Podcasts about Parigi

  • 785PODCASTS
  • 3,216EPISODES
  • 29mAVG DURATION
  • 1DAILY NEW EPISODE
  • Jan 19, 2023LATEST

POPULARITY

20152016201720182019202020212022

Categories



Best podcasts about Parigi

Show all podcasts related to parigi

Latest podcast episodes about Parigi

Focus economia
La Francia sciopera contro la riforma delle pensioni

Focus economia

Play Episode Listen Later Jan 19, 2023


Prima giornata di sciopero in Francia contro la riforma delle pensioni, una prova di forza per Emmanuel Macron, con l'allungamento da 62 a 64 anni dell'età pensionabile come principale provvedimento che suscita la protesta delle opposizioni e dei sindacati. I trasporti, le scuole, gli ospedali, oltre a raffinerie e stazioni di servizio, sono i settori più colpiti dall'agitazione. I lavoratori del settore pubblico dell'elettricità EDF hanno calato la produzione dell'energia annunciando "oltre 7.000 megawatt di calo di produzione senza alcun impatto sugli utenti". Il ministero dell'Interno ha mobilitato 10.000 fra poliziotti e gendarmi per far fronte ad una mobilitazione che potrebbe raggiungere il milione di persone. A Parigi, corteo dalle 14 da place de la République alla Bastiglia, fino a place de la Nation. Emmanuel Macron oggi è in Spagna per un incontro fissato da tempo per la firma del Trattato di Bacellona, se la situazione dovesse complicarsi potrebbe rientrare in fretta. L'età pensionabile salirebbe fino a 64 anni nel 2030, con un aumento progressivo da subito di 3 mesi ogni anno. Ricordiamo che in Italia e Germania (nel 2031) l'età pensionabile è a 67 anni, in Spagna 66 (ma nel 2031 a 67) e in Francia appunto a 62. In media nella zona euro l'età di pensionamento è a 64,99 anni. Ne parliamo con Danilo Ceccarelli, collaboratore del Sole 24 ore da Parigi. Al via Vicenzaoro dal 20 al 24 gennaio. Export del settore +27% nei primi mesi del 2022 Apre domani, venerdì 20 gennaio, sino a martedì 24 gennaio, VOJ Vicenzaoro January The Jewellery Boutique Show l appuntamento internazionale di riferimento in Europa del settore orafo-gioielliero. Ci si aspetta la più grande Vicenzaoro in quasi 70 anni di storia dato che ci saranno oltre 1.300 brand espositori provenienti da 36 Paesi. La fiera ospita i top brand della gioielleria di alta gamma e il meglio dell'orificeria made in Italy. Il 40% proviene dall'estero. 400 i buyer da oltre 60 paesi. Il dato che spicca è quello che riguarda l'export: +27,2% in valore nei primi 9 mesi del 2022 rispetto allo stesso periodo 2021. E +41,4% se confrontato con lo stesso periodo 2019. Atteso il ministro delle imprese e del Made in Italy Adolfo Urso nella cerimonia di apertura. Approfondiamo il tema conMarco Carniello, Global Exhibition Director per la divisione Jewellery&Fashion di Italian Exhibition Group. Snam: balzo degli investimenti a 10 miliardi per rafforzare la sicurezza energetica Un occhio puntato sul breve periodo per continuare a gestire l emergenza scatenata dalla decisione della Russia di ridurre progressivamente le forniture di gas. E un altro focalizzato sulla media-lunga distanza con l obiettivo di rafforzare gli asset strategici per la sicurezza energetica del Paese. Al servizio del quale Snam si è posta con decisione negli ultimi mesi, con l arrivo di Stefano Venier al timone. Si muove su questo doppio livello il nuovo piano strategico del gruppo, presentato oggi, giovedì 19 gennaio, al mercato, il primo firmato dal nuovo ad e che prevede un balzo degli investimenti, con uno sforzo di 10 miliardi da qui al 2026 (+23%). Accanto allo sforzo destinato alla rete di trasporto, Snam concentrerà 1,3 miliardi nell ampliamento e rinnovo dei siti di stoccaggio, a partire da Alfonsine (Ravenna), che farà salire del 15% la capacità su questo versante, mentre 1,4 miliardi serviranno sul fronte del Gnl con un significativo aumento legato all acquisto che il gruppo ha realizzato su mandato del governo di due rigassificatori galleggianti, destinati a Piombino e a Ravenna, e dei relativi investimenti infrastrutturali. Ne parliamo con Stefano Venier, amministratore delegato di Snam.

Effetto giorno le notizie in 60 minuti
Bonomi: "Ripresa robusta nel secondo semestre"

Effetto giorno le notizie in 60 minuti

Play Episode Listen Later Jan 19, 2023


Perquisito il secondo "covo" di Messina Denaro. Le ultime con Nino Amadore, corrispondente del Sole 24 Ore da Palermo. Francesi in sciopero contro la riforma delle pensioni proposta da Macron che innalzerebbe l'età dell'addio al lavoro da 62 a 64. Ci colleghiamo con Parigi dove c'è Danilo Ceccarelli. Il presidente di Confindustria Bonomi a Radio 24: "Si va verso una ripresa robusta". Dal World Economic Forum di Davos altra buona notizia: l'inflazione avrebbe ormai raggiunto il picco. A Davos anche Greta Thunberg che attacca i grandi gruppi energetici. Il commento di Alberto Orioli, vicedirettore del Sole 24 Ore.

Focus economia
Il ruolo della distribuzione: assorbe 4 miliardi di inflazione

Focus economia

Play Episode Listen Later Jan 16, 2023


Si è tenuta oggi a Milano la conferenza stampa che anticipa i dati del Paper realizzato da The European House-Ambrosetti per ADM - Associazione Distribuzione Moderna, dal titolo "L'Italia di oggi e di domani: il ruolo sociale ed economico della distribuzione moderna". I dati presentati dimostrano la distribuzione come argine all'inflazione, impulso al fatturato della filiera agroalimentare, occupazione e sostegno al PIL. Quello che emerge dallo studio è che nel 2022 le aziende della distribuzione moderna hanno assorbito 3,9 miliardi di euro di inflazione consentendo un risparmio fino a 77 euro al mese a famiglia. E che per le famiglie meno abbienti la variazione dei prezzi del paniere medio pesa per un +17,5% rispetto a un anno fa, che scende fino a un +9,6% per le famiglie più abbienti, con una media nazionale dell'11,6%. Ne parliamo conValerio De Molli, Managing Partner & CEO di The European House - Ambrosetti.Big Tech in crisi Dall'inizio del 2021 fino alla chiusura dell'anno le società della Silicon Valley hanno registrato licenziamenti per oltre 150.000 persone. Le Big Tech, da Alphabet-Google a Apple passando da Netflix, Amazon, Meta e Microsoft, nell'ultimo anno hanno perso oltre tremila miliardi di dollari di valore di mercato nell'ultimo anno. Ciononostante questi grandi gruppi hanno creato molti più posti di lavoro negli ultimi anni di quanti non ne distruggano adesso. E anche dopo un 2022 molto negativo, i colossi tecnologici hanno comunque generato oltre cinquemila miliardi di dollari di valore di Borsa in circa dieci anni. Ma è indubbio che la loro crescita esponenziale sempre essersi fermata. Approfondiamo il tema con l'appuntamento settimanale con "Dietro la notizia", la rubrica di Alessandro Plateroti, direttore di Notizie.it.Tim, il segnale di Vivendi: dimissioni di De Puyfontaine dal CdaDimissioni dal Cda Tim di Arnaud de Puyfontaine. Come anticipato sul sito del Sole 24 Ore il ceo di Vivendi e consigliere d'amministrazione di Telecom Italia dal 2015 ha rassegnato le sue dimissioni «irrevocabili» dal board della società di cui la media company francese è primo azionista con il 23,75%. La decisione sarebbe stata presa a valle di una riunione stamattina, nella mattinata di lunedì 16 gennaio, a Parigi.Il titolo Telecom Italia, intanto, sale dello 0,8% a metà mattinata, poi accelera oltre il 3% a 0,26 euro a Piazza Affari per 5,4 miliardi di capitalizzazione. La borsa, infatti, considera la mossa un segnale in vista della riunione del Consiglio d'amministrazione previsto per il prossimo 18 gennaio 2023. De Puyfontaine ha confermato che «Tim e l Italia restano centrali nei piani di investimento di Vivendi», le dimissioni potrebbero essere un endorsement nei confronti del Governo. Ne parliamo con Andrea Biondi de il Sole 24 Ore.

Prima Pagina
Il Monza sbarca in Parlamento; Roma e Napoli niente tifosi in trasferta; l'assalitore di Parigi: 12 gennaio di Italo Carmignani

Prima Pagina

Play Episode Listen Later Jan 12, 2023 18:42


Il #Monza in #Parlamento con #Berlusconi @francescobechis; #Tifoserie di #Napoli e #Roma niente trasferte @cristianamangani; L'assalitore di #Parigi ecco chi è @francescapierantozzi; #America con 4600 voli in meno per colpa di un attacco informatico @annaguaita; #Goldenglobe ecco come è andata @gloriasatta; #Moltosalute del Messaggero: dieci trucchi per dimagrire @alessandracamilletti

Tutti Convocati
Inter, ci pensa Acerbi

Tutti Convocati

Play Episode Listen Later Jan 11, 2023


Un ottavo di fatica in Coppa Italia per l'Inter a San Siro, contro il Parma del vecchio (ma sempre buono) Buffon: prima si ritrova in svantaggio 1-0 col gol di Juric, poi agguanta il pari con Lautaro. Templi supplementari, tempi maturi per un altro uomo maturo, quindi tempi Acerbi che infila il 2-1 definitivo con un colpo di testa quasi da fuori area. E nel frattempo a Milano tramonta ancora l'idea stadio. Ne parliamo col tifoso nerazzurro Beppe Severgnini. La Milano del calcio (almeno da una parte) può sorridere, quella del basket un po' meno, perché arriva l'ennesima sconfitta in Eurolega per Milano. E alla Virtus non va meglio... il punto sulla serataccia delle italiane della palla a spicchi con Andrea Tosi della Gazzetta. C'eravamo tanto amati... Ancelotti e Gattuso si affrontano con Real e Valencia in Supercoppa di Spagna e le dichiarazioni della vigilia lasciano trasparire vecchie ruggini non eliminate dopo l'avvicendamento sulla panchina del Napoli. Intanto, in Francia impazza la bufera sul Presidente Federale Le Graet, sospeso dopo le accuse di molestie sessuali e alcune infelici uscite su Zidane e Benzema. Pagina bollente di esteri con Filippo Maria Ricci da Madrid e Danilo Ceccarelli da Parigi.

Ultim'ora
Tg News - 11/1/2023

Ultim'ora

Play Episode Listen Later Jan 11, 2023 4:20


In questa edizione:- Parigi, attacco alla stazione ferroviaria: diverse persone ferite- Decreto carburanti, più trasparenza sui prezzi
- Migranti, la Ocean Viking giunta ad Ancona- Mercato immobiliare, in Italia acquisti e prezzi in crescitaabr/gtr

Ultim'ora
Parigi, attacco alla stazione ferroviaria: diverse persone ferite

Ultim'ora

Play Episode Listen Later Jan 11, 2023 0:59


Un uomo ha ferito sei persone alla stazione ferroviaria Gare du Nord di Parigi. L'attentatore è stato arrestato subito dopo l'attacco, avvenuto poco prima delle sette. Tra i feriti anche un agente di polizia. Un punteruolo l'arma utilizzata.abr/gtr

il posto delle parole
Sara De Simone "Nessuna come lei"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Jan 8, 2023 31:58


Sara De Simone"Nessuna come lei"Katherine Mansfield e Virginia WoolfStoria di un'amiciziaNeri Pozza Editorehttps://neripozza.itRegina del racconto breve, Katherine Mansfield a 100 anni dalla nascita è una grande voce ancora da esplorare.Morta di tubercolosi a Fontainebleau, vicino a Parigi, il 9 gennaio 1923, a soli 34 anni, ha avuto un'infanzia felice che è diventata fonte di ispirazione delle sue storie ma una vita segnata dall'esilio, il dolore e la battaglia contro la tisi.Nel luglio del 1916, Garsington, la villa di campagna della patrona delle arti Ottoline Morrell, non è solo un rifugio per obiettori di coscienza in piena Prima guerra mondiale, ma un vero e proprio teatro dove, settimana dopo settimana, approda «una compagnia di giro», pronta a esibirsi senza pudore. C'è chi legge Keats ad alta voce, chi dipinge nudi en plein air, chi alleva maiali, chi scrive opuscoli contro la leva obbligatoria. E poi c'è lei, Katherine Mansfield, detta anche Lili Heron, Elizabeth Stanley, Julian Mark, Boris Petrovsky, Matilda Berry: tutti nomi con cui è solita firmare i suoi racconti e poesie. Lytton Strachey, l'eccentrico scrittore del circolo di Bloomsbury, la trova «decisamente interessante», Bertrand Russell la definisce «una mente brillante», per Leonard Woolf è «straordinariamente divertente». L'unica che sembra non subire il suo fascino è proprio Virginia Woolf. «Mi tampina da tre anni» dice con aria snob, a proposito di quella «straniera» che arriva dalle colonie, indossa gonne corte e intona black spirituals accompagnandosi con la chitarra. Ma è questione di pochi mesi: nonostante le iniziali resistenze, qualcosa di misterioso e intenso scatta fra le due scrittrici, qualcosa che le uní a tal punto da fare di Katherine Mansfield una delle prime autrici pubblicate dalla Hogarth Press, la casa editrice dei coniugi Woolf. Qualcosa che Virginia stessa avrebbe definito come una «stranissima sensazione di eco». Questo libro, arricchito di numerosi materiali inediti in Italia, è la storia di quel nucleo misterioso e intenso al cuore della loro amicizia.«Entrambe mettevano la letteratura al primo posto. E questa non era un'affinità come un'altra: era tutto. Era come essere partecipi di un rito segreto, come camminare sulle stesse zolle di terra incandescente, dove nessun altro osava avventurarsi».«Mio Dio, Virginia, adoro pensare a te come un'amica». Katherine Mansfield"Sara De Simone ha conseguito un dottorato in Letterature comparate alla Scuola Normale Superiore di Pisa. Ha tradotto con Nadia Fusini il carteggio tra Virginia Woolf e Vita Sackville-West (Scrivi sempre a mezzanotte, Donzelli 2019). Si occupa di critica letteraria sulle pagine culturali de il manifesto e Il Tascabile. È vicepresidente dell'Italian Virginia Woolf Society.IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it

gianni salvioni's show
Allez chez Salvioni 8 gennaio 2023

gianni salvioni's show

Play Episode Listen Later Jan 8, 2023 57:30


Parliamo di: Lipstick, Afantasia, Bandiera bianca, Butler e non solo...

Se potevi cambiarmi il carattere, nascevo WORD
Ep. 279 - Vado a Parigi e Sonia mi lancia le baguette

Se potevi cambiarmi il carattere, nascevo WORD

Play Episode Listen Later Jan 6, 2023 4:38


Sì, oggi parto io: vado a Parigi! E Sonia The Travelist (link qui sotto) è rimasta impigliata nel podcast, perciò ne approfitto per fare un ripassino da viaggiatore-provetto, così mi assicuro un viaggio spettacolare! In realtà non sono molto sicuro di aver imparato la lezione... sono irrecuperabile?

Immanuel Ka...st: Lezioni di Filosofia e Storia in mobilità

Giovanissima fu sposa del comandante in capo dell'Armata d'Italia. Ma non gli riservò l'uso esclusivo di quelli che lei pudicamente definiva “i vantaggi concessimi dalla natura”, ossia il più bel corpo muliebre della Parigi di quei tempi.In seconde nozze sposò il principe Borghese Camillo che nel 1804 incaricò il celeberrimo scultore Antonio Canova d'immortalare la moglie, seminuda in posa da “Venere vincitrice”, in una meravigliosa statua di marmo bianchissimo che all'epoca destò grande scandalo per il suo realismo

il posto delle parole
Paolo Moruzzi "La mano di Monna Lisa"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Jan 5, 2023 17:36


Paolo Moruzzi"La mano di Monna Lisa"(La destra con parecchie digressioni)Massimo Soncini Editorehttps://soncinieditore.itUn prezioso codice miniato del Quattrocento, una villa patrizia di campagna con il suo eccentrico proprietario, la moglie, il figlio e la figlia con il suo giovane e devoto innamorato. E inoltre: un politico di pochi scrupoli, una medium sovrappeso, un ladro stravagante... Un romanzo ironico ambientato nella belle époque, poco prima della Grande Guerra, quando tutto, almeno apparentemente, sembrava andare (abbastanza) bene.Così comincia:"Percorrendo la strada che da Gregnano va a Norceto, costeggiando a sinistra le colline e a destra la non vasta zona pianeggiante dove scorre il torrente Cerpico, dopo circa due chilometri si osserva, quasi sulla sommità di un colle un po' più alto degli altri, una grande villa. Per la verità, si scorgono più i tetti, e in parte le finestre del piano superiore, che le mura; come se, attraverso il bosco in cui, per l'effetto ottico della distanza, la casa sembra essere completamente immersa, si volesse sottrarre alla vista di occhi indiscreti la vita dei nobili proprietari. D'altro canto, anche lasciare libero sfogo all'immaginazione dei passanti può solo accrescere, senza spesa alcuna, il fascino del luogo."Paolo Moruzzi (1951) si è ritirato dall'attività di medico cardiologo e vive nella vecchia casa di famiglia ai piedi delle colline di Noceto (PR).IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it

24 Mattino - Le interviste
Gli investimenti utili per il 2023

24 Mattino - Le interviste

Play Episode Listen Later Jan 5, 2023


Orologi e mercato: è il momento di comprare o vendere? Il punto di vista di Alessio Coccioli, responsabile del dipartimento orologi di Finarte. Materie prime, le previsioni per il 2023 insieme ad Alessandro Giraudo, economista, docente presso l'Institut superieur de Gestion di Parigi. Ha raccolto nel volume "Storie straordinarie delle materie prime" e "Altre Storie straordinarie delle materie prime"(Add Editore) dati, informazioni e analisi su oltre 40 prodotti che hanno segnato lo sviluppo dell'umanità. L'economia italiana nel 2023: Il 2021 è stato particolarmente positivo per l'economia italiana. Anche il 2022, contrariamente a numerose previsioni, si è chiuso in crescita. Cosa dobbiamo aspettarci per i prossimi mesi? Con noi Marco Fortis, docente di Economia industriale e Commercio estero presso la Facoltà di Scienze politiche dell'Università Cattolica di Milano, e direttore e vicepresidente della Fondazione Edison.

il posto delle parole
Maria Nadotti "Un uomo fortunato" John Berger, Jean Mohr

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Jan 3, 2023 21:30


Maria Nadotti"Un uomo fortunato"Storia di un medico di campagnaJohn Berger, Jean MohrPrefazione di Vittorio LingiardiIl Saggiatorehttps://ilsaggiatore.comUn uomo fortunato è una riflessione in parole e immagini sui rapporti tra l'individuo e la comunità che lo circonda. È un ritratto, allo stesso tempo poetico e sociologico, della dimensione più umana del lavoro del medico e di cosa significhi appartenere a una collettività e mettersi al suo servizio.Nel 1966 John Berger e il fotografo Jean Mohr seguono per tre mesi l'attività del medico di campagna John Sassall, documentandone la vita, le abitudini e gli incontri. Sassall vive nella foresta di Dean, in Inghilterra, tra i suoi pazienti, e ogni giorno si muove all'interno del territorio rurale per curare i malati, gli anziani e le persone sole. Ciò che affascina Berger e Mohr è che Sassall non si limita a prescrivere medicine, ma per la gente del luogo è anche un confidente, un depositario di ricordi. È preciso, attento e premuroso. Prima di fare un'iniezione pronuncia frasi rassicuranti. In inverno, quindici minuti prima di visitare un paziente, accende la termocoperta così da non fargli sentire freddo. È presente a tutte le nascite e a tutte le morti. In ogni situazione riconosce l'istante in cui può fare la differenza, ma conosce anche i propri limiti, come persona e come medico.Arricchita da una prefazione di Vittorio Lingiardi e da una introduzione di Iona Heath, quest'opera, finora inedita in Italia, ci rivela con grande delicatezza come ogni territorio, se guardato o osservato a distanza, sia ingannevole. Esso è infatti, innanzitutto, la rete disegnata dai gesti e dai pensieri dei suoi abitanti, dalle loro lotte, conquiste e sventure.La vita e le giornate di un medico di campagna inglese raccontate dalle parole e dalle immagini di John Berger e Jean Mohr: una riflessione commovente sui rapporti tra individuo e comunità.«È uno dei miei libri preferiti al mondo, una continua ispirazione su come i libri dovrebbero essere scritti (e la fotografia utilizzata).» Alain de BottonEdizione italiana a cura di Maria NadottiPrefazione di Vittorio LingiardiJohn Berger (Londra, 1926 - Parigi, 2017) è stato giornalista, pittore, critico d'arte e scrittore. Con il romanzo G. (Neri Pozza, 2012) ha vinto nel 1972 il Booker Prize. Il Saggiatore ha pubblicato Questione di sguardi (2015), Perché guardiamo gli animali? (2016), Smoke (2016), Sul guardare (2017), Sul disegnare (2017), Ritratti (2018), Paesaggi (2019), E i nostri volti amore mio, leggeri come foto (2020), Fotocopie (2021).Jean MohrJean Mohr (Ginevra, 1925 - Collonge-Bellerive, 2018), fotografo e documentarista, ha collaborato con alcune delle principali organizzazioni umanitarie al mondo, tra cui la Croce Rossa Internazionale e l'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. Ha pubblicato più di venti libri fotografici tra i quali ricordiamo Côte à côte ou face à face. Israéliens et Palestiniens: 50 ans de photographies (2003), After the Last Sky: Palestinian Lives (con Edward Said, 1986) e Il settimo uomo (con John Berger, Contrasto, 2018).Maria Nadotti (Torino, 1949) è giornalista, saggista, consulente editoriale e traduttrice. Vissuta a New York dal 1980 al 1992 ha successivamente passato lunghi periodi in Palestina. Oggi vive tra Milano e Berlino, scrive di teatro, cinema, arte e cultura per testate italiane e estere tra cui Il Secolo XIX, Il Sole 24 Ore, Lo Straniero, L'Indice, Artforum, Ms. Magazine e collabora con il settimanale Internazionale. È autrice, ideatrice e curatrice di diversi libri, tra cui La speranza, nel frattempo. Una conversazione tra Arundhati Roy, John Berger e Maria Nadotti (Casagrande) e Riga 32 – John Berger (Marcos y Marcos) e di due mediometraggi documentari.IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it

gianni salvioni's show
CAPODANNO 2023!!!

gianni salvioni's show

Play Episode Listen Later Jan 1, 2023 56:59


Parliamo di: Serie Sky, Notte al museo, Fox Love e naturalmente del nuovo anno!!!

Storia in Podcast
L'Imam Khomeini. La vera storia - Seconda parte

Storia in Podcast

Play Episode Listen Later Dec 30, 2022 14:14


A metà 900 l'Iran era il secondo Paese esportatore di greggio al mondo e possedeva il 95% delle riserve mondiali di gas, ma manteneva redditi pro capite, tassi di alfabetizzazione e mortalità infantile da fondo classifica. Le profonde disuguaglianze sociali e il risentimento per le ingerenze straniere portarono il carismatico Khomeini a denunciare l'allineamento dell'Iran ai canoni occidentali. La protesta fu repressa, e Khomeini, arrestato ed esiliato (prima in Turchia, dal '63 in Iraq e infine in Francia), divenne un eroe.All'inizio del 1979 arrivò il punto di rottura. In seguito a una crisi economica, milioni di iraniani scesero in piazza e indussero lo scià alla fuga. Così Khomeini, all'epoca esule a Parigi, raggiunse Teheran in aereo: dopo 14 anni di assenza rientrò in patria da trionfatore e in veste di Guida Suprema istituì una Repubblica islamica. A raccontare l'ascesa di Khomeini è in questo podcast Alberto Zanconato, corrispondente dell'Agenzia Ansa dalla Russia e autore dell biografia “Khomeini. Il rivoluzionario di Dio” (Castelvecchi Editore).Puntate del Podcast:- Chi è Khomeini (Prima parte). - Khomeini leader della Rivoluzione e dopo la caduta dello Scià (Seconda parte). - Khomeini e il grande Satana, l'Imam al potere (Terza parte). - La morte di Khomeini e l'eredità nella Repubblica Islamica (Quarta parte).A cura di Francesco De Leo. Montaggio di Silvio Farina.https://storiainpodcast.focus.it - Canale Personaggi------------Storia in Podcast di Focus si può ascoltare anche su Spotify e Apple Podcasts.Siamo in tutte le edicole... ma anche qui:- Facebook;- Gruppo Facebook Focus Storia Wars (per appassionati di storia militare);- YouTube;- Twitter;- Sito Web.

Prima Pagina
Uccide la moglie per gelosia; Manovra approvata il 29 dicembre; In America il Natale più freddo di sempre: 25 dicembre di Italo Carmignani

Prima Pagina

Play Episode Listen Later Dec 25, 2022 9:18


#Trapani uccide #moglie per #gelosia; #Manovra, si torna in aula il 27 per approvare il 29 dicembre; Scontri a #Parigi tra manifestanti e polizia; In #America il #Natale più freddo di sempre

Prima Pagina
Parigi a ferro e fuoco, tre morti; La manovra passa; La storia di Cristina Fazzi: 24 dicembre di Italo Carmignani

Prima Pagina

Play Episode Listen Later Dec 24, 2022 9:18


#Parigi tre morti attacco ai #curdi i dettagli @francescapierantozzi; la #manovra passa con il #votodifiducia @lucacifoni; La storia di #cristinafazzi @marialombardi; La scalata di Bloomberg al #washingtonpost @annaguaita

Esteri
Esteri di venerdì 23/12/2022

Esteri

Play Episode Listen Later Dec 23, 2022 27:25


1-Pandemia. 250 milioni di cinesi avrebbero preso il Covid negli ultimi 20 giorni. secondo il Financial Times il dato è stato fornito dal governo in un vertice a porte chiuse. ( Gabriele Battaglia) 2. Ucraina. Le feste al buio. A Kiev sono in vigore numerosi blackout di emergenza. Secondo le autorità locali il deficit di elettricità è del 50% ( Natalia Onipko – Soleterre Onlus Kiev) 3-Francia. 3 persone uccise a Parigi nei pressi del centro culturale curdo. L'assassino sarebbe un militante di estrema destra, già incriminato per violenze armate di carattere razzista. Ma la procura di Parigi ha aperto un'inchiesta per omicidio e non per terrorismo. 4-Slovenia, il giorno del giuramento di Natasha Pirc Musar, la prima donna presidente. Il suo predecessore Boris Pahor ha chiuso il suo mandato con un'iniziativa altamente simbolica la storia di esteri. ( Stefano Lusa Capodistria) 5-Il Natale è la prima festa globale, è il tema della rubrica sulla mondialità. ( Alfredo Somoza)

Esteri
Esteri di giovedì 22/12/2022

Esteri

Play Episode Listen Later Dec 22, 2022 28:37


1- Accolto da eroe a Washington Zelensky torna a Kiev dovrà affrontare una situazione drammatica. Secondo i giornali americani il presidente ucraino ha espresso durante i colloqui le sue preoccupazioni per il futuro. Intanto da Parigi il Presidente Macron insiste sulla necessità di concedere garanzie di sicurezza anche alla Russia: “ l' Ucraina in Nato non è lo scenario più probabile “ . 2- Ritorno a Bucha, la città teatro della strage compiuti da militari russi. In questo inverno sta affrontando le conseguenze degli attacchi missilistici: la popolazione è senza luce e senza riscaldamento. ( Irma Ggjinaj – Cesvi) 3-Israele. È nato il governo più estremista nella storia del paese. Il nuovo gabinetto guidato da Netanyahu sarà condizionato dai partiti della destra religiosa che intendono ridimensionare i poteri della Corte Suprema. ( Eric Salerno) 4-Afghanistan. Il trattamento delle donne in Afghanistan da parte dei talebani può costituire un crimine contro l'umanità: il G7 ha condannato la recente esclusione delle studentesse dall'università. L'Intervista di Esteri. 5-Music from saharian WhatsApp, la compilation ideata a Portland in Oregan che raccoglie di canzoni provenienti dall'africa subsahariana. ( Marcello Lorrai)

il posto delle parole
Carlo Grande "Tutt'intorno è Francia"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Dec 21, 2022 25:44


Carlo Grande"Tutt'intorno è Francia"Grand tour sentimentale dalle brume di Calais alla luce di MarsigliaTS Edizionihttps://tsedizioni.itmercoledì 21 dicembre 2022, ore 18:00Circolo dei Lettori, TorinoPresentazione del libro "Tutt'intorno è Francia"con Carlo Grande, Margherita Oggero, Enrico Pandiani, Roberta Russo«Parto leggero, per il lungo viaggio sulle strade di Francia. Troverò quel che mi serve per via, e anche un po' me stesso, perché questo libro percorre una terra che è un po' mia, fra gente che è mia, torinese e sabaudo a pochi passi dal confine».Inizia così il lungo viaggio di Carlo Grande attraverso l'Esagono: un viaggio del cuore, alla scoperta dei cugini d'Oltralpe, sulle tracce dei grandi che ne hanno fatto la storia e di quelle figureche costituiscono patrimonio comune della cultura europea. Perché le montagne uniscono e non ostacolano, in barba agli odiosi muri moderni.Un itinerario sulle strade di Francia, al di là degli stereotipi. Dal Sud – le assolate spiagge della Costa Azzurra, rifugio di artisti e scrittori, e orgoglio occitano ancora intatto – verso il cuore profondo del Paese – la Loira dei re e di Leonardo – fino al Nord di Proust e Leblanc, tra memorie letterarie e ricordi di guerra; e poi ancora giù verso le Alpi, dove Italia e Francia si saldano indissolubilmente. Alla scoperta di un Paese che, dopotutto, amiamo sempre alla follia.Carlo Grande, scrittore e giornalista, lavora per il quotidiano La Stampa. Già direttore della rivista di Italia Nostra, è autore di romanzi di successo come La via dei lupi (2002), con il quale ha vinto il Premio Grinzane Civiltà della Montagna e il Premio San Vidal a Venezia, e La cavalcata selvaggia (2004). Nel 2006 è uscito Padri. Avventure di maschi perplessi, mentre nel 2008 ha pubblicato Terre alte. Il libro della montagna. Ha partecipato al Festival della Mente di Sarzana. È collaboratore di Torino Spiritualità. È collaboratore di Torino Spiritualità. Per TS Edizioni è autore de Il giardino incantato. Un viaggio dell'anima dalle Alpi occidentali alle colline delle Langhe e del Monferrato (2021).IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it

Tutti Convocati
La tunica della discordia

Tutti Convocati

Play Episode Listen Later Dec 20, 2022


La folla di Buenos Aires festeggia l'Albiceleste, ma anche Parigi accoglie fieramente la sua Nazionale. Invece noi ci appassioniamo al dibattito sulla tunica qatarina indossata da Messi durante la premiazione. Chiediamo a Filippo Maria Ricci se anche in Spagna il dibattito è acceso, mentre CR7 si allena a Valdebebas in attesa di delineare il suo futuro. Con Leo Turrini in coda sulla Pero-Cormano consoliamo il francese Benoit Cauet dopo la finale persa con l'Argentina.

Storia d'Italia
Muhammad, il messaggero di Dio. Ep 127, speciale

Storia d'Italia

Play Episode Listen Later Dec 19, 2022 59:09


Nella storia, ci sono degli uomini che possono cambiarla. Negli ultimi 2000 anni, pochi hanno donato un nuovo corso alla storia come Muhammad. La sua è la storia dell'origine dell'Islam, eppure raccontarla è assai più complesso di quanto possa apparire a prima vista. ---Nell'immagine: una rara rappresentazione di Muhammad, dal Miradj Nameh, un meraviglioso libro del XV secolo realizzato a Herat, in Afghanistan, oggi a Parigi. ---Per saperne di più sulla storia di Ancona:https://italiastoria.com/2021/04/15/la-storia-di-ancona/---PER ACQUISTARE "IL MIGLIOR NEMICO DI ROMA":- Amazon (link affiliato): https://amzn.to/3DG9FG5- IBS: https://www.ibs.it/miglior-nemico-di-roma-storia-libro-marco-cappelli/e/9788828210085- Feltrinelli: https://www.lafeltrinelli.it/miglior-nemico-di-roma-storia-libro-marco-cappelli/e/9788828210085- Mondadori: https://www.mondadoristore.it/miglior-nemico-Roma-Storia-Marco-Cappelli/eai978882821008/---Ti piace il podcast? Sostienilo, accedendo all'episodio premium, al canale su telegram, alla citazione nel podcast, alle première degli episodi e molto altro ancora:Patreon: https://www.patreon.com/italiastoria Tipeee: https://it.tipeee.com/storia-ditaliaPer una donazione: https://italiastoria.com/come-sostenere-il-podcast/---►Informazioni sui miei libri "Per un pugno di barbari" e "Il miglior nemico di Roma":https://italiastoria.com/libro/►Registrarsi alla mia mailing list:https://italiastoria.com/mailing-list/►Trascrizioni episodi, mappe, recensioni, genealogie:https://italiastoria.com/►FacebookPagina: https://www.facebook.com/italiastoriaGruppo: https://www.facebook.com/groups/italiastoria►Instagramhttps://www.instagram.com/italiastoria/►Twitterhttps://twitter.com/ItaliaStoria►YouTube:https://www.youtube.com/channel/UCzPIENUr6-S0UMJzREn9U5Q►Canale Discord:https://discord.gg/cyjbMJe3Qk►Contattami per commenti, idee e proposte di collaborazione: info@italiastoria.com---Musiche di Riccardo Santatohttps://www.youtube.com/user/sanric77---Livello Giuseppe Verdi: Massimiliano PastoreLivello Dante Alighieri: Musu Meci, Manuel Marchio, Mauro, Marco il Nero, Massimo Ciampiconi, Mike Lombardi, David l'Apostata, Luca Baccaro, Guglielmo de Martino. Livello Leonardo da Vinci: Paolo, Pablo, i due Jacopo, Riccardo, Frazemo, Enrico, Alberto, Davide, Andrea Vovola e D'agostini, Settimio, Giovanni, Cesare, Francesco Favazza e Cateni, Jerome, Diego, Alanchik, Flavio, Edoardo Vaquer e De Natale, Stefano, Luca da Milano e Luca Lanotte, Arianna, Mariateresa, John, Fasdev, Norman, Claudio, Marko, Barbaking, Alfredo, Manuel, Lorenzo, Corrado, Piernicola, Totila, Vito, Tascio, InSpaten, Carlo, Daniele, Matteo, Luigi, Pietro, Giorgio e Tuscanydiscovery.it. Livello Galileo Galilei: Davide, Francesco, Jacopo T., Riccardo, Stefano, Roger, Anna, Pierangelo, Luigi, Antonio, Giulia, Ezra, Andrea, Paola, Daniele, Mariano, Francesca, Gabriella, Alessio, Giovanni, Alessandro, Valerio, Angelo, Alberto, Viviana, Riccardo, Giorgio, Francesco G., Francesco B., Emanuele, Giacomo, Francesco M, Giacomo, Martina, Yuri, Lorenzo, Jamie, Gianluca, Danilo, Echtelion, Matteo, Valerio P., Guglielmo, Michele, Massimo, Tommaso J, e Francesco C., Stefano, Giulio S., Davide P., Elisabetta C., Don Fabrizio, Massimo S., Luca F, Luca M., Dario P, Venus Schiavonia, Annalaura B., Marcus Walker, Michael Kain, Nicola De Gasperi, Pietro Sancassani, Andrea Silimbani, Anna, Marco M., Danilo R., Luca B., Paola C., Francesco C., Stefano S., Nicola L., Enrico C., Andrea F., Remo A., PortaKiTeppare, Lapo S., Mauro, Paolo G., Gaetano R., Matteo D., Lorenzino, Gabriele B., Michele P., Valerio M.Grazie anche a tutti i miei sostenitori al livello Marco Polo!

il posto delle parole
Anselmo Roveda "Il furto di Natale"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Dec 19, 2022 12:50


Anselmo Roveda"Il furto di Natale"Illustrazioni di Mariachiara Di GiorgioInterlinea Edizionihttps://www.interlinea.com/Orso è il proprietario del più fornito negozio di dolciumi di tutto il quartiere. Ama il suo lavoro, ma col passare del tempo è diventato proprio un “orso” e, chiacchiere coi clienti a parte, preferisce stare solo. Soprattutto a Natale, il giorno che odia di più in assoluto. Ma un evento inaspettato gli scombinerà i piani. Così comincia:"Orso è il proprietario del più fornito negozio di dolciumi, ciambelle, sciroppi, panettoni, confetti, caramelle, biscotti, gomme da masticare e lecca lecca di tutto il quartiere..."Anselmo Roveda (1972), scrittore e studioso di letteratura, è coordinatore del mensile “Andersen”, direttore della rassegna letteraria “Cabirda” e professore di Sceneggiatura II all'ISIA di Urbino. Ha scritto radiodrammi, racconti, saggi, poesia e una ventina di libri per ragazzi alcuni dei quali premiati e tradotti all'estero.Mariachiara Di Giorgio (1983) ha studiato illustrazione allo IED di Roma, proseguendo gli studi a Parigi. Ha pubblicato con i maggiori editori. I suoi lavori sono stati esposti alla mostra degli illustratori di Bologna Children's Book Fair (edizioni 2015 e 2016) e alla 58a edizione della Society of Illustrators di New York. Nel 2022 ha vinto il premio Andersen come miglior illustratrice.IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

Esteri
Esteri di venerdì 16/12/2022

Esteri

Play Episode Listen Later Dec 16, 2022 27:34


1-Ucraina, nuova ondata di missili russi su tutto il paese. Molte città sono senza riscaldamento, acqua e elettricità. Aggiornamenti e analisi ( Francesco Strazzari - Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa) 2-Il post Francia – Marocco segnato da decine di aggressioni di estremisti di destra contro cittadini di origine maghrebina a Parigi, Lione e Nizza. Per gli inquirenti si tratta di una rete di gruppuscoli identitari ultra violenti. ( Luisa Nannipieri) 3-Cop15 sulla biodiversità. A Montreal corsa contro il tempo per trovare un compromesso sul target 30 per 30. L'intervista di esteri al giornalista ambientale Emanuele Bompan. 4-Mondialità. Rischia di essere una certificazione simbolica la legge dell'Ue per vietare la vendita di prodotti provengono dalla deforestazione. ( Alfredo Somoza)

Tutti Convocati
E Francia-Argentina sia!

Tutti Convocati

Play Episode Listen Later Dec 15, 2022


La favola della Cenerentola Marocco finisce qui, con i due gol di Theo Hernandez e Muani che mandano la Francia in finale contro l'Argentina e i ragazzi di Regragui a giocarsi la finalina del terzo-quarto posto con la Croazia. Ne parliamo con Mister Gianni De Biasi e con il nostro inviato a Doha Dario Ricci. Con Danilo Ceccarelli, corrispondente di Radio 24 da Parigi, vediamo invece come si è svegliata la Francia all'indomani dell'atteso "derby" col Marocco. È arrivato questa mattina il parere della Corte Ue che giudica non contrarie al diritto comunitario le norme Uefa sul tema Superlega. Ci spiega tuttoMarco Bellinazzo del Sole 24 Ore. Chiudiamo con Alessia Filippi per fare il punto sul medagliere Italia nei Mondiali di nuoto in vasca corta di Melbourne.

ANSA Voice Daily
Il Marocco si arrende alla Francia (da Parigi Tullio Giannotti)

ANSA Voice Daily

Play Episode Listen Later Dec 14, 2022 2:16


In finale al Mondiale, contro l'Argentina di Leo Messi, va da pronostico la Francia campione in carica; il Marocco, vera sorpresa del torneo, si deve accontentare dell'applauso del mondo che in gran parte tifava per lui prima, e che dopo il 2-0 dei Bleus in semifinale gli rende omaggio per coraggio, sfrontatezza e bel gioco. A Parigi tutti seguono la partita, senza scontri.

ANSA Voice Daily
Parigi teme scontri, Macron in Qatar tra le polemiche (di Tullio Giannotti)

ANSA Voice Daily

Play Episode Listen Later Dec 14, 2022 4:12


Molta attesa della partita tra Francia e Marocco. Regragui: "Che si vinca o si perda, no agli eccessi"

il posto delle parole
Ferdinando Camon "Son tornate le volpi"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Dec 14, 2022 32:03


Ferdinando Camon"Son tornate le volpi"Come muore la nostra civiltàApogeo Editorehttps://www.apogeoeditore.it/Questo è il terzo libro di poesie di Ferdinando Camon, dopo “Liberare l'animale”, premio Viareggio, e “Dal silenzio delle campagne”, entrambi pubblicati da Garzanti nel 1973 e nel 1998. “Son tornate le volpi” è un libro sulla paura. Un Occidente muto che è preda della paura. Viviamo in una storia che fa paura. Andiamo a dormire, e troviamo uno sconosciuto che dorme nel nostro letto. Ci muore una figlia e la seppelliamo, e dopo due giorni rubano la sua fotografia dalla tomba, per metterla sul passaporto delle loro bambine prostitute. Per paura gli uomini si barricano in casa. Blindano la porta che dà sulla strada, ma adesso blindano anche la porta della stanza da letto. Dormono come dentro una cassa di sicurezza. La paura solleva un sentimento di difesa verso chi fa paura, ma guardando da vicino i nuovi arrivati l'autodifesa viene spazzata via dalla pietà, come in “Negro alla posta”, dove l'autore osserva un immigrato dall'Africa profonda fermo davanti alla buca delle lettere, nella quale non osa far cadere il suo plico, perché non capisce come un francobollo colorato possa portare quel plico all'Equatore. Il salto dalla paura alla pietà indica che i punti d'osservazione sono molti e non si preoccupano affatto di andare d'accordo. Immigrazione, droga, delitti, prostituzione, mafie di terra e di mare, naufraghi, barboni, bambini rom che bruciano…: le “catastrofi quotidiane” che riempiono la nostra vita sono viste volta a volta con l'occhio dell'uomo della strada, del poliziotto che vince o che è bruciato vivo, dei mafiosi raffinati assassini, delle vittime, degli sfruttatori. Ne deriva una situazione di perenne, invasiva ambiguità, che conferma la pericolosità di quel che scrive Camon, del suo modo di raccontare i fatti. La poveraccia albanese che, per raccattare qualcosa con l'elemosina, scotta con la cicca il piede del bambino kosovaro, in modo da farlo piangere e così commuovere il buon borghese che sta passando, è oggetto di pietà o di accusa? Dire “tutt'e due”, come dice l'autore, è un alibi. La singola pietà o la singola accusa cambiano tutto, ma messe insieme lasciano tutto così com'è.Ferdinando CamonIl primo romanzo di Camon uscì in Italia con una appassionata prefazione di Pier Paolo Pasolini e fu subito tradotto in Francia per interessamento di Jean-Paul Sartre. Camon si definisce “narratore della crisi”: ha raccontato la crisi e la morte della civiltà contadina (nei romanzi “Il Quinto Stato”, “La vita eterna”, “Un altare per la madre”, premio Strega, “Mai visti sole e luna”, nelle poesie “Liberare l'animale”, premio Viareggio, e “Dal silenzio delle campagne”), la crisi che si chiamò terrorismo (“Occidente”), la crisi che porta in analisi (“La malattia chiamata uomo”, “La donna dei fili”, “Il canto delle balene”) e lo scontro di civiltà, con l'arrivo degli extracomunitari (“La Terra è di tutti”). “La malattia chiamata uomo” fu recitata a Parigi al teatro L'Aquarium per 4 anni consecutivi. Il regista Claude Miller ne ricavò un film. Camon ha lavorato nel primo Centro Anti-Droga, che aveva sede a Padova, e l'ha raccontato nel libro “La droga discussa con i ragazzi”. I suoi romanzi più recenti sono “La cavallina, la ragazza e il diavolo” e “La mia stirpe”. È tradotto in 25 paesi. In Francia, Gallimard ha tradotto tutte le sue opere in prosa e in versi. Nel 2020 è uscito il suo “Dialogo sul Comunismo” con Pietro Ingrao, che Ingrao aveva bloccato per 25 anni. Ed è uscito il pamphlet “A ottant'anni se non muori t'ammazzano”, contro l'opzione di non curare i malati troppo anziani. Nel 2022 Apogeo ha ripubblicato “Occidente” nella stesura definitiva. Le sue opere sono pubblicate anche in edizioni per ciechi, in Italia e in Francia. Nel 2016 sono state raccolte in 16 ebooks e gli è stato assegnato il premio Campiello alla Carriera. Dal 2021 è in corso la pubblicazione delle sue opere in forma di audiolibri presso la casa editrice Il Narratore; sono già usciti 4 audiolibri.IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

Esteri
Esteri di martedì 13/12/2022

Esteri

Play Episode Listen Later Dec 13, 2022 28:56


1-Guerra in Ucraina. Alla Conferenza di Parigi i paesi solidali con Kiev promettono di donare un miliardo di euro per l'emergenza freddo. Accordo Zelensky - Macron sulla ricostruzione del paese che potrebbe costare fino a 800 miliardi di euro. ( Francesco Giorgini) 2-Fusione nucleare. Washington annuncia una volta storica ma ci vorranno decenni per passare da una tecnologia sperimentale a una realtà, con reattori in grado di alimentare le città a emissioni zero. 3- Da Juarez a El Paso. Centinaia di migranti hanno attraversato il Rio Grande per chiedere asilo. Si tratta di una delle maggior traversate sdi massa mai avvenute al confine tra Messico e Stati Uniti. ( Roberto Festa) 4- Aspettando Francia – Marocco. Il reportage di Esteri da un piccolo mercato nel 19 esimo Arrondissement di Parigi. ( Luisa Nannipieri) 5-Blue velvet, Twin Peaks, Mulholland Drive. È morto all'età di 85 anni Angelo Badalamenti autore delle sublime colonne sonore dei film David Lynch. ( Piergiorgio Pardo)

Nessun luogo è lontano
Parigi conferenza sull'Ucraina, quanto pesa la diplomazia?

Nessun luogo è lontano

Play Episode Listen Later Dec 13, 2022


Sono 70 i partecipanti in rappresentanza dei principali stati e delle organizzazioni internazionali partner dell'Ucraina oggi riuniti a Parigi. Per l'Italia presenzia il vice premier e ministro degli Esteri Tajani. Al centro del summit la ricostruzione dell'Ucraina, l'invio tempestivo di materiale bellico e il ripristino delle reti di approvvigionamento. Ne parliamo con Danilo Ceccarelli, collaboratore di Radio24 a Parigi, Marta Ottaviani, giornalista esperta di Turchia, e Giulia Sciorati, ricercatrice all'Università di Trento e all'Ispi.

Uno, nessuno, 100Milan
La Francia vieta i voli sulle tratte brevi coperte dal treno

Uno, nessuno, 100Milan

Play Episode Listen Later Dec 13, 2022


Parigi ha avuto il via libera dall'Unione Europea per vietare i voli a tratte brevi se servite dal treno. Una scelta da emulare? Ne parliamo insieme all'esperto di trasporti Marco Ponti. Poi apriamo una pagina sulla vicenda di mazzette e corruzione che sta imbarazzando l'Europarlamento e vede coinvolti esponenti anche italiani. Lo facciamo in compagnia di Massimo Cacciari. Infine ci occupiamo di Fortnite. I genitori canadesi hanno fatto causa al popolare videogioco perché crea dipendenza: "È come la cocaina".

Esteri
Esteri di lunedì 12/12/2022

Esteri

Play Episode Listen Later Dec 12, 2022 27:46


1-Perù, Quinto giorno di proteste per l'arresto dell'ex presidente Pedro Castillo. Il governo pronto a dichiarare lo stato d'emergenza. La responsabilità dei grandi gruppi economici nell'attuale crisi politica. ( Alfredo Somoza) 2-L'unione europea di fronte allo scandalo di corruzione dentro il suo tempio della democrazia. ( Francesco Giorgini) 3-Ucraina. Alla vigilia della conferenza di Parigi i paesi occidentali confermano il loro sostegno economico e militare a Kiev. ( Emanuele Valenti) 4-Iran. La rivoluzione di fronte a un dilemma. l momento l' unica alternativa agli ayatollah potrebbe essere regime laico ma guidato dai pasdaran. ( Paola Rovetti- Ispi) 5-Serie Tv. Al via su Paramount+ “ Tokyo Vice” ( Alice Cucchetti)

Tutti Convocati
Aspettando le semifinali

Tutti Convocati

Play Episode Listen Later Dec 12, 2022


Andiamo a Parigi a disturbare Marco Imarisio del Corriere, mentre lucida le sue racchette da tennis, in attesa delle emozionanti semifinali che ci attendono. In Francia tanto fermento (si spera non troppo) per l'incrocio con il Marocco. Coach Dan Peterson è sbarcato su Tik Tok e oggi spiegherà come si usa ai boomer Pier Pardo e Mister Genta. Chiudiamo con Dario Ricci dal Qatar che ci aggiorna sulle conferenze stampa della vigilia di Argentina-Croazia.

Made IT
L'enoteca online che sta conquistando l'Europa con Marco Magnocavallo, CEO & Co-Founder Tannico (2021)

Made IT

Play Episode Listen Later Dec 12, 2022 37:34


Questa settimana abbiamo deciso di ripubblicare l'intervista che abbiamo fatto a Marco Magnocavallo Co-Founder e CEO di Tannico, per festeggiare l'incredibile notizia della vendita del 100% delle quote a Campari e Moet Hennessy. Sono passati 10 anni dal lancio di Tannico che oggi conta due sedi, Milano e Parigi, circa 80 dipendenti e un fatturato di 76 milioni di euro nel 2021. Solo nel 2021 ha spedito oltre 5 milioni di bottiglie a più di 300.000 clienti. Marco è un imprenditore seriale, prima di arrivare a fondare Tannico nel 2012, aveva già tre aziende e un'esperienza in un fondo d'investimento alle spalle. Oggi Tannico è un grandissimo successo. Fondare Tannico non è stato facile, perché il mondo dell'enologia era molto scettico riguardo al mondo del web, ma Marco è riuscito a superare anche questa sfida. Cosa lo ha sempre spinto? In parte, la voglia di creare qualcosa da zero e vedere un'idea che diventa reale. D'altra parte anche la voglia di provare a suo padre che ce l'avrebbe fatta. La storia di Marco inizia infatti con una ribellione contro i suoi genitori che lo volevano avvocato. -- SOCIAL Seguici su Instagram Seguici su LinkedIn

ANSA Voice Daily
Francia e Marocco amici per una notte (di Tullio Giannotti)

ANSA Voice Daily

Play Episode Listen Later Dec 11, 2022 4:27


Bandiere tricolori e le maglie blu a saltare insieme di gioia sugli Champs-Elysées. Il Marocco ha scritto la storia, la Francia ha confermato la sua striscia vincente. A Parigi, insieme, i tifosi francesi e i tanti giovani discendenti dell'immigrazione dal Marocco di oltre mezzo secolo fa, hanno festeggiato per una notte.

il posto delle parole
Andrea Dematteis "Il cavaliere di Hèdonville"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Dec 10, 2022 27:05


Andrea Dematteis"Il cavaliere di Hèdonville"Fusta Editorehttps://www.fustaeditore.it/Undici lettere scritte nella suggestiva grafia dei tempi andati, tra macchie di inchiostro e aloni bruni lungo le piegature. Ritrovate, con il mistero che celavano, sotto due secoli di polvere nel solaio di una vecchia casa.Lettere scritte dal fronte di guerre terrificanti, che un ignoto antenato, Giacomo Giacosa (Jacques), inviò alla giovanissima moglie Catterina (Cati) e al figlio Giuseppe, nato dopo la sua partenza.Jacques, che era piemontese, di Savigliano, fu arruolato da Napoleone nel 1803 e prese parte alle campagne decennali della Grande Armée, uno dei più poderosi eserciti della storia.Fu dichiarato morto in battaglia, a Toulouse, nel 1814. Ma proprio lì sta il mistero: stralci di una corrispondenza tenuta dal figlio mezzo secolo più tardi riferirono un segreto oscuro, ignorato per decenni. Ne emerse un dubbio atroce sulla sorte del padre, tuttora aperto perché i documenti rinvenuti nel solaio non rivelano se si scoprì la verità: Jacques sopravvisse alla guerra? E perché non fece ritorno?Di fronte a un enigma così toccante si avverte una spinta ad indagare e le ricerche condotte dall'autore, a Parigi e negli archivi piemontesi, forniscono riscontri convincenti per far luce sul mistero. Emergono i contorni di una vicenda davvero eccezionale, ricca di suggestioni: l'amore romantico che lega Jacques e Cati si scontra inesorabilmente con i complotti e con la guerra, in un crescente intreccio tra la Francia attraversata dagli ideali della Rivoluzione e il vecchio Piemonte nostalgico dell'ancien règime. Una vicenda che coinvolge in prima persona i grandi del periodo – Napoleone, Maria Luisa d'Austria, lo scaltro Talleyrand, Wellington – in un appassionante susseguirsi di intrighi e colpi di scena, che assume i contorni di un'incalzante spy story e tiene il lettore sul filo della tensione. Andrea Dematteis è nato a Torino nel 1965. Ha cinque figli e vive con la moglie Enrica sulle Alpi piemontesi, in Valle Varaita. Laurea in Medicina Veterinaria e Dottorato di ricerca in indirizzo ecologico, al termine di un intenso decennio dedicato alla professione di campo, nel 2002 assume la direzione di un Centro Ricerche universitario sulla gestione ambientale, promuovendo progetti di sviluppo sostenibile, in Italia e all'Estero.Docente di Ecologia presso l'Ateneo torinese per oltre vent'anni, ha pubblicato studi monografici e numerosi articoli scientifici attinenti al settore.IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

il posto delle parole
Mario Fortunato "Atlante delle città incognite"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Dec 9, 2022 26:20


Mario Fortunato"Atlante delle città incognite"Bompiani Editorehttps://www.bompiani.it/Un uomo sulla sessantina che detesta il suo nome – e ha accettato di malavoglia una reunion a Londra tra vecchi compagni – si scopre capace di un gesto di insolita, furtiva solidarietà umana; una coppia in attesa di un figlio adottivo la cui euforia viene sgretolata da un lampo nella notte di Cape Town; un giovane, bellissimo cameriere di Saigon, affascinato e insieme disgustato dalla relazione con una occidentale; un legame elusivo sulla riva del Mar Nero; un imprudente amore cinquantenne tra editoria e segreti torinesi; una richiesta accorata di aiuto e un memorabile vassoio di pasticceria marocchina assortita. Ogni città incognita reca il suo segreto, il suo momento prodigioso, il suo punto di rottura. Ogni città è più che uno sfondo – è uno specchio. In questi ventuno apologhi, legati tra loro da personaggi che ritornano e cesellati da una lingua limpida e netta come un capitello, si va da Agra a Venezia, passando per Hong Kong, Los Angeles e Odessa, secondo un ordine all'apparenza alfabetico, che in realtà compone in segreto un nuovo atlante del nostro stare al mondo.Un viaggio anche visivo, scandito dalle illustrazioni di Claudia Peill.Ha diretto l'Istituto italiano di cultura di Londra. Critico letterario, traduttore di autori come Maupassant, Virginia Woolf e Evelyn Waugh, ha pubblicato narrativa, saggi e memoir. I suoi ultimi libri sono Sud (Bompiani, 2020) e Autobiografia della gaffe (Neri Pozza, 2022). Nei Tascabili Bompiani sono disponibili: Luoghi naturali, L'arte di perdere peso, Il viaggio a Paros, Tre giorni a Parigi, Noi tre, Amore, romanzi e altre scoperte, Le voci di Berlino, Quelli che ami non muoiono, I giorni innocenti della guerra (nel 2007 secondo classificato al Premio Strega e vincitore dei premi Mondello e Super Mondello) e Allegra Street.IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

Corriere Daily
Ucraina, che cosa aspettarsi dalla Conferenza di Parigi

Corriere Daily

Play Episode Listen Later Dec 8, 2022 12:45


In occasione della visita ufficiale a Washington, il presidente francese Emmanuel Macron e quello statunitense Joe Biden hanno ribadito la loro speranza che l'incontro che si apre il 13 dicembre ottenga buoni risultati. Stefano Montefiori spiega quali possono essere (realisticamente). Mentre Viviana Mazza analizza il momento dell'attività strategico-diplomatica Usa in cui si terrà questo evento.Per altri approfondimenti:- Biden contrario agli attacchi ucraini in Russia: si teme l'escalation https://bit.ly/3VFYVyb- Biden abbraccia Macron. E su Putin: “Gli parlerò ma lui ora non vuole” https://bit.ly/3VJKSYb- Brittney Grier liberata: scambio di prigionieri con il trafficante d'armi Viktor Bout https://bit.ly/3UMTM5P

il posto delle parole
Luigi La Rosa "A Parigi con Marcel Proust"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Dec 8, 2022 19:05


Luigi La Rosa"A Parigi con Marcel Proust"Le stagioni della memoriaGiulio Perrone Editorehttps://www.giulioperroneditore.com/Sul finire dell'estate e di un amore malinconico, il protagonista di questo libro rilegge la vita di Marcel Proust alla luce dell'infanzia angosciata, della giovinezza sognante e timida, degli amori sofferti e totalizzanti, del desiderio impetuoso e soprattutto attraverso i luoghi che segnarono la biografia dell'autore, ridefinendone il rapporto con Parigi e con le sue fascinazioni. Le case di famiglia, i quartieri, i salotti eleganti, la frivolezza mondana sconvolti dall'irrompere della guerra e dai ritmi travolgenti della modernità: sono le tappe di un itinerario avvincente e intenso che, di pagina in pagina, elegge la creazione letteraria a imperativo assoluto. Nulla si perde nel quadro che la letteraturarisuscita. Nulla smarrisce l'antico significato perché tutto ritorna, tutto partecipa al disegno complessivo, ogni tessera ricollocata nel mosaico finale. Quello che Luigi La Rosa ci consegna è un ritratto fedele dell'artista, ma anche una testimonianza sull'uomo e sul genio, forse il massimo al quale la Francia abbia dato i natali. Il talento e la solitudine del quotidiano, le difficoltà e le epifanie dello spirito, gli abbagli, i segreti, le malattie e le iperboli compongono un profilo insieme unico e universale, la storia di un'esistenza tormentata, sempre ai limiti dell'eccesso, ma irrinunciabilmente devota alle ragioni della parola, della voce che si muta in racconto. A Parigi con Marcel Proust è prima d'ogni cosa un atto d'amore per il padre della Recherche e un seducente invito al lettore contemporaneo a riscoprirne il mistero, le peripezie, l'appassionante geografia.Luigi La Rosaè siciliano, vive tra Catania e Parigi. Collaboratore di riviste e quotidiani, ha curato per Rizzoli-Bur numerosi volumi e raccolte saggistiche. Solo a Parigi e non altrove e Quel nome è amore sono apparsi per i tipi di Ad est dell'equatore. Si è occupato della sezione letteraria della guida verde di Parigi di Touring Club. Per l'editore Piemme ha pubblicato L'uomo senza inverno (finalista Premio Minerva) e Nel furor delle tempeste (Premio Elmo).IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

Deejay 6 Tu
Guerriero Angelo da Alberobello, ponte a Parigi

Deejay 6 Tu

Play Episode Listen Later Dec 5, 2022 1:49


il posto delle parole
Federico Rampini "Il lungo inverno"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Dec 3, 2022 22:20


Federico Rampini"Il lungo inverno"https://www.mondadori.it/Guerra e shock energetico. Cambiamento climatico. Squilibri demografici e pressioni migratorie. Ricatti alimentari. Non è facile distinguere fra crisi vere e false Apocalissi annunciate da profeti interessati a gettarci nel terrore.Siamo entrati in un'era segnata dalla scarsità. Ci sentiamo assediati da ogni sorta di penuria. Mancano l'energia e spesso anche l'acqua. Alimenti essenziali costano più cari. Troppe aziende lamentano di non trovare lavoratori. Sullo sfondo c'è la decrescita della popolazione, che non risparmia la Cina. Con l'inflazione e il rialzo dei tassi diventa più rara e costosa la moneta. Quanto è reale, quanto è «fisica», oggettiva e palpabile, la scarsità in ciascuno di questi aspetti? Quanto è invece fabbricata, artefatta, il risultato di comportamenti e scelte politiche sbagliati? È irreversibile? O invece è un fenomeno temporaneo da cui usciremo come guarimmo da altre crisi? Il trauma, cominciato con la pandemia e aggravato dalla guerra in Ucraina, sarà solo l'inizio di una fase storica segnata da ristrettezze, sacrifici, razionamenti e tagli su tutto?Dalla profezia errata sulla fine dello sviluppo che fu l'ossessione degli anni Settanta, dovrebbe essersi insinuato fra noi un dubbio: che vedere dietro l'angolo l'Apocalisse imminente sia un tratto di civiltà decadenti.In Europa diverse opinioni pubbliche chiedono sempre più Stato. Gli aiuti erogati durante la pandemia sono un antipasto rispetto a tutto quel che viene richiesto ai governi per proteggerci dalle avversità. Uno Stato-mamma troppo invadente addormenta i riflessi vitali e non è efficiente, sono state proprio le scelte dei governi negli anni passati ad aver fabbricato questo disastro. L'Italia è il paese occidentale più vulnerabile alla tentazione statalista, per il suo debito pubblico già eccessivo; perché ha una burocrazia invadente e inetta; perché una parte della sua popolazione ha introiettato l'assistenzialismo come orizzonte di vita.I passaggi d'epoca, le grandi rotture storiche, si capiscono guardando a un triangolo fondamentale: energia, moneta, tecnologia (che include le armi). L'America domina ancora quel triangolo strategico. L'Europa arranca in ritardo. Ha le idee confuse, invischiate in dogmi e tabù. Ha più velleità che ambizioni. Ha il disarmo facile. E con il disarmo arriva la sottomissione. Il lungo inverno all'insegna di tante scarsità è anche inverno della ragione.Lo supereremo se attingiamo alle qualità del nostro modello, non se ammiriamo chi ci odia. Il lungo inverno può preludere a una stagione di creatività, in cui troveremo risposte innovative ai nostri problemi energetici ed economici.Federico Rampini, editorialista del «Corriere della Sera», è stato vicedirettore del «Sole 24 Ore», editorialista, inviato e corrispondente de «la Repubblica» a Parigi, Bruxelles, San Francisco, Pechino e New York. Ha insegnato alle università di Berkeley, Shanghai e alla Sda Bocconi. È membro del Council on Foreign Relations, il più importante think tank americano di relazioni internazionali. Come esperto di geopolitica è public speaker per The European House – Ambrosetti. Ha pubblicato più di venti saggi di successo, molti tradotti in altre lingue come i bestseller Il secolo cinese (Mondadori 2005) e L'impero di Cindia (Mondadori 2006). Tra i suoi libri più recenti, La seconda guerra fredda (Mondadori 2019), Oriente e Occidente (Einaudi 2020), Fermare Pechino (Mondadori 2021), Suicidio occidentale (Mondadori 2022) e America (Solferino 2022). Ha prodotto e interpretato spettacoli teatrali con suo figlio Jacopo, attore: Trump Blues e A cosa serve l'America.IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

Nessun luogo è lontano
Macron da Biden, ultimo tango a Washington

Nessun luogo è lontano

Play Episode Listen Later Dec 2, 2022


La visita di Stato del presidente francese Emmanuel Macron a Washington prosegue, mentre dall'altra parte del mondo il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel è arrivato a Pechino per discutere con Xi Jinping. Quali sono i risultati che l'Unione Europea è riuscita a portare a casa? Ne abbiamo parlato con Vittorio Emanuele Parsi, insegna Relazioni internazionali alla Cattolica, con Danilo Ceccarelli, collaboratore di Radio24 a Parigi, e con Cecilia Attanasio Ghezzi, giornalista esperta di Cina.

CPQ Podcast
Interview with Travis Parigi, Software Entrepreneur

CPQ Podcast

Play Episode Listen Later Nov 27, 2022 31:25


In this episode you hear from former LiquidFrameworks Founder & CEO Travis Parigi. He sold his company in 2021 to ServiceMax and left ServiceMax early in 2022. Travis lives in Houston, TX with his family and is currently thinking about his next endeavor. Here he talks about how he started the company, why he converted the code in 2012, what (CPQ) start-ups should consider, how to approach investments, common pitfalls of early stage start-ups and much more. LinkedIn https://www.linkedin.com/in/tparigi/ Twitter @tparigi

Il cacciatore di libri
"Tasmania" di Paolo Giordano e "Il serpente e il faraone" di Marco Buticchi

Il cacciatore di libri

Play Episode Listen Later Nov 26, 2022


"Tasmania" diPaolo Giordano (Einaudi) è un romanzo che narra di crisi: crisi personale, crisi di coppia, crisi climatica. Narra anche di traumi collettivi passati, come le bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki, e di traumi collettivi più recenti, come gli attentati terroristici in Europa nel 2015 a Parigi, Berlino, Londra. Tutti elementi che creano nel protagonista, che è anche voce narrante, un certo disorientamento. Il narratore viene chiamato semplicemente P.G., è un uomo fra i 35 e i 40 anni, laureato in fisica, fa lo scrittore e scrive sui giornali. Insomma il ritratto dello stesso Paolo Giordano che per la prima volta "gioca" con l'autofiction. Nella seconda parte parliamo di un romanzo d'avventura che mescola fatti storici e finzione: si intitola "Il serpente e il faraone" di Marco Buticchi (Longanesi). Come sempre nei romanzi di Buticchi ci sono due piani temporali. In questo caso siamo intorno al 1300 a.C. nell'Antico Egitto quando il faraone Akhenaton cresce insieme a Mosè, un ebreo che è stato accolto dalla famiglia reale. Akhenaton è osteggiato della popolazione perché ha imposto il culto di un solo dio. A lui succederà il figlio Tutankhamon. Poi ci troviamo in un altro piano temporale: 1923, scoperta della tomba di Tutankhamon. Da qui sarebbero stati sottratti alcuni papiri che conterrebbero delle informazioni molto preziose sull'identità di Mosè e l'origine delle religioni.

Esteri
Esteri di mercoledì 23/11/2022

Esteri

Play Episode Listen Later Nov 23, 2022 25:55


1-Cina, in corso una maxi rivolta dei lavoratori della Foxconn, la cosiddetta IPhone City. La rabbia degli operai è stata provocata dal mancato pagamento dei bonus salariali, dal cattivo cibo e soprattutto dalle rigide restrizioni anticovid che hanno trasformato la fabbrica in una prigione. ( Gabriele Battaglia) 2-Convenzione globale sulla tassazione. Approvata al Palazzo di vetro a mozione presentata dai paesi africani che obbliga l'Onu a prendere la leadership per combattere l'elusione e l'evasione fiscale nei paesi ricchi. ( Chiara Vitali) 3-Attentato di Gerusalemme, un test per Netanyahu che si appresta a guidare il nuovo governo. centinaia di persone al funerale del giovane rimasto ucciso nell' esplosione dell'ordigno vicino a una stazione di autobus. ( Eric Salerno) 4-Diario americano. Donald Trump braccato da giudici e deputati e abbandonato dalla corte suprema. ( Roberto Festa) 5-Progetti sostenibili. In vista dell'estate Parigi trasforma i cortili delle scuole pubbliche in isole di frescura aperte anche al quartiere circostante. ( Fasbio Fimiani) 7-Romanzo a fumetti: Cartoline da Limón il graphic novel di Edo Brenes. ( Luisa Nannipieri)