Podcasts about stati uniti

  • 884PODCASTS
  • 5,552EPISODES
  • 24mAVG DURATION
  • 5WEEKLY NEW EPISODES
  • Sep 29, 2022LATEST

POPULARITY

20152016201720182019202020212022

Categories



Best podcasts about stati uniti

Show all podcasts related to stati uniti

Latest podcast episodes about stati uniti

Radio Bullets
29 settembre 2022 - Notiziario

Radio Bullets

Play Episode Listen Later Sep 29, 2022 18:11


L'Iran attacca l'opposizione curda in Iraq. Myanmar: Amnesty International, Facebook deve risarcire i Rohingya per I contenuti di odio. Emirati Arabi Uniti: metà di quelli che hanno avuto un infarto sono sotto i 50 anni. Nicaragua: espulsa l'ambasciatrice UE. Nonostante le barriere culturali, l'Egitto prova ad espandere la donazione di organi. Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli Se vuoi sostenere l'informazione indipendente www.radiobullets.com/sostienici

Ecovicentino.it - AudioNotizie
Musica, è morto Coolio, il rapper americano di “Gangsta's Paradise”

Ecovicentino.it - AudioNotizie

Play Episode Listen Later Sep 29, 2022 1:50


È morto a Los Angeles il famoso rapper americano Coolio, al secolo Artis Leon Ivey Jr. Ivey aveva 59 anni ed è stato trovato senza vita nel bagno di casa sua.

il posto delle parole
Natalia Pazzaglia "Torino Spiritualità"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Sep 28, 2022 13:50


Natalia Pazzaglia"Torino Spiritualità"https://torinospiritualita.org/La pelle ferita: dai punti alle parolescuola di otiumdomenica 2 ottobre 2022 | ore 10.30-13 | il Circolo dei lettori, sala giococon Natalia Pazzaglia, storyteller e social innovatorFerita: un'interruzione dei tessuti causata da agenti esterni. Viviamo, spesso senza accorgercene, di ferite. La pelle ferita taglia, apre, espone l'interno di noi al mondo. E se prude, sta guarendo. Un laboratorio per provare a curare la nostra pelle con la scrittura, rimedio non sempre dolce ma spesso efficace. Una metamorfosi del corpo per facilitare un'integrazione interiore.https://www.nataliapazzaglia.com/"Mi chiamo Natalia e lavoro nel no profit dal 2012.Lo faccio perchè ho sempre sognato di cambiare il mondo in meglio.Da piccola mi appassionavo a costruire nuovi mondi con i miei giocattoli preferiti, da grande la mia creatività ha incontrato le storie di innovatori sociali e gli studi legati alla costruzione di comunità e ai processi di cambiamento.A sedici anni ho comprato un quadro con monaci buddisti in cammino: mi ha seguito in quasi tutti i tredici traslochi fatti da allora. Sulla mia scrivania ci sono sempre fiori freschi, il computer e matite colorate. Alle pareti foto e frasi ispirazionali.I viaggi e la cura sono stati leitmotiv del mio percorso professionale.Costa d'Avorio, Bolivia, India, Giordania, Siria, Libano, Israele, Palestina, Russia, Perù, Egitto, Argentina, Marocco, Laos, Cambogia, Tailandia, Vietnam, Singapore, Giappone, Cuba, Australia, Armenia, Georgia, Messico, Indonesia, Stati Uniti sono luoghi che hanno cambiato il mio sguardo. Le esperienze di volontariato mi hanno fatto intuire il valore dell'autenticità e della condivisione. I progetti che ho seguito mi hanno fatto comprendere l'importanza della cura: per le idee, i progetti e le persone.Siamo tutti connessi.L'esperienza che, in assoluto, mi ha cambiato di più a livello professionale e personale sono stati gli anni di vicinanza ad una paziente oncologica: mia mamma.A lei devo il coraggio e la determinazione nelle difficoltà, la creatività di fronte ai vicoli ciechi, la speranza nei momenti più bui, l'amore per le cose belle, la fiducia negli altri e nel cambiamento positivo.Credo che le persone possano fare la differenzae che con le loro storie e idee, anche imparando dalle cadute e dai fallimenti, possano cambiare il mondo in meglio."IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

Radio3i
Patty & Grant: puntata di martedì 20 settembre

Radio3i

Play Episode Listen Later Sep 28, 2022


Nella puntata di oggi abbiamo parlato del compleanno di Loredana Bertè e di Mia Martini. Siamo andati negli Stati Uniti per ricordare la revoca di "Non chiedere, non dire" da parte di Barack Obama. Viene istituita la Dance Music Hall of Fame a New York e, tra gli altri, viene premiata Donna Summer. Nel 01 "Il trono di spade" si aggiudica l'Emmy. Nel 1969 in vetta alle classifiche c'è la canzone "Sugar Sugar" degli Archies.

Italiano sì
64 - Di top ten italiane (parte uno)

Italiano sì

Play Episode Listen Later Sep 27, 2022 20:32


TRASCRIZIONE DEL PODCASTPuoi sostenere il mio lavoro con una donazione su Patreonhttps://www.patreon.com/italianosiPer €2 al mese riceverai le trascrizioni di tutti i PodcastPer €3 al mese riceverai, oltre alle trascrizioni, anche una lista dei vocaboli più difficili, con la loro traduzione in inglese.CONTENUTINelle prossime puntate vi parlerò delle cose che mi sono piaciute di più e di meno dei paesi in cui ho vissuto.L'ARGOMENTO DELLA PUNTATALe mie dieci cose meno preferite di quando vivevo in ItaliaLINK:RedditFacebookInstagramTRASCRIZIONECiao a tutte e ciao a tutti, bentornati. Io sono Elisa e questo è il podcast di italiano sì. Oggi continuiamo con lo stesso argomento iniziato due settimane fa, ovvero le cose che mi sono piaciute di più e di meno dei paesi in cui ho vissuto. Questi paesi sono: gli Stati Uniti, la Norvegia, la Germania e l'Italia naturalmente. Nelle scorse due puntate vi ho già parlato degli Stati Uniti e oggi, come da titolo, vi parlo dell'Italia. È necessario fare qualche premessa. [...]

Pepite di Scienza
Le onde gravitazionali

Pepite di Scienza

Play Episode Listen Later Sep 26, 2022 7:57


Il mio libro "Capire il tempo e lo spazio": https://amzn.to/2UYMToT Il mio libro "A cavallo di un protone": https://amzn.to/2LIkz5x In questo episodio capiamo cosa sono le onde gravitazionali e come funziona un'antenna gravitazionale come quella di LIGO, negli Stati Uniti, e quella di Virgo, vicino a Pisa. Il canale YouTube di Pepite: https://www.youtube.com/c/NuggetsofScience La web di Pepite: www.pepitediscienza.it Per approfondire il tema delle onde gravitazionali e della relatività generale: Simone Baroni, “Capire il tempo e lo spazio”, https://amzn.to/2UYMToT B.P.Abbot et al, Physical Review Letters, 116, 061102, 2016

HORECA AUDIO NEWS - Le pillole quotidiane
3078 - Aumenta la domanda mondiale di tequila. Un focus per il canale Horeca

HORECA AUDIO NEWS - Le pillole quotidiane

Play Episode Listen Later Sep 26, 2022 2:59


Negli ultimi anni, la tequila ha conosciuto un incremento della domanda dei consumatori a livello mondiale. Secondo i dati IWSR, principale fonte di dati sul mercato globale delle bevande alcoliche, nel 2021 la tequila deteneva una quota in volume del 2,5% del mercato globale degli alcolici, in aumento rispetto all'1,8% nel 2016. E si prevede una crescita ulteriore a volume del 7% tra il 2021 e il 2026.Questa situazione però ha già creato dei problemi per carenze di agave e costi di produzione più elevati, una situazione che non è destinata a cambiare, anche perché le piante di agave impiegano diversi anni per arrivare a maturità. Jose Luis Hermoso di IWSR sostiene che "i prezzi inizieranno a moderarsi solo quando ci saranno segnali che la tequila si sta raffreddando nel mercato chiave degli Stati Uniti".

Ninja News, l'economia digitale
Lo Show del Super Bowl sponsorizzato da Apple

Ninja News, l'economia digitale

Play Episode Listen Later Sep 26, 2022 2:40


Stai ascoltando un estratto gratuito di Ninja PRO, la selezione quotidiana di notizie per i professionisti del digital business. Con Ninja PRO puoi avere ogni giorno marketing insight, social media update, tech news, business events e una selezione di articoli di approfondimento dagli esperti della Redazione Ninja. Vai su www.ninja.it/ninjapro per abbonarti al servizio.Pico ha presentato il suo headset per la VR. Il Pico 4 sarà inizialmente disponibile in Giappone, Corea del Sud, Regno Unito, Francia, Germania, Spagna, Italia e altri otto Paesi europei. La società controllata di ByteDance non ha ancora rivelato i piani di rilascio negli Stati Uniti. Il dispositivo permetterà di condividere esperienze VR anche su TikTok e per il prossimo anno è previsto anche il lancio di un'esperienza in stile metaverso chiamata Pico Worlds. Apple sponsorizzerà l'halftime show del Super Bowl. La National Football League (NFL) ha raggiunto un accordo pluriennale con Apple Music, a cominciare dalla partita di campionato del febbraio 2023. Oltre 120 milioni di spettatori hanno assistito allo Show del Super Bowl LVI del 2022. Instagram dietro a TikTok e YouTube. Lo ha detto il capo del social parlando della soddisfazione dei creator sulla piattaforma. In una nota interna, Adam Mosseri ha spiegato che IG è indietro anche su alcune metriche non strettamente correlate alla capacità di monetizzazione, come "divertimento, portata, algoritmo equo e cura". L'acquisizione delle "nuove generazioni rimane il problema principale", per questo l'applicazione ha creato un nuovo team focalizzato sugli utenti adolescenti.

Radio Bullets
26 settembre 2022 - Notiziario

Radio Bullets

Play Episode Listen Later Sep 26, 2022 18:19


Iran: 10 giorni di proteste, uccisa Hadith Najafi. Il partito riformista chiede la fine dell'obbligo al velo. A Elon Musk il via libera per attivare il servizio internet Starlink agli iraniani. Stati Uniti: Revocata la designazione dell'Afghanistan come maggiore alleato non NATO. Algeria: AI chiede la liberazione dell'attivista a cui è stato concesso lo status di rifugiato in Tunisia. Cina: braccialetti elettronici per monitorare le emozioni degli autisti di autobus e infine il clima, tra tifoni, alluvioni e uragani. Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli Se vuoi sostenere l'informazione indipendente www.radiobullets.com/sostienici

Ascolta la Notizia
Ucraina, Lavrov: «Adesso gli Stati Uniti sono parte del conflitto»

Ascolta la Notizia

Play Episode Listen Later Sep 25, 2022 0:38


«Adesso gli Stati Uniti sono parte del conflitto» in Ucraina. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov nel corso di una conferenza stampa a margine dell'Assemblea generale dell'Onu a New York. «In Occidente c'è una russofobia grottesca». Quello che gli occidentali vogliono fare «non è sconfiggerci. Vogliono toglierci dalle cartine, cancellarci dalle mappe». «Gli Stati Uniti e i loro alleati sono dei dittatori» attacca. Quella di Washington «è una dittatura pura o un tentativo di imporla».

Dpen Crimini
Il Massacro di Parkland: 6.09

Dpen Crimini

Play Episode Listen Later Sep 25, 2022 55:14


Nuovo caso sui Mass-shooting! In questo episodio torniamo a parlare di sparatorie negli Stati Uniti. In un liceo di Parkland, Florida, in 6 minuti e 9 secondi avviene letteralmente un massacro. L'inferno in terra. Vieni a scoprire con noi di cosa si tratta!

Radio 24 Podcast
Olympia - Dagli oratori al bronzo europeo: le origini del volley femminile in Italia

Radio 24 Podcast

Play Episode Listen Later Sep 25, 2022


"Non è possibile che vi siano due numero uno. Alla fine, uno solo vince. E per essere quello che vince, sei disposto a dare tutto te stesso". Parole di Ayrton Senna, il leggendario asso della Formula Uno, che racchiudono l'essenza delle sfide sportive: duelli in cui primeggia chi ha più voglia, fame, di vincere. E saranno proprio questi duelli al centro della nuova stagione di "Olympia", il programma di storytelling sportivo ideato e condotto da Dario Ricci. Attraverso testimonianze inedite, audio dei protagonisti, voci d'epoca, rivivremo pagine leggendarie della storia dello sport, scandite dalle rivalità più grandi e profonde, che hanno segnato e cambiato il modo di intendere lo sport, il costume, la storia e la società. Dai duelli sui pedali tra Coppi e Bartali a quelli all'ultima frenata (o anche oltre …) tra senna e Prost; dalle sfide a colpi di servizio e voleé tra Roger Federe e Rafa Nadal, alle sfide tra le squadre che hanno segnato la storia come l'Italia e la Germania del calcio, l'Unione Sovietica e gli Stati Uniti nel basket, l'Australia e gli All Blacks neozelandesi nel rugby. Duelli, confronti, sfide. Perché - come ci ricorda Julio Velasco, il grande allenatore della pallavolo, "chi vince festeggia, chi perde spiega". E da gennaio 2020, "Olympia guarderà verso i Giochi Olimpici di Tokyo2020 (che si svolgeranno dal 24 luglio al 9 agosto 2020), raccontando agli appassionati ascoltatori di Radio24 le grandi rivalità che hanno caratterizzato la storia delle Olimpiadi. Anche quest'anno, ad accompagnare Dario Ricci in questo viaggio tra sport e memoria, ci sarà il prof. Stefano Tirelli, docente di Tecniche Complementari sportive presso l'Università Cattolica di Milano e mental coach di molti campioni dello sport italiano.

Il Corsivo di Daniele Biacchessi
Il referendum nelle repubbliche separatiste filorusse e il rischio di allargamento del conflitto | 24/09/2022 | Il Corsivo

Il Corsivo di Daniele Biacchessi

Play Episode Listen Later Sep 24, 2022 2:27


A cura di Daniele Biacchessi Fino a domani si vota nelle repubbliche separatiste ucraine occupate dalle truppe russe di Donetsk e Lugansk e nelle regioni di Kherson e Zaporizhzhia. Si tratta di un referendum dall'esito scontato e considerati una farsa dalla comunità internazionale. Tra i 130 osservatori ci sarebbero anche degli italiani. Kiev però annuncia nuove riconquiste come Yatskivka, nell'Oblast di Donetsk. Il referendum, l'annuncio di Putin del richiamo alle armi di migliaia di riservisti, il cui numero effettivo resta riservato, la conferma del Cremlino di voler utilizzare le armi nucleari in Ucraina in caso di attacco, sono fattori che oggettivamente allontanano sempre più spiragli di pace e rendono il conflitto militare l'unica opzione rimasta in campo. Anche i timidi segnali messi in campo dalla diplomazia si spengono definitivamente, tanto che il premier turco Erdogan si spende solo per uno scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev e la presidenza ceca dell'Unione europea ha convocato per lunedì una riunione nell'ambito del meccanismo integrato di risposta alle crisi politiche (Ipcr), alla quale parteciperanno i rappresentanti permanenti degli Stati membri presso l'Ue. Mosca mostra i muscoli in piazza contro le opposizioni, condannando nuovamente il dissidente Alexey Navalny a 12 giorni di detenzione punitiva, dichiara di non essere interessata d uno scontro diretto contro gli Stati Uniti e Nato, ma non arretra la sua pressione militare di un solo passo. È una guerra di nervi che rischia di allargare il conflitto, spostandolo sempre più verso una sfera difficilmente controllabile. Servirebbe un soggetto terzo come l'Onu, ma nulla può e vuole fare per fermare le ostilità. Anche la voce di Papa Francesco si affievolisce davanti ad una inevitabile accelerazione dello stato di tensione. Credits: Agenzia Fotogramma

A conti fatti. La storia e la memoria dell'economia
Le sanzioni economiche nella Storia: i pro e i contro

A conti fatti. La storia e la memoria dell'economia

Play Episode Listen Later Sep 24, 2022


Le sanzioni imposte dall'Unione europea e dagli Stati Uniti alla Russia in seguito all'invasione dell'Ucraina sono efficaci? Il dibattito è aperto, nella constatazione che le sanzioni costituiscono certo una soluzione alternativa a quella ben più drammatica della guerra, ma certo non si possono sottovalutare le conseguenze che esse hanno anche per chi le impone. Se guardiamo alla storia del Novecento, certo non mancano i precedenti e i risultati sono controversi. Ne discutiamo con Fabrizio Onida, professore emerito di economia internazionale all'Università Bocconi di Milano.

BASTA BUGIE - Cinema
La battaglia di Hacksaw Ridge** (2016) - Il talento artistico di Mel Gibson

BASTA BUGIE - Cinema

Play Episode Listen Later Sep 23, 2022 9:26


TESTO DELL'ARTICOLO ➜ www.filmgarantiti.it/it/articoli.php?id=478IL TALENTO ARTISTICO DI MEL GIBSON di Roberto MarchesiniGran bel film, La Battaglia di Hacksaw Ridge: splendido dal punto di vista tecnico, commuove, appassiona ed eleva lo spirito.Prima di parlarne, ripercorriamo la carriera dell'autore, il famoso Mel Gibson. Che, forse, dà uno spaccato dell'evoluzione del pensiero di un cattolico negli Stati Uniti... Diventa una star di Hollywood negli anni '70 e '80 grazie alle serie Mad Max e Arma letale. Sembra destinato al genere avventuroso-fracassone quando, nel 1990, Zeffirelli lo chiama per vestire i panni di Amleto. Gibson coglie l'occasione, e sfodera una prova da grande attore. Nel 1993 esce il suo primo film da regista: L'uomo senza volto. Un grande, commovente e drammatico film sulla figura paterna, oggetto di diffidenza e anche odio, ma necessaria.BRAVEHEART (1996), IL PATRIOTA (2000) & WE WERE SOLDIERS (2002)Tre anni dopo ecco l'epico e monumentale Braveheart Cuore impavido. Di questo film ricordiamo il realismo, la violenza ed uno dei più grandi discorsi della storia del cinema («Agonizzanti in un letto, fra molti anni da adesso...»), probabilmente ispirato all'Enrico V di Shakespeare. Emerge anche il tema politico: l'indipendenza della Scozia dalla tirannia inglese. Il film regala a Gibson, oltre ad un importante incasso, 5 premi Oscar. [leggi: UN CUORE IMPAVIDO PER LA LIBERTA', clicca qui, N.d.BB]Nel 2000 Gibson interpreta Il patriota. Apparentemente un film sull'indipendenza degli Stati Uniti che nasconde però ben altro. Innanzitutto, il patriota del titolo non combatte per la patria, anzi: al momento dell'arruolamento, si rifiuta, anteponendo i suoi doveri di padre a quelli nei confronti della «nazione americana» («Perché dovrei scambiare un tiranno a tremila miglia di distanza con tremila tiranni lontani solo un miglio?»). Feroce guerriero, Benjamin Martin si schiera risolutamente dalla parte della pace («Vi sono alternative alla guerra»). Più che un film patriottico, Il patriota è piuttosto un film libertario; la sua bandiera non è quella a stelle e strisce, ma quella che verrà usata anni dopo dal Tea Party. [...]Nel 2002 Mel Gibson è impegnato in un film alla Berretti verdi: We were soldiers - Fino all'ultimo uomo. Interpreta un ufficiale - cattolico ed oltremodo eroico - impegnato nella guerra del Vietnam. Siamo all'esordio alla presidenza di Bush Jr: Gibson sembra concedere un minimo di fiducia alle istituzioni statunitensi dopo due mandati Clinton. [leggi: WE WERE SOLDIERS - FINO ALL'ULTIMO UOMO, clicca qui, N.d.BB]LA PASSIONE DI CRISTO (2004) & APOCALYPTO (2006)Nel 2004 esce La passione di Cristo: un film brutale e realistico su passione, morte e risurrezione di Gesù, con luci caravaggesche e recitato in aramaico, ebraico, latino. Prima dell'uscita nelle sale si diffonde la notizia secondo la quale il padre di Mel Gibson sarebbe un cattolico sedevacantista antisemita. Appena il film esce nelle sale fioccano le stroncature: si schierano Natalia Aspesi («Un'orgia di sangue...») e Vittorio Zucconi («Sangue, torture e integralismo»); persino eminenti prelati criticano il realismo del film, rimpiangendo la passione proletaria di Pasolini. Ma l'accusa più grave (anche se non ben circostanziata) è quella di antisemitismo: Jim Caviezel, interprete di Cristo, dirà di essersi giocato la carriera con questo film. Nonostante questo, il film incassa più di seicento milioni di dollari. Alle accuse di antisemitismo si accompagnano altri giudizi: Mel Gibson è padre di otto figli ed è sempre stato sposato con la stessa donna, un unicum, ad Hollywood. [leggi: UNA PASSIONE DI VIOLENZA E DI AMORE, clicca qui, N.d.BB]Due anni dopo Gibson sforna un altro capolavoro: Apocalypto. Ambientato nella brutale e feroce America precolombiana, narra la vicenda di Zampa di Giaguaro, che sfugge alla morte per salvare la famiglia. Alla fine del film, quando il protagonista sta per essere ucciso, ecco sbarcare dall'oceano una nave: trasporta soldati, religiosi e la croce di Cristo. [...] Oltre al tema della lotta per la famiglia, ne emerge prepotentemente un altro: quello dell'aborto. Cos'altro è il sacrificio umano praticato incessantemente dai capi del popolo Maya, se non l'uccisione di milioni e milioni di bambini? La società americana pre-cristiana è dunque quella statunitense? [...] [leggi: UNA CIVILTA' VIENE DISTRUTTA DALL'ESTERNO SOLO QUANDO SI E' GIA' CORROTTA AL SUO INTERNO, clicca qui, N.d.BB]Dall'uscita di Apocalypto, la carriera di Gibson va a rotoli. La sua immagine di padre di famiglia irreprensibile è deturpata: al suo fianco compare una giovane musicista russa ebrea Oksana Grigorieva (ma Gibson non era antisemita?), divorzia dalla moglie e va a vivere con lei. Viene fermato illegalmente da un poliziotto (alla presenza di telecamere) mentre è alla guida in stato di ebbrezza: si lascia scappare frasi antisemite («Gli ebrei sono responsabili di tutte le guerre del mondo»). Ha altri progetti cinematografici (un film su Giuda Maccabeo - ma Gibson non era antisemita? - ed un altro sugli insorgenti italiani), ma rinuncia: erano film - dirà - che interessavano solo a me. Solo pochi amici gli restano vicino (Robert Downey Junior e l'attivista lesbica Jody Foster - ma Gibson non era intollerante?). Nel 2010, a carriera ormai distrutta, viene lasciato dalla musicista russa, che lo denuncia per averle detto al telefono frasi razziste (registrate su nastro). Da quel momento Gibson recita in alcuni (anche ottimi) film d'azione: Fuori controllo, Viaggio in paradiso, Machete Kills, Blood father; come autore sembra finito. [leggi: DEBOLEZZE UMANE NELLA VITA DI MEL GIBSON, clicca qui, N.d.BB]LA BATTAGLIA DI HACKSAW RIDGE (2017)Ed eccoci arrivati al febbraio 2017 con la sua nuova prova da regista: La Battaglia di Hacksaw Ridge. È la storia vera di Desmond Doss, un obiettore di coscienza che si arruola volontario durante la Seconda Guerra Mondiale. Non vuole toccare le armi per motivi religiosi (è avventista del settimo giorno); ma non si sente da meno rispetto agli altri giovani che decidono di servire il loro paese in guerra. La sua posizione non viene compresa e, considerato un vigliacco, durante l'addestramento è fatto oggetto di insulti, punizioni e violenze. Viene addirittura incriminato per aver disobbedito agli ordini, rischia il carcere, ma non rinuncia ai suoi principi. Alla fine, grazie all'intervento del padre, alcolizzato e violento, traumatizzato dalla Prima Guerra Mondiale, viene riconosciuto il suo status di soldato obiettore di coscienza ed assegnato alla sanità militare. I compagni e gli ufficiali continuano a considerarlo un vigliacco, ma Doss riuscirà a dimostrare il contrario. Viene inviato nel Pacifico e partecipa alla battaglia di Okinawa; viene assegnato a Hawksaw Ridge, una impervia montagna controllata dai giapponesi. Il primo giorno di battaglia è cruento, ma vede la vittoria degli statunitensi; il giorno seguente, però, i giapponesi riconquistano la posizione. É il momento della ritirata, ma non per tutti: Doss resterà in cima, recupererà uno ad uno i suoi compagni calandoli con delle corde, sarà l'ultimo a calarsi dopo aver salvato commilitoni e giapponesi feriti. Una cinquantina, disse Doss; un centinaio, lo corressero i suoi compagni (alla fine gli vennero attribuiti 75 salvataggi, una via di mezzo).Del film notiamo l'eccellente tecnica e l'ottima recitazione, soprattutto del protagonista Andrew Garfield (al quale era stato «sconsigliato» di lavorare con Gibson). Colpiscono anche la castità del fidanzamento di Doss (quando mai, nei film hollywoodiani?) e i dialoghi, che rimandano ai valori più nobili. Il film gronda eroismo e fede religiosa: ogni volta che Doss cala un compagno dalla montagna, si ferma a pregare: «Fammene trovare ancora uno». Gibson chiarisce che la vera forza non è quella dei muscoli (la recluta culturista «Hollywood» - sottile ironia - non si distingue, in battaglia, per il coraggio), ma quella interiore: la virtù della fortezza.E torna, nuovamente, il tema della guerra. Il realismo è terribile e spettacolare: la guerra è morte, dolore e sofferenza. [...] Gibson, pur avendo firmato film di guerra, non è mai stato un guerrafondaio; ma con questo film sembra compiere un passo ulteriore. «Non mi sembra una brutta cosa rimettere insieme qualche pezzo del mondo, mentre sono tutti così intenti a farlo a pezzi», dice Desmond Doss. Lo pensa anche Gibson. [...]Il suo messaggio è chiaro: la guerra non è di per sé eroismo. L'eroismo è quello di chi - anche in guerra - è disposto a donare la vita per i propri fratelli, anche se di un'altra nazione. L'eroismo è quello di Doss, che salva uno ad uno i propri compagni e i propri nemici, e che prega «Fammene trovare ancora uno». Non per ucciderlo: per salvarlo.

C.V.D. Cercasi Veri Democratici
Recensione della Trilogia Americana di V. Evangelisti (con consiglio per una lettura saggistica)

C.V.D. Cercasi Veri Democratici

Play Episode Listen Later Sep 22, 2022 10:33


In questo video viene recensita la Trilogia Americana di Valerio Evangelisti (Antracite; Noi Saremo Tutto; One Big Union) con un consiglio per una ulteriore lettura sull'argomento, la lotta operaia statunitense, ovvero il saggio di Filippo Manganaro Senza patto né legge. Link all'introduzione del saggio: https://www.carmillaonline.com/2006/01/19/violenza-di-classe-negli-stati-uniti-12e https://www.carmillaonline.com/s=Violenza+di+classe+negli+Stati+Uniti+2%2F2 Link per l'acquisto dei libri in oggetto: https://www.ibs.it/senza-patto-ne-legge-antagonismo-libro-filippo-manganaro/e/9788886973618 https://www.ibs.it/trilogia-americana-antracite-one-big-libro-valerio-evangelisti/e/9788804677406 https://www.ibs.it/antracite-libro-valerio-evangelisti/e/9788804520610?queryId=e1ada3110c429da7f2ee993b174d5a62 https://www.ibs.it/one-big-union-libro-valerio-evangelisti/e/9788804622758 https://www.ibs.it/noi-saremo-tutto-libro-valerio-evangelisti/e/9788804598619 --- Send in a voice message: https://anchor.fm/veridemocratici/message

Radio Bullets
22 settembre 2022 - Notiziario

Radio Bullets

Play Episode Listen Later Sep 22, 2022 19:06


Russia: Putin ordina una mobilitazione parziale e minaccia l'Occidente. Afghanistan: senza istruzione di base il neoministro dell'Istruzione. Libano: le banche rimarranno chiuse a tempo indeterminato. La Junta del Myanmar minaccia di morte chi appoggia l'opposizione birmana. Belgio in piazza contro l'aumento del costo dell'energia. Egitto: liberati 28 detenuti in attesa di giudizio, intanto AI accusa Il Cairo di tentare di coprire un decennio di violazioni dei diritti umani. Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli Se vuoi sostenere l'informazione indipendente www.radiobullets.com/sostienici

La Finanza in Soldoni
2022-67– Fed Rialzo da 75 punti strada in salita per battere l'inflazione

La Finanza in Soldoni

Play Episode Listen Later Sep 22, 2022 3:51


La Federal Reserve degli Stati Uniti ha aumentato i tassi di interesse di 75 punti base per la terza volta consecutiva portandoli al livello più alto dal 2008. Secondo le stime aggiornate della Fed il pil americano è atteso salire quest'anno dello 0,2%, rispetto all'1,7% previsto in precedenza, con un tasso di disoccupazione al 3,8% e un'inflazione al 5,4%. Il ritorno al livello del 2% è atteso solo nel 2025 (2,8% nel 2023 e 2,3% nel 2024).Il presidente Powell ha dichiarato che “Non esiste una strada indolore per battere l'inflazione”.Ascolta il nuovo podcasthttps://www.spreaker.com/show/io-votoconipiedie newsletterhttps://iovotoconipiedi.substack.com/La Finanza in Soldoni è anche una newsletter https://lafinanzainsoldoni.substack.com/e un libro che trovate in Libreria e nei principali Bookstore on line.https://www.amazon.it/finanza-soldoni-Massimo-Famularo/dp/8868492458/Leggi le "Storie di Tutti i colori più uno"https://www.amazon.it/Storie-tutti-colori-pi%C3%B9-uno/dp/B09F1G3WZP/Seguite i miei aggiornamenti via https://massimofamularo.com/https://www.youtube.com/c/MassimoFamularo/

MIster Gadget
Logitech lancia G Cloud

MIster Gadget

Play Episode Listen Later Sep 22, 2022 5:48


Dopo molti rumors, che risalgono addirittura a mesi fa, arriva definitivamente l'annuncio di Logitech, che propone al mercato la consolle G Cloud. Dalle parti di Facebook non si prospettano periodi floridi, si preparano licenziamenti e una riorganizzazione delle squadre di lavoro. Spotify entra nel mercato degli audiolibri, per ora solo negli Stati Uniti.

Ninja News, l'economia digitale
Farinetti cede il 52% di Eataly a Investindustrial

Ninja News, l'economia digitale

Play Episode Listen Later Sep 22, 2022 4:16


Stai ascoltando un estratto gratuito di Ninja PRO, la selezione quotidiana di notizie per i professionisti del digital business. Con Ninja PRO puoi avere ogni giorno marketing insight, social media update, tech news, business events e una selezione di articoli di approfondimento dagli esperti della Redazione Ninja. Vai su www.ninja.it/ninjapro per abbonarti al servizio.Eataly, Farinetti vende il 52% a Investindustrial. L'accordo comprende un aumento di capitale da 200 milioni di euro e l'acquisto di un pacchetto di azioni di circa 140 milioni, concludendo una negoziazione durata mesi. Azzerando l'indebitamento finanziario netto, la società potrà ora puntare su un'ulteriore espansione internazionale. Spotify ora aggiunge gli audiolibri alla sua offerta. Gli ascoltatori (per ora solo negli Stati Uniti) potranno acquistare e ascoltare più di 300.000 titoli. La piattaforma diventa così una vera e propria destinazione all-in-one per le esigenze di ascolto, con una nuova interfaccia utente specificamente pensata per l'ascolto degli audiobook. Il prodotto rappresenta una quota del 6%-7% nel mercato dei libri in generale, ma è una categoria sta crescendo del 20% anno dopo anno, ha segnalato l'azienda in una nota stampa.I videogiochi potrebbero combattere la demenza. I ricercatori stanno lavorando a videogame appositamente progettati che promettono di aiutare il nostro cervello. Il progetto si basa sulla convinzione dei neuroscienziati che giochi come il Sudoku e le parole crociate mantengono il cervello in salute. Le prossime terapie mediche potrebbero quindi essere basate su Nintendo e PlayStation. L'analisi è del Wall Street Journal.

WSI: La Notizia Del Giorno
Covid, Allarme Dell'EMA: “Verso Una Nuova Ondata di Infezioni in Europa”

WSI: La Notizia Del Giorno

Play Episode Listen Later Sep 21, 2022 2:52


Mentre negli Stati Uniti, secondo il presidente Joe Biden, la fine della pandemia è vicina, in Europa resta alta l'allerta su una nuova ondata di contagi da coronavirus, complici altre varianti che potrebbero emergere dopo Omicron 5.

Radio Bullets
21 settembre 2022 - Notiziario

Radio Bullets

Play Episode Listen Later Sep 21, 2022 17:37


La Guinea Equatoriale abolisce la pena di morte. Rimpasto afgano, sostituito il ministro dell'Istruzione. Myanmar: elicottero militare attacca scuola, uccisi 7 bambini. Giappone: un uomo si dà fuoco davanti la casa del premier. Turchia: HRW, il riciclaggio di plastica fatto male danneggia la salute e l'ambiente. Per la prima volta dopo la pandemia, riprende in presenza l'Assemblea delle Nazioni Unite dove domina la guerra in Ucraina e il clima. Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli Se vuoi sostenere l'informazione indipendente www.radiobullets.com/sostienici

Spazio 70
«Riina mi parlò male di Madonia. C'era aria di guerra». Parla Rosario Naimo (inedito)

Spazio 70

Play Episode Listen Later Sep 21, 2022 177:35


Palermo, 19 novembre 2021. Processo per l'omicidio dell'agente di Polizia Nino Agostino e della moglie Ida Castelluccio. Depone Rosario Naimo, ex "re del narcotraffico" nonché membro di spicco di Cosa Nostra negli Stati Uniti, dal 2010 collaboratore di giustizia.Il nostro sito internet: https://spazio70.com/Donazioni tramite il sistema Paypal: https://www.paypal.me/Spazio70La nostra pagina Facebook: https://www.facebook.com/gliannisettantaIl nostro account Instagram: https://www.instagram.com/spazio.70/Twitter: https://twitter.com/Nazionalpop70Il nostro gruppo Telegram (molto importante): https://t.me/spazio_70Audio Radio Radicalehttps://creativecommons.org/licenses/...Sigla: Home Base Groove di Kevin MacLeod è un brano autorizzato da Creative Commons Attribution (https://creativecommons.org/licenses/...)Fonte: http://incompetech.com/music/royalty-...Artista: http://incompetech.com/

Soli
Dragon Lady - Parte 3

Soli

Play Episode Listen Later Sep 21, 2022 65:50


La comunità è diventata così grande da essere quasi ingestibile, i pettegolezzi su quello che avviene nell'ashram aumentano e strane vicende acuiscono i sospetti su quanto accade una volta varcati i cancelli dell'ashram di Puna. Sheela riesce a ottenere il potere che tanto ambisce e convince il guru a trasferirsi in America. Deeksha ha il compito di organizzare tutto in anticipo e parte per gli Stati Uniti.

Italiano sì
63 - Di top ten americane (parte due)

Italiano sì

Play Episode Listen Later Sep 20, 2022 21:13


TRASCRIZIONE DEL PODCASTPuoi sostenere il mio lavoro con una donazione su Patreonhttps://www.patreon.com/italianosiPer €2 al mese riceverai le trascrizioni di tutti i PodcastPer €3 al mese riceverai, oltre alle trascrizioni, anche una lista dei vocaboli più difficili, con la loro traduzione in inglese.CONTENUTINelle prossime puntate vi parlerò delle cose che mi sono piaciute di più e di meno dei paesi in cui ho vissuto.L'ARGOMENTO DELLA PUNTATALe dieci cose che più mi sono piaciute negli Stati Uniti d'America.LINK:RedditFacebookInstagramTRASCRIZIONECiao a tutti e ciao a tutte, bentornati nel podcast di italiano sì. Vi ricordate quando la settimana scorsa vi ho detto: “Ah, adesso preparo otto puntate tutte in una volta, che poi pubblicherò con calma per otto settimane, in modo da avere tempo e prepararmi alla nascita di mio figlio” e l'idea era di registrare una puntata dietro l'altra, praticamente. Ehm… no, non è proprio stato possibile. Io credo a volte di sopravvalutarmi, di sopravvalutare le mie capacità e di sottovalutare i miei impegni. [...]

Esteri
Esteri di martedì 20/09/2022

Esteri

Play Episode Listen Later Sep 20, 2022 29:23


1- ”Le grandi crisi, come la guerra in Ucraina, minacciano il futuro dell'umanità". Aprendo la 77esima Assemblea Generale dell'Onu, Antonio Guterres lancia un drammatico appello alla comunità internazionale. Intanto dopo la Crimea Putin vuole annettere il Donbass. Ma la controffensiva di Kiev potrebbe fare saltare di nuovo i piani del Cremlino. Convocati per il 23 settembre i referendum nelle autoproclamate repubbliche di Lugansk e Donestk. 2-Violenza di genere. La sinistra francese è nei guai. Tra amarezza e rivolta, numerosi collettivi femministi chiedono le dimissioni dell'astro nascente della “ France Insoumise” 4-Stati Uniti, verso il Midterm. Donald Trump non è più una risorsa per i repubblicani. Il punto di esteri 5-Diritti umani. Amnesty chiede alle Nazioni Unite un'inchiesta indipendente sui crimini del regime cinese nello Xinjiang. “ Chiediamo agli Stati membri di assumere iniziative concrete affinché i responsabili vengano chiamate a risponderne" 6- Spagna. La foto della discordia. Al funerale della regina Elisabetta, l'incontro tra il Re Felipe sesto e il padre Juan Carlos rilancia la polemica tra i fautori del rinnovamento della monarchia e gli ultraconservatori.

Marco Montemagno - Il Podcast
Perché gli Stati Uniti banneranno TikTok

Marco Montemagno - Il Podcast

Play Episode Listen Later Sep 19, 2022 0:58


Perché gli Stati Uniti banneranno TikTok

Radio Bullets
19 settembre 2022 - Notiziario

Radio Bullets

Play Episode Listen Later Sep 19, 2022 20:04


Iran: le donne si tagliano i capelli, bruciano l'hijab per protestare contro la morte di Mahsa Amini. Afghanistan: da un anno le ragazze non possono andare a scuola. Moldavia in piazza contro il carovita, Stati Uniti: il tasso di suicidio dei veterani potrebbe essere il doppio delle stime federali. L'Eritrea mobilita i soldati, suscitando timori per il Tigray. Il presidente del Senegal nomina il primo premier dal 2019 Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli Se vuoi sostenere l'informazione indipendente www.radiobullets.com/sostienici

Radio 24 Podcast
Olympia - A Venezia Endorfine Rosa Shocking, il cinefestival dello sport al femminile

Radio 24 Podcast

Play Episode Listen Later Sep 18, 2022


"Non è possibile che vi siano due numero uno. Alla fine, uno solo vince. E per essere quello che vince, sei disposto a dare tutto te stesso". Parole di Ayrton Senna, il leggendario asso della Formula Uno, che racchiudono l'essenza delle sfide sportive: duelli in cui primeggia chi ha più voglia, fame, di vincere. E saranno proprio questi duelli al centro della nuova stagione di "Olympia", il programma di storytelling sportivo ideato e condotto da Dario Ricci. Attraverso testimonianze inedite, audio dei protagonisti, voci d'epoca, rivivremo pagine leggendarie della storia dello sport, scandite dalle rivalità più grandi e profonde, che hanno segnato e cambiato il modo di intendere lo sport, il costume, la storia e la società. Dai duelli sui pedali tra Coppi e Bartali a quelli all'ultima frenata (o anche oltre …) tra senna e Prost; dalle sfide a colpi di servizio e voleé tra Roger Federe e Rafa Nadal, alle sfide tra le squadre che hanno segnato la storia come l'Italia e la Germania del calcio, l'Unione Sovietica e gli Stati Uniti nel basket, l'Australia e gli All Blacks neozelandesi nel rugby. Duelli, confronti, sfide. Perché - come ci ricorda Julio Velasco, il grande allenatore della pallavolo, "chi vince festeggia, chi perde spiega". E da gennaio 2020, "Olympia guarderà verso i Giochi Olimpici di Tokyo2020 (che si svolgeranno dal 24 luglio al 9 agosto 2020), raccontando agli appassionati ascoltatori di Radio24 le grandi rivalità che hanno caratterizzato la storia delle Olimpiadi. Anche quest'anno, ad accompagnare Dario Ricci in questo viaggio tra sport e memoria, ci sarà il prof. Stefano Tirelli, docente di Tecniche Complementari sportive presso l'Università Cattolica di Milano e mental coach di molti campioni dello sport italiano.

Chiesa Cristiana Evangelica  della Vera Vite
La chiesa: ai vostri posti, pronti, via! Prima parte: ai vostri posti...ovvero incontrarsi | 18 Settembre 2022|

Chiesa Cristiana Evangelica della Vera Vite

Play Episode Listen Later Sep 18, 2022


La prima volta che Dio dice: "Non è buono" di qualcosa non è per un peccato... ma per la solitudine. Siamo stati creati con il bisogno di essere in contatto con altri. Se questo bisogno scompare,  mancherà qualcosa nella vita. La chiesa esiste affinché le persone possano incontrarsi e vivere in supporto l'uno dell'alto.---Predicatrice: Jean GuestCLICCA SUL TITOLO PER ASCOLTARE IL MESSAGGIOTempo di lettura: 9 minutiTempo di ascolto audio/visione video: 34 minutiAll'inizio di quest'anno mio figlio minore e la sua compagna sono andati in vacanza a fare escursionismo nel parco nazionale di Yosemite, negli Stati Uniti. Mentre erano lì, continuavo a ricevere messaggi da parte loro di quanto fosse meraviglioso il paesaggio, del fatto che il tempo fosse bello, ma non troppo caldo, e un messaggio su quanto fossero simpatiche le persone con cui si erano ritrovati al campeggio. Dopo una dura giornata di cammino, loro e gli altri giovani si riunivano intorno al falò, condividevano il cibo e i racconti delle loro vite - Tom dice che è stato incredibile incontrare così tante persone interessanti provenienti da tutto il mondo, che ti hanno fatto "sentire parte di qualcosa di più grande". C'era però una tenda in cui le persone non partecipavano e non parlavano mai. All'inizio tutti pensavano che forse non parlassero inglese o che fossero timidi, ma quando la coppia ha continuato a respingere tutte le avances, alla fine si è trasformato in un piccolo gioco su chi potesse spiegare la freddezza della coppia, perché sembrava davvero strano. Credo che la supposizione favorita sia stata  che fossero in fuga dall'FBI. Quando gli esseri umani non cercano la compagnia di altri esseri umani sembra un po' strano. Nella nostra cultura pop il serial killer sembra sempre essere un solitario; il nostro linguaggio quotidiano è pieno di modi di dire per descrivere le persone che non si uniscono; "il lupo solitario"; i solitari spirituali sono eremiti. Non unirsi non sembra essere "normale". Non parlo di coloro che sono timidi per natura o degli introversi tra noi, siamo quello che siamo, ma parlo del caso estremo quando le persone si allontanano attivamente dagli altri e rifiutano di far parte di una comunità.  E c'è una ragione per cui sembriamo avere questa reazione. Ricordate la prima volta che Dio dice: "Non è buono"? Non parla di peccato, ma di solitudine.“Poi Dio il Signore disse: «Non è bene che l'uomo sia solo; io gli farò un aiuto che sia adatto a lui».” (Genesi 2:18)È il momento di una piccola tangente e di un altro dei rapidi smontaggi del patriarcato da parte di Jean.La prima cosa in tutta la creazione che Dio definisce "non buona" è il bisogno disperato di donne. Questo è il primo accenno al fatto che l'"aiutante adatto" che Dio crea non è subordinato, ma assolutamente necessario. Prima che il peccato corrompesse il rapporto tra i sessi, Dio sembra considerare la donna necessaria quanto l'uomo.L'espressione ebraica per "aiutante adatto" è "ezer knegdow". La parola "knegdow" viene tradotta per lo più come "adatto" e si riferisce a una controparte esattamente corrispondente. Letteralmente, si riferisce a "stare di fronte a". Qui sembra implicare che entrambi i generi sono incompleti senza l'altro. Ognuno di essi ha qualità e caratteristiche generali intrinseche che mancano all'altro e dipende dal contributo dell'altro.La parola "ezer" viene spesso tradotta con "aiuto" o "aiutante". Quando vediamo la parola "aiutante", spesso pensiamo a una persona inferiore che potrebbe rendere più facile un compito, ma non è assolutamente necessaria per la sua realizzazione. Ma ovunque nella Bibbia, al di fuori di questo secondo capitolo della Genesi, questa frase descrive esclusivamente il modo in cui Dio stesso aiuta il suo popolo. Non si tratta di un aiuto a caso. È il tipo di aiuto senza il quale non si può funzionare.Torniamo al motivo per cui è umano avere bisogno di legami con gli altri.Vi ho già mostrato questa icona in passato. Ma non mi scuso per mostrarvela di nuovo, perché dimostra in modo eccellente che Dio è tre persone in una e che noi siamo fatti a sua immagine e somiglianza.  Se Dio ha bisogno di comunità, allora noi portiamo questa caratteristica nel nostro DNA. E pensateci: perché Dio ci ha creati? “Camminerò tra di voi, sarò vostro Dio e voi sarete mio popolo” (Levitico 26:12)Siamo stati creati per essere in comunità con Dio. Quanto è bello questo? E da quando abbiamo scelto diversamente, Dio sta lavorando nella storia perché questo sia di nuovo vero.Dio e gli esseri umani sono fatti l'uno per l'altro e gli esseri umani per funzionare bene hanno bisogno di altri esseri umani. Cosa canta Barbara Streisand nella canzone "Peolple"?  "Le persone…. le persone che hanno bisogno delle persone sono le persone più fortunate del mondo".Ed ecco un'altra cosa incredibile su come siamo stati creati. Le lacrime emotive hanno un contenuto proteico più elevato rispetto alle lacrime dovute ad una situazione frustrante, il che fa sì che cadano più lentamente lungo le nostre guance, aumentando così la possibilità di essere notate e di ricevere conforto e cure.  In modi fisiche e letterali, il nostro corpo è costruito per incoraggiare l'essere in comunità.Ecco cosa dice l'ultima relazione scientifica dell'Unione Europea sugli effetti della solitudine:Le ricerche dimostrano che la solitudine e l'isolamento sociale hanno ripercussioni dannose sulla salute mentale e fisica, nonché conseguenze significative sulla coesione sociale e sulla fiducia nella comunità. Sia la solitudine che l'isolamento sociale sono quindi sempre più riconosciuti come problemi critici di salute pubblica che meritano attenzione e devono essere affrontati con strategie di intervento efficaci.Negli Stati Uniti il 45% degli adulti si sente solo e isolato.  Nel Regno Unito i giovani adulti di età compresa tra i 18 e i 24 anni sono il gruppo che dichiara di sentirsi solo "spesso o quasi sempre".  L'Italia, e forse vi sorprenderà saperlo, registra una delle più alte percentuali di persone che si sentono sole in tutto il mondo - l'Italia è al 5° posto nel mondo per quanto riguarda la solitudine autoriferita."L'idea che l'italia abbia una "cultura comunitaria" è un mito", ha dichiarato Marco Trabucchi al giornale The European. "Forse esisteva 20 o 25 anni fa, ma certamente non oggi". La solitudine è un fenomeno globale. Mi spingerei oltre e lo definirei quello che la fondazione Jo Cox ha etichettato come "il male gigante".Ma perché è importante e cosa ha a che fare con la Chiesa?  Penso che sia importante per due motivi, ma oggi ne tratterò solo uno; il secondo motivo verrà presentato nella terza parte, quando esamineremo il ministero ecclesiastico.Penso che sia importante perché non è da Dio. Abbiamo già visto che non è così che siamo stati creati, né rispecchia il Creatore e questo lo addolora.Dobbiamo anche stare attenti, come cristiani, a non cadere nell'individualismo che può portare all'isolamento. Ho sentito persone dire: "Posso essere cristiano senza andare in chiesa". Tecnicamente è vero. Per molte delle nostre sorelle e dei nostri fratelli nel mondo non possono letteralmente andare in chiesa perché è contro la legge, non hanno altra scelta che essere cristiani che non vanno in chiesa. Ma pensate davvero che quegli stessi cristiani, se ne avessero la possibilità, resterebbero nella loro cella di prigione, o a casa, piuttosto che andare in chiesa? Ecco cosa ha detto Iktimal, un cristiano iraniano, dopo essere stato rilasciato, all'organizzazione cristiana Porre Aperte:"Hanno pregato con noi, hanno ascoltato la nostra storia, sono stati al nostro fianco", dice Iktimal. "Dio era con noi. Ha mandato quelle persone a starci accanto, erano come angeli. Il loro amore ci ha avvicinato a Gesù; ci hanno dimostrato l'amore di Dio".E ascoltate cosa intende fare Paolo nel momento in cui viene rilasciato dalla prigione di Efeso.“Al tempo stesso preparami un alloggio, perché spero, grazie alle vostre preghiere, di esservi restituito.” (Filemone  22)Si incontrerà con questa cosa meravigliosa chiamata chiesa di Colosse che si riunisce nella casa di Filemone; di lui e di loro si parlerà ancora la prossima settimana.So che Marco l'ha già detto, ma lo ripeterò: non possiamo fare chiesa in modo isolato. Ed ecco perché.L'istruzione che Gesù diede ai primi discepoli al momento dell'incontro non fu "credi in me", e nemmeno "ascoltami", ma "seguimi!". Ed essere seguaci di Gesù significa stare con Gesù. Diamo uno sguardo a Marco capitolo 3“Poi Gesù salì sul monte e chiamò a sé quelli che egli volle, ed essi andarono da lui. Ne costituì dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli, perché stessero con lui, per mandarli a predicare e perché avessero il potere di [guarire le malattie e di] scacciare i demòni.” (Marco 3:13-15)Chiamò quelli che voleva andassero con lui, dovevano accompagnarlo. Prima che a loro, o a noi, venga affidato un ministero, dobbiamo prima essere con Gesù, dobbiamo accettare l'invito a entrare in relazione con lui.E guardate lo schema: chiamò i dodici da un gruppo più grande. Sappiamo che mandò i settantadue (Luca 10) e gli scrittori del Vangelo parlano spesso delle folle che lo seguivano.  Non si trattava di persone che si presentavano solo per ascoltare il nuovo rabbino; lo seguivano. Se ripensiamo alla serie sulle parabole, il punto della moneta perduta e della pecora smarrita non è semplicemente che sono state trovate, ma che sono state trovate e restituite alla cassa e al gregge. Essere ritrovati significava entrare a far parte di qualcosa di più grande.Essere con Gesù significa essere con gli altri, che ci piaccia o no. Sapete che Gesù poteva avere molto da ridire su ciò che accadeva nel tempio e con i responsabili del tempio, ma ci andò lo stesso. Si presentava comunque nella sinagoga.“Si recò a Nazaret, dov'era stato allevato e, com'era solito, entrò in giorno di sabato nella sinagoga e si alzò per leggere.” (Luca 4:16)Andava “come era solito", era un habitué. Come al solito, ci sono le dovute eccezioni a tutto ciò, perché nulla è mai solo bianco o nero. La pandemia ha lasciato alcune persone fragili che hanno  timore di mescolarsi alla folla; dobbiamo dare loro il permesso di elaborare il trauma; un giorno saranno di nuovo pronte a partecipare. Molte persone che lottano con la salute mentale non riescono ad affrontare l'allegro e propositivo "Alleluia! Amen!" della chiesa; dobbiamo sostenerle, facendo loro sapere che a volte va bene non sentire che tutto va bene. Nella mia chiesa nel Regno Unito, c'era una donna stupenda che conviveva con la più angosciante delle malattie mentali. Quando la sua vita era al massimo della disperazione, aveva l'abitudine di venire a sedersi in fondo alla chiesa, senza partecipare, spesso con la testa china come se non potesse sopportare la luce. In quei momenti della sua vita diceva: "Non riesco a lodare Dio, ma gli altri che lo fanno mi tolgono un po' di oscurità". La chiesa dovrebbe essere il luogo più sicuro sulla terra dove le persone possono venire così come sono. Ci riuniamo come chiesa non perché è un dovere, e nemmeno perché ci fa bene, ma perché è l'unico modo per crescere bene ed essere il movimento per l'amore e la giustizia che Gesù ci chiama ad essere è riunirci.“È lui che ha dato alcuni come apostoli, altri come profeti, altri come evangelisti, altri come pastori e dottori,  per il perfezionamento dei santi in vista dell'opera del ministero e dell'edificazione del corpo di Cristo, (...)  ma, seguendo la verità nell'amore, cresciamo in ogni cosa verso colui che è il capo, cioè Cristo. Da lui tutto il corpo ben collegato e ben connesso mediante l'aiuto fornito da tutte le giunture, trae il proprio sviluppo nella misura del vigore di ogni singola parte, per edificare se stesso nell'amore.” (Efesini 4:11-12, 15-16)Gli occhi hanno bisogno delle mani e dei piedi, altrimenti stanno solo a guardare; le mani e i piedi hanno bisogno degli occhi, altrimenti non sanno dove andare. Ci riuniamo perché per essere Chiesa abbiamo bisogno gli uni degli altri.Amen.GUARDA LE DIAPOSITIVE DEL MESSAGGIOGUARDA IL MESSAGGIO IN BASSA RISOLUZIONE SU FACEBOOKGUARDA IL MESSAGGIO IN BASSA RISOLUZIONE SU INSTAGRAM---GUARDA IL VIDEO DEL MESSAGGIO IN HD

Radio Bullets
16 settembre 2022 - Notiziario

Radio Bullets

Play Episode Listen Later Sep 16, 2022 18:28


Afghanistan: i talebani torturato e ucciso Hazara in un attacco deliberato, nuova indagine di Amnesty international. Le famiglie delle vittime dell'aereo civile abbattuto in Iran nel 2020 chiedono un'indagine per crimini di guerra. Detenuti russi liberi se prestano sei mesi di servizio militare in Ucraina. Sudan: ancora proteste contro il colpo di Stato. Israele e Palestina: incontro ad alto livello Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli Se vuoi sostenere l'informazione indipendente www.radiobullets.com/sostienici

il posto delle parole
Matteo Cavezzali "Il labirinto delle nebbie"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Sep 16, 2022 18:32


Matteo Cavezzali"Il labirinto delle nebbie"Mondadori Editorehttps://www.mondadori.it/Bruno Fosco è tornato vivo dal fronte della Grande Guerra, ma non è più l'uomo di quando è partito. Forse è anche per questo che accetta il ruolo di ispettore ai confini del mondo, ovvero nella stazione di polizia di Afunde, un villaggio nella palude del delta del Po in cui vivono solo donne, perché nessun uomo è sopravvissuto al fronte. Insidie, nebbia e cupe storie circondano il villaggio, mentre i suoi edifici sprofondano ogni giorno di più nel terreno fangoso.Quando viene trovata morta Angelina, con un misterioso simbolo sul collo, comincia una vera e propria battuta di caccia al suo assassino dentro i labirintici percorsi della palude.La bellissima e sfuggente Ardea sembra sapere molto di più di quello che si riesce a “leggere” dentro la realtà ingannevole e ancestrale dalla quale il forestiero è stato inghiottito assieme al suo sottoposto Della Santa e al vecchio e burbero anarchico Primo.Su Fosco e Ardea, e su tutto il paese, incombe l'eredità di violenza che la guerra, come tutte le guerre, ha lasciato dietro di sé.Matteo Cavezzali prende le mosse, come è sua consuetudine, dalla realtà storica per toccare la pelle viscida di un luogo mitico e infernale dove la ricerca del mostro si trasforma in un intricato racconto di fantasmi attraversato da una sinistra ansia di giustizia.Matteo Cavezzali (Ravenna, 1983) è autore dei romanzi Icarus. Ascesa e caduta di Raul Gardini (minimum fax, 2018) e Nero d'inferno (Mondadori, 2019) in cui racconta la figura di Mario Buda, anarchico italiano emigrato negli Stati Uniti che fece saltare in aria Wall Street. Ha scritto anche Supercamper. Un viaggio nella saggezza del mondo (Laterza, 2021) e A morte il tiranno (HarperCollins, 2021) da cui è stato tratto l'omonimo podcast. Ha vinto il Premio Comisso e il Premio Volponi Opera Prima. È ideatore e direttore artistico del festival letterario ScrittuRa di Ravenna. Ha realizzato il podcast Bruno Neri, calciatore e partigiano per RaiPlay Sound.IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

2024
eSIM - auto, dati e privacy - Sky Glass

2024

Play Episode Listen Later Sep 16, 2022


Dopo la presentazione dei nuovi iPhone che negli Stati Uniti verranno venduti senza slot per la SIM fisica torna di attualità la eSIM, finora sostanzialmente snobbata dagli operatori TLC. Cosa aspettarsi nei prossimi mesi, quali vantaggi ha una eSIM e quali novità tecnologiche ci attendono nei prossimi mesi e anni? Enrico Pagliarini lo chiede a Marco Catenacci, responsabile vendite della divisione Digital Identity & Security di Thales, il principale produttore mondiale di SIM ed eSIM. Parliamo anche di privacy e automobili perché la quantità di informazioni (anche personali) raccolte dalle auto sta crescendo e a volte senza che il consumatore ne sia consapevole. Andrea Amico, fondatore di Privacy4Cars, spiega come e che tipo di dati vengono raccolti e come possiamo cancellarli. È stato presentato anche in Italia Glass, il primo televisore targato Sky, che integra un software smart tv in grado di aggregare contenuti in streaming da diversi fornitori permettendo una esperienza di "zapping" che nessun ambiente smart tv ha finora espresso. Sky punta così a diventare l'aggregatore di tutti i principali contenuti pay e non pay. Ne parliamo con Elia Mariani, Chief Consumer Officer di Sky Italia e Gianfranco Giardina, direttore del magazine digitale Dday.it E come sempre le nostre Digital News, una selezione delle notizie più importanti di innovazione e tecnologia.

Brain Stuff Italia
105 | Perché in America si usano i Fahreneit e non i Celsius?

Brain Stuff Italia

Play Episode Listen Later Sep 16, 2022 4:51


La maggior parte del resto del mondo usa la scala Celsius per indicare la temperatura, ma gli Stati Uniti usano la Fahrenheit. Scopri le origini e la storia di queste due scale nell'episodio di oggi di Brain Stuff Italia.See omnystudio.com/listener for privacy information.

Esteri
Esteri di giovedì 15/09/2022

Esteri

Play Episode Listen Later Sep 15, 2022 28:56


1-La fine di un epoca. Dopo un'immensa carriera si ritira la leggenda dello sport Roger Federer. “ Tra i tanti i regali che mi ha fatto il tennis, il più grande è l'amore della gente” 2-Stati Uniti. Evitato in extremis lo sciopero che minacciava di paralizzare le catene di approvvigionamento già messe a dura prova. Al termine di una maratona di 20 ore raggiunta un'intesa tra sindacati e ferrovie. 3-Svezia. Il blocco delle destre al potere dopo una vittoria storica. Moderati e neonazisti dovranno iniziare i negoziati per la formazione di un nuovo governo. Il punto di esteri 4-Democrazia e diritti fondamentali. L'europarlamento approva il rapporto in cui l'Ungheria viene definita una "minaccia sistemica" ai valori fondanti dell'Ue. Proprio oggi entra in vigore la nuova stretta sull'aborto voluta dal premier Viktor Orban 5-World Music: dall'India la compilation “ Nostalgici di Bollywood” canzoni memorabili di film, di amore e di devozione.

Radio Bullets
15 settembre 2022 - Notiziario

Radio Bullets

Play Episode Listen Later Sep 15, 2022 18:47


Siria: prigioniere yazide ritrovate dopo otto anni nel campo sfollati di Al Hol Argentina: alla sbarra Sandoval, torturatore durante la dittatura. Azerbaijan e Armenia, scattata ieri sera una tregua. A Ginevra l'Afghan Fund per gestire 3,5 miliardi delle riserve afghane congelate dagli Stati Uniti. India: due sorelle indiane trovate impiccate in un sospetto caso di stupro. Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli Se vuoi sostenere l'informazione indipendente www.radiobullets.com/sostienici

Market Mover
Mondo crypto, dopo il crack delle piattaforme arriva la stretta delle authority

Market Mover

Play Episode Listen Later Sep 14, 2022 10:11


Le autorità di controllo dei mercati di Europa e Stati Uniti puntano ad assoggettare le piattaforme di scambio ai vincoli dei listini tradizionali. Con quale impatto per chi investe in cryptovalute? https://24plus.ilsole24ore.com/art/cripto-borse-cosi-cresce-scontro-regole-pugno-duro-sec-AEknnJzB?s=hpf

Ascolta la Notizia
Salvini: «Se la Russia ha pagato il Pd, è giusto che si sappia»

Ascolta la Notizia

Play Episode Listen Later Sep 14, 2022 0:49


«Gli unici che hanno preso soldi dalla Russia in passato sono stati i comunisti e qualche quotidiano italiano. Liberi di farlo. Io non ho mai chiesto soldi e non ho mai preso soldi. La Lega querela? Ci credo». Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, a Cartabianca, su Rai 3. «L'emergenza di chi è davanti al televisore sono le bollette... Dicano nomi e cognomi: chi hanno pagato? Se la Russia ha pagato il Pd, è giusto che si sappia. L'unico paese straniero che nella mia attività politica mi ha offerto un viaggio tutto pagato e spesato, che poi non feci, furono gli Stati Uniti. Io non ci andai, altri ci andarono pagati dal governo americano, liberi di farlo», ha aggiunto.

il posto delle parole
Simone Verde "Voltare pagina"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Sep 13, 2022 22:51


Simone Verde con Paolo Conti"Voltare pagina"Sei musei sfidano le crisi globaliBaldini + Castoldihttps://www.baldinicastoldi.it/La difficoltosa uscita dalla pandemia segnala già agli occhi di tutti un impossibile ritorno a «com'era prima». Se qualcuno ha già sottolineato il senso irreversibile di una riscoperta dei valori della comunità, le crisi globali minacciano gli equilibri e pongono problemi reali. Lo dimostra quello che sta accadendo in Ucraina, ma anche in India, dove la popolazione viene decimata ancora oggi ogni giorno, o negli Stati Uniti, dove centinaia di migliaia di disperati vivono ammassati nei quartieri più ricchi della costa occidentale. Inoltre in un contesto in cui intere generazioni hanno di fatto perso due anni di educazione scolastica e universitaria, il ruolo dei musei, centri di consolidamento del tessuto sociale e di formazione permanente, si prefigura più centrale che mai.Proprio per ribadirne la centralità, Paolo Conti, cronista dei beni culturali sul campo dal 1980 per il «Corriere della Sera», e Simone Verde, direttore del Complesso Monumentale della Pilotta e già in forze al Louvre di Abu Dhabi, ragionano in queste pagine non solo di tematiche legate al concetto di opera d'arte e di tutela e valorizzazione del patrimonio artistico, ma anche delle sfide imprescindibili per il futuro dell'istituzione museale: ecologia, multiculturalismo, decolonizzazione e cancel culture, apertura ai giovani e ai bambini, esperienza estetica e tecnologia.Il risultato è un dialogo serio e lucido, che affronta con sguardo critico e libero da condizionamenti il futuro che ci attende.Simone Verde, nominato Direttore del Complesso monumentale della Pilotta nell'aprile 2017, è stato responsabile della Ricerca scientifica e Pubblicazioni per il AFM/Louvre di Abu Dhabi. È laureato in filosofia teoretica a Roma, ha conseguito un master in filosofia antica a Parigi, si è diplomato in storia dell'Arte all'École du Louvre e ha conseguito un dottorato in antropologia dei beni culturali all'EHESS di Parigi. Da storico dell'arte, è curatore e autore per cataloghi e mostre, tra cui la più recente e celebrata I Farnese. Arte, architettura, potere al Complesso della Pilotta. Nel 2014 ha pubblicato il volume Cultura senza Capitale, con il quale ha vinto il Premio Pisa 2016. Negli anni ha collaborato come producer e corrispondente con quasi tutte le tv nazionali francesi e con la radio France Culture. È stato assistente di Antonio Tabucchi, di cui ha curato il volume L'oca al passo. Ha tradotto dal francese per gli editori Adelphi, Fazi e Sellerio e ha lavorato come editor per numerose case editrici italiane. Nel 2021 ha curato, per Mondadori Electa, il volume Verso la Nuova Pilotta. 48 mesi di rinascita.IL. POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

Dentro alla storia
Le caratteristiche della Costituzione americana

Dentro alla storia

Play Episode Listen Later Sep 13, 2022 25:11


Una volta sconfitti gli inglesi, i fondatori degli Stati Uniti dovettero darsi una Costituzione repubblicana. Ecco come la realizzarono.

Italiano sì
62 - Di top ten americane (parte uno)

Italiano sì

Play Episode Listen Later Sep 13, 2022 21:31


TRASCRIZIONE DEL PODCASTPuoi sostenere il mio lavoro con una donazione su Patreonhttps://www.patreon.com/italianosiPer €2 al mese riceverai le trascrizioni di tutti i PodcastPer €3 al mese riceverai, oltre alle trascrizioni, anche una lista dei vocaboli più difficili, con la loro traduzione in inglese.CONTENUTINelle prossime puntate vi parlerò delle cose che mi sono piaciute di più e di meno dei paesi in cui ho vissuto.L'ARGOMENTO DELLA PUNTATALe dieci cose che ho amato di meno (o odiato di più) negli Stati Uniti d'America.LINK:RedditFacebookInstagramProfilo Instagram di Grace: https://www.instagram.com/italianwithgrace/TRASCRIZIONEBuongiorno o buonasera a tutti e a tutte, bentornati. Questa volta non vi ho abbandonati. Come vedete sono qui, ce l'ho fatta, sto registrando la puntata senza ritardi, nonostante come vi ho spiegato l'ultima volta, questo sia un periodo davvero impegnativo per me. Come prima cosa vorrei ringraziare subito tutti voi ascoltatori e ascoltatrici che mi avete scritto in privato per farmi le congratulazioni per la mia gravidanza. “Gravidanza”, cioè aspetto un bambino. Mi ha fatto davvero tantissimo piacere leggere le vostre mail e i vostri messaggi. Grazie, grazie, grazie. Non li leggo qui adesso perché sono un po' troppo personali, però vi dico che mi avete fatta commuovere un pochino. [...]

Radio Bullets
12 settembre 2022 - Notiziario

Radio Bullets

Play Episode Listen Later Sep 12, 2022 18:05


Il Libano brucia combustibile tossico per evitare il blackout totale. Afghanistan: proteste per la chiusura delle scuole nella provincia di Paktia, aperte per le ragazze senza l'autorizzazione dei talebani. Etiopia: i ribelli del Tigray pronti al cessate il fuoco e ai colloqui di pace. Cina: in una scuola in una zona remota, nessuno dei 500 studenti è miopie. Una campagna per Julian Assange. Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli Se vuoi sostenere l'informazione indipendente www.radiobullets.com/sostienici

Uno, nessuno, 100Milan
Lo stato della corsa elettorale

Uno, nessuno, 100Milan

Play Episode Listen Later Sep 12, 2022


Commentiamo la campagna elettorale in corso e possibili evoluzioni della stessa insieme a Massimo Cacciari. Poi entriamo nel pianeta carceri insieme al direttore del Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria per capire le misure di contrasto adottate per arginare la piaga dei suicidi dietro le sbarre in aumento.Nella seconda parte di trasmissione vi raccontiamo invece delle decine di opere d'arte rubate e recuperate negli Stati Uniti dai Carabinieri sulla via del ritorno nel Belpaese.

In 4 Minuti
Lunedì, 12 settembre

In 4 Minuti

Play Episode Listen Later Sep 12, 2022 4:38


La Corea del Nord non rinuncerà alle sue armi nucleari per legge, la cattura di uno dei capi di ISIS e i nuovi missili degli Stati Uniti all'Ucraina

Radio 24 Podcast
Olympia - Il Motocross azzurro alla prova del 'Nazioni' 2022

Radio 24 Podcast

Play Episode Listen Later Sep 11, 2022


"Non è possibile che vi siano due numero uno. Alla fine, uno solo vince. E per essere quello che vince, sei disposto a dare tutto te stesso". Parole di Ayrton Senna, il leggendario asso della Formula Uno, che racchiudono l'essenza delle sfide sportive: duelli in cui primeggia chi ha più voglia, fame, di vincere. E saranno proprio questi duelli al centro della nuova stagione di "Olympia", il programma di storytelling sportivo ideato e condotto da Dario Ricci. Attraverso testimonianze inedite, audio dei protagonisti, voci d'epoca, rivivremo pagine leggendarie della storia dello sport, scandite dalle rivalità più grandi e profonde, che hanno segnato e cambiato il modo di intendere lo sport, il costume, la storia e la società. Dai duelli sui pedali tra Coppi e Bartali a quelli all'ultima frenata (o anche oltre …) tra senna e Prost; dalle sfide a colpi di servizio e voleé tra Roger Federe e Rafa Nadal, alle sfide tra le squadre che hanno segnato la storia come l'Italia e la Germania del calcio, l'Unione Sovietica e gli Stati Uniti nel basket, l'Australia e gli All Blacks neozelandesi nel rugby. Duelli, confronti, sfide. Perché - come ci ricorda Julio Velasco, il grande allenatore della pallavolo, "chi vince festeggia, chi perde spiega". E da gennaio 2020, "Olympia guarderà verso i Giochi Olimpici di Tokyo2020 (che si svolgeranno dal 24 luglio al 9 agosto 2020), raccontando agli appassionati ascoltatori di Radio24 le grandi rivalità che hanno caratterizzato la storia delle Olimpiadi. Anche quest'anno, ad accompagnare Dario Ricci in questo viaggio tra sport e memoria, ci sarà il prof. Stefano Tirelli, docente di Tecniche Complementari sportive presso l'Università Cattolica di Milano e mental coach di molti campioni dello sport italiano.