Podcasts about spesso

  • 636PODCASTS
  • 1,749EPISODES
  • 17mAVG DURATION
  • 1DAILY NEW EPISODE
  • Jan 10, 2023LATEST

POPULARITY

20152016201720182019202020212022

Categories



Best podcasts about spesso

Show all podcasts related to spesso

Latest podcast episodes about spesso

Comunicazione che passione!
Come identificare gli obiettivi online

Comunicazione che passione!

Play Episode Listen Later Jan 10, 2023 12:35


Spesso scambiamo i risultati fallimentari con le nostre aspettative disilluse. Ma i risultati si hanno quando vi sono obiettivi precisi. Stai mettendo obiettivi concreti nella tua strategia? Scopriamolo insieme

Salute Animale
Il mio animale è diventato molto più tranquillo, è normale?

Salute Animale

Play Episode Listen Later Jan 8, 2023 1:57


Il tuo cane o gatto è diventato molto più tranquillo? Anche se questa potrebbe essere considerata una manna dal cielo per molti proprietari di animali, si tratta in realtà di un segnale clinico da non prendere sottogamba.Spesso questo è un cambiamento legato all'invecchiamento, esattamente come capita per gli esseri umani. In altri casi può essere conseguenza della sterilizzazione che riducendo gli stimoli sessuali rende più tranquilli i nostri animali.In altre situazioni però può nascondere qualche insidia, anche perché questo è un cambiamento comportamentale che si manifesta lentamente e progressivamente nel tempo, ed è quindi molto difficile da notare.Se sei sicuro o sicura che il tuo cane sia effettivamente diventato meno attivo è sempre meglio fare un check up veterinario di controllo.

BRANDY | Storie di Brand Daily Show

Vi è mai capitato di entrare in uno store e di sentire un profumo particolare? Spesso qual profumo non è messo lì a caso. L'olfatto è il più antico dei nostri sensi ed è in grado di suscitare emozioni e ricordi profondi. Un particolare super potere che anche i brand hanno cominciato a sfruttare. Grazie ad Integra Fragrances per avermi fatto scoprire questo mondo e per aver supportato l'episodio. Iscriviti al canale Telegram per rimanere sempre aggiornato/a - https://t.me/storiedibrand Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Il Potere Del Cambiamento
il PAESE Giusto per ottenere il Successo

Il Potere Del Cambiamento

Play Episode Listen Later Dec 31, 2022 18:11


Spesso nasciamo e cresciamo in situazioni avverse alla nostra evoluzione e crescita. I limiti vengono dall'esterno, ma spesso poi incominciano a riproporsi e consolidarsi anche all'interno di noi. Le nostre famiglie, amici e collaboratori sono i primi fomentare la nostra paura e passiamo molto del nostro tempo a dire che non siamo nel posto giusto e che se solo fossimo altrove, con altre circostanze invece, ci potremmo riuscire. In questa puntata del podcast condivido con te alcuni aspetti essenziali per capire DOVE, COME e che il QUANDO è sempre e comunque ADESSO.

La mia vita spaziale
374 Fa passare tutte le immagini da qui

La mia vita spaziale

Play Episode Listen Later Dec 31, 2022 6:09


Spesso le immagini che scarichiamo o che produciamo non sono affatto ottimizzate. Perché non farlo in automatico usando ImageOptim?Oggi ti spiego come uso quest'app gratuita. Provala qui: https://imageoptim.com/mac ___

Caffe 2.0
2683 CIE, SPID e CNS: Ordine nei diritti e nelle funzioni, e nelle relazioni tra di essi, dei cittadini digitali

Caffe 2.0

Play Episode Listen Later Dec 30, 2022 9:43


Parliamo di CIE e SPID, ma gli aspetti funzionali ? Spesso dimenticati.Ecco cosa proponevo nel gruppo della FSFE Milano:Farei un elenco funzionale di cie, cns, spid e il resto:- documento d'identità- consente la delega ?- funzione di accesso a uno o piu' servizi online- funzione di condivisione dati personali (cf, nome, email)- funzioni di pagamento- funzioni di notifica sanzioni e/o comunicazioni- consente l'espatrio ?- altre funzionalità (?)Se si revoca uno, gli altri restano attivi ?Per ora si pensa che mettendo tutto su una unica tessera (che ad alcuni si rompe troppo facilmente) sia meglio, io distinguerei le funzioni.Durante la registrazione mi fanno notare l'opportunità di standardizzare anche i supporti (android, carta, smartphone, sms ...) per evitare il digital divide tra utenti alfabetizzati e non.

Monologato Podcast
I grandi sistemi all'Italiana: gli unici al mondo contro i giovani

Monologato Podcast

Play Episode Listen Later Dec 29, 2022 15:21


Spesso accadono cose nella mia vita professionale che mi ricordano che il paese in cui vivo si basa su una manica di pagliacci. Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

BASTA BUGIE - Omosessualità
Anche gli scout si adeguano a genitore 1 e genitore 2

BASTA BUGIE - Omosessualità

Play Episode Listen Later Dec 28, 2022 7:49


TESTO DELL'ARTICOLO ➜ www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=7250ANCHE GLI SCOUT SI ADEGUANO A GENITORE 1 E GENITORE 2 di Giuliano Guzzo«L'Associazione, come iniziativa educativa liberamente promossa da credenti, vive nella comunione ecclesiale la scelta cristiana» e i suoi soci adulti «sono donne e uomini che attuano il loro servizio nei modi propri dello scautismo, realizzando così, come membri della Chiesa, la loro vocazione cristiana». Questo recitano dei passaggi - precisamente presi dall'articolo 1 e dall'articolo 9 - dello Statuto Agesci, acronimo di Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani. Si è qui voluto citare tali passaggi proprio per rimarcare una cosa che dovrebbe essere già nota, e cioè che il legame tra gli scout Agesci e la Chiesa cattolica non è marginale o episodico, ma fondante: carta canta, come si suol dire.Per questo si faticano a comprendere novità come quelle che, a seguito dell'ingresso dell'associazione nell'ambito del Terzo Settore, vedono nella modulistica inviata ad Agesci e che la stessa rende disponibile sul suo portale - precisamente all'interno della scheda socio del censimento, dove compare una nuova voce indicata come "Potestà genitoriale" - la comparsa di tre voci, tra le quali, citiamo testualmente, «genitore 1 e genitore 2». Sembra uno scherzo, ma purtroppo non lo è: basta un veloce click al portale internet dell'associazione per verificarlo di persona. C'è da dire che in altri documenti, per esempio, quello del fac-simile della richiesta di partecipazione al percorso scout, l'associazione scoutistica evita di parlare esplicitamente di «genitore 1 e genitore 2», ripiegando su più neutre - e forse pavide - espressioni come «genitore», «uno dei due genitori», «potestà genitoriali» e così via.GENITORE 1 E GENITORE 2Resta però il fatto che sembrano essere provate delle indicazioni relative all'impiego, da parte dell'associazione in questione, di espressioni alternative a padre e madre. Non più tardi di alcuni giorni fa, in tal senso, Pro Vita & Famiglia aveva potuto visionare, relativamente al Gruppo Agesci di Castelfranco Veneto 3, una comunicazione agli associati - «Oggetto: rettifica sede assemblea di gruppo e richiesta dati anagrafici» - che proponeva una informativa che poteva essere sottoscritta online - tramite modulo doodle - si cita testualmente, dal genitore 1 o dal genitore 2. Dunque non ci sembrano essere dubbi su questa svolta, decisamente triste e preoccupante.Se infatti è risaputo che tale dicitura, genitore 1 e genitore 2 in luogo di padre e madre, costituisce una tendenza preoccupante e dilagante - non nata certo in Agesci, questo va detto - con la quale si vuole eclissare anche nominalmente la famiglia, appare però spiazzante che ad essa si accodino anche realtà che si dichiarano cattoliche. Tanto più che alcuni passaggi del magistero di Papa Francesco sono stati chiari, in questi anni di pontificato, come quelli della condanna dell'ideologia gender e delle sottolineature delle insidie contro la famiglia. Valgano, tra le tante che si potrebbero citare, le parole del Pontefice durante il discorso al Corpo Diplomatico, pronunciato nella Sala Clementina nel gennaio 2016. In quella occasione il Papa disse che oggi la famiglia è «minacciata dai crescenti tentativi da parte di alcuni per ridefinire la stessa istituzione del matrimonio mediante il relativismo, la cultura dell'effimero, una mancanza di apertura alla vita».Ora, che cosa è la scelta di impiegare l'espressione genitore 1 e genitore 2 al posto di padre e di madre se non un tentativo - certamente non il solo, per carità, ma uno di questi senz'altro - di «ridefinire la stessa istituzione del matrimonio»? Varrebbe la pena pensarci, a maggior ragione in seno a quelle associazioni, lo si ripete, che sono esplicitamente e ufficialmente di appartenenza cattolica, arrivando a richiamarla apertis verbis nei passaggi più significativi dei loro statuti. C'è tuttavia da aggiungere come in realtà come Agesci già da tempo si agitino correnti di pensiero non esattamente in linea con la citata «comunione ecclesiale».LA CARTA DEL CORAGGIO (CORAGGIO DI DIRE QUELLO CHE DICONO TUTTI?)Basti qui ricordare quanto accaduto nel 2014, quando - a seguito della route nazionale - l'associazione produsse la cosiddetta "Carta del coraggio", un documento che - tra le varie richieste alla Chiesa - proponeva anche, alla voce "Amore", una definizione palesemente relativista della famiglia («qualunque nucleo di rapporti basati sull'amore e sul rispetto») e facendo una sorta di lista della spesa, con la richiesta alla Chiesa di «rivalutare i temi dell'omosessualità, convivenza e divorzio, aiutandoci a prendere una posizione chiara».Da questo punto di vista si può ben capire come l'espressione «genitore 1 e genitore 2» sia addirittura quasi acqua fresca. Tuttavia, anche in questa novità terminologica si celano delle serie minacce. Spesso infatti non si considera come il linguaggio non sia solo uno strumento del comunicare, essendo anche - per molti versi soprattutto - un mezzo per pensare. Conseguentemente, nella misura in cui già oggi paternità e maternità sono già minacciati dalle nuove terminologie e opzioni in vitro conseguenti (con il padre non di rado ridotto a "donatore di sperma" e con la madre che vede il suo grembo sempre più spesso reso oggetto di commercio con l'utero in affitto), eclissare pure sotto il profilo lessicale, rimpiazzandoli, i termini «padre» e «madre» vuol dire piegare - in modo consapevole o meno, cambia poco - il proprio pensiero al pensiero dominante. Ce lo possiamo permettere? Essendoci di mezzo la principale cellula della società, la famiglia, e il suo destino, la risposta non può che essere negativa.

Keration Podcast
Musica: scegliere con cura

Keration Podcast

Play Episode Listen Later Dec 24, 2022 4:29


All'inizio di una nuova giornata, è normale accendere i dispositivi elettronici presenti in casa. Fra di essi probabilmente ce n'è anche uno che permette di ascoltare la musica. Quando ci si siede in macchina, è normale accendere l'autoradio. Anzi, spesso è impostato per accendersi in automatico quando si gira la chiave. E, subito dopo, parte la musica. È normale ascoltare la musica per rilassarsi. Ascoltare musica è normale. Sei d'accordo? Allora, questo episodio ti aiuterà a trarre beneficio dalla musica, a evitare le sue insidie e a scegliere saggiamente cosa ascoltare. I benefici Ascoltare musica si può paragonare al mangiare cibo. In entrambi i casi, il tipo giusto nella giusta quantità può fare bene. Per esempio: · La musica può migliorare il tuo umore. Se stai avendo una brutta giornata, puoi ascoltare la tua musica preferita e provare un sollievo quasi immediato. · La musica può portarti indietro nel tempo. Spesso, l'ascolto di determinate canzoni fa tornare alla mente qualche bel ricordo; quindi, ti rende felice. · La musica può creare un potente legame di unità. La musica ha un linguaggio universale. Anche quando stai in compagnia di qualcuno che parla una lingua diversa, la musica non cambia. Parlerà la sua stessa lingua. · La musica può aiutarti a coltivare qualità preziose. Imparare a suonare uno strumento musicale ti aiuta a sviluppare disciplina e pazienza. Non è qualcosa che puoi padroneggiare rapidamente. L'unico modo per migliorare è facendo pratica. Le insidie Alcune musiche, come il cibo contaminato, possono essere velenose. Perché? Molte canzoni contengono testi sessualmente espliciti. Sembra che tutte le canzoni più belle parlino solo di sesso. Non cercano nemmeno più di nasconderlo. Un po' di musica può immergerti nella tristezza. Alcuni brani musicali possono deprimerti e travolgerti. La musica triste può causare pensieri oscuri. Chiediti: ‘La musica che ascolto mi fa concentrare sui pensieri negativi?'. Un po' di musica può incitarti all'ira. La musica arrabbiata, disgustosa e odiosa è un sottile pericolo. Si è notato che, dopo l'ascolto di quel tipo di musica, alcuni si ritrovano con una marcata differenza d'umore. Chiediti: ‘La musica che ascolto mi rende aggressivo, forse anche insensibile ai sentimenti degli altri?'. Cos'altro dire? Sii selettivo. Non sarà sempre facile, ma ti sarà d'aiuto. Mentre ascolti la radio, passa una canzone con un ritmo coinvolgente, ma poi senti il testo e ti rendi conto che va contro i tuoi principi. Cosa potresti fare? Cambia stazione. Non sottovalutare l'effetto che la musica può avere su di te. CONCLUSIONI La musica può cambiare enormemente il nostro umore e, se non stiamo in guardia, la musica che scegliamo può avere effetti negativi di cui potremmo non accorgercene finché non siamo già agganciati. Anche una canzone che ascolti solo un paio di volte può restare nella tua testa per sempre. Quindi faresti bene rifiutare immediatamente una canzone se sembra essere cattiva. Altrimenti si imprimerà nella tua mente. --- Send in a voice message: https://anchor.fm/corgiov/message

Comunicare per essere
Il potere dell'autoconvincimento (se ci credi ti fermi, e se ti fermi ci credi)

Comunicare per essere

Play Episode Listen Later Dec 24, 2022 24:21


Le convinzioni personali hanno un potente effetto sulla tua vita. Non di tutte le convinzioni siamo pienamente consapevoli. Spesso, sono proprio quelle di cui non siamo pienamente consapevoli, e che agiscono in background, a bloccare la tua vita. Diventandone consapevole, puoi trasformarle. Il potere dell'autoconvincimento è anche il problema dell'autoconvincimento: la sua forza è il suo limite, per questo usarlo consapevolmente è l'unica soluzione per farne un alleato costante nella tua vita. Se credi che non puoi fare qualcosa, essere qualcosa, realizzare qualcosa, meritare qualcosa, ti fermi. E se ti fermi, non lo farai, non lo sarai, non lo realizzerai, non lo meriterai. Così, ci crederai. Ti sembrerà una verità, ma la verità non è fatta di convincimenti. È fatta di constatazioni, di realtà, di prove e risultati. Se ci credi – agli autoconvincimenti negativi su te stesso e le tue possibilità – ti fermi: allora impara a credere alle cose giuste. A quelle verità che sono nella vita di ognuno di noi, anche nella tua. In questo podcast ti spiego quali sono, e come puoi fare per usare l'autoconvincimento per progredire. “Dentro te stesso proprio ora c'è il potere di fare cose che non avresti mai ritenuto possibili. Questo potere diventa accessibile a te non appena cambi i tuoi convincimenti” (M. Maltz)- Puoi leggere la trascrizione dell'audio qui: https://annarosapacini.com/il-potere-dell-autoconvincimento- E da questa pagina puoi iscriverti gratuitamente al mio podcast Comunicare per essere®: https://annarosapacini.com/podcast/ una filosofia di vita pratica e concreta, che permette di mettere da subito in atto il cambiamento- CounselCoaching, Corsi, Comunicazione valoriale, Relazioni, Professione, Benessere. Con la Grafologia evolutiva®, soluzioni e percorsi sempre e solo su misura Per informazioni sul mio metodo, sugli strumenti e sui percorsi attivabili scrivi a info@annarosapacini.com- Rinforza la tua motivazione e la tua visione interiore: ogni giorno, per te, nuove prospettive che potrai applicare per trasformare la tua vita. Seguimi su Meta-Facebook e sul tuo social preferito, cerca “Annarosa Pacini”➡️ E non dimenticare di iscriverti al mio canale YouTube https://www.youtube.com/@AnnarosaPacini

Ricominciodame podcast
Episodio 237 - Gestire la paura con il pensiero magico

Ricominciodame podcast

Play Episode Listen Later Dec 23, 2022 61:32


La paura è un'emozione che ci accompagna spesso nella nostra vita. Ciascuno di noi trova le proprie strategie per poterla gestire nel migliore dei modi. Spesso però le strategie che utilizziamo sono infantili e peggiorano più che migliorare Una di queste strategie per gestire la paura è il pensiero magico.Attraverso il pensiero magico noi cerchiamo di andare oltre le nostre paure, ma lo facciamo in modo infantile. Difronte agli accadimenti della vita abbiamo la possibilità di comportarci seguendo due vie: quella adulta e quella bambina.Se scegliamo la via adulta, scegliamo fondamentalmente la via evoluta, la via dell'accettazione, scegliamo di vedere le cose per come sono. Scegliere la via del bambino vuol dire, invece, affidarsi al pensiero magico, ad una via fatta di pretese, illusioni e soluzioni facili.Il pensiero magico infatti è un pensiero infantile. Pensare, illudersi di eliminare la sofferenza dalla nostra vita la aumenta e la perpetua. Ognuno di noi utilizza il pensiero magico per esorcizzare le proprie paure, sperando in un intervento esterno, magico appunto, che risolva problemi, paure e sofferenza.Ma questo è impossibile. Opporsi alla sofferenza vuol dire in estrema sintesi opporsi alla vita stessa, alla possibilità di apprendere, di crescere ed evolvere attraverso le prove.

HORECA AUDIO NEWS - Le pillole quotidiane
4677 - Festività e cibo a domicilio Uber Eats presenta il decalogo dell'Accademia Italiana Galateo

HORECA AUDIO NEWS - Le pillole quotidiane

Play Episode Listen Later Dec 22, 2022 5:01


Il Natale si avvicina e i tempi cambiano, ma le buone maniere restano una pratica fondamentale per gestire in modo impeccabile le migliori occasioni d'incontro, a partire dalle cene e dai pranzi che gli italiani organizzeranno nelle proprie case in occasione delle festività in arrivo. Viene così presentato il decalogo delle buone maniere, realizzato da Uber Eats e dall'Accademia Italiana Galateo, per gestire gli ospiti e il cibo in occasione di pranzi e cene ordinate a domicilio.“Spesso non abbiamo tempo oppure non siamo bravi in cucina e per questo decidiamo di non invitare parenti e amici, - commenta Samuele Briatore, presidente dell'Accademia Italiana Galateo. - In passato il Natale per molte persone rappresentava un tour de force in cucina, dove l'ansia da prestazione, la competizione e spesso anche l'obbligo erano elementi che potevano limitare la gioia, la spensieratezza e la voglia di casa e famiglia che dovrebbero essere presenti nelle occasioni natalizie”.

Mamma Superhero
Ep. 177: Il migliore consiglio sulla maternità secondo le mie ascoltatrici

Mamma Superhero

Play Episode Listen Later Dec 22, 2022 13:23


Quanti consigli non richiesti hai ricevuto da quando sei mamma? Spesso facciamo di tutta un'erba un fascio, ed etichettiamo qualsiasi consiglio come consiglio non richiesto. In questo episodio ho chiesto a 5 fedeli ascoltatrici di raccontarmi qual è il migliore consiglio che hanno ricevuto sulla maternità. Ascoltare la voce di altre donne e mamma può essere di grande ispirazione, farci sentire meno sole e incoraggiarci a provare qualcosa di nuovo. Metti play e goditi questo episodio diverso dal solito. ***MSH Facebook: https://www.facebook.com/mammasuperhero MSH Instagram: https://www.instagram.com/mammasuperhero/

Opinionated Monday
72. La salute mentale dell'uomo

Opinionated Monday

Play Episode Listen Later Dec 19, 2022 37:09


TW per la puntata: menzioneremo il su1cidi0.  DISCLAIMER: non siamo dottoresse, né esperte di salute mentale. Vogliamo solo dare uno spunto per approfondire il tema, ma anche aprire gli occhi su questa questione.  Spesso si parla degli effetti negativi del patriarcato sulle donne, soffermandosi su come la società maschilista in cui viviamo abbia creato stereotipi e pregiudizi per loro dannosi. Ma il patriarcato ha effetti negativi anche per gli uomini e oggi vogliamo parlare di salute mentale.   --- Send in a voice message: https://anchor.fm/opinionated-monday/message

Scontrini
È legittimo il sovrapprezzo notturno in farmacia?

Scontrini

Play Episode Listen Later Dec 19, 2022 3:23


Oggi parliamo di acquisti in farmacia. Spesso, infatti, i consumatori si chiedono se sia lecita la richiesta di un sovrapprezzo durante l'orario di chiusura della farmacia.Ascolta gli altri podcast di Will

Jazz in Family
Strambe Visioni di Introspettive Equilibrate #256

Jazz in Family

Play Episode Listen Later Dec 16, 2022 58:58


Spesso ci piace giocare con i titoli degli album che vi presentiamo, creando frasi nuove e di senso compiuto. Se si tratta di dischi jazz italiani la cosa diventa più facile. Da queste prime righe proviamo a trasmettere immediatamente due messaggi, semmai poco espliciti. Prova a scoprirli ascoltando la puntata e leggendo il nostro articolo di presentazione, qui: https://www.jazzinfamily.com/la-puntata-del-15-dicembre-2022-256 --- Send in a voice message: https://anchor.fm/jazz-in-family/message

LOVE and LEADERSHIP
#13 Questa "mania" di avere un impatto

LOVE and LEADERSHIP

Play Episode Listen Later Dec 14, 2022 16:31


Quando faccio coaching mi succede spesso; le persone arrivano alla seconda o terza sessione e mi dicono che vogliono avere un “impatto” nel mondo e nelle altre persone e spesso il loro lavoro attuale, anzi dovremmo dire il Life Balance attuale, non glielo da.Quando ascolto un podcast della cosiddetta “crescita personale” idem, la frasetta “dare il proprio contributo nel cambiare il mondo” prima o poi viene fuori.E spesso ci viene detto che questo contributo lo possiamo dare facendo quello che ci piace, lavorando poco e trovando pienezza nella nostra vita… per poi scoprire che chi è arrivato lì, perché effettivamente c'è chi ce la fa, spesso ha avuto tanto coraggio, pazienza, motivazione e ha lavorato tanto.Se ci tiriamo su le maniche in questo modo in attesa di avere un impatto, potrebbe finire che ci facciamo del male, fisico, mentale e interiore.Insomma un mondo raccontato come ideale, ma che più che ideale è reale e spesso la realtà è diversa dai racconti e tanto più c'è successo tanto più questa consapoevolezza deve emergere.Nel coaching abbiamo la possibilità di esplorare cosa sia per voi il vero significato di “impatto”, ma in questa puntata cosa possiamo fare?La riflessione che vi invito a fare è proprio sul significato del termine. A me impatto fa venire in mente una meteorite, con i danni che può fare quando tocca terra.La riflessione è: “ma l'impatto è qualcosa che dobbiamo cercare nel risultato che abbiamo in quello che facciamo o è qualcosa che dobbiamo essere?”Sono molto sincero in questo, perché non è che io sia escluso da questo richiamo personale, mentale, sociale di essere un qualcuno che fa la differenza, ma altrettanto sinceramente mi chiedo, e chiedo a voi, se l'impatto non sia una nostra predisposizione interiore, mentale e anche fisica, nella quale ci sentiamo completi e bene indipendentemente dalla dimensione di quello che facciamo.Potremmo arrivare a diventare così virtuosi e umani, da riuscire ad avere questo impatto in noi stessi anche quando stiamo facendo qualcosa che non ci piace del tutto e questo riguarda sia la nostra vita privata che lavorativa, per questo ho parlato di Life Balance, che in questo caso, se lo portiamo in una dimensione più consapevole, diventa Life Purpose Balance.Perché la mia esplorazione personale di impatto mi porta a cercare di crearlo in me come stato perenne e più che una meteorite, mi piace pensare di provare ad essere il sole stesso, che sta li, illuminando e riscaldando e fa il suo lavoro, anche quando è nuvoloso, perchè le nuvole lo coprono, ma non lo spengono.Spesso non ci riesco, ma almeno ci provo.Questo tipo di impatto è molto pratico, non è una fantasia. Quando propongo che sia un modo di essere non è la classica frase “filosofica fatta”, perchè l'impatto che abbiamo sulla nostra neuro-fisiologia e quindi su come stiamo, pensiamo e agiamo, si costruisce minuto per minuto, in tutte le attività, compreso quello apparentemente più inutili come il lavare i piatti.Il sole è calore per se stesso e di conseguenza per gli altri! Allora se questa riflessione vi piace potete provare a portarla nella vostra realtà, ma questa è solo la prima parte, perché poi va capito come calarla nella strategia e operatività della vostra quotidianità.Questo è un lavoro che potete fare da soli o, se volete essere più veloci e più profondi con me, il vostro Life Purpose Coach.

Le interviste di Radio Number One
Alessia Romanazzi: «La malinconia nel periodo delle feste è comune»

Le interviste di Radio Number One

Play Episode Listen Later Dec 14, 2022 4:43


Puntuale come ogni mercoledì, nel Buena Onda del 14 dicembre con Laura Basile, è tornata la rubrica Io non mi stresso con Alessia Romanazzi. Oggi la psicologa ha spiegato il fenomeno comune della malinconia durante il periodo delle feste invernali. Questi sono momenti colmi di aspettative e capodanno è un'occasione più carica del Natale. Bisogna per forza divertirsi e fare qualcosa e chi è fuori dal giro solitamente soffre molto la frenesia altrui. «Ci si focalizza sulle cose che non si hanno e che si pensa di non poter avere, mentre le altre persone intorno a noi ne hanno accesso. Spesso c'è una discrepanza tra ciò che mi dicono dovrei sentire e quello che sento. Provare una forte nostalgia o una grande malinconia è inevitabile».

Caffe 2.0
2660 Trucchi: si possono usare le vpn sempre o meglio decidere quando usarle ?

Caffe 2.0

Play Episode Listen Later Dec 10, 2022 5:14


VPN sempre piu' sicure. Sempre ? Spesso. Talvolta no. Per esempio ?Facciamo ipotesi residuali: la regola e' che la vpn e' piu' sicura.Ma qualche volta...

LeadEretici
27 - Emozioni e leadership: istruzioni per l'uso

LeadEretici

Play Episode Listen Later Dec 7, 2022 10:27


Che cosa hanno in comune gli orsi con la danza, ed entrambi con le emozioni e la leadership?Spesso consideriamo le nostre emozioni come reazioni spontanee a fatti che ci accadono. E se non fosse così? Non del tutto, almeno.Grazie alla consapevolezza, le emozioni possono diventare un potente strumento di conoscenza per leggere - e cambiare - non tanto ciò che accade dentro quanto ciò che accade fuori di noi. Le emozioni parlano. Dicono di come interpretiamo quello che osserviamo. E delle relazioni che attiviamo. O che ci prepariamo ad attivare.Se usate come strumento di conoscenza, le emozioni possono aiutarci ad attivare ambienti (di lavoro ma non solo) capaci di generare relazioni sane e nutrienti per le persone che ne fanno parte. Ecco perché l'autoconsapevolezza emozionale è una competenza fondamentale per chi vuole esercitare una leadership generativa.Come si nutre questa consapevolezza? Ne parlo in questa puntata.[Alcuni effetti sonori sono stati scaricati dal sito zapsplat.com]

Strategia eCommerce
Il percorso per iniziare a vendere online

Strategia eCommerce

Play Episode Listen Later Dec 7, 2022 25:37


Chiariamoci le idee su cosa importa per (iniziare a) vendere online. Spesso i tanti strumenti oggi a disposizione posso farci perdere di vista l'obiettivo e i giusti passi da compiere per impostare le vendite online nel nostro ecommerce. In questo episodio discutiamo sulla mentalità imprenditoriale alla base delle vendite online.I nostri corsihttps://corsi.strategia-ecommerce.itAscolta il podcast su Spotifyhttps://open.spotify.com/show/7r3A1c5xN2ZU6DTsoXfwzTInfo e news ecommerce: https://strategia-ecommerce.it/La nostra newsletter con novità e sconti sui corsi: https://emiliolodigiani.activehosted.com/f/7https://emiliolodigiani.it

Learn Italian with LearnAmo - Impariamo l'italiano insieme!
16 Espressioni italiane con il Verbo DARE

Learn Italian with LearnAmo - Impariamo l'italiano insieme!

Play Episode Listen Later Dec 6, 2022 14:36


Il verbo dare è molto particolare, dato che possiede molti significati, tra cui porgere, passare, offrire, donare ecc... Ma sapevate che è anche molto utilizzato in espressioni e modi di dire italiani? In questo articolo scopriremo insieme alcuni dei più comuni, con tanto di esempi! Quindi, se siete curiosi di conoscerli... proseguite la lettura! 16 espressioni idiomatiche in italiano con "DARE" 1. Dare fastidio Provocare noia, irritazione, disturbare una persona. Luca mi dà sempre fastidio ascoltando musica ad alto volume quando cerco di studiare 2. Dare ai/sui nervi Questa espressione si può considerare un sinonimo di quella precedente: infastidire, irritare qualcuno a tal punto da farlo esasperare. È così arrogante! Il suo comportamento mi dà proprio sui nervi! 3. Dare retta O (meno frequente) “dare ascolto”: ascoltare e seguire i consigli o gli ordini di qualcuno. Dammi retta, comincia a frequentare quel corso di yoga e vedrai che sarai meno stressato! 4. Dare una mano Aiutare qualcuno a svolgere una determinata attività. Luigi ci ha dato una mano con il trasloco. È importante non confondere questa espressione con “darsi la mano” che invece indica stringersi la mano con qualcuno, per esempio quando ci si presenta a qualcuno che si vede per la prima volta. 5. Dare voce Far sentire le proprie parole o idee, anche quando le altre persone o le circostanze lo rendono complicato. Ho finalmente dato voce ai miei pensieri nei suoi confronti: adesso non siamo più amici ma mi sono tolta un bel peso! 6. Darsi da fare Impegnarsi molto in modo produttivo nello svolgimento di un'azione o nella realizzazione di un compito. Gli architetti si sono dati molto da fare per completare in tempo il progetto della nostra casa. 7. Dare i numeri Perdere momentaneamente la ragione. Ma anche: essere nervosi o arrabbiati per un fatto accaduto o qualcosa che ci è stato detto. Con questo significato: “dare di matto”. Quando il capo ha visto l'errore che avevamo commesso, ha dato i numeri e stava per licenziarci. 8. Non dare tregua Continuare a far soffrire o a disturbare, infastidire qualcuno. Quest'anno la pioggia proprio non ci dà tregua: non vediamo il sole da settimane! Viceversa, “dare tregua” significa smettere di infastidire qualcuno. Mi ha dato tregua quando finalmente gli ho detto che non ne potevo più delle sue lamentele. 9. Dare spazio Aiutare, incentivare, supportare nella realizzazione di un'idea o un progetto, dare la possibilità di crescita. Nel mondo del lavoro, è importante dare spazio ai giovani e alle loro idee. 10. Darci dentro Impegnarsi molto a fare qualcosa. Simone ci sta dando dentro con il nuoto in questi giorni per vincere la gara la prossima settimana. 11. Dare corda Dimostrarsi disponibili ad ascoltare qualcuno o incoraggiare qualcuno a fare qualcosa. Spesso esprime una sfumatura negativa, per sottolineare che quello che si sta ascoltando o incoraggiando è insensato, stupido. Se continui a dargli corda, non la smetterà più di parlare! 12. Dare atto Comunicare ufficialmente, riconoscere apertamente un'idea, un'azione o un comportamento. Devo dare atto che sento sempre delle proposte innovative da parte di Lucia. 13. Dare credito Concedere fiducia, credere a qualcuno. Ho dato credito alle sue parole e ciò che abbiamo ottenuto è stato un fallimento totale! 14. Dare filo da torcere Rendere la vita difficile a qualcuno, causare molte difficoltà. Imparare l'italiano può dare filo da torcere, ma ne vale la pena! 15. Dare per scontato (qualcosa/qualcuno) Considerarlo come assolutamente certo e sicuro, anche se non si è ancora verificato (per azioni). Non dare mai per scontata l'opinione altrui in una riunione! Abbiamo dato per scontati i nostri dipendenti e invece ci hanno traditi e sono andati a lavorare per la concorrenza....

Pillole di Bit
#254 – Il Social non è casa tua

Pillole di Bit

Play Episode Listen Later Dec 5, 2022 14:37


Spesso si crede che tutto quello che mettiamo sulle piattaforme social sia sempre disponibile, per sempre. Ma non è affatto così, può succedere che per molti motivi perdiamo tutto, di punto in bianco. Siamo pronti a sostenere questa perdita, soprattutto se l'essere sui social network è fonte di reddito? Con tanto contante (il mio articolo sui costi di POS e non POS) Pillole di Bit (https://www.pilloledib.it) è un podcast indipendente realizzato da Francesco Tucci, se vuoi metterti con contatto con me puoi scegliere tra diverse piattaforme: - Telegram (o anche solo il canale dedicato solo ai commenti delle puntate) - Twitter (ma lo userò sempre di meno) - Il mio blog personale ilTucci.com - Il mio canale telegram personale Le Cose - Mastodon - la mail (se mi vuoi scrivere in modo diretto e vuoi avere più spazio per il tuo messaggio, puoi anche scrivere crittografato usando la mia chiave pubblica PGP) Rispondo sempre Se questo podcast ti piace, puoi contribuire alla sue realizzazione! Come? - Con una donazione singola con Satispay - Con una donazione singola con Stripe (anche con Apple Pay o Google Pay) - Con una donazione ricorrente con Stripe (anche con Apple Pay o Google Pay) - Con una donazione singola o ricorrente con Paypal - Con un acquisto sponsorizzato su Amazon (accedi a questo link e metti le cose che vuoi nel carrello) - Attivando uno sei servizi di Ehiweb con il mio link sponsorizzato Se hai donato più di 5€ ricordati di compilare il form per ricevere i gadget! Il sito è gentilmente hostato da ThirdEye (scrivete a domini AT thirdeye.it), un ottimo servizio che vi consiglio caldamente e il podcast è montato con gioia con PODucer, un software per Mac di Alex Raccuglia

.NET in pillole
Quando il serverless può dare quel qualcosa in più

.NET in pillole

Play Episode Listen Later Dec 5, 2022 13:39


Alcune divagazioni sui servizi serverless dopo l'evento di XE ( https://www.xedotnet.org/eventi/from-0-to-aws/ ).Spesso si sente parlare di applicazioni "classiche" o "serverless", ma non di una cosa ibrida dove la parte serverless va a supporto di quella "tradizionale"Per i pattern serverless su aws: https://serverlessland.com/https://learn.microsoft.com/en-us/azure/azure-functions/durable/durable-functions-overviewhttps://aws.amazon.com/step-functions/

The Manufacturing Efficiency Podcast
#16 Rendere semplice la Profilatura e l'utilizzo degli impianti

The Manufacturing Efficiency Podcast

Play Episode Listen Later Dec 5, 2022 9:32


Mio padre prima di fondare la Dallan lavorava in un'azienda che produceva infissi metallici, la Secco.La Secco era un'azienda leader nella profilatura di telai per porte e finestre.Qui, mio padre mi racconta sempre che la profilatura era un mestiere ancora per artisti, dove i “maghi” della profilatura sapevano quali rulli e passaggi toccare per far uscire bene i profili. Spesso si usavano pezzi di legno e accrocchi temporanei per ottenere il profilo corretto.Un processo tutt'altro che industriale, nonostante le dimensioni e dell'azienda!Studiava all'università mentre lavorava e aveva quasi finito la sua tesi di laurea su un idrogetto, quando decise di cambiare completamente progetto. Scrisse una tesi sulla profilatura dei profili leggeri – una pietra miliare della storia della nostra azienda.I materiali sottili erano già nel focus di mio padre già nel 1973.

Si può fare
Il timpano del mondo

Si può fare

Play Episode Listen Later Dec 4, 2022


Spesso sottovalutiamo l'impatto dei rumori sulla nostra vita. Arpa Marche, di cui Enrico Lanciotti è collaboratore tecnico, si occupa anche di questo aspetto. Con il rappresentante dell'azienda marchigiana parliamo della normativa di riferimento a livello regionale, delle ricadute e delle opportunità future. Amplifon ha lanciato un'app noise tracker Listen responsibly come strumento di monitoraggio delle oasi acustiche nelle nostre città, in modo da evitare quelle più rumorose. Dopo aver spiegato il funzionamento di questo strumento, Roberta Anzivino, medico otorinolaringoiatra, dà qualche consiglio utile per tutelare l'udito già a partire dalla giovane età. In chiusura, un progetto di monitoraggio acustico per preservare la biodiversità in collaborazione tra WWF e Huawei di Italia, che Fabio Romano rappresenta in qualità di responsabile dello Sviluppo di Ecosistema Industriale.

Italiano con letteratura
Pensiero del giorno: Spesso i libri parlano di altri libri, Umberto Eco

Italiano con letteratura

Play Episode Listen Later Dec 4, 2022 0:20


Per il testo, iscriviti a https://italianoconletteratura.substack.com

Spazio Lunare
SPAZIO LUNARE EP. 174 - INDOSSARE UNA MASCHERA NE VALE DAVVERO LA PENA?

Spazio Lunare

Play Episode Listen Later Dec 2, 2022 12:58


Spesso indossiamo maschere, ci adeguiamo alle circostanze per paura di farci vedere per ciò che siamo davvero.A partire dalle circostanze in cui il nostro comportamento deve modificarsi a seconda della persona che abbiamo di fronte, andiamo a parlare poi delle maschere che decidiamo autonomamente di indossare quando invece nessuno ce lo richiede.Perché una persona decide di indossare una maschera? Vale davvero la pena indossarla?Sui social ci sono davvero tante maschere, ma perché?La verità è che dipende dalla persona, dal suo vissuto, da quello che prova ora.Non arrabbiatevi con chi indossa una maschera, ma se siete voi ad indossarla nei confronti di qualcuno, chiedetevi perché lo state facendo. Portare il macigno di una maschera è davvero tosto, in questo podcast parliamo di quanto sia importante liberarsene per vivere meglio.

Ricominciodame podcast
Episodio 235 - La fatica e l'opportunità del cambiamento

Ricominciodame podcast

Play Episode Listen Later Dec 2, 2022 67:57


Che relazione hai con il cambiamento?Di per sé, cambiamento non significa nulla. Siamo noi a dare un significato al cambiamento e in base a questi significati lo vivremo in un modo piuttosto che in un altro. Chi lo legge come un dramma, lo vivrà come un pericolo; chi lo vive come dono, coglie l'opportunità che c'è dietro al cambiamento.Il cambiamento è anche fatica e sta a noi attingere alle nostre risorse per affrontarlo al meglio. Come accogliamo il cambiamento? Lo viviamo come dono, come opportunità o è solo una fatica?Nella logica del dono accogliere il cambiamento ci consente di vivere il cambiamento come una nuova esperienza, nuova opportunità. La cosa più importante è cogliere la complessità del cambiamento: se cadiamo nel pensiero dicotomico “o bene o male” non viviamo l'esperienza del cambiamento. Accogliendo le emozioni, ascoltando la classificazione della mente piacevole/spiacevole, possiamo vivere appieno le nostre emozioni e la nostra vita. Quando un cambiamento viene vissuto con attaccamento a quello che già abbiamo e avversione per ciò che cambia, allora lo viviamo male. Quando ci ascoltiamo e torniamo ad ascoltare il nostro mondo interno, mettiamo a tacere l'ego e riusciamo a comprendere i nostri attaccamenti e ciò che invece ostacoliamo. Ci diamo il permesso di vivere al meglio i cambiamenti.Spesso però il cambiamento ci spaventa. Perché abbiamo paura? Abbiamo paura perché siamo attaccati a ciò che abbiamo e non riusciamo ad affidarci; ci aggrappiamo a quelle che ci illudiamo che siano certezze, vogliamo cristallizzare la vita per stare più tranquilli. Ma la vita cambia di continuo e noi spesso non siamo disponibili ad accettarlo. Relazionarsi al cambiamento vuol dire anche avere una visione del futuro, facendo i conti con le aspettative, le pretese che si creano e anche con la capacità di sognare e immaginare realizzati i nostri sogni.

Cronache Digitali - Cybersecurity
Cyber Security: l'uomo invisibile di TikTok. Come rubare i dati su un PC.

Cronache Digitali - Cybersecurity

Play Episode Listen Later Dec 2, 2022 5:39


Spesso, attratti da promesse incredibili, cadiamo in una trappola.

W LA DISLESSIA - IL PODCAST
Scopri la dislessia Ep. 126 - Perché non devi forzare tuo figlio nella lettura

W LA DISLESSIA - IL PODCAST

Play Episode Listen Later Dec 2, 2022 5:31


Sentiamo spesso genitori che ci chiedono che tipi di esercizi far fare ai loro figli sulla lettura.Spesso ci chiedono se ha senso forzarli nella lettura, se loro non ne hanno voglia, e qual è la risposta giusta?Di sicuro FORZARE e LETTURA non possono stare nella stessa frase. Non ha senso far imparare tuo figlio a leggere versando lacrime e sangue.La lettura è un processo che non ha a che fare solo con la decodifica delle parole e la correttezza lessicale.La lettura mette in gioco una serie di emozioni importanti ed è fondamentale mettere la massima cautela nell'approcciarsi a questo strumento fondamentale per la crescita di ogni persona.Se forzi, se fai vivere emozioni brutte legate ai libri o al leggere, rischi di creare un blocco e, quando questo blocco viene creato, ormai si crea un ostacolo difficilmente superabile.Mantieni il collegamento di tuo figlio con la lettura, magari leggendo tu con lui (o lei) e fagli vivere emozioni positive a riguardo.Poi arriva la parte tecnica, ma solo in un secondo momento.E' questione di approccio.

Keration Podcast
Rapsodia

Keration Podcast

Play Episode Listen Later Dec 1, 2022 0:34


Una rapsodia è un brano musicale caratterizzato da varie sezioni eseguibili liberamente. Spesso le rapsodie esaltano eventi o personaggi eroici. --- Send in a voice message: https://anchor.fm/corgiov/message

Richard Romagnoli Podcast
196 - Che cos'è l'amore di sé?

Richard Romagnoli Podcast

Play Episode Listen Later Dec 1, 2022 10:46


Quando ho cominciato ad amarmi davvero, mi sono liberato di tutto ciò che non mi faceva del bene: cibi, persone, cose, situazioni e da tutto ciò che mi tirava verso il basso allontanandomi da me stesso. All'inizio lo chiamavo “sano egoismo”, ma oggi so che questo è amore di sé.Queste sono parole del grande Charlie Chaplin e oggi nella puntata del podcast voglio accompagnarvi a comprendere meglio che cosa sia l'amore di sé e perché sia così importante dedicare più tempo e più cura a noi stessi. Spesso ci tacciamo di egoismo quando in realtà amare se stessi conduce nella propria spiritualità.

Le interviste di Radio Number One
Ischia, il geologo Fiore: «Se non si può intervenire bisogna delocalizzare»

Le interviste di Radio Number One

Play Episode Listen Later Nov 29, 2022 8:25


Ai microfoni dei Degiornalist con Fabiana Paolini e Claudio Chiari, oggi 29 novembre, è stato ospite Antonello Fiore, presidente nazionale della Società Italiana di Geologia Ambientale. Durante l'intervista si è parlato della tragedia della frana di Ischia, con Fiore che ha spiegato di come in Italia, «ci sia un ottimo intervento post emergenza da parte della Protezione Civile e di monitoraggio, ma nella fase di prevenzione non si riesce a essere efficaci. Spesso vengono fatti interventi di manutenzione in ritardo o non idonei al risolvimento del problema».

Celebration Italia con John Tufaro
Non mollare | Pastore Giacomo Bleve | Celebration Italia

Celebration Italia con John Tufaro

Play Episode Listen Later Nov 28, 2022 44:13


Ci sono stagioni nella nostra vita in cui la cosa più facile da fare è smettere! Gettare la spugna. Qualunque cosa sia. I vincitori non mollano mai, ma quelli che mollano non vincono mai! La Bibbia ci insegna a non perdere mai la speranza. Ci insegna che Dio è fedele e mantiene le sue promesse. Che cosa sei disposto a lasciare pur di vedere la potenza di Dio manifestarsi nella tua vita? La donna cananea non si arrese NELLA DIFFICOLTÀ Durante tali stagioni siamo chiamati a perseverare e a non mollare! NEL SILENZIO La fede viene provata nel silenzio. Gesù può essere rimasto in silenzio, ma non era assente! Il silenzio di Gesù può essere incredibilmente assordante, ma la sua presenza può essere straordinariamente tangibile NELLA SUA ADORAZIONE Sapete cosa spinse Gesù a fermarsi sui suoi passi? LA ADORAZIONE RADICALE d quella donna!! Spesso ci concentriamo sulla nostra agenda, sui nostri sentimenti e priorità attuali. Gesù ci incoraggia a fidarci di Lui, anche se le probabilità di successo sono contro di noi. Non mollare! Il cammino può essere difficile, doloroso, e scoraggiante, ma sei più vicino alla tua svolta di quello che pensi.

Hike Up Conversations
070 - Servizi post vendita per le PMI con Nicoletta Nutrito

Hike Up Conversations

Play Episode Listen Later Nov 28, 2022 23:10


Pensi ai tuoi servizi post vendita come a un costo?Vorresti renderli più efficaci e digitalizzati ma non sai che parte cominciare?Inizia l'ascolto.Ho parlato infatti di servizi post vendita per le PMI con Nicoletta Nutrito, Partner di Novastone Capital Advisor, società che investe in PMI ad alto potenziale di crescita a livello globale.Nicoletta ha una lunga esperienza in ambito operations, customer service e servizi post vendita, lavorando all'interno di realtà globali e modernamente strutturate sia in Italia che all'estero.Ecco cosa aspettarti da questa puntata:- Cosa sono e come si possono classificare i servizi post vendita- Come digitalizzare efficacemente i processi - Servitizzazione: è davvero un'opportunità?- Organizzazione e processi post vendita- Come ingaggiare il team post venditaUn valore immenso, nascosto sotto al tappetoIntuitivamente capisci che i servizi post vendita sono importanti.Rappresentano la faccia dell'azienda nei momenti difficili, quando c'è un problema o una necessità da soddisfare.E per questo rappresentano una formidabile opportunità per rafforzare la relazione con il cliente… o rovinarla per sempre…Le aziende che gestiscono al meglio i propri servizi post vendita non sono perfette, ma rispondono tempestivamente e con competenza alle richieste del mercato.Spesso dalle interazioni post vendita emergono per loro opportunità di sviluppo, idee per nuovi prodotti o servizi.Da centro di costo a generatore di opportunitàPer trarre massimo valore dai servizi post vendita però non è sufficiente giocare in difesa.Non basta fare il minimo indispensabile… occorre essere proattivi e sforzarsi di migliorare costantemente.In questo episodio ascolterai la testimonianza di chi ha guidato in prima persona progetti di miglioramento dei processi, di servitizzazione e di digitalizzazione.Dopo l'ascolto, crea più valoreConosci qualcuno a cui può interessare questa puntata, oppure pensi che possa essere utile alla tua rete di contatti?Se pensi che ti abbia dato valore, condividila: in questo modo aiuterai loro e contribuirai alla crescita di questo progetto. (se scegli la via dei social non dimenticarti di taggarmi, così potrò ringraziarti di persona!)Contatta lo speakerHike Up Conversations è anche un modo per fare rete. Se vuoi metterti in contatto con Nicoletta Nutrito, il nostro speaker di oggi, lo trovi qui:Profilo LinkedIn: ttps://www.linkedin.com/in/nicoletta-nutrito-gm-bu-services/email: nicoletta.nutrito@novastone-ca.comSito web: https://www.novastone-ca.com/Non perderti i prossimi episodiPer non perdere i prossimi episodi e per ricevere le risorse e gli spunti che condivido con il mio network, iscriviti ad Hike Up Insights, la newsletter di Hike Up Consulting al seguente link: https://www.hikeupconsulting.com/form-iscrizione-directOppure seguimi su LinkedIn: https://www.linkedin.com/in/raffaelecontino/

Learn Italian with LearnAmo - Impariamo l'italiano insieme!
IL LESSICO della CASA: benvenuti a casa… IN ITALIA!

Learn Italian with LearnAmo - Impariamo l'italiano insieme!

Play Episode Listen Later Nov 18, 2022 21:19


Prima o poi, a tutti voi capiterà di dover parlare di case in italiano, sia che vogliate comprarne una in Italia, sia che un vostro amico italiano venga a farvi visita a casa vostra, sia che siate in affitto in Italia e abbiate un problema da spiegare a qualcuno… E così via. Non sempre, però, si conoscono tutte le parole e le espressioni necessarie per descrivere le componenti di una casa in italiano, dalle stanze ai mobili alle rifiniture. Perciò, è quello che faremo in questo video! Preparate carta e penna! Ne avrete bisogno… Il lessico italiano della casa Occorre una piccola premessa prima di iniziare, ovvero chiarire una volta per tutte un dubbio che tanti stranieri hanno. Quando in italiano si parla di casa, non si indica una tipologia specifica, ma si indica abitazione in senso generale, ossia il luogo in cui un nucleo famigliare vive.  Quante tipologie di case ci sono in Italia? Prima di scoprire le caratteristiche interne di una casa, ti propongo questo elenco delle principali tipologie di case italiane: vi sarà utile per conoscere i loro nomi in italiano e le loro particolarità. Appartamento: Abitazione che si trova all'interno di un edificio che ne ospita più di uno. Questo edificio più grande che comprende tutti gli appartamenti si chiama “condominio”.  Baita: Abitazione tipica di montagna. Casa a schiera: Parte di un complesso in cui le abitazioni sono uguali e sono disposte una accanto all'altra. Casa singola: Abitazione individuale, che non fa parte di un complesso. Casale: Grande abitazione di campagna rustica e isolata. Cascina: Abitazione di campagna tipica per i contadini, con ambienti per attrezzi ed animali. Nel Sud Italia, generalmente questo tipo di abitazione si chiama “masseria”. Palazzo: Grande edificio, usato come abitazione signorile ed elegante oppure come sede di uffici. Villa: Abitazione ampia ed elegante, circondata da un giardino piuttosto grande. Villino: Abitazione singola con un piccolo giardino.  Entriamo insieme in una casa! Chiarito questo, procediamo alla casa vera e propria. Come dicevamo, alcune possono avere un giardino davanti, con del verde e magari un vialetto.  Però quello che tutte le case hanno è una porta d'ingresso. Ormai è sempre più comune optare per una porta blindata, pensata per resistere a tentativi di intrusione. In generale è molto molto sicura e resistente, anche la maniglia e la serratura. Se si vuole vedere chi ha suonato il campanello, si può guardare dallo spioncino.  Una volta aperta la porta, c'è di solito un ingresso, cioè un piccolo spazio con un appendiabiti per lasciare il proprio cappotto, oppure dei ganci per le chiavi o ancora uno specchio per guardarsi prima di uscire, un mobile per lasciarvi gli oggetti che abbiamo nelle tasche e che non ci servono in casa. Io di solito ci lascio la borsa oppure gli occhiali da sole. Non è molto ordinato, ma è molto pratico. L'ingresso può anche essere in forma di corridoio, lungo e stretto, che conduce alle varie stanze. E ora vediamo le varie stanze! Le stanze di una casa Dopo aver varcato l'ingresso e aver percorso il corridoio, sarete pronti per esplorare tutte le stanze e sentirvi veramente a casa! IL SOGGIORNO È la stanza della casa più ampia e accogliente delle altre, dove si trascorre la maggior parte della giornata, ci si rilassa, si ricevono le visite degli ospiti.  Infatti qui ci sono sempre divani e poltrone, per sedersi comodamente a chiacchierare o a guardare la TV. La differenza principale tra divano e poltrona è che la poltrona ha un solo posto, mentre il divano ha più posti.  Spesso, in un soggiorno c'è un camino, perfetto per le serate invernali. In molte case, il soggiorno coincide anche con la sala da pranzo, cioè la stanza in cui consumano i pasti più importanti, pranzi, cene, feste con gli ospiti. Se la casa è più grande, la sala da pranzo sarà una stanza a se stante, con un ampio tavolo e molte sedie. 

Psicologia con Luca Mazzucchelli
Come essere più efficiente: 4 suggerimenti per evitare le distrazioni

Psicologia con Luca Mazzucchelli

Play Episode Listen Later Nov 14, 2022 8:42


Spesso mi chiedono come riuscire ad essere più efficiente e aumentare la produttività. Ho raccolto 4 suggerimenti per evitare le distrazioni. Smettere di distrarsi non è facile, il mondo è pieno di distrazioni ed è impensabile eliminarle completamente. Ci sono però alcuni consigli utili da seguire, soprattutto nella sfera lavorativa, per essere più produttivi, ne parlo in questo episodio.

Italiano Automatico Podcast
Episode 541: Qual è il tuo livello di italiano? Fai il QUIZ! | Imparare l’Italiano

Italiano Automatico Podcast

Play Episode Listen Later Nov 7, 2022 10:31


Qual è il tuo livello di italiano? Scoprilo subito facendo il test online di Italiano Automatico!Spesso i nostri studenti ci chiedono: “Come faccio a sapere il mio livello di italiano? Come faccio a sapere se sono principiante, intermedio o avanzato?”Ci sono molti modi per scoprirlo, ma uno dei modi più facili e veloci è fare un quiz online che puoi fare dove e quando vuoi e che ti dirà a che punto è il tuo italiano.Per questo abbiamo creato un test di italiano per aiutarti a capire il tuo livello. Ci sono 15 domande, che diventeranno progressivamente più difficili: partiremo con domande per un livello principiante, poi passeremo a domande per un livello intermedio per finire con domande per un livello avanzato.Il quiz è rivolto a tutte le persone che stanno imparando l'italiano e non fornisce un livello ufficiale. In bocca al lupo! Sezioni del podcast:0:00 - INTRODUZIONE 1:36 - LIVELLO PRINCIPIANTE3:51 - LIVELLO INTERMEDIO6:22 - LIVELLO AVANZATO8:57 - CONCLUSIONEVorresti fare altri QUIZ di Italiano Automatico? Clicca qui: https://www.italianoautomatico.com/quiz

Learn Italian with LearnAmo - Impariamo l'italiano insieme!
Le Espressioni con la Preposizione SU in italiano

Learn Italian with LearnAmo - Impariamo l'italiano insieme!

Play Episode Listen Later Oct 22, 2022 11:32


In italiano la preposizione semplice SU è utilizzata in parecchie espressioni verbali e in molti modi di dire utilizzati nella quotidianità dai madrelingua. In questa lezione potrai conoscerli tutti e imparare a parlare in modo più naturale e spontaneo in italiano. 10 Espressioni italiane con la preposizione SU da ricordare Ti presento ora 10 espressioni con la preposizione semplice SU, molto gettonate dai madrelingua italiani nell'uso scritto e soprattutto orale. Gli esempi riportati vi faranno scoprire quanti utilizzi diversi può avere una piccola preposizione semplice. Pronti a scoprirli? Su misura È un'espressione che può essere utilizzata in contesti differenti:  -per riferirsi ad un capo di abbigliamento cucito e tagliato in base alle misure di una determinata persona, che dovrà indossarlo  Non posso prestarti questo vestito perché è fatto su misura e le nostre taglie sono diverse!); -per riferirsi a qualcosa che si adatta perfettamente alle caratteristiche di qualcuno  Sono sicura che non avrai problemi! Si tratta di un lavoro fatto su misura per te). Sul serio Possiamo utilizzare questa espressione al posto di “veramente/per davvero/senza scherzi” Sto pensando sul serio di comprare una villa in campagna e lasciare lo stress della città. o in domande retoriche per esprimere dubbio o meraviglia. Sul serio?! Hai organizzato tutto questo solo per lei? Spesso la troviamo accompagnata dal verbo “fare”, per dire “impegnarsi veramente/non scherzare” Smettila di mettermi dubbi, io faccio sul serio con questo nuovo lavoro! e dal verbo “prendere”, per intendere “affrontare con grande impegno e serietà qualcosa o qualcuno”. Prendevamo sul serio le nostre promesse, perciò non abbiamo mai deluso nessuno. Su due piedi Per riferirsi ad un'azione fatta o una decisione presa senza esitazione, all'improvviso, senza pensarci su. Quello che ci chiedi è complesso: non possiamo risponderti così su due piedi. Abbiamo bisogno di consultare i nostri avvocati. Su per giù (suppergiù) È un'espressione utilizzata al posto di “all'incirca/pressappoco/più o meno”. Viviamo in questa casa su per giù da 5 anni. Sul colpo Possiamo utilizzare “sul colpo” per riferirci ad un'azione che si svolge “immediatamente/subito”. Molto spesso la ritroviamo nella famosa espressione “morire sul colpo”.  Sembra che la vittima sia morta sul colpo: non ha sofferto molto. Nero su bianco È un'espressione utilizzata per stabilire in modo definitivo una situazione o mettere per iscritto qualcosa. Quindi, il “nero” rappresenta l'inchiostro della penna che scrive sulla carta, che è di colore “bianco”. Spesso ritroviamo questa espressione accompagnata dal verbo “mettere”. Potremo collaborare insieme solo quando deciderai di mettere le cose nero su bianco. Altrimenti, non mi fido. Sulla ventina/trentina/quarantina… È un'espressione che possiamo usare quando facciamo una supposizione sull'età di una persona. Significa “circa vent'anni/trent'anni/quarant'anni…”. Mentre venivo qui, un uomo sulla quarantina mi ha chiesto che ora fosse. Su richiesta È un'espressione utilizzata per esprimere un'azione non obbligatoria/facoltativa. Il pullman per Milano fa 5 fermate più altre 3 solo su richiesta. Possiamo anche trovare l'espressione “su richiesta di”, che significa “in seguito alla domanda di…”  Vi lascio i suoi documenti a richiesta dell'ispettore. Sulle spine È un'espressione utilizzata quando si è in uno stato di ansia, di preoccupazione. Spesso è preceduta dai verbi “stare” o “tenere”. Mi ha tenuto sulle spine per tutta la sera e poi finalmente mi ha rivelato il suo segreto. Sul filo del rasoio È un'espressione utilizzata in situazioni di pericolo o di rischio. La possiamo trovare con i verbi “stare” o “essere”. Dopo tutto quello che hai fatto, per quanto mi riguarda,

Psicologia con Luca Mazzucchelli
Diventare psicologo: perché ho scelto di studiare Psicologia - con Marta Perego

Psicologia con Luca Mazzucchelli

Play Episode Listen Later Oct 17, 2022 1:48


Spesso mi chiedono come ho capito di voler diventare psicologo e perché ho scelto di studiare Psicologia, con Marta Perego abbiamo parlato del mio percorso di studi e di scoperta della mia strada: aiutare le persone a cambiare usando le parole.

Psicologia con Luca Mazzucchelli
Da dove partire per cambiare: l'abitudine che mi ha cambiato la vita - con Andrea Abondio

Psicologia con Luca Mazzucchelli

Play Episode Listen Later Oct 14, 2022 2:52


Con Andrea Abondio abbiamo parlato dell'abitudine che mi ha cambiato la vita. Spesso mi chiedono da dove partire per cambiare: adottare un'abitudine chiave è un buon metodo per cambiare in modo sostenibile. Nel mio libro Fattore 1% parlo del potere delle abitudini, tema a cui sono particolarmente legato perché è stata un'abitudine a cambiarmi la vita: la formazione. Formarsi non significa solo leggere libri, ma anche guardare video su YouTube, seguire videocorsi, parlare con le persone. Insomma: metterti in testa ogni giorno nuove idee sul mondo.

Smart City
Smart City Speciale - Efficienza energetica e industrie nella crisi: il punto sulle diagnosi energetiche

Smart City

Play Episode Listen Later Oct 11, 2022


Cosa si trova nelle PMI italiane, quando si effettua una diagnosi energetica?Spesso una diagnosi energetica accurata fa emergere sprechi notevoli e facilmente correggibili. Non è raro, per esempio, scoprire di avere consumi molto elevati la notte o nei fine settimana, quando gli impianti non lavorano, o che piccole attenzioni permettano a macchinari altamente energivori di consumare solo una frazione dell'energia che impiegano abitualmente. Ospite: Augusto Bianchini, Professore associato presso il Dip. di Ingegneria Industriale dell'Università di Bologna; esperto di sostenibilità ed efficientamento dei processi produttivi

Chiesa Cristiana Evangelica  della Vera Vite
La chiesa: unico scopo anche quando cambia la forma | 9 Ottobre 2022 |

Chiesa Cristiana Evangelica della Vera Vite

Play Episode Listen Later Oct 10, 2022


La chiesa, che sia grande o piccola, è il luogo dove si impara a correre assieme, a supportarsi, ad ammonirsi ed incoraggiarsi. Gesù non ha mai mandato i suoi discepoli da soli in una missione; se vuoi essere efficace nella tua vita di credente, devi avere una chiesa reale, fatta di uomini e donne come te.---CLICCA SUL TITOLO PER ASCOLTARE IL MESSAGGIOTempo di lettura: 9 minuti Tempo di ascolto audio/visione video: 30 minutiVi ricordate cosa è successo  dal 15 marzo 2020 al 31 maggio 2020? Era il periodo più difficile della pandemia, e in tutto il paese sono state sospese qualsiasi tipo di riunione... anche quelle di chiesa... vi ricordare? Nonostante tutto abbiamo in qualche modo trovato maniere alternative di riunione, attraverso Zoom, attraverso le dirette su Facebook e su Youtube, attraverso i messaggi su Whatsapp.Non era ideale, ma ciascuno di noi proprio in quella situazione di estremo disagio sentiva la necessità di essere più stretto all'altro; cercava il sostegno e sentiva  la necessità di una comunità.Forse sbaglio, ma penso che la chiesa è stata più unita in quel periodo che in quelli dove questa sala era piena di persone che dovevamo mettere giù tutte le sedie disponibili.E' stato quello uno dei momenti in cui come pastore, sono stati più fiero dell'opera che il Signore aveva piantato e che mi aveva chiamato, non so neppure io perché, a condurre.Ho visto in quel periodo gran parte degli insegnamenti domenicali cadere nel posto giusto:  l'incoraggiamento, la compassione, la preghiera per gli altri.Ma, soprattutto, ho visto nella mia chiesa la consapevolezza che non si può nutrire la propria fede, non si può crescere  al di fuori del “corpo di Cristo”, la chiesa.  UNA chiesa specifica, con persone reali, mani, piedi, occhi, sorrisi e braccia.Paolo dice:“Così, sotto ogni aspetto ci avvicineremo sempre più a Cristo, che è il capo [del suo corpo, la chiesa].  Sotto la sua guida, tutto il corpo, ben collegato e tenuto unito dalle giunture, grazie al contributo di ogni singola parte, riceverà da lui quella forza che lo fa crescere nell'amore.” (Efesini 4:11-16)La chiesa è un “corpo”, il corpo di Cristo, e la sua forza è proporzionale  a quanto  ciascuna delle sue parti è collegata all'altra.La chiesa è anche una “famiglia”. Da gennaio saremo chiamati ad essere forse un po' meno ordinati, un po' meno “strutturati” e a prendere le cose così come vengono, con qualche problema di audio delle basi dei canti magari meno “serie di messaggi” magari più brevi, o forse solo lettura e commento assieme di brani la Bibbia.Ma la chiesa è una famiglia,  e in una famiglia non c''è sempre uno che parla; dovremo riscoprire cosa significhi essere “famiglia in Cristo” anche la domenica  a guardarci negli occhi, a parlare assieme incrociando le opinioni... proprio come si fa in una famiglia sana.Nei miei trenta anno di servizio al Signore, ho incontrato spessissimo persone che magari venivano in chiesa per una o due mesi, poi sparivano... inspiegabilmente, senza un motivo apparente.E quando magari le incontravi per caso, ti raccontavano o che avevano scelto un'altra chiesa perché quella era una chiesa “giusta”, ovvero una chiesa online...Per molti anni il podcast legato alla nostra chiesa  è stato stabilmente tra i primi dieci podcast cristiani in in Italia; perché eravamo una delle pochissime chiese evangeliche in Italia ad utilizzare i podcast come mezzo per diffondere l'evangelo. Poi la pandemia ha spinto quasi tutti sul web... e ci sono chiese molto più efficaci della nostra e con molti più mezzi.Tramite essi noi come atri riusciamo a nutrire persone  al di là della nostra collocazione geografica. Ma mai nessun podcast, mai nessuno streaming on-line,  mai nessun programma satellitare potrà mai sostituire  la chiesa “fisica”, reale, fatta di uomini e donne  che si incontrano assieme.Non ci sono chiese “perfette”; le chiese sono fatte da peccatori, come me  che ne guido una per la Grazia di Dio soltanto, non per merito,  ma è quello il posto dove cercare le risposte,  dove attingere l'aiuto che serve a ciascun credente per mezzo di pastori, insegnanti ma anche da  semplici membri di chiesa.Ormai viviamo nell'epoca dove i media  hanno sostituito gran parte delle relazioni umane; dove crediamo di vedere la “vita vera” attraverso i “reality” anche se sappiamo bene che le situazioni sono finte  e che le persone stanno interpretando una parte.E, purtroppo, molto credenti sono portati a  pensare che non gli serve una chiesa, ma che basta quella via  web.  Intendetemi, si può ricevere suggerimenti, dei consigli,  Dio può servirsi di Marco (o di quant'altri)  per edificare, ammonire, illuminare, toccare il cuore...  ma non è un sostituto alla chiesa!Continuo a ripeterlo: nel Nuovo Testamento ci sono 58 comandamenti  che non possono essere adempiuti  se non si fa parte di una chiesa,  e che sono connessi alla frase “gli uni gli altri”:  amatevi, esortatevi, ammonitevi, accoglietevi...  e tutto questo non lo si può fare senza una chiesa.   Né io né altri possono farlo per tramite di un mezzo elettronico!Perché ho bisogno di una famiglia spirituale?I) Ho bisogno di altri con cui camminarePaolo dice:“Come dunque avete ricevuto Cristo Gesù, il Signore, così camminate in lui” (Colossesi 2:6)La Bibbia paragona spesso la vita spirituale ad un cammino:  ci sono almeno due benefici a non essere da soli quando stai facendo il cammino.1) E' più sicuroCamminare a soli di notte non è stata mai una buona idea: la vita che fa il mondo rassomiglia molto alla notte; una notte spirituale, ovviamente, ma come in quella fisica è meglio non essere da soli: Salomone afferma:“Se uno tenta di sopraffare chi è solo, due gli terranno testa; una corda a tre capi non si rompe così presto” (Ecclesiaste 4:12)2) C'è più supportoJean ne ha parlato la settimana scorsa: ha detto:“La fedeltà è dura, è una fatica, richiede lavoro e intenzionalità. Si sa che i maratoneti di solito si allenano in gruppo perché è più facile continuare a percorrere la lunga distanza quando ci sono altri che ti incoraggiano. Gesù ha detto "rimanete in me", in altre parole, "rimanete fedeli" e questo è più facile da fare nella comunità dei credenti.”C'è un proverbio dello Zambia che dice: “Quando corri da solo corri più veloce, quando corri assieme ad altri corri più a lungo” ; la salvezza, la chiesa, proclamare Cristo, non è una gara di velocità, ma di durata. E se sei in compagnia duri di più.In Ebrei è scritto:“Non trascuriamo le nostre riunioni di chiesa, come fanno certuni regolarmente; incoraggiamole invece, esortandoci a vicenda” (Ebrei 10:25 PV)In una chiesa, anche se piccola,  si impara la fedeltà;  perché ognuno è una parte indispensabile.  Pensate a una chiesa di due (perché Gesù ha detto che dove sono due tre riuniti nel suo nome, lui è là) dove uno manca!  In una chiesa, forse anche meglio se piccola,  ci si incoraggia a vicenda;  è la conseguenza naturale del rapporto che si crea.E' per questo che quando la chiesa si fa “piccola” come in questo momento, ogni persona è importante per incoraggiare  l'altro e per essere incoraggiato personalmente.Se non hai una chiesa, con chi cammini insieme?  Sei da solo, da sola, oppure hai una famiglia che cammina con te? II) Ho bisogno di altri con cui lavorareE' il motto della nostra chiesa: “Amare non è un sentimento, amare è un'azione.” e per agire ho bisogno di altri  per adempiere ai comandamenti di Gesù. Paolo dice:“È Dio stesso che ci ha fatto così e ci ha dato nuova vita in Gesù Cristo, per farci compiere quelle buone opere che egli aveva preparato per noi fin da principio.” (Efesini 2:10 PV)Dio ha dato a ciascuno di noi doni e talenti particolari,  ma molti di questi posso utilizzarli solo se ho relazioni con gli altri;  doni di incoraggiamento, doni di discernimento, ecc.1) Lavorare (anche se per il Signore) è stancanteSe lavoro  da solo sarò esausto: sempre Salomone ha detto:“Due valgono più di uno solo, perché sono ben ricompensati della loro fatica. Infatti, se l'uno cade, l'altro rialza il suo compagno; ma guai a chi è solo e cade senza avere un altro che lo rialzi!” (Ecclesiaste 4:9-10)“Gesù non mandava mai i suoi discepoli da soli:“Quindi riunì i dodici discepoli e li mandò fuori a due a due” (Marco 6:7a PV)Molti, sia tra i credenti che tra i non credenti,  vengono colti dalla sindrome “faso todo mi”,  faccio tutto io.  Così facendo in breve tempo sarai bruciato (o bruciata),  andrai in depressione,  e non riuscirai a fare neppure la metà  di quello che avresti fatto assieme ad altri.  Neppure Madre Teresa faceva tutto da sola,  ma aveva centinaia se non migliaia di persone che la aiutavano.In una chiesa di grandi dimensioni questo è impossibile; in una chiesa delle nostre dimensioni attuali è parzialmente possibile; ma è comunque meglio avere anche incontri  al di fuori. Di chiesa: probabilmente da gennaio saranno più importanti quelli che le domeniche.In che fase ti trovi Sei nella fase “faso todo mi”,  oppure hai una famiglia che ti aiuta?  La chiesa è la famiglia che Dio ha creato per i suoi figli:Il fatto che io sarò defilato dal dirigere in prima persona la chiesa secondo me porterà col tempo più frutti che problemi: i pastori (specialmente quelli come me... faso todo mi...) talvolta sono “ingombranti”: e questo libererà voi nel fare di più in famiglia.III) Ho bisogno di altri che veglino su meQuando parti per le vacanze,  chiedi ai vicini se danno una controllata alla tua casa?  Dovresti chiederlo anche per la tua anima  Ma visto che non lo puoi chiedere a uno qualsiasi,  ti serve un piccolo gruppo dove sei amato, sei amata. Paolo afferma:“Non pensate soltanto al vostro interesse, ma preoccupatevi piuttosto di quello degli altri.” (Filippesi 2:4)1) Altri che mi amanoSpesso esco da casa senza essermi pettinato;  mi serve mia moglie che mi dica “Caro, ti sei pettinato?”.  Perché lo fa? Perché mi vuole bene,  perché non vuole che appaia come uno sciocco agli altri.  Non ne trae nessun vantaggio,  non c'è un beneficio imminente o futuro.  E' un semplice atto d'amore  (“hai la zip lasciata giù...”  mi toglie dall'imbarazzo).Spesso nella mia vita di credente  ci sono cose che non ho “pettinato”,  e non ci faccio nemmeno più caso,  ma che mi farebbero apparire sciocco (o peggio)  davanti alle persone e a Dio;  un peccato ricorrente ed evidente,  una decisione sbagliata,  un comportamento da correggere.Ma uno che mi vuole bene  e non lo fa per vantaggio personale  può salvarmi dall'imbarazzo verso Dio e gli uomini.Sei sicuro da solo di uscire la mattina pettinato e con la zip alzata?  Dio ha previsto un posto sicuro  dove altri possano dirtelo prima che sarai di fronte ad un grande imbarazzo,  e quel posto è la chiesa.ConclusioneLa chiesa è un imparare a camminare assieme,  a lavorare assieme,  a vegliare sull'altro assieme.“E ogni giorno andavano assidui e concordi al tempio, rompevano il pane nelle case e prendevano il loro cibo insieme, con gioia e semplicità di cuore,  lodando Dio e godendo il favore di tutto il popolo. Il Signore aggiungeva al loro numero ogni giorno quelli che venivano salvati.” (Atti 2:46-47)La chiesa è fatta per accogliere altre persone che vivono attorno, che camminano da sole, lche lavorano da soli,  e non hanno nessuno che vegli su di loro:  è queste persone che Gesù sta cercando attraverso la nostra chiesa.Cosa farai? Accetterai di nuovo la sfida di continuare a crescere, anche se la forma della tua chiesa sarà cambiata, anche se il luogo potrebbe non rimanere lo stesso?Gesù ha in serbo per te, se accetti ancora un mare di avventure da vivere assieme nella tua chiesa.Preghiamo.GUARDA LE DIAPOSITIVE DEL MESSAGGIOGUARDA IL MESSAGGIO IN BASSA RISOLUZIONE SU FACEBOOKGUARDA IL MESSAGGIO IN BASSA RISOLUZIONE SU INSTAGRAM---GUARDA IL VIDEO DEL MESSAGGIO IN HD

Fitness e dintorni
Allenamento: farlo spesso è meglio che farne tanto

Fitness e dintorni

Play Episode Listen Later Oct 4, 2022 3:24


Quanto e quanto spesso allenarsi è un dilemma affrontato da molte persone attente alla salute, una nuova ricerca della cerca di rispondere alla domanda, e indica che un po' di attività quotidiana potrebbe essere l'approccio più vantaggioso, almeno per la forza muscolare.

Psicologia con Luca Mazzucchelli
Perché andare dallo psicologo non ti ha aiutato: 4 principali ostacoli al cambiamento

Psicologia con Luca Mazzucchelli

Play Episode Listen Later Sep 19, 2022 10:25


Perché andare dallo psicologo non ti ha aiutato? Spesso le persone, soprattutto sui social, mi scrivono per dirmi di aver fatto terapia, senza successo. Chi è andato senza successo dallo psicologo può pensare di non essere in grado di cambiare. Per questo condivido in questo episodio i 4 principali ostacoli al cambiamento.

TheBigFatVoice Psicologia, Musica & Teatro

Spesso nel momento in cui prendiamo contatto con il tradimento che sia da parte di un partner, di un'amicizia, della famiglia o di una situazione, sperimentiamo ciò che si chiama congelamento delle emozioni. Oggi facciamo tra passi insieme attraverso l'elaborazione e la metabolizzazione del tradimento. Iscriviti al #podcast, commenta e condividi con i tuoi amici le #puntate di #thebigfatvoice, seguiti sui #social, rimani in contatto e buon ascolto! Visita il sito http://www.mbgvoice.com (www.mbgvoice.com)  Segui la pagina Facebook https://www.facebook.com/thebigfatvoice (https://www.facebook.com/thebigfatvoice)  Segui il profilo Instagram https://www.instagram.com/thebigfatvoice (https://www.instagram.com/thebigfatvoice) Puoi metterti in contatto con Massimiliano scrivendo a info@mbgvoice.com Fai girare la voce… o meglio… fai girare #thebigfatvoice Musica originale by #audiio @helloaudiio www.audiio.com

Learn Italian with Lucrezia
Episodio 66. Cosa vuol dire avere padronanza linguistica (fluency)?

Learn Italian with Lucrezia

Play Episode Listen Later Aug 20, 2022 6:33


Spesso vengono contrapposte due realtà: l'italiano dei libri e quello della vita quotidiana. Che ne pensi?