascal Denault - Mt 27.62-66 DESCRIPTION : Après que quelques disciples honorèrent la mort de Jésus, ses adversaires continuèrent à lui manifester leur haine invétérée. Cette opposition révèle à la fois la tragédie de la dépravation humaine et la sagesse de Dieu qui déjoue les plans des hommes en les faisant concourir à sa gloire. PLAN A. Le sabbat final B. Leur haine viscérale C. La permission prétoriale D. Le sceau et la garde sépulcrale

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno
[Mar 4] Commento: Le "cose di Dio", rivelate ai piccoli.

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno

Play Episode Listen Later Oct 3, 2022 2:33


Per ricordare il grande Santo di oggi, San Francesco d'Assisi, la liturgia ci offre una fervente preghiera di Gesù. Egli, con accenti filiali, si rivolge al Padre e lo loda e benedice perché ha tenuto nascosto i misteri del Regno ai sapienti e agli intelligenti del mondo per manifestarli ai "piccoli". I piccoli, nel linguaggio evangelico, sono coloro che vengono proclamati beati perché poveri in spirito, puri di cuore e semplici come bambini. Leggiamo questo brano evidentemente riferito alla povertà di Francesco. Il vangelo ci vuole far comprendere, -tessendone il miglior elogio-, che non si vuole tanto porre l'accento sulla povertà materiale del poverello d'Assisi, ma piuttosto sulla sua piccolezza, sulla sua umiltà, sull'essersi spogliato di tutti i suoi beni: materiali e spirituali, per conquistare Cristo ed assimilarsi a Lui, umile e povero. Lo scopriamo così adorno della primitiva innocenza, in piena armonia con tutto il creato e soprattutto, in piena comunione di vita con Cristo e con i fratelli. La comprensione delle "cose" di Dio lo hanno letteralmente innamorato del Crocifisso, fino a poter sperimentare nell'anima e nel corpo i segni della passione. Con quei segni ha potuto adempiere la missione di restauratore della Chiesa di Dio. Con quella sapienza ha poi creato la schiera dei seguaci, incaricati di espandere nel mondo la sua bella spiritualità. Egli ci viene proposto ed additàto come nostro patrono: ciò deve significare per noi, Italiani non solo di diventare suoi ammiratori, ma anche e soprattutto suoi imitatori. San Francesco ci può essere di grande aiuto per riscoprire le cose semplici e pulite della vita. Possiamo con lui diventare ecologi dello spirito e della natura che ci circonda, per ritrovare equilibrio spirituale e armonia nel creato. La sua semplicità evangelica ci sollecita a guardare, con umile attenzione quel mondo, non ancora del tutto nascosto, fatto di cose chiare e di cordiale onestà. Oggi, più che mai, egli è in preghiera per la nostra Italia: forse la prima intenzione di preghiera riguarderà i nostri governanti e viene da supporre che chieda per loro saggezza, onesta e lealtà. San Francesco, prega per noi!

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno
[Lun 3] Vangelo: Gal 1, 6-12; Sal 110; Lc 10, 25-37.

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno

Play Episode Listen Later Oct 2, 2022 1:48


In quel tempo, un dottore della Legge si alzò per mettere alla prova Gesù e chiese: «Maestro, che cosa devo fare per ereditare la vita eterna?». Gesù gli disse: «Che cosa sta scritto nella Legge? Come leggi?». Costui rispose: «Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente, e il tuo prossimo come te stesso». Gli disse: «Hai risposto bene; fa’ questo e vivrai». Ma quello, volendo giustificarsi, disse a Gesù: «E chi è mio prossimo?». Gesù riprese: «Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gèrico e cadde nelle mani dei briganti, che gli portarono via tutto, lo percossero a sangue e se ne andarono, lasciandolo mezzo morto. Per caso, un sacerdote scendeva per quella medesima strada e, quando lo vide, passò oltre. Anche un levìta, giunto in quel luogo, vide e passò oltre. Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto, vide e ne ebbe compassione. Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi lo caricò sulla sua cavalcatura, lo portò in un albergo e si prese cura di lui. Il giorno seguente, tirò fuori due denari e li diede all’albergatore, dicendo: “Abbi cura di lui; ciò che spenderai in più, te lo pagherò al mio ritorno”. Chi di questi tre ti sembra sia stato prossimo di colui che è caduto nelle mani dei briganti?». Quello rispose: «Chi ha avuto compassione di lui». Gesù gli disse: «Va’ e anche tu fa’ così».

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno
[Lun 3] Commento: Chi è il mio prossimo?

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno

Play Episode Listen Later Oct 2, 2022 1:55


La parabola riportata nella liturgia odierna chiarisce il pensiero di Gesù sull'amore al prossimo. Lo scriba aveva chiesto chi fosse il suo prossimo. Gesù risponde capovolgendo la questione. Non è quanto gli altri sono prossimi a noi, cioè il cosiddetto prossimo, il vicino a vari titoli, ma quanto noi siamo prossimi, quanto noi ci facciamo prossimi, premurosi verso gli altri. In che modo lo siamo? Il racconto parabolico non presenta interesse se lo sfortunato incappato nei briganti sia o no il nostro prossimo. La domanda di Gesù allo scriba è significativa: “Chi di questi tre ti sembra che sia stato il prossimo, l'interessato di colui che è incappato nei ladroni?” E' il samaritano, il nemico giurato dei Giudei, che si è dimostrato prossimo all'infortunato. E' la risposta a cui giunge lo scriba. Infatti un samaritano, passandogli accanto, lo vide e ne ebbe compassione. In questa piccola ma rivoluzionaria frase è svelata, con grandissima evidenza, la qualità propria dello sguardo cristiano. E' la compassione di chi si prende cura di lui, lasciando per il momento i propri affari, il proprio viaggio. E' la compassione che tira fuori di tasca due denari e li da all'albergatore, dicendo: “Abbi cura di lui, il resto te lo rifonderò al mio ritorno”. Sappiamo bene che il buon Samaritano è Gesù, quando venne e ci vide, ebbe tanta compassione di noi da condurre avanti il grande disegno del Padre suo che era proprio quello di dare la vita per i fratelli. Ora anche lo scriba, che chiedeva ambiguamente: “chi è il mio prossimo?” sa chi è, e Gesù lo conferma: “va' e anche tu fa' lo stesso”. E' questa è anche la nostra missione...

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno
[Dom 2] Vangelo: Ab 1,2-3; 2, 2-4; Sal 94; 2 Tm 1,6-8.13-14; Lc 17, 5-10.

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno

Play Episode Listen Later Oct 1, 2022 0:59


In quel tempo, gli apostoli dissero al Signore: "Accresci in noi la fede!". Il Signore rispose: "Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: "Sràdicati e vai a piantarti nel mare", ed esso vi obbedirebbe. Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà, quando rientra dal campo: "Vieni subito e mettiti a tavola"? Non gli dirà piuttosto: "Prepara da mangiare, stríngiti le vesti ai fianchi e sérvimi, finché avrò mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai tu"? Avrà forse gratitudine verso quel servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti? Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: "Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare"".

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno
[Dom 2] Commento: Credere: è la più bella avventura.

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno

Play Episode Listen Later Oct 1, 2022 4:18


La Liturgia della Parola di questa domenica inizia con un grido di dolore verso Dio, da parte del profeta Abacuc, perché all'interno del popolo d'Israele dilagano violenze e contese, la legge è trasgredita, il diritto non rispettato. La prima risposta di Dio, non riportata dal testo di oggi, è l'annuncio che verranno i Caldei a punire gli empi (Ab 1,6). A tale risposta il profeta si àgita ancora di più, chiedendo conto a Dio del suo operato; sì, Giuda ha peccato ma perché Dio ha scelto un popolo malvagio, pagano, che governa, opprimendo e seminando morte, per esercitare la sua vendetta? In fondo Giuda rimane sempre un giusto che ama l'unico Dio. Abacuc attende con impazienza che il Signore dia una spiegazione a tutti i suoi "perché" e intervenga per porre fine all'oppressione caldea. Gli interrogativi del profeta sono anche i nostri, gli interrogativi di tutti coloro che odiano la violenza e l'ingiustizia. L'ansia di Abucuc si placa nella risposta di Dio: «Ecco soccombe colui che non ha l'animo retto, mentre il giusto vivrà per la sua fede (Ab 2,4). E' un invito alla pazienza, alla fiducia, a credere che il giusto non sarà dimenticato, ma sopravvivrà mentre l'empio soccomberà. Jahve si impegna a realizzare questa sua promessa, l'uomo da parte sua deve camminare umilmente con il suo Dio, obbedire alle sue leggi, essergli fedele nella certezza che Dio non può ingannarlo. Il giusto non è colui che non pecca mai, ma è colui che, dopo aver peccato, appoggiandosi alla misericordia di Dio, si rialza riprendendo il cammino, giustificato, perdonato, salvato. Nessuno può salvarsi da solo, nessuno può risolvere il problema del male, se non in Gesù Cristo che in sé ha distrutto tutto ciò che per noi è fardello pesante che ci schiaccia; questa è la giustizia di Dio, che ci rende giusti: la misericordia. Viviamo dunque di fede, gettando in Dio ogni nostro affanno e accogliamo l'invito del salmista a vivere la vita come una festa, anche quando siamo nel buio, perché Cristo ha già vinto la morte. Solo così, ben radicati in Cristo, possiamo accogliere l'esortazione dell'Apostolo Paolo a soffrire per il Vangelo; la fedeltà alla vocazione, al Vangelo, spesso porta con sé rinunce, sofferenze, insuccessi. Poiché però ogni carisma è un dono di Dio non bisogna viverlo ansiosamente come se tutto dipendesse da noi, né trascurarlo, come se tutto dipendesse da Dio ma alimentarlo come fuoco sempre vivo, credendo fermamente che lo Spirito Santo sarà capace di trasformare la nostra debolezza in forza, amore, saggezza a servizio del bene della comunità. A questo punto come agli apostoli, anche a noi viene spontaneo chiedere al Signore di aumentare la nostra fede, non certo per sradicare gli alberi e piantarli nel mare ma perché la sua Parola, seminata nei nostri cuori, nel cuore di ogni uomo, possa far nascere e crescere il frutto buono che è Gesù nostro Signore e perché altri possano gustarne la dolcezza. Nasce quindi, spontanea nel nostro cuore una sincera gratitudine perché attraverso la nostra inadeguatezza e inefficacia Gesù continua a camminare nella storia, portando a maturazione i semi di santità da Lui piantati, e preoccupandosi incessantemente di risvegliare in noi stessi la fede, di difenderla e di aumentarla. Sì, Lui sta in mezzo a noi come colui che serve e per noi non c'è avventura più bella che essere come lui: servi che non appartengono più a se stessi ma al proprio Signore che per noi ha donato la vita. Il Signore doni a tutti la gioia di dimenticarci, di non avanzar nessun diritto nei suoi confronti e di cercare solo la sua gloria e il suo Regno, secondo quanto afferma Sant'Agostino: «Noi, fratelli, se viviamo col continuo desiderio di appartenere a Lui e perseveriamo in esso fino alla fine, giungeremo alla visione e saremo ricolmi di gioia».

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno
[Gio 29] Vangelo: Dn 7,9-10.13-14; Sal 137; Gv 1, 47-51.

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno

Play Episode Listen Later Sep 28, 2022 0:52


In quel tempo, Gesù, visto Natanaèle che gli veniva incontro, disse di lui: «Ecco davvero un Israelita in cui non c'è falsità». Natanaèle gli domandò: «Come mi conosci?». Gli rispose Gesù: «Prima che Filippo ti chiamasse, io ti ho visto quando eri sotto l'albero di fichi». Gli replicò Natanaèle: «Rabbì, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d'Israele!». Gli rispose Gesù: «Perché ti ho detto che ti avevo visto sotto l'albero di fichi, tu credi? Vedrai cose più grandi di queste!». Poi gli disse: «In verità, in verità io vi dico: vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sopra il Figlio dell'uomo».

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno
[Gio 29] Commento: A te cantiamo , Signore, davanti ai tuoi angeli.

Liturgia della Settimana - Il Commento e il Vangelo del giorno

Play Episode Listen Later Sep 28, 2022 3:24


A te cantiamo, Signore, davanti ai tuoi angeli. E noi, in questa festa dei santi Arcangeli vogliamo fare proprio quel che fanno le schiere angeliche, le schiere celesti. Vogliamo dare gloria a Lui, gloria a Dio. Nella liturgia gli angeli vengono chiamati cooperatori, cooperatori del disegno di salvezza, sono al servizio di Dio e del Figlio dell'uomo, di Cristo. Non sappiamo molto degli angeli, anche se la Bibbia spesso ci presenta questi amici di Dio. Daniele nella prima lettura parla degli angeli in forma misteriosa. Nella profezia sul Figlio d'uomo Daniele dice: "Un fiume di fuoco scendeva dinanzi a Lui, mille migliaia lo servivano e dieci mila miriadi lo assistevano". Il profeta non nomina gli angeli, parla di fuoco, parla di miriadi, parla veramente con un linguaggio misterioso... Noi spesso rappresentiamo gli angeli come uomini, uomini dal viso dolce, soave... Nella Scrittura invece loro appaiono come esseri terribili, esseri che incutono timore, perché sono la manifestazione della Potenza di Dio, della Santità di Dio. Dobbiamo però notare una cosa importante, una cosa che spesso ci sfugge. Abbiamo parlato degli Angeli nella profezia di Daniele. Ma se la rileggiamo bene, ci accorgiamo che in quel brano, non sono gli Angeli gli esseri più importanti... Dopo la Epifania di Dio, la manifestazione di Dio vediamo "uno, simile ad un figlio d'uomo". Ed è proprio lui e non gli Angeli ad essere introdotto fino al trono di Dio. È a lui che il Vegliardo "da' il potere, la gloria e il regno", è "a lui che tutti i popoli serviranno". L cosa simile osserviamo anche nel brano evangelico di oggi... "Vedrete i cieli aperti e gli angeli di Dio salire a scendere sul Figlio d'uomo". Anche qui gli angeli sono al servizio del Figlio d'uomo, di Gesù Cristo. Vediamo allora come la liturgia purifica il nostro culto, il nostro servizio. La nostra lode, la nostra adorazione non è rivolta ai santi, nemmeno quando si tratta degli angeli o arcangeli. La nostra lode e il nostro culto va indirizzato solo a Dio e al Figlio di Dio. Gli angeli sono solo servitori suoi che Dio, nella sua immensa bontà, mette anche al nostro servizio. Che cos'è che ci insegna questa festa di oggi, che cos'è che impariamo oggi dai santi Arcangeli? San Michele ci insegna il "Chi se non Dio!"... Come far significare nella/colla nostra vita che solo Dio importa, che solo Lui è il Signore della nostra vita, a Lui solo vogliamo dar la nostra gloria. San Gabriele, il grande annunciatore della volontà di Dio, del progetto di Dio. Egli ci dice come riconoscere il progetto divino nella nostra vita, come accettarlo... San Raffaele, colui che guida, colui che accompagna, conduce il mondo, noi verso il Signore... Chiediamo al Signore perché ci faccia veramente comprendere la sua santità, maestà, potenza perché possiamo dargli gloria, reverenza in mezzo ai suoi Angeli.

Prêche la Parole
#203 L’ensevelissement de Jésus – Le Roi embaumé – Mt 27.55-61

Prêche la Parole

Play Episode Listen Later Sep 26, 2022 45:26


Pascal Denault - Mt 27.55-61 DESCRIPTION : Le chapitre 27 de Matthieu termine avec deux péricopes qui nous présentent les actions de ses disciples et de ses adversaires à sa mort : les premiers l’embaument et l’ensevelissent (v.55-61) tandis que les seconds gardent et scellent son tombeau (v.62-66). Ces actions servent à authentifier la mort du Christ afin d’attester le miracle de sa résurrection. Nous examinerons la première de ces deux péricopes en nous arrêtant sur les femmes mentionnées, Joseph d’Arimathée et le corps de Jésus enseveli. PLAN A. La présence des femmes B. L’action de Joseph C. Le sépulcre de Jésus QUESTIONS 1. Pourquoi est-il important d’affirmer l’historicité de la mort de Jésus? 2. Quel est le rôle des femmes dans le récit de la mort et de Jésus et de la mise au tombeau? 3. Que sait-on au sujet de Joseph d’Arimathée et comment peut-on s’identifier à lui? 4. Qu’est-ce que le tombeau de Jésus nous indique à propos du salut?

Prêche la Parole
Philippe Bonicel - Trois caractéristiques de l'adorateur - Ecclésiaste 4.17-5.6

Prêche la Parole

Play Episode Listen Later Sep 19, 2022 43:07


Philippe Bonicel - Ecclésiaste 4.17-5.6 DESCRIPTION : Dieu est saint, nous sommes pécheurs; Dieu est au ciel, nous sommes sur la terre... Ainsi lorsque nous nous approchons du Très-Haut, il est important de prendre conscience de qui il est et de ce que nous sommes. Nous ne devons pas approcher Dieu de n'importe quelle manière, mais l'approcher pour l'écouter, lui répondre et obéir. PLAN A. Écouter B. Parler C. Agir

Luisterrijk luisterboeken
Wat stilte wil

Luisterrijk luisterboeken

Play Episode Listen Later Sep 14, 2022 3:00


Zingen is Anna’s grote geluk. Zij heeft de stem, het talent en de ambitie, maar een carrière als zangeres is voor een meisje uit haar milieu eind negentiende eeuw ondenkbaar.Uitgegeven door De ArbeiderspersSpreker(s): Arthur Japin

DiMartedi
L'intervista di Giovanni Floris ad Aldo Cazzullo

DiMartedi

Play Episode Listen Later Sep 13, 2022 15:22


Vi proponiamo l'ascolto dell'intervista di Giovanni Floris ad Aldo Cazzullo in cui il giornalista racconta, in occasione della prima puntata di Una Giornata Particolare - La Marcia su Roma in onda mercoledì alle 21.15 su LA7, quella che è stata la figura di Mussolini e quelli che sono i falsi miti sul fascismo.

Prêche la Parole
#202 Le voile du Temple déchiré – Le Roi authentifié – Mt 27.51-54

Prêche la Parole

Play Episode Listen Later Sep 12, 2022 49:28


Pascal Denault - Mt 27.51-54 DESCRIPTION : Lors de la mort du Christ, plusieurs phénomènes surnaturels furent enregistrés. Ces manifestations, en plus d’épouvanter ceux qui en furent témoins, avaient une signification spirituelle particulière. Dans ce message, nous nous attarderons à leur signification. PLAN A. Les phénomènes surnaturels lors de la mort de Jésus - Le voile du Temple déchiré - La terre et les rochers - Les sépulcres ouverts et les saints ressuscités B. La réaction des soldats romains QUESTIONS 1. Pourquoi est-il significatif qu’il se produisît des événements surnaturels lors de la mort de Jésus? 2. Comment le voile déchiré était-il à la fois un signe de rédemption et de jugement? 3. Que signifient le tremblement de terre et les rochers fendus? 4. Que sait-on sur les résurrections qui accompagnèrent la mort et la résurrection de Christ? 5. Que devrait-on conclure vis-à-vis de la réaction des soldats romains?

Prêche la Parole
#201 La mort de Jésus – Le Roi abandonné – Mt 27.45-50

Prêche la Parole

Play Episode Listen Later Sep 5, 2022 45:33


Pascal Denault - Mt 27.45-50 DESCRIPTION : Ce récit nous décrit les derniers instants de Jésus avant de mourir. La mort du Christ est centrale à l’histoire de la rédemption; tout en étant symbolique, elle est radicalement historique. Nous nous attarderons sur chaque détail rapporté en réfléchissant au sens de sa mort. PLAN A. Les ténèbres B. L’abandon C. Le vinaigre D. La mort

Luisterrijk luisterboeken

Tank stond bekend als de worstelaar die nooit verloor. Hij liet zich echter ook niet omkopen en dat beëindigde zijn carrière...Uitgegeven door SAGA EgmontSpreker(s): Dirk van Vaerenbergh

Luisterrijk luisterboeken
Verloren meisjes

Luisterrijk luisterboeken

Play Episode Listen Later Aug 26, 2022 3:00


Kim Stone is een briljante rechercheur met een prachtige carrière, al zorgt haar eigengereide werkwijze geregeld voor problemen met haar superieuren.Uitgegeven door BoekerijSpreker(s): Christel Schimmel

Prêche la Parole
Jean-Christophe Jasmin - Capturés - Éphésiens 4.1-16

Prêche la Parole

Play Episode Listen Later Aug 22, 2022 66:08


Jean-Christophe Jasmin - Éphésiens 4.1-16 DESCRIPTION : Paul, prisonnier dans le Seigneur, exhorte les Éphésiens à marcher d'une manière digne de la vocation qu'ils ont reçue. Pour ce faire, il leur rappelle qu'ils sont, eux aussi, des captifs de Christ. Nous allons voir comment, et à quelle fin nous avons été capturés. Nous parlerons d'ecclésiologie, du service dans l'église, et de la victoire de Christ à la croix.

Prêche la Parole
#200 L’agonie de Jésus – Le Roi injurié – Mt 27.39-44

Prêche la Parole

Play Episode Listen Later Aug 14, 2022 60:51


Pascal Denault - Mt 27.39-44 DESCRIPTION : DESCRIPTION : Pendant que Jésus est suspendu entre ciel et terre et qu’il souffre la colère de Dieu pour le péché de son peuple, les hommes l’insultent et l’invectivent. Nous verrons comment ces blessures infligées par des langues de vipères révèlent la gloire de Celui qui ne faisait ni injures ni menaces, mais qui s’en remettait à celui qui juge justement. PLAN A. Les passants l’injuriaient B. Les chefs se moquaient C. Les brigands l’insultaient

Prêche la Parole
#199 La croix de Jésus – Le Roi crucifié – Mt 27.32-38

Prêche la Parole

Play Episode Listen Later Aug 8, 2022 38:10


Pascal Denault - Mt 27.32-38 DESCRIPTION : Dans cette scène de la crucifixion de notre Seigneur, nous contemplerons simplement un à un les éléments qui décrivent les souffrances de Jésus : le transport de la croix, le lieu du supplice, le vin mêlé, la crucifixion elle-même, les vêtements du crucifié, le motif de sa condamnation et ses compagnons dans la mort. PLAN A. La croix portée B. L’endroit nommé C. Le vin mêlé D. La crucifixion exécutée E. Les vêtements partagés F. Le motif publié G. Les brigands crucifiés QUESTIONS 1. Comment le rôle de Simon de Cyrène illustre-t-il le rôle du disciple? 2. Pourquoi l’endroit était-il appelé Golgota? 3. Comment faut-il interpréter le vin mêlé? 4. Que sait-on sur la crucifixion de Jésus? 5. En quoi la nudité de Jésus à la croix nous est-elle salutaire? 6. Comment la royauté de Jésus fut-elle publiée à sa mort? 7. Pourquoi est-il glorieux que Christ fût mis au nombre des malfaiteurs?

Prêche la Parole
#198 La couronne de Jésus – Le Roi humilié – Mt 27.27-31

Prêche la Parole

Play Episode Listen Later Aug 1, 2022 50:34


Pascal Denault - Mt 27.27-31 DESCRIPTION : Jésus est livré aux soldats romains qui se moquent de lui et le maltraitent. Il est important de noter qu’ils lui font ces choses en tant que Roi des juifs. Nous examinerons ce texte à la lumière de la royauté de Jésus : le Roi humilié et le Roi glorifié. PLAN A. Le cortège royal – v.27 B. L’habit royal – v.28-29 C. Le traitement royal – v.30-31 QUESTIONS 1. Comment cette scène d’humiliation est-elle reliée à la royauté de Jésus? 2. Que peut-on souligner concernant la cohorte romaine? 3. Que symbolisent les accessoires utilisés pour humilier Jésus? 4. Comment cet évangile contraste-t-il les juifs et les païens dans les honneurs et déshonneurs faits à Jésus? 5. Quel est le lien entre Jésus comme représentant de son peuple et ses souffrances? 6. Comment faut-il relier l’humiliation du Christ à sa gloire?

Prêche la Parole
#196 Jésus devant Ponce Pilate – La comparution du Roi des juifs – Mt 27.11-14

Prêche la Parole

Play Episode Listen Later Jul 18, 2022 52:23


Pascal Denault - Mt 27.11-14 DESCRIPTION : Dans cette scène, nous voyons celui à qui tout jugement a été remis (Ac 17.31) être jugé, le Roi promis aux juifs devant un tribunal païen. Nous examinerons tour à tour les principaux acteurs qui nous sont présentés : le gouverneur Ponce Pilate, les chefs religieux d’Israël, mais surtout le Roi Jésus et son éloquent silence. PLAN A. Le Roi des juifs devant le gouverneur païen B. Le Roi des juifs renié par les juifs C. Le Roi des juifs garde le silence QUESTIONS 1. Qui était Ponce Pilate et pourquoi son rôle est-il significatif dans l’histoire de la rédemption? 2. Pourquoi les chefs des juifs craignaient-ils l’influence de Jésus et qu’est-ce que leurs agissements révèlent à propos du cœur de l’homme? 3. Que signifie la réponse de Jésus à Pilate (Tu le dis)? 4. Pourquoi Jésus garda-t-il le silence s’il savait que les accusations étaient fausses?

Prêche la Parole
Adieu! (ou plutôt, "au revoir") - Actes 20.17-38

Prêche la Parole

Play Episode Listen Later Jul 11, 2022 52:33


Guillaume Bourin - Actes 20.17-38 Description : Les temps et les circonstances sont entre les mains de Dieu. Et il les ordonne de telle manière que des croyants qui persévèrent ensemble et qui s'aiment soient parfois dans l'obligation de se dire adieu. Dans notre texte cette semaine, c'est avec déchirement que Paul et les anciens d'Éphèse se séparent, sachant qu'ils ne se reverront plus. Tirons instruction de ce récit pour toutes les fois où nous aurons à nous dire "au revoir". Plan : 1. Vous n'êtes pas Éphèse 2. Je ne suis pas Paul 3. Mais ce texte a tout de même bien des choses à nous appendre Questions de compréhension : 1. Quel est le contexte de l'Évangélisation d'Éphèse ? 2. Quel était la situation de l'Église d'Ephèse ? Comment a-t-elle évoluée ? 3. Pourquoi Paul est-il si alarmiste ? 4. Pourquoi est-il si confiant ?