Podcasts about inflazione

  • 135PODCASTS
  • 743EPISODES
  • 16mAVG DURATION
  • 1DAILY NEW EPISODE
  • Jan 23, 2023LATEST

POPULARITY

20152016201720182019202020212022

Categories



Best podcasts about inflazione

Show all podcasts related to inflazione

Latest podcast episodes about inflazione

Don Chisciotte
Inflazione caina, armi all'Ucraina

Don Chisciotte

Play Episode Listen Later Jan 23, 2023 67:45


Macchie di Leopard sulla titubanza tedesca. Oscar Giannino, Don Chisciotte, ne parla con Carlo Alberto Carnevale Maffé, Ronzinante, e Renato Cifarelli, Sancho Panza.See omnystudio.com/listener for privacy information.

Focus economia
Transizione energetica: servono 182 miliardi da qui al 2030

Focus economia

Play Episode Listen Later Jan 17, 2023


È stato presentato oggi a Roma, alla presenza del Ministro dell'Ambiente e della Sicurezza energetica Gilberto Pichetto Fratin, il terzo Studio di Confindustria Energia sull andamento e sui programmi di investimento al 2030 in Italia dal titolo "Infrastrutture energetiche per una transizione sicura e sostenibile". E sarebbero 182 miliardi di euro nel periodo 2022 - 2030 gli investimenti richiesti per realizzare gli obiettivi europei di decarbonizzazione del Fit for 55 e del RePowerEu , garantendo al tempo stesso la sicurezza energetica e la sostenibilità sociale. Gli investimenti proposti secondo Confindustria produrrebbero valore aggiunto per 320 miliardi, darebbero lavoro a 380mila persone ogni anno e ridurrebbero le emissioni di gas serra di 127 milioni di tonnellate all'anno nel 2030. Infine per il vicepresidente di Confindustria Energia, Roberto Potì, "i progetti individuati nello studio potrebbero consentire entro il 2026 l'avviamento di cantieri per 62 miliardi di euro". Ne parliamo con Giuseppe Ricci, Presidente Confindustria Energia. Non solo crisi energetica ed inflazione, le imprese temono anche gli attacchi informatici È stato pubblicato oggi l'Allianz Risk Barometer 2023, la classifica annuale sulla percezione dei rischi d'impresa stilata da uno dei principali assicuratori globali: Allianz Global Corporate & Specialty (AGSC) per la 12° edizione annuale. Gli Incidenti informatici e l Interruzione delle attività rappresentano i principali timori delle aziende (entrambi con il 34% delle risposte). Tuttavia, i Cambiamenti macroeconomici come l'inflazione, la volatilità dei mercati finanziari e l'incombenza di una recessione (che passa dal 10° al 3° posto rispetto all'anno precedente), nonché l'impatto della Crisi energetica (new entry al 4° posto) salgono nella classifica dei rischi aziendali globali di quest'anno. Approfondiamo il tema con Nicola Mancino, Distribution Manager di Allianz Global Corporate & Specialty (AGCS). Inflazione +0,3% a dicembre e +11,6% annuo, confermato +8,1% nel 2022 A dicembre l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività, al lordo dei tabacchi, è aumentato dello 0,3% su base mensile e dell 11,6% su base annua (da +11,8% del mese precedente). Lo comunica l'Istat confermando la stima preliminare diffusa all inizio di gennaio. In media, nel 2022 i prezzi al consumo sono cresciuti dell 8,1% (+1,9% nel 2021). L'inflazione acquisita, o trascinamento, per il 2023 (ossia la crescita media che si avrebbe nell anno se i prezzi rimanessero stabili per tutto il 2023), è pari a +5,1%, più ampia di quella osservata per il 2022, quando fu +1,8%. Nel 2022, sottolinea l'Istat, l'impatto dell'inflazione è più ampio sulle famiglie con minore capacità di spesa: +12,1% contro +7,2% per quelle con maggiore capacità di spesa (quasi 5 punti in più). Ne parliamo con Mariano Bella, direttore Ufficio studi Confcommercio.

Focus economia
Il ruolo della distribuzione: assorbe 4 miliardi di inflazione

Focus economia

Play Episode Listen Later Jan 16, 2023


Si è tenuta oggi a Milano la conferenza stampa che anticipa i dati del Paper realizzato da The European House-Ambrosetti per ADM - Associazione Distribuzione Moderna, dal titolo "L'Italia di oggi e di domani: il ruolo sociale ed economico della distribuzione moderna". I dati presentati dimostrano la distribuzione come argine all'inflazione, impulso al fatturato della filiera agroalimentare, occupazione e sostegno al PIL. Quello che emerge dallo studio è che nel 2022 le aziende della distribuzione moderna hanno assorbito 3,9 miliardi di euro di inflazione consentendo un risparmio fino a 77 euro al mese a famiglia. E che per le famiglie meno abbienti la variazione dei prezzi del paniere medio pesa per un +17,5% rispetto a un anno fa, che scende fino a un +9,6% per le famiglie più abbienti, con una media nazionale dell'11,6%. Ne parliamo conValerio De Molli, Managing Partner & CEO di The European House - Ambrosetti.Big Tech in crisi Dall'inizio del 2021 fino alla chiusura dell'anno le società della Silicon Valley hanno registrato licenziamenti per oltre 150.000 persone. Le Big Tech, da Alphabet-Google a Apple passando da Netflix, Amazon, Meta e Microsoft, nell'ultimo anno hanno perso oltre tremila miliardi di dollari di valore di mercato nell'ultimo anno. Ciononostante questi grandi gruppi hanno creato molti più posti di lavoro negli ultimi anni di quanti non ne distruggano adesso. E anche dopo un 2022 molto negativo, i colossi tecnologici hanno comunque generato oltre cinquemila miliardi di dollari di valore di Borsa in circa dieci anni. Ma è indubbio che la loro crescita esponenziale sempre essersi fermata. Approfondiamo il tema con l'appuntamento settimanale con "Dietro la notizia", la rubrica di Alessandro Plateroti, direttore di Notizie.it.Tim, il segnale di Vivendi: dimissioni di De Puyfontaine dal CdaDimissioni dal Cda Tim di Arnaud de Puyfontaine. Come anticipato sul sito del Sole 24 Ore il ceo di Vivendi e consigliere d'amministrazione di Telecom Italia dal 2015 ha rassegnato le sue dimissioni «irrevocabili» dal board della società di cui la media company francese è primo azionista con il 23,75%. La decisione sarebbe stata presa a valle di una riunione stamattina, nella mattinata di lunedì 16 gennaio, a Parigi.Il titolo Telecom Italia, intanto, sale dello 0,8% a metà mattinata, poi accelera oltre il 3% a 0,26 euro a Piazza Affari per 5,4 miliardi di capitalizzazione. La borsa, infatti, considera la mossa un segnale in vista della riunione del Consiglio d'amministrazione previsto per il prossimo 18 gennaio 2023. De Puyfontaine ha confermato che «Tim e l Italia restano centrali nei piani di investimento di Vivendi», le dimissioni potrebbero essere un endorsement nei confronti del Governo. Ne parliamo con Andrea Biondi de il Sole 24 Ore.

Punto PMI: 7 Giorni in 10 Minuti
Caro Carburanti e Incentivi Auto: Ecco Cosa Cambia – 13/01/2023

Punto PMI: 7 Giorni in 10 Minuti

Play Episode Listen Later Jan 13, 2023 13:07


Tutto ciò che è stato deciso dal Governo per contenere l'aumento dei prezzi del carburante e tornano gli eco-incentivi per cambiare auto: puntata dedicata specialmente agli automobilisti.

5 minuti di finanza
5mf_puntata 122_la distribuzione geostrategica dei minerali

5 minuti di finanza

Play Episode Listen Later Jan 11, 2023 13:24


Le previsioni economiche sul 2023 si accavallano, si smentiscono, si contraddicono. Quando escono i dati sull'inflazione o l'occupazione, come la settimana scorsa, le conclusioni che si traggono dipendono dall'interpretazione dei dati.Mentre aspettiamo la recessione che tarda a manifestarsi come Godot, faremo forse meglio a concentrarci sui temi che rimarranno dominanti per i prossimi anni per organizzare i portafogli, piuttosto che considerare solo gli orizzonti dei prossimi 12 mesi.Nell'episodio affronto il tema della distribuzione geografica dei minerali indispensabili agli obbiettivi di decarbonizzazione che il dirigismo e l'opinione pubblica stanno indicando come via per un futuro più sostenibile.Mi baso su dei dati concreti che potete riscontrare anche voi qui: shorturl.at/GHMUV---Su zugzwang macro, la mia newsletter, potete trovare qualche parola su altri temi contemporanei:l'oro e le miniere aurifere: shorturl.at/lpqs0l'inflazione europea: shorturl.at/JKNT8l'occupazione lavorativa statunitense:sahm rule: shorturl.at/DGOY4beveridge curve: shorturl.at/myJMY

Inglorious Globastards - IL PODCAST
Legge di Bilancio, PNRR, BCE, Inflazione, Tassi di Interesse

Inglorious Globastards - IL PODCAST

Play Episode Listen Later Jan 9, 2023 43:11


Il quadro macroeconomico dell'Italia, ancora una volta appare a tinte fosche. L'approvazione di una legge di bilancio che non contrasta con le indicazioni della Commissione Europea non basta a fugare i dubbi sull'affidabilità dell'Italia. Un articolo del Financial Times ha rivelato che 9 su dieci economisti ritengono che l'Italia sia l'osservato speciale in questo 2023 e che la sostenibilità del debito pubblico di fronte all'aumento dei tassi di interesse non è affatto garantita. Ne parliamo con Nicola Rossi che con la sua consueta lucidità ci spiega i nodi cruciali che deve affrontare il nuovo governo, PNRR, riforma fiscale, reddito di cittadinanza e infrastrutture.

Prima Pagina
I prezzi salgono, ma inflazione scende; l'Europa contro i corrotti; Mancini racconta Vialli: 8 gennaio di Italo Carmignani

Prima Pagina

Play Episode Listen Later Jan 8, 2023 14:28


#prezzi #carburanti alle stelle ma #inflazione scende; #Europa le regole dopo le #mazzette @gabrielerosana; #America l'aiuto di #Trump per lo speaker della #Camera @annaguaita; #Mancini racconta #vialli

Prima Pagina
Vialli, addio a un grande uomo; Lotteria, Roma vince tutto; Calano i prezzi, ma non i tassi: 7 gennaio di Italo Carmignani

Prima Pagina

Play Episode Listen Later Jan 7, 2023 17:55


Il ricordo di #GianlucaVialli @alvaromoretti ; #inflazione e #prezzi calano ma i #tassi d'interesse non subito @andreabassi ; #Guerra civile in #Messico per l'arresto del figlio del trafficante ElChapo @AnnaGuaita ; #Lunedì è in programma l'incontro a #Roma tra Ursula #VonderLeyen e il premier #GiorgiaMeloni @FrancescoMalfetano ; #LilianaCavani racconta #Papa #Ratzinger @gloriasatta

Focus economia
Inflazione, a dicembre rallenta all 11,6%. Ma il dato del 2022 è il più alto dal 1985

Focus economia

Play Episode Listen Later Jan 5, 2023


L'Istat stima che a dicembre l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività, al lordo dei tabacchi, sia aumentato dello 0,3% su base mensile e dell 11,6% su base annua (da +11,8% del mese precedente). In media, nel 2022 i prezzi al consumo hanno registrato, secondo l Istat, una crescita pari al +8,1% (+1,9% nel 2021). Al netto degli energetici e degli alimentari freschi (inflazione di fondo), i prezzi al consumo sono cresciuti del 3,8% (+0,8% nell'anno precedente) e al netto dei soli energetici del 4,1% (+0,8% nel 2021). In riferimento al dato annuale l Istat precisa che si tratta «dell aumento più ampio dal 1985 (quando fu pari a +9,2%), principalmente a causa dall'andamento dei prezzi dei beni energetici (+50,9% in media d anno nel 2022, a fronte del +14,1% del 2021)». Il dato fornito dall'Istituto nazionale di Statistica arriva dopo la frenata dei prezzi più consistente rilevata nei giorni scorsi in Germania, Spagna e Francia. Ne parliamo con Mariano Bella, direttore Ufficio studi Confcommercio.Siamo in stagflazione? No, è agflazione: ecco perché la Bce sta sbagliando La Banca centrale sembra non comprendere che l'Italia di fronte a una inflazione da costi, non da domanda. Per questo il rialzo eccessivo dei tassi potrebbero penalizzare il nostro Paese. Ne è convinto Giuseppe di Taranto, Professore emerito di Storia economica dell Università Luiss Guido Carli di Roma, secondo il quale siamo in presenza di una nuova forma di agflazione più che di una reiterata stagflazione. Agflazione causata dall aumento dei costi delle commodities, quali prodotti minerari, energetici, semilavorati e derrate alimentari dai quali deriva il maggiore contributo all aumento dei prezzi, e fagocitata dai nuovi processi di deglobalizzazione e dal ridimensionamento geografico delle catene del valore, che hanno mostrato la loro fragilità rispetto ad accadimenti imprevisti quali la pandemia, il conflitto russo-ucraino e non per ultima la stessa inflazione. Approfondiamo il tema proprio con il professor Giuseppe di Taranto.Da Amazon a Salesforce, negli Usa continua l'ondata di licenziamenti Amazon.com Inc. ha deciso di licenziare complessivamente più di 18mila dipendenti - la più grande riduzione della forza lavoro nella storia aziendale - a conferma della profonda crisi che sta attraversando il settore tecnologico e delle vendite online. L'amministratore delegato Andy Jassy ha annunciato al personale il piano di licenziamenti con una nota il 4 gennaio. Inizialmente i tagli, avviati lo scorso anno, avrebbero dovuto interessare circa 10mila dipendenti, concentrandosi principalmente nella divisione retail di Amazon e nelle funzioni delle risorse umane come il reclutamento. È di oggi la notizia di nuovi licenziamenti di un'altra società statunitense: Salesforce Inc., colosso attivo nel campo dei software CRM e cloud computing, con sede a San Francisco e operativa in 36 Paesi nel mondo ha annunciato l'intenzione di eliminare circa il 10% della forza lavoro, più di 7mila dipendenti su un totale di 79mila complessivi, e di tagliare le sue proprietà immobiliari. In entrambi i casi, le società hanno ammesso di aver assunto troppe persone durante la pandemia. Ne parliamo con Marco Valsania de Il Sole 24 Ore.

Radio 24 Podcast
Focus economia - Inflazione, a dicembre rallenta all 11,6%. Ma il dato del 2022 è il più alto dal 1985

Radio 24 Podcast

Play Episode Listen Later Jan 5, 2023


Focus economia è il programma quotidiano dedicato all'approfondimento dei temi dell'attualità dell'economia e della finanza, realizzato con i protagonisti della giornata economico finanziaria e il contributo di giornalisti e analisti de Il Sole 24 ORE. L'obiettivo della trasmissione è di spiegare e analizzare, in termini comprensibili anche "ai non addetti ai lavori", i temi più interessanti della giornata. Appuntamento fisso per i commenti a caldo pochi minuti dopo la chiusura della Borsa.

La Finanza in Soldoni
2023-01– Economia e Mercati: le 3 lezioni del 2022

La Finanza in Soldoni

Play Episode Listen Later Jan 3, 2023 5:01


Buongiorno a tutti e benvenuti al primo episodio del 2023. Lo scorso anno è stato piuttosto complicato dal punto di vista dell'andamento dei mercati finanziari, in questo podcast proviamo a trarre quattro lezioni dall'esperienza del 2022 che ci torneranno utili negli episodi successivi nei quali vedremo una serie di approfondimenti sulle principali tendenze attese per il nuovo anno basati sui report dei primari istituti di ricerca che troverete linkati nelle note.Dicevamo dunque un anno complicato, nel quale gli effetti della pandemia sul commercio mondiale, sulle catene di approvvigionamento e sulla circolazione di cose e persone si sarebbero dovuti finalmente esaurire e che invece ha visto il ritorno di tensioni geopolitiche, che si ritenevano superate a causa dell'improvvisa invasione dell'Ucraina da Parte della Russia e di pressioni inflazionistiche originate da alcuni effetti indesiderati dell'emergenza sanitaria e amplificate dagli effetti del conflitto in Europa.DI tutto questo abbiamo parlato in circa 80 podcast pubblicati lo scorso anno e ai quali vi rimando per i dettagli. Quali lezioni possiamo trarre da questo anno tanto difficile?Ne propongo tre: Nel breve periodo non esistono “porti sicuri” o investimenti a rischio zeroI mercati finanziari reagiscono in modo anticipato e amplificato rispetto all'andamento dell'economia realeUn approccio equilibrato di investimento graduale con obiettivi di lungo termine aiuta ad affrontare anche periodo particolarmente difficili come quello in attoSegui i miei interventi su La Finanza in Soldoni in Podcast https://www.spreaker.com/show/la-finanza-in-soldonie Newsletter https://lafinanzainsoldoni.substack.com/e un libro che trovate in Libreria e nei principali Bookstore on line.https://www.amazon.it/finanza-soldoni-Massimo-Famularo/dp/8868492458/Leggi le "Storie di Tutti i colori più uno"https://www.amazon.it/Storie-tutti-colori-pi%C3%B9-uno/dp/B09F1G3WZP/Seguite i miei aggiornamenti via https://massimofamularo.com/https://www.youtube.com/c/MassimoFamularo/

Focus economia
Price cap: funzionerà davvero? E quando ne vedremo gli effetti?

Focus economia

Play Episode Listen Later Dec 29, 2022


I ministri dell'Unione europea hanno trovato finalmente un primo accordo sul price cap al gas: il prezzo massimo sarà 180 euro a megawattora, contro i 275 euro della proposta iniziale. Il compromesso è giunto dopo un lungo braccio di ferro tra i paesi membri, in un contesto nel quale il forte aumento dei prezzi dell'energia sta pesando sulla stessa competitività dell'economia europea. Ma darà i suoi frutti? Intanto il prezzo del gas continua a calare, per qualcuno non è merito dell'accordo come Davide Tabarelli, presidente di Nomisma Energia. Enel annuncia 21 miliardi di cessioni. Energia rinnovabile al 75% Enel si prepara a uscire da 5 mercati esteri (Romania, Perù, Argentina) con un piano di dismissioni da 21 miliardi da realizzare entro il 2023. L'obiettivo è focalizzarsi su Paesi 'core'", quindi Italia, Spagna, Stati Uniti, Brasile, Cile e Colombia. Il piano industriale al 2025 prevede che le cessioni abbiano l'effetto di ridurre l'indebitamento netto di circa 20 miliardi rispetto ai 69 miliardi raggiunti a fine settembre 2022, con una contrazione che il prossimo anno sarà complessivamente di 12 miliardi per attestarsi a circa 52 miliardi nel 2023 (con una previsione di chiudere il 2022 tra 58 e 62 miliardi). L'obiettivo di Enel è continuare a investire, tra digitalizzazioni delle reti e accelerazione verso le rinnovabili, nonché dare soddisfazione ai soci tramite dividendo in aumento, in primis al Governo socio di controllo con oltre il 30% delle quote. La società vuole sfruttare il momento "caldo" del mercato del gas per uscire completamente dal settore. mentre l'uscita dal carbone era già prevista al 2025. Il tutto portando la generazione da fonti rinnovabili a circa il 75% del totale. Approfondiamo il tema con Francesco Starace, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Enel. A2a rivede il Piano strategico, 16 miliardi sull'Italia A2a rivede il 'Piano Stratregico 2021-2030', riportando gli investimenti a 16 miliardi di euro, dopo averli alzati a 18 lo scorso gennaio, per concentrarsi esclusivamente sull'Italia. È il messaggio lanciato al mercato dall'amministratore delegato Renato Mazzoncini, che ha ribadito l'obiettivo di "tenere in Italia" tutte le risorse disponibili per sostenere "l'autonomia energetica del Paese". "Il 2022 - spiega Mazzoncini - è stato caratterizzato da un quadro gepolitico ed economico complesso e da uno scenario energetico volatile". Così, alla luce di questo contesto che non migliorerà in modo stabile prima del 2026, il cda ha deciso di "adeguare il piano per continuare a garantire la solidità del gruppo e affrontare le nuove sfide" del Paese. "Gli investimenti sono stati aggiornati - aggiunge - privilegiando la crescita organica nel mercato domestico e confermando l'economia circolare e la transizione energetica come pilastri della strategia di A2a". Ne parliamo proprio con Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di A2A. Consumo di beni durevoli: -2% rispetto al 2021. Si spende principalmente per la casa. Sono stati presentati la scorsa settimana i dati dell'Osservatorio Findomestic 2022, dedicato al mercato dei beni durevoli, realizzato dalla società di credito al consumo del Gruppo Bnp Paribas in collaborazione con Prometeia. La spesa delle famiglie in beni durevoli a fine anno toccherà quota 69,1 miliardi di euro con una contrazione del 2% rispetto al 2021, attribuibile ad una riduzione dei volumi (-7.6%) solo parzialmente compensata dalla crescita dei prezzi (+6.1%). Gli acquisti per la casa (+2,6%) tengono a galla il mercato dei beni durevoli compensando, almeno in parte, il crollo del settore motori (-6,2%). Risultano in calo, invece, gli altri capitoli di spesa: -3,4% le auto usate, -7,2% l'information technology, -10,6% le auto nuove (domanda dei privati) e -12,2% per Tv/Hi-Fi. Approfondiamo il tema con Claudio Bardazzi - Responsabile dell Osservatorio Findomestic. Inflazione a novembre stabile a +11,8%, scende nell'Eurozona Nessuna frenata, solo uno stop alla corsa del dato annuo. Nelle stime preliminari Istat l indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (Nic), al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,5% su base mensile e dell'11,8% su base annua (come nel mese precedente). Su base mensile si tratta così del settimo aumento consecutivo e nel confronto annuo non vi è alcun arretramento, per un dato (11,8%) che in Italia non si vedeva dal lontano 1984. "L'inflazione acquisita per il 2022 - scrive l'Istat - è pari a +8,1% per l'indice generale e a +3,7% per la componente di fondo". Di contro, sempre l'istituto di ricerca, conferma le stime di ottobre per quanto riguarda il prodotto interno lordo: nel terzo trimestre del 2022 l'economia italiana è cresciuta dello 0,5% rispetto ai tre mesi precedenti e del 2,6% rispetto allo stesso periodo del 2021, con una crescita acquisita per l'intero 2022 pari al 3,9%. Secondo Istat 'tirano' consumi e turismo, giù l'industria. D'accordo l'Ufficio Studi di Confcommercio, secondo il quale, in questa fase, il turismo è una "diga contro la recessione. Ne parliamo proprio il direttore dell'Ufficio studi Confcommercio, Mariano Bella.

Bitcoin Italia, Crypto & Blockchain
Rischio terza guerra mondiale: rialzo tassi d'interesse e geopolitica - con Francesco Simoncelli - EP 134 SEASON 2022

Bitcoin Italia, Crypto & Blockchain

Play Episode Listen Later Dec 22, 2022 59:25


►Iscriviti alla Newsletter PRO (1 mese di contenuti GRATIS): https://koinsquare.substack.com/subsc...Come sarà il 2023 nel mondo delle criptovalute? Il rialzo dei tassi e la guerra alle porte dell'Europa condizionerà Bitcoin e le altre crypto? Parliamone insieme a Francesco Simoncelli

Market Mover
Banche centrali, l'era dei falchi

Market Mover

Play Episode Listen Later Dec 22, 2022 10:28


I segnali di raffreddamento dell'inflazione avevano illuso molti che le banche centrali fossero pronte ad ammorbidire la stretta. Ma le ultime decisioni prese dimostrano che non è così.

La finanza amichevole
Inflazione, recessione e forse… opportunità

La finanza amichevole

Play Episode Listen Later Dec 19, 2022 7:15


Quest'anno, è ormai l'argomento che affrontiamo periodicamente, il rialzo dell'inflazione e le relative conseguenze.Quest'anno, è ormai l'argomento che affrontiamo periodicamente, il rialzo dell'inflazione e le relative conseguenze. “Nel mercato azionario si hanno due scelte: arricchirsi lentamente o impoverirsi rapidamente.” Benjamin Graham Sigla di Eric Buffat Per chi vuole acquistare i libri, il cui ricavato andrà totalmente a favore dell'associazione Dravet Italia: https://www.amazon.it/kindle-dbs/entity/author/B08FF1ZFV9 Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Market Mover
L'anno che verrà

Market Mover

Play Episode Listen Later Dec 17, 2022 8:37


Inflazione, guerra, energia. Ecco cosa muoverà i mercati nel 2023:le voci dei gestori raccolte da plus24

Finanza Semplice di Alfonso Selva
Lascio tutti i soldi sul conto corrente e aspetto che si chiarisca la situazione. Per me sbagliatissimo. EP. 185

Finanza Semplice di Alfonso Selva

Play Episode Listen Later Dec 16, 2022 15:12


Lascio tuitti i soldi sul conto corrente e aspetto che si chiarisca la situazione. Per me sbagliatissimo...Nella puntata di oggi del podcast voglio commentare una delle frasi più usate da molti risparmiatori-investitori, che purtroppo non sono ben consigliati dalla loro banca tradizionale o dal loro Consulente Finanziario...Io CREDO che questa affermazione sia sbagliatissima e e nella puntata di oggi ti spiego perché con i dati a supporto delle mie affermazioni...Investire il proprio Patrimonio senza un progetto, cambiando in corsa a seconda delle emozioni del momento e investendo con lo specchietto retrovisore, sono alcuni degli sbagli più grossi che gli investitori fanno...Ascolta la puntata del podcast e capirai perché molti investitori perdono soldi e come fare per non sbagliare più.

HORECA AUDIO NEWS - Le pillole quotidiane
4628 - Spesa e inflazione. A guidare le scelte di consumo sono convenienza e italianità

HORECA AUDIO NEWS - Le pillole quotidiane

Play Episode Listen Later Dec 16, 2022 3:39


Il carrello della spesa degli italiani si è fatto più leggero per fronteggiare il carovita. Secondo l'Osservatorio ISMEA NielsenIQ sui consumi alimentari, nei primi 9 mesi dell'anno, la crescita dello scontrino si è limitata a un +4,4%, grazie alle strategie di risparmio messe in atto dalle famiglie.Il supermercato resta il canale predominante con il 40% di share e con una performance positiva che rispetto al pre-Covid gli fa guadagnare 2 punti percentuali. Il Discount con il 22% di share guadagna 4 punti percentuali rispetto al 2019 con fatturati incrementati quasi del 25%. Parziale ritorno al punto di vendita fisico: -6% le famiglie che acquistano su canale digitale nel 2022.

Ultim'ora
Tg Economia - 16/12/2022

Ultim'ora

Play Episode Listen Later Dec 16, 2022 4:59


In questa edizione:- Inflazione stabile a novembre- Massimo storico per la bilancia dei pagamenti della tecnologia - Due nuovi aerei e cinque rotte in più per Wizz Air da Fiumicino- Più investimenti statali per evitare la chiusura delle impreseabr/sat/gtr

Ultim'ora
Inflazione stabile a novembre

Ultim'ora

Play Episode Listen Later Dec 16, 2022 1:22


Dopo la brusca accelerazione di ottobre, a novembre l'inflazione, che rimane a livelli che non si vedevano da marzo 1984, quando fu +11,9%, è stabile. Lo stima l'Istat, che registra un aumento dello 0,5% su base mensile e dell'11,8% annuo, come appunto a ottobre. sat/gtr

5 minuti di finanza
5mf_puntata 118_più liquidità del previsto

5 minuti di finanza

Play Episode Listen Later Dec 14, 2022 11:53


Strano a vedersi, ma considerato il saldo complessivo, c'è più liquidità del preventivabile nell'economia americana. Ho accennato all argomento nell'ultimo numero di zugzwang macro (shorturl.at/depxV). E' un doveroso argomento da considerare in questo momento in cui l'inflazione cala e gli indicatori macroeconomici vacillano per capire di che tipo di "recessione" stiamo ragionando.

RadioBorsa - La tua guida controcorrente per investire bene nella Borsa e nella Vita
Lettera #58.1 Lo strano caso del Vietnam: re della crescita ma cenerentola dei listini. Perchè?

RadioBorsa - La tua guida controcorrente per investire bene nella Borsa e nella Vita

Play Episode Listen Later Dec 14, 2022 8:02


La settimana attuale è particolarmente ricca di dati, dal tasso di inflazione statunitense alla decisione sui tassi di interesse delle principali banche centrali al mondo. Alcuni Dati comunicati si sono dimostrati sopra le attese visto che su base annuale, il dato generale dell'inflazione ha messo a segno un +7,1%, meno del 7,3% delle attese. E il dato "core" (ovvero quello depurato dalla componente dei prezzi dei beni alimentari ed energetici) è cresciuto del 6%, con le attese che erano per un +6,1%.Se guardiamo agli indici, dicembre non è iniziato benissimo e questo in contrasto alle statistiche che indicano l'ultimo mese dell'anno come quello dove storicamente (dal 1928 a oggi) ci sono maggiori probabilità di vedere rialzi (il 73%) piuttosto che ribassi.Le statistiche come le performance passate vanno poi sempre prese “cum grano salis” e quest'anno fra i mercati azionari peggiori come performance troviamo quello del Vietnam che quest'anno al momento sta perdendo circa il 34% dopo il +43% del 2021. E la Borsa del Vietnam sta andando perfino peggio di quella dello Sri Lanka, un paese emergente che quest'anno è scivolato in bancarotta.E le perdite sono state persino superiori a quelle dell'indice russo RTS, che sta subendo sanzioni internazionali a causa della guerra di aggressione contro l'Ucraina. E questo nonostante l'economia vietnamita stia andando benissimo e si prevede che il Pil possa crescere quest'anno dell'8%! Come ha commentato Mathias Peer, corrispondente del quotidiano tedesco Handelsblatt del sud-Est asiatico, che scrive sullo sviluppo economico dell'India e del sud-est asiatico “anche le storie di successo economico possono avere una brutta fine per gli investitori. In Vietnam, questa lezione viene insegnata agli investitori in modo particolarmente doloroso”.

WSI: La Notizia Del Giorno
Inflazione, Picco Raggiunto Ma Non Tornerà Ai Livelli Pre-Covid Per Anni

WSI: La Notizia Del Giorno

Play Episode Listen Later Dec 13, 2022 2:27


L'inflazione ha già raggiunto il picco, ma rimarrà al di sopra dei livelli pre-Covid per tutto il 2023. Ne è David Mann, capo economista per Asia-Pacifico, Medio Oriente e Africa presso ilMastercard Economics Institute che, in un'intervista alla CNBC, ha spiegato: “L'inflazione ha raggiunto il suo picco quest'anno, ma sarà ancora al di sopra di quello a cui eravamo abituatiprima della pandemia l'anno prossimo. Ci vorranno alcuni anni per tornare ai livelli del 2019. L‘inflazione è diventata una grande sfida ma sarebbe rischioso se le banche centrali finissero per aumentare i tassi più del necessario”.

Punto PMI: 7 Giorni in 10 Minuti
Misure Per Le famiglie e Flat Tax: Istruzioni Operative Della Manovra – 09/12/22

Punto PMI: 7 Giorni in 10 Minuti

Play Episode Listen Later Dec 9, 2022 12:48


In questa puntata vedremo insieme tutte le misure per le famiglie inserite nella manovra economica e ciò che c'è da sapere riguardo la flat tax.

RadioBorsa - La tua guida controcorrente per investire bene nella Borsa e nella Vita
Lettera #57 I mercati finanziari hanno scaricato le batterie dei monopattini elettrici

RadioBorsa - La tua guida controcorrente per investire bene nella Borsa e nella Vita

Play Episode Listen Later Dec 7, 2022 7:57


Dopo un alternarsi di trimestri di sofferenza per gli investitori azionari e obbligazionari sembra sia tornato un tono tutto sommato positivo sui mercati finanziari.A sostenere i listini l'indebolimento dell'inflazione negli Stati Uniti, interpretato come un segnale che la Federal Reserve statunitense non dovrebbe aumentare così tanto i tassi di interesse in futuro per combattere l'aumento dei prezzi. Negli ultimi giorni, poi, le autorità cinesi hanno ulteriormente allentato le restrizioni sanitarie, più recentemente nelle città di Shanghai e Hangzhou con l'indice di Hang Seng (+20,77% nell'ultimo mese) che è tornato ai massimi di tre mesi.Un'effettiva eventuale riapertura dell'economia cinese è una buona notizia per il mondo come quella di un rinculo serio dell'inflazione e anche il mercato obbligazionario sembra finalmente da alcune settimane tornato un luogo più frequentabile con prezzi non più in costante rottura. E il lato positivo è che i rendimenti offerti da diversi comparti sono diventati di nuovo attraenti. Negli Stati Uniti, ad esempio, i rendimenti dei titoli di stato decennali sono saliti dall'1,5% di 12 mesi fa al 3,8% all'anno attuale e questo sta cambiando radicalmente il mondo degli investimenti: l'acronimo TINA ("Non ci sono alternative (alle azioni)" ovvero in inglese “There Is No Alternative”) molto in auge verso la fine dell'anno scorso sembra ora da seppellire, il nuovo acronimo che inizia a circolare TAPA ("Ci sono molte alternative" ovvero in inglese “There Are Plenty of Alternatives”).E un chiaro effetto collaterale positivo di un rallentamento dovrebbe essere l'allentamento della pressione inflazionistica che nelle ultime settimane ha mostrato in diversi Paesi un qualche segnale di arretramento. Alcuni indicatori molto seguiti (come il 5-Year Breakeven Inflation Rate Usa) segnalano che l'inflazione potrebbe tornare al 2,4% entro il prossimo quinquennio e c'è chi si spinge fra gli economisti a vedere addirittura l'inflazione negli Stati Uniti al 2% entro la fine del 2023. Forse uno scenario un po' eccessivo considerato anche che esistono forze strutturali come la carenza di lavoratori qualificati, la deglobalizzazione e la decarbonizzazione, che assicureranno una certa pressione inflazionistica nei prossimi anni.

La Finanza in Soldoni
2022-80– Economia Europea Winter is Coming

La Finanza in Soldoni

Play Episode Listen Later Dec 6, 2022 5:04


La Finanza in Soldoni è un podcast di Informazione ed educazione finanziaria a cura di Massimo Famularo.Un recente editoriale dell'Economist ha proposto un'analisi sulle crisi energetica e geopolitica che l'Europa si trova ad affrontare e su come in conseguenza di queste sia plausibile che il posizionamento internazionale del “vecchio continente” ne risulti indebolito. Nonostante la positiva reazione all'invasione dell'Ucraina da parte della Russia possa essere considerata un motivo di orgoglio per la capacità di agire in modo coordinato e concreto a supporto del paese aggredito, va considerato che le nazioni europee nel 2023 si troveranno ad affrontare una congiuntura economica particolarmente avversa. Il settimanale britannico ipotizza che le tendenze in corso in materia di riorganizzazione del sistema energetico mondiale, il populismo economico americano e i mutamenti geopolitici in atto possano compromettere la competitività a lungo termine dell'Unione Europea e dei Paesi ad essa vicini come il Regno Unito.Segui i miei interventi su La Finanza in Soldoni in Podcast https://www.spreaker.com/show/la-finanza-in-soldonie Newsletter https://lafinanzainsoldoni.substack.com/e un libro che trovate in Libreria e nei principali Bookstore on line.https://www.amazon.it/finanza-soldoni-Massimo-Famularo/dp/8868492458/Leggi le "Storie di Tutti i colori più uno"https://www.amazon.it/Storie-tutti-colori-pi%C3%B9-uno/dp/B09F1G3WZP/Seguite i miei aggiornamenti via https://massimofamularo.com/https://www.youtube.com/c/MassimoFamularo/

Focus FISCO
LEGGE DI BILANCIO 2023: Le misure contro inflazione e caro bollette

Focus FISCO

Play Episode Listen Later Dec 6, 2022 4:07


Confermati gli incentivi per le impese e nuovo limite ISEE per il bonus bollette.

il posto delle parole
Federico Rampini "Il lungo inverno"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Dec 3, 2022 22:20


Federico Rampini"Il lungo inverno"https://www.mondadori.it/Guerra e shock energetico. Cambiamento climatico. Squilibri demografici e pressioni migratorie. Ricatti alimentari. Non è facile distinguere fra crisi vere e false Apocalissi annunciate da profeti interessati a gettarci nel terrore.Siamo entrati in un'era segnata dalla scarsità. Ci sentiamo assediati da ogni sorta di penuria. Mancano l'energia e spesso anche l'acqua. Alimenti essenziali costano più cari. Troppe aziende lamentano di non trovare lavoratori. Sullo sfondo c'è la decrescita della popolazione, che non risparmia la Cina. Con l'inflazione e il rialzo dei tassi diventa più rara e costosa la moneta. Quanto è reale, quanto è «fisica», oggettiva e palpabile, la scarsità in ciascuno di questi aspetti? Quanto è invece fabbricata, artefatta, il risultato di comportamenti e scelte politiche sbagliati? È irreversibile? O invece è un fenomeno temporaneo da cui usciremo come guarimmo da altre crisi? Il trauma, cominciato con la pandemia e aggravato dalla guerra in Ucraina, sarà solo l'inizio di una fase storica segnata da ristrettezze, sacrifici, razionamenti e tagli su tutto?Dalla profezia errata sulla fine dello sviluppo che fu l'ossessione degli anni Settanta, dovrebbe essersi insinuato fra noi un dubbio: che vedere dietro l'angolo l'Apocalisse imminente sia un tratto di civiltà decadenti.In Europa diverse opinioni pubbliche chiedono sempre più Stato. Gli aiuti erogati durante la pandemia sono un antipasto rispetto a tutto quel che viene richiesto ai governi per proteggerci dalle avversità. Uno Stato-mamma troppo invadente addormenta i riflessi vitali e non è efficiente, sono state proprio le scelte dei governi negli anni passati ad aver fabbricato questo disastro. L'Italia è il paese occidentale più vulnerabile alla tentazione statalista, per il suo debito pubblico già eccessivo; perché ha una burocrazia invadente e inetta; perché una parte della sua popolazione ha introiettato l'assistenzialismo come orizzonte di vita.I passaggi d'epoca, le grandi rotture storiche, si capiscono guardando a un triangolo fondamentale: energia, moneta, tecnologia (che include le armi). L'America domina ancora quel triangolo strategico. L'Europa arranca in ritardo. Ha le idee confuse, invischiate in dogmi e tabù. Ha più velleità che ambizioni. Ha il disarmo facile. E con il disarmo arriva la sottomissione. Il lungo inverno all'insegna di tante scarsità è anche inverno della ragione.Lo supereremo se attingiamo alle qualità del nostro modello, non se ammiriamo chi ci odia. Il lungo inverno può preludere a una stagione di creatività, in cui troveremo risposte innovative ai nostri problemi energetici ed economici.Federico Rampini, editorialista del «Corriere della Sera», è stato vicedirettore del «Sole 24 Ore», editorialista, inviato e corrispondente de «la Repubblica» a Parigi, Bruxelles, San Francisco, Pechino e New York. Ha insegnato alle università di Berkeley, Shanghai e alla Sda Bocconi. È membro del Council on Foreign Relations, il più importante think tank americano di relazioni internazionali. Come esperto di geopolitica è public speaker per The European House – Ambrosetti. Ha pubblicato più di venti saggi di successo, molti tradotti in altre lingue come i bestseller Il secolo cinese (Mondadori 2005) e L'impero di Cindia (Mondadori 2006). Tra i suoi libri più recenti, La seconda guerra fredda (Mondadori 2019), Oriente e Occidente (Einaudi 2020), Fermare Pechino (Mondadori 2021), Suicidio occidentale (Mondadori 2022) e America (Solferino 2022). Ha prodotto e interpretato spettacoli teatrali con suo figlio Jacopo, attore: Trump Blues e A cosa serve l'America.IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

Market Mover
Inflazione, il peggio è davvero alle spalle?

Market Mover

Play Episode Listen Later Dec 1, 2022 10:11


A novembre la crescita dei prezzi al consumo nell'Eurozona è stata inferiore alle aspettative e la Bce potrebbe avere un approccio più cauto sul fronte dei tassi

Start - Le notizie del Sole 24 Ore
Ucraina, dopo 9 mesi ora è la guerra dei blackout

Start - Le notizie del Sole 24 Ore

Play Episode Listen Later Dec 1, 2022 6:17


I russi hanno perso il 54% dei territori conquistati e ora cambiano strategia, con un conflitto di posizione e più energetico. Inflazione ancora molto elevata in Italia: +11,8% annuale, mentre primo rallentamento Ue. In chiusura la ricetta europea per tutelare la vera pizza napoletana

5 minuti di finanza
5mf_puntata 116_chiaroscuri anche per l'Europa

5 minuti di finanza

Play Episode Listen Later Nov 30, 2022 12:16


Anche per l'Europa la situazione complessiva ha differenti nuance. Prendo in considerazioni gli ambiti principali: cosa attendersi dalla B.C.E., la performance positiva degli indici azionari, la situazione attuale e le prospettive sull'inflazione, il ricorso alle garanzie sul credito.Per completezza vi invito a leggere l'ultimo numero di Zugzwang Macro dedicato sempre al dollaro e anche alla coppia EUR/USD --> https://tinyurl.com/mtvt487z

Focus economia
Inflazione a novembre stabile a +11,8%, scende nell'Eurozona

Focus economia

Play Episode Listen Later Nov 30, 2022


Nessuna frenata, solo uno stop alla corsa del dato annuo. Nelle stime preliminari Istat l indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (Nic), al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,5% su base mensile e dell'11,8% su base annua (come nel mese precedente). Su base mensile si tratta così del settimo aumento consecutivo e nel confronto annuo non vi è alcun arretramento, per un dato (11,8%) che in Italia non si vedeva dal lontano 1984. "L'inflazione acquisita per il 2022 - scrive l'Istat - è pari a +8,1% per l'indice generale e a +3,7% per la componente di fondo". Di contro, sempre l'istituto di ricerca, conferma le stime di ottobre per quanto riguarda il prodotto interno lordo: nel terzo trimestre del 2022 l'economia italiana è cresciuta dello 0,5% rispetto ai tre mesi precedenti e del 2,6% rispetto allo stesso periodo del 2021, con una crescita acquisita per l'intero 2022 pari al 3,9%. Secondo Istat 'tirano' consumi e turismo, giù l'industria. D'accordo l'Ufficio Studi di Confcommercio, secondo il quale, in questa fase, il turismo è una "diga contro la recessione. Ne parliamo proprio il direttore dell'Ufficio studi Confcommercio, Mariano Bella. Mezzo milioni di poveri al sud a causa del caro energia. 1,2 milioni di giovani hanno lasciato il Mezzogiorno Oltre 760.000 potenziali nuovi poveri per lo shock energetico, di cui mezzo milione al Sud. È lo scenario delineato nel Rapporto Svimez 2022, giunto alla sua 49esima edizione, presentato, lunedì 28 novembre, alla Camera dei Deputati. Il mezzogiorno rischia la recessione. Nel 2023 il PIL meridionale si contrarrebbe fino a -0,4%, mentre quello del Centro-Nord, pur rimanendo positivo a +0,8%, segnerebbe un forte rallentamento rispetto al 2022. Il dato medio italiano dovrebbe attestarsi invece intorno al +0,5%. Il 2024 dovrebbe essere un anno di ripresa sulla scia del generale miglioramento della congiuntura internazionale, unitamente alla continuazione del rientro dall'inflazione. Si stima che il Pil aumenti nel 2024 dell'1,5% a livello nazionale, per effetto del +1,7% nel Centro-Nord e dello +0,9% al Sud. Un altro elemento che emerge dall indagine riguarda l ambito della formazione, e in particolare l università. Secondo Svimez, infatti, nel 2041 il Mezzogiorno perderà il 27% degli iscritti, il Centro Nord circa il 20%. Negli ultimi vent'anni circa 1,2 milioni di giovani ha lasciato il Mezzogiorno. Uno su 4 è laureato. Ne parliamo con Luca Bianchi, direttore dello Svimez. Bruxelles. Nuovo regolamento sul packaging. L'industria Ue dell'imballaggio boccia il piano Bruxelles ha presentato oggi la proposta di regolamentosul packaging e punta sul riuso e il 'vuoto a rendere' per bottiglie di plastica e lattine in alluminio. L'obiettivo è ridurre i rifiuti di imballaggio del 15% pro-capite per ogni Paese entro il 2040. Secondo la proposta di regolamento, entro il 2030 il 20% delle vendite di bevande take-away dovrà essere servito in imballaggi riutilizzabili o usando i contenitori dei clienti, per arrivare all'80% nel 2040. La proposta regolamento da tempo è al centro di allarmi in alcuni paesi e, in particolare, in Italia paese leader nel settore del riciclo perché si preferirebbe il riuso dei materiali al riciclo. Tra le contestazioni la scelta Ue di procedere con un regolamento, con il quale vengono rese immediatamente applicabili le norme che, in ogni caso, saranno oggetto di negoziato tra Consiglio e Parlamento Ue. L'industria dell'imballaggio Ue boccia il piano di Bruxelles. "La proposta rischia di andare contro gli obiettivi del Green Deal, riportando indietro le lancette dell'orologio del riciclo e compromettendo la funzionalità degli imballaggi nel proteggere i prodotti e prevenire i rifiuti", evidenzia l'organizzazione di categoria, Europen, che tra i suoi membri conta anche Ferrero. Ne parliamo con Armido Marana, Vice presidente di Confindustria Vicenza con Delega alla Sostenibilità.

Caffè e mercati
Caffè e mercati, mercoledì 30 novembre 2022

Caffè e mercati

Play Episode Listen Later Nov 29, 2022 1:12


Inflazione elevata, rallentamento della crescita possono significare stagflazione.

Ultim'ora
Caro energia e inflazione, la povertà accelera al Sud

Ultim'ora

Play Episode Listen Later Nov 28, 2022 1:22


Con il caro energia e la corsa dell'inflazione, il rischio di aumento delle famiglie povere è nettamente più forte al Sud rispetto alle altre zone del Paese. È quanto emerge dal rapporto Svimez 2022. sat/gsl

Market Mover
Inflazione e recessione, una scure sui portafogli

Market Mover

Play Episode Listen Later Nov 14, 2022 12:45


L'inflazione in Italia è all'11,9%, e per l'anno prossimo è prevista recessione. Questo cocktail può essere esplosivo per gli investitori, che non affrontano uno scenario macro così negativo da oltre trent'anni. Paolo Pizzoli, senior economist di Ing Bank, spiega quale potrà essere il quadro di riferimento per i mercati nei prossimi mesi e quali sono i fattori da monitorare

24 Mattino - Le interviste
Governo tra inflazione e migranti

24 Mattino - Le interviste

Play Episode Listen Later Nov 8, 2022


L'inflazione minaccia la crescita economica come ha ribadito anche il vicepresidente dell'esecutivo Valdis Dombrovskis: "un rallentamento dell'economia, un indebolimento dell'economia ed alta inflazione". La crescita dei tassi annunciata come temporanea preoccupa però famiglie ed imprese.Ne parliamo alle 8:15 con Antonio Patuelli, presidente ABI - Associazione Bancaria Italiana. Prosegue, dopo la selezione tra i naufraghi voluta dal ministero dell'Interno, il braccio di ferro con le navi delle ong che restano ferme nel porto di Catania.Ne parliamo alle 8:45 con Francesco Creazzo, portavoce SOS Mediterranée.

Start - Le notizie del Sole 24 Ore
Crisi energetica e inflazione: ecco come cambiano le supply chain globali

Start - Le notizie del Sole 24 Ore

Play Episode Listen Later Nov 7, 2022 11:42


Il reshoring delle imprese italiane è mito o realtà? Cosa sono i nuovi modelli di “replicazione” delle catene di fornitura? Qual è il ruolo giocato dalla tecnologia? Risponde Antonella Moretto del Polimi Graduate School of Management

Due di denari
Educazione finanziaria al femminile e investire informati

Due di denari

Play Episode Listen Later Nov 3, 2022


Violenza economica, nei venerdì di novembre un ciclo di incontri al Museo del risparmio di Torino - visibili in streaming - per imparare a riconoscere le diverse forme di violenza di genere. Giovanna Paladino, direttrice e curatrice del Museo, ci illustra l'iniziativa. Inflazione, prospettive dei mercati per i mesi a venire con l'annuncio della recessione, l'andamento delle obbligazioni e le opportunità degli asset reali. Sono alcuni dei temi del nostro approfondimento del giovedì dedicato ai consigli per Investire informati, che ha come protagonista Alessandro Gandolfi, Managing director & Head of Italy di Pimco.

ANSA Voice Daily
Cibo, italiani spreconi (e anche inquinatori)

ANSA Voice Daily

Play Episode Listen Later Oct 31, 2022 3:09


Secondo Eurostat la media è di 146 kg a testa, oltre quella europea. Ed emerge che non è solo una questione alimentare, ma pure di ambiente ed energia

Prima Pagina
L'arma nucleare di Putin; come si ferma il caro prezzi; in coma a otto per le botte del patrigno: 3 ottobre di Italo Carmignani

Prima Pagina

Play Episode Listen Later Oct 3, 2022 11:06


Il sottomarino con missili nucleari di Putin @mauroevangelisti; inflazione, ecco quando si fermerà @lucacifoni; il richiamo all'ambasciatore russo @francescomalfetano; in coma a otto anni per colpa del patrigno #@Claudiaguasco

Focus economia
Accordo Ue sulle misure contro il caro energia. Manca il tetto al prezzo del gas

Focus economia

Play Episode Listen Later Sep 30, 2022


I ministri europei dell'Energia hanno raggiunto un accordo politico sulle misure per mitigare gli alti prezzi dell'elettricità: taglio dei consumi, tetto agli extra-ricavi per i produttori di energia elettrica e il contributo di solidarietà dei produttori di combustibili fossili.Per il taglio ai consumi si prevede sia del 10% della domanda di elettricità, con una quota del 5% nelle ore di punta, tra dicembre 2022 e marzo 2023. Sugli extra-ricavi si prevede un tetto di 180 euro a megawatt per le grandi compagnie energetiche che producono elettricità da fonti a basso costo come rinnovabili, nucleare e carbone. Le compagnie dell'oil&gas dovrebbero poi versare una tassa sulla base dei profitti straordinari realizzati nel 2022, calcolati sulla base degli ultimi 4 anni a partire dal 2018.Resta aperto il nodo del tetto al prezzo del gas. La proposta della Commissione riguarda al momento solo il gas russo, mentre 15 capitali tra cui Italia e Francia chiedono un tetto generalizzato a tutte le importazioni.Infine, un'altra misura richiesta dai Paesi è l'introduzione di un nuovo indice Ue parallelo al Ttf che rifletta meglio il mercato mondialeAscoltiamo il commento di Adriana Cerretelli - editorialista del Sole 24 Ore. Inflazione record in Italia, incidono gli alimentari Le stime preliminari diffuse dall'Istat registrano per il mese di settembre un balzo dell'inflazione del +8,9% su base annua. A spiegare l'accelerazione dei prezzi non sono solo gli "energetici", ma soprattutto i beni del cosiddetto "carrello della spesa" ai massimi dal luglio 1983. I prezzi degli alimentari segnano infatti un +11,5% (ad agosto si era registrato un +10,1%). Ne parliamo con Mariano Bella, direttore Ufficio studi Confcommercio

3Fattori
Ep. 423 - Banche centrali, inflazione, elezioni

3Fattori

Play Episode Listen Later Sep 23, 2022 11:37


Parto dalla settimana delle banche centrali. Perché alzare i tassi abbassa l'inflazione? Che meccanismo c'è dietro. Poi vado sulle valute. Un appello sulle elezioni: andiamo a votare

24 Mattino - Le interviste
Il pericolo inflazione

24 Mattino - Le interviste

Play Episode Listen Later Sep 22, 2022


L'aumento dei prezzi energetici, l'inflazione, la guerra ed il rialzo dei tassi d'interesse preoccupano il Governo. Approvato il terzo decreto aiuti per famiglie ed imprese. Prosegue intanto la campagna elettorale ormai agli ultimi giorni.Ne parliamo con Andrea Orlando, ministro del lavoro e delle politiche sociali.

INSIDE FINANCE
Breve storia del futuro finanziario | Seconda parte. Alessandro Fugnoli, Strategist di Kairos e Autore della newsletter "Il Rosso e il Nero"

INSIDE FINANCE

Play Episode Listen Later Sep 20, 2022 60:43


Nell'episodio di oggi la seconda parte, un anno dopo, dell'intervista ad Alessandro Fugnoli, Strategist del Gruppo Kairos e autore del famoso settimanale sulla finanza e sulla strategia d'investimento “Il Rosso e il Nero”. Laureato in Filosofia presso l'Università Statale di Milano, una carriera alle spalle trentennale in strategie di investimento. Prima di Kairos in Merrill Lynch, Gestnord Fondi, Caboto Group e Abaxbank.Kairos, società del Gruppo Julius Baer, è una società nata nel 1999 come un'iniziativa imprenditoriale nel settore del risparmio gestito, con Assets Under Management di 5,6 miliardi di Euro; le sue principali sedi sono a Milano, Roma, Torino e Londra.Nel corso dell'intervista viene presentata la storia di come i mercati finanziari interagiscono nell'economia odierna in rapporto ai tempi passati, in particolare mettendo in evidenza il super ciclo economico in cui stiamo entrando, che spiega il cambio di paradigma dei tempi moderni.Argomento centrale dell'intervista è il ruolo delle banche centrali e della politica monetaria. Non mancheranno osservazioni sugli attuali sviluppi tecnologici e sulle evoluzioni del mercato del lavoro.Un'intervista senza dubbio da non perdere, nello stile Inside Finance.Riportiamo per comodità la prima parte dell'intervista, dell'ottobre 2021:Spotify: https://open.spotify.com/episode/3ToGSiwXQOKnWbyA2yYA2nApple Podcast: https://podcasts.apple.com/it/podcast/breve-storia-del-futuro-finanziario-prima-parte-alessandro/id1537964956?i=1000539921010Google Podcast: https://podcasts.google.com/feed/aHR0cHM6Ly93d3cuc3ByZWFrZXIuY29tL3Nob3cvNDY0MjkyNS9lcGlzb2Rlcy9mZWVk/episode/aHR0cHM6Ly9hcGkuc3ByZWFrZXIuY29tL2VwaXNvZGUvNDcxODQwNzI?sa=X&ved=0CAIQuIEEahgKEwio_vKzuKr6AhUAAAAAHQAAAAAQjwIAmazon Music: https://music.amazon.it/podcasts/e1bb2a09-2549-48c7-b75e-848261aa8819/episodes/14071538-9ab4-471f-be2d-b209cb5b2550/inside-finance-breve-storia-del-futuro-finanziario-prima-parte-alessandro-fugnoli-strategist-di-kairos-e-autore-della-newsletter-il-rosso-e-il-neroSpreaker: https://www.spreaker.com/user/vincenzomarzetti/fugnoli-kairos-integraleAudible: https://www.audible.it/pd/Breve-storia-del-futuro-finanziario-Intervista-ad-Alessandro-Fugnoli-Strategist-di-Kairos-e-Autore-della-newsletter-Il-Rosso-e-il-Nero-Podcast/B09K6JGHNF?ref=a_pd_INSIDE_c1_lAsin_7_6Ricordiamo la comodità del formato podcast come occasione unica di cultura economico-finanziaria, di aggiornamento professionale e di crescita personale.Per maggiori informazioni www.zeroinit.

Focus economia
Inflazione e incertezza non frenano i prezzi delle case

Focus economia

Play Episode Listen Later Sep 19, 2022


Nel secondo trimestre del 2022 l'indice dei prezzi delle abitazioni (IPAB) acquistate dalle famiglie, per fini abitativi o per investimento, aumenta del 2,3% rispetto al trimestre precedente e del 5,2% nei confronti dello stesso periodo del 2021. Aumentano anche i volumi di acquisto. Secondo l'Osservatorio del Mercato Immobiliare dell'Agenzia delle Entrate per il settore residenziale registrano un +8,6% tendenziale dei volumi di compravendita, sempre nel secondo trimestre 2022. Commentiamo questi dati conLuca Dondi, A.D. di Nomisma. Grandi dimissioni all'italiana, 1 milione via dal lavoro ma senza cambiare vita Le dimissioni in Italia continuano a crescere. Sono 1,080.245 quelle registrate dall'Inps nei primi sei mesi del 2022 con un aumento del 31,73% rispetto allo stesso periodo del 2021. Nel primo trimestre, segnala Inps, sono state 560mila, di cui 307 mila. L'anno scorso, nella doppio del tempo (12 mesi), si è toccato il record di 1 milione e 133 mila addii senza rimpianti. Si tratta della versione italiana del fenomeno americano noto come "The Great Resignation" o è la naturale conseguenza di un'economia che ha corso come non faceva da decenni? Ne parliamo con Andrea Garnero, economista presso il Dipartimento Lavoro e Affari Sociali dell'OCSE e Francesco Armillei, dottorando in economia presso l'Università Bocconi e socio del think-thank Tortuga. Per il 2023 previsione Pil sotto il +1% 20 miliardi in meno per la manovra Il nuovo esecutivo dovrà confrontarsi subito con la nota di aggiornamento del documento di economia e finanza, tenendo conto che le previsioni di crescita nel 2023 sono stimate sotto l'1%. La Nadef, cioè il documento che fissa la cornice ufficiale su cui andrà costruita la manovra, stimerà per l'anno prossimo una crescita nettamente inferiore all'1%, dopo un 2022 che si dovrebbe chiudere poco sopra il 3% con un terzo trimestre meno brillante delle ipotesi estive e un quarto che secondo molti analisti potrebbe chiudersi in negativo. I decimali sono ancora in fase di limatura ma sicuramente sarà ben sotto il 2,4 % indicato dal Def. Quasi due punti di crescita in meno producono in modo "automatico" un aumento di deficit intorno ai 20 miliardi, cioè l'1% abbondante di Pil. Facciamo il punto con Gianni Trovati, del Sole 24 Ore.

Focus economia
Chi fa da sé fa per tre. Le imprese si procurano il gas da sole

Focus economia

Play Episode Listen Later Sep 9, 2022


È stato presentato giovedì scorso, 1 settembre, al ministero dell'Ambiente da Smart gas, un consorzio di imprese del nord est, un progetto molto concreto per far fronte all'emergenza energetica. Verrà acquistata una nave gasiera che verrà posizionata a venti miglia nautiche al largo di Caorle, in Veneto, per immagazzinare 144 mila metri cubi di gas metano liquido. Un vero e proprio "magazzino" o "riserva" a largo della costa veneta che vorrebbe arrivare a coprire il 50% del consumo di gas di ogni impresa utente. Ne parliamo con uno dei promotori Alessandro Vescovini, anche presidente della Sbe Varvit. Maggioranza Ue per price cap ma la Germania è contraria: tutto rimandato I ministri Ue dell'Energia hanno chiesto che entro metà settembre la Commissione europea tra l'altro "proponga interventi di emergenza e temporanei, incluso il price cap sul gas'. È quanto si legge nelle conclusioni del vertice straordinario dei ministri dell'Energia europei. Tra i contrari però c'è la Germania che, per bocca del ministro dell'Economia tedesco, Robert Habeck, ha spiegato che "Un tetto al prezzo del gas in questo momento non è corretto". Facciamo il punto con Adriana Cerretelli, editorialista del Sole 24 Ore. Inflazione da offerta, è giusto rialzare i tassi? Intanto l'Europa impantanata sul tetto del gas Dopo la decisione di alzare i tassi con un inconsueto balzo di 0,75 punti percentuali, la presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha spiegato che l'inflazione è principalmente da offerta e ha riconosciuto le sue colpe per non aver agito prima. Ma la ricetta giusta è effettivamente quella di rialzare i tassi? Intanto l'Europa è bloccata sul tetto al gas anche per l'opposizione di Berlino. Sentiamo cosa ne pensa delllo scenario attuale stretto fra prezzi del gas e inflazione il professor Giulio Sapelli docente dell'Università Statale di Milano.

Notizie a colazione
Ven 9 set | Cos'è un rigassificatore? Le posizioni su Piombino; La regina dei due secoli; Inflazione, come cambiano i consumi e lo stile di vita degli italiani

Notizie a colazione

Play Episode Listen Later Sep 9, 2022 25:17


SBS Italian - SBS in Italiano
Costo della vita in aumento, governo e parlamento cercano soluzioni

SBS Italian - SBS in Italiano

Play Episode Listen Later Sep 6, 2022 5:49


Inflazione e tassi d'interesse in continua crescita e salari stagnanti stanno mettendo alla prova molti e molte in Australia. Aumentano le pressioni sul governo Albanese, che riconosce la limitatezza delle risorse a disposizione.

SBS Italian - SBS in Italiano
Inflazione all'8% in Italia, che cosa aspettarsi nei prossimi mesi

SBS Italian - SBS in Italiano

Play Episode Listen Later Jul 20, 2022 11:00


Secondo il Centro studi di Confindustria per l'economia italiana si prospetta uno scenario incerto e, soprattutto, un'allerta per l'inflazione, che resterà alta a lungo. Il docente di Finanza alla UNSW di Canberra Max Tani spiega quali sono le ripercussioni a lungo termine.