Podcasts about letteratura

  • 485PODCASTS
  • 4,746EPISODES
  • 24mAVG DURATION
  • 1DAILY NEW EPISODE
  • Jan 22, 2023LATEST

POPULARITY

20152016201720182019202020212022

Categories



Best podcasts about letteratura

Show all podcasts related to letteratura

Latest podcast episodes about letteratura

Il podcast di Alessandro Barbero: Lezioni e Conferenze di Storia
#171 Barbero e Bizzocchi sul Manzoni e i Promessi Sposi – BarberoTalk (Casa Laterza, 2022)

Il podcast di Alessandro Barbero: Lezioni e Conferenze di Storia

Play Episode Listen Later Jan 22, 2023 63:16


Alessandro Barbero e Roberto Bizzocchi dialogano a “Casa Laterza” su “Romanzo Popolare: come i Promessi Sposi hanno fatto l'Italia”, di Roberto Bizzocchi.Romanzo Popolare: https://www.laterza.it/scheda-libro/?isbn=9788858149171Sorgente: https://www.youtube.com/watch?v=b_Hrdmnzq04Community Podcast: https://barberopodcast.it/discordTwitter: https://twitter.com/barberopodcastFacebook: https://facebook.com/barberopodcastInstagram: https://instagram.com/barberopodcastMusic from https://filmmusic.io - "Bossa Antigua" by Kevin MacLeod (https://incompetech.com) licensed with CC BY (http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/)

Detto tra noi - Radio Bianconera
"DETTO TRA NOI", l'editoriale di Andrea Bosco senza peli sulla lingua. Tra calcio, cinema, letteratura e musica.

Detto tra noi - Radio Bianconera

Play Episode Listen Later Jan 10, 2023 2:02


"DETTO TRA NOI", l'editoriale di Andrea Bosco senza peli sulla lingua. Tra calcio, cinema, letteratura e musica.

Unica Radio Podcast
Nuoro nel periodo fascista pt. 11

Unica Radio Podcast

Play Episode Listen Later Jan 10, 2023 7:49


Una storia che ha il sapore di una leggenda per raccontare attraverso il sardo campidanese la Nuoro dei primi del Novecento. Il racconto di una città fascista. Storia e leggenda si uniscono per raccontare in un "serial podcast" la storia del passato sardo. Siamo a Nuoro, al nord Sardegna, nei primi del Novecento, in epoca fascista. La storia che raccontiamo in questa serie è una fusione di leggenda ed aneddoti e fonti storiche della Nuoro fascista. Una città bombardata dagli aerei americani che si contrapponevano all'occupazione fascista nell'isola. Scorci di vita e racconti in lingua sarda per raccontare un passato non tanto lontano da noi. Tra il 1927 e il 1940 Nuoro infatti fu sottoposto a numerosi interventi di qualificazione e riqualificazione urbana, dove il razionalismo, il principale filone architettonico in voga durante il ventennio – l'altro era il monumentalismo piacentino – ebbe mano libera di interpretare i centri nevralgici della nuova città . La Città di Nuoro ricopriva una importanza strategica. Tra queste un debito riconoscimento alla città per aver dato i natali a Grazia Deledda a cui nel 1926 era stato dato il Premio Nobel per la Letteratura e, non ultimo, per dare un maggior significato all'apporto in termini di uomini valorosi e capaci alla Brigata Sassari, molti dei quali provenienti proprio dal territorio della Barbagia e del Nuorese i quali si distinsero per i principali gesti eroici durante la Prima Guerra Mondiale. La vita della città di Nuoro è segnata da tanti fatti e micro racconti che vengono riproposti nella nostra serie in podcast in lingua sarda.

il posto delle parole
Michele Cecchini "Aprire il fuoco"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Jan 8, 2023 24:11


Michele Cecchini"Aprire il fuoco"Luciano Bianciardihttps://minimumfax.comintroduzione di Oreste Del Buonopostfazione di Michele CecchiniSe ogni scrittore ha un proprio tramonto, Aprire il fuoco è il tramonto di Bianciardi, l'ultima lettera di un sinistrato politico, spiaggiato e in esilio. Lo vediamo mentre perlustra la campagna con un binocolo, abbassa le tapparelle, si versa un bicchierino di grappa. Sa di essere clinicamente morto, ora che è morta ogni insurrezione: primo o poi l'oppressore, e i tanti aguzzini che non hanno mai smesso di tormentarlo, arriveranno a prenderlo. Nell'attesa non gli resta che fumare una sigaretta, e rievocare la fine dell'inverno di dieci anni prima, il 1959, le sue gloriose cinque giornate, anche se la rivoluzione è ormai soltanto la memoria confusa di altri fallimenti: le discussioni al Giamaica con gli amici, Giorgio Gaber e Jannacci, la cameretta di Porta Tosa, le barricate a San Damiano. C'è appena il tempo per un ultimo appello, per dire il poco che ha imparato dalla sua vita agra: che fare all'amore non è vergogna. Vergogna è uccidere, morire di fame, chiudere la gente in prigione o al manicomio, giudicare. E non serve stampare i libri che nessuno legge, né costringere i giovani nelle scuole, né occupare le università. Bisogna occupare le banche, le vere cattedrali del nostro tempo. E poi spegnere la televisione. E alla fine lasciare tutto nel disordine. La valigia è pronta, così piena di carte, della sua alienazione quotidiana, di tutta la nausea che lo ha avvelenato per l'imbischerimento del mondo. Ma sulle spalle ha ancora il suo vecchio Mauser, ed è pronto a fare fuoco. Luciano Bianciardi1922 / 1971è stato uno dei grandi irregolari della letteratura italiana del Novecento. Ha scritto La vita agra e Il lavoro culturale. Minimum fax ha ripubblicato finora Antistoria del Risorgimento. Daghela avanti un passo!, I minatori della Maremma, scritto con Carlo Cassola, e Garibaldi. IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it

il posto delle parole
Sara De Simone "Nessuna come lei"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Jan 8, 2023 31:58


Sara De Simone"Nessuna come lei"Katherine Mansfield e Virginia WoolfStoria di un'amiciziaNeri Pozza Editorehttps://neripozza.itRegina del racconto breve, Katherine Mansfield a 100 anni dalla nascita è una grande voce ancora da esplorare.Morta di tubercolosi a Fontainebleau, vicino a Parigi, il 9 gennaio 1923, a soli 34 anni, ha avuto un'infanzia felice che è diventata fonte di ispirazione delle sue storie ma una vita segnata dall'esilio, il dolore e la battaglia contro la tisi.Nel luglio del 1916, Garsington, la villa di campagna della patrona delle arti Ottoline Morrell, non è solo un rifugio per obiettori di coscienza in piena Prima guerra mondiale, ma un vero e proprio teatro dove, settimana dopo settimana, approda «una compagnia di giro», pronta a esibirsi senza pudore. C'è chi legge Keats ad alta voce, chi dipinge nudi en plein air, chi alleva maiali, chi scrive opuscoli contro la leva obbligatoria. E poi c'è lei, Katherine Mansfield, detta anche Lili Heron, Elizabeth Stanley, Julian Mark, Boris Petrovsky, Matilda Berry: tutti nomi con cui è solita firmare i suoi racconti e poesie. Lytton Strachey, l'eccentrico scrittore del circolo di Bloomsbury, la trova «decisamente interessante», Bertrand Russell la definisce «una mente brillante», per Leonard Woolf è «straordinariamente divertente». L'unica che sembra non subire il suo fascino è proprio Virginia Woolf. «Mi tampina da tre anni» dice con aria snob, a proposito di quella «straniera» che arriva dalle colonie, indossa gonne corte e intona black spirituals accompagnandosi con la chitarra. Ma è questione di pochi mesi: nonostante le iniziali resistenze, qualcosa di misterioso e intenso scatta fra le due scrittrici, qualcosa che le uní a tal punto da fare di Katherine Mansfield una delle prime autrici pubblicate dalla Hogarth Press, la casa editrice dei coniugi Woolf. Qualcosa che Virginia stessa avrebbe definito come una «stranissima sensazione di eco». Questo libro, arricchito di numerosi materiali inediti in Italia, è la storia di quel nucleo misterioso e intenso al cuore della loro amicizia.«Entrambe mettevano la letteratura al primo posto. E questa non era un'affinità come un'altra: era tutto. Era come essere partecipi di un rito segreto, come camminare sulle stesse zolle di terra incandescente, dove nessun altro osava avventurarsi».«Mio Dio, Virginia, adoro pensare a te come un'amica». Katherine Mansfield"Sara De Simone ha conseguito un dottorato in Letterature comparate alla Scuola Normale Superiore di Pisa. Ha tradotto con Nadia Fusini il carteggio tra Virginia Woolf e Vita Sackville-West (Scrivi sempre a mezzanotte, Donzelli 2019). Si occupa di critica letteraria sulle pagine culturali de il manifesto e Il Tascabile. È vicepresidente dell'Italian Virginia Woolf Society.IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it

Musica
Recap del 2022 con tutti i libri che ho letto

Musica

Play Episode Listen Later Jan 4, 2023 49:25


Un recap mio sul 2022 e tutti i libri che ho letto su e per Medio Oriente e Dintorni Trovate tutti i link qui: https://linktr.ee/mediorientedintorni, ma, andando un po' nel dettaglio:Dal 12 gennaio sarà attiva una campagna crowfunding per sostenere il progetto, tutte le info su Linktree e nel canale Telegram-tutti gli aggiornamenti sulla pagina instagram @medioorienteedintorni-per articoli visitate il sito https://mediorientedintorni.com/ trovate anche la "versione articolo" di questo video.podcast su tutte le principali piattaforme in Italia e del mondo-Vuoi tutte le uscite in tempo reale? Iscriviti al gruppo Telegram: https://t.me/mediorientedintorniOgni like, condivisione o supporto è ben accetto e mi aiuta a dedicarmi sempre di più alla mia passione: raccontare il Medio Oriente ed il "mondo islamico"

Detto tra noi - Radio Bianconera
"DETTO TRA NOI", l'editoriale di Andrea Bosco senza peli sulla lingua. Tra calcio, cinema, letteratura e musica.

Detto tra noi - Radio Bianconera

Play Episode Listen Later Jan 3, 2023 2:22


"DETTO TRA NOI", l'editoriale di Andrea Bosco senza peli sulla lingua. Tra calcio, cinema, letteratura e musica.

Unica Radio Podcast
Nuoro nel periodo fascista pt. 10

Unica Radio Podcast

Play Episode Listen Later Jan 3, 2023 3:48


Una storia che ha il sapore di una leggenda per raccontare attraverso il sardo campidanese la Nuoro dei primi del Novecento. Il racconto di una città fascista. Storia e leggenda si uniscono per raccontare in un "serial podcast" la storia del passato sardo. Siamo a Nuoro, al nord Sardegna, nei primi del Novecento, in epoca fascista. La storia che raccontiamo in questa serie è una fusione di leggenda ed aneddoti e fonti storiche della Nuoro fascista. Una città bombardata dagli aerei americani che si contrapponevano all'occupazione fascista nell'isola. Scorci di vita e racconti in lingua sarda per raccontare un passato non tanto lontano da noi. Tra il 1927 e il 1940 Nuoro infatti fu sottoposto a numerosi interventi di qualificazione e riqualificazione urbana, dove il razionalismo, il principale filone architettonico in voga durante il ventennio – l'altro era il monumentalismo piacentino – ebbe mano libera di interpretare i centri nevralgici della nuova città . La Città di Nuoro ricopriva una importanza strategica. Tra queste un debito riconoscimento alla città per aver dato i natali a Grazia Deledda a cui nel 1926 era stato dato il Premio Nobel per la Letteratura e, non ultimo, per dare un maggior significato all'apporto in termini di uomini valorosi e capaci alla Brigata Sassari, molti dei quali provenienti proprio dal territorio della Barbagia e del Nuorese i quali si distinsero per i principali gesti eroici durante la Prima Guerra Mondiale. La vita della città di Nuoro è segnata da tanti fatti e micro racconti che vengono riproposti nella nostra serie in podcast in lingua sarda.

Gli scimmioni non leggono Nietzsche
Gli Scimmioni EXTRA: L'anno che verrà: auguri "scimmioneschi"

Gli scimmioni non leggono Nietzsche

Play Episode Listen Later Jan 1, 2023 5:30


Cosa succede quando una rappresentanza sindacale degli Scimmioni intima alla povera autrice del podcast di parlare di tre libri in occasione del messaggio di buon anno? E cosa ci azzeccano la morte (!), il desiderio (?) e una felce (???) con gli auguri per l'anno nuovo? Niente. O quasi. Così come un garage umido, una mela in testa e un casco di banane. Buon 2023 a tutti (Scimmioni compresi)

Moby Dick
Non è letteratura per vecchi

Moby Dick

Play Episode Listen Later Dec 31, 2022 104:32


Bookatini
S03ep47 - Auguri Bookatini!

Bookatini

Play Episode Listen Later Dec 30, 2022 34:57


Bentornati su Bookatini - il podcast per chi è ghiotto di libri. Nella puntata 47, parliamo dei libri che abbiamo letto di rec… No, aspettate – il tema sono i libri che abbiamo letto di recente, sì, ma a parlare non siamo noi. Abbiamo infatti deciso di festeggiare il secondo compleanno di Bookatini passando il microfono ad alcune tra le persone che si sono iscritte al livello tartufo (il quarto e più alto) di patreon e che hanno partecipato al gruppo di lettura di Telegram a cui si ha accesso a quel livello. Come al solito trovate tutti i riferimenti ai libri citati anche nella nel post sulla pagina Instagram bookatini_podcast. La gratitudine immensa va a tutti voi che ci ascoltate con passione da due anni, a tutti gli iscritti patreon a qualunque livello, a tutti gli iscritti al tartufo che hanno partecipato con trasporto e profondo apporto personale al confronto reciproco, e a coloro che hanno vinto la timidezza e sono passati oggi dall'altra parte del microfono. Grazie con tutto il nostro cuore. Nell'episodio di oggi abbiamo chiacchierato di questi libri: * - Perché l'America, di Matthew Baker, Sellerio editore* - Infanzia, di Tove Ditlevsen, Fazi editore* - Heaven, di Mieko Kawakami, e/o editore* - Pachinko, di Min Jin Lee, Pickwick editorePotete contattarci, scrivere commenti, suggerimenti, domande e condividete con noi le vostre letture su questo tema contattandoci nella pagina Instagram Bookatini_podcast, dove potete trovare anche le nostre live, in onda a mercoledì alterni Se volete sostenerci e godere di contenuti aggiuntivi, potete unirvi a 4 possibili livelli di Patreon che trovate al link:https://www.patreon.com/bookatiniLa sigla di Bookatini è scritta e suonata da Andrea Cerea

Inside books
Illusioni Perdute di Honoré de Balzac - #MattoniFrancesi

Inside books

Play Episode Listen Later Dec 30, 2022 58:31


Abitava uno di quei sogni dorati in cui i giovani, a cavallo dei se, superano ogni ostacolo. Dopo essersi appena immaginato mentre dominava la Società, il poeta soffriva di dover ricadere così presto nella realtà. Non è difficile capire il tema portante di Illusioni Perdute, secondo Proust il miglior romanzo scritto da Honoré de Balzac. Il tema è quello di tutta la letteratura moderna: lo smascheramento fondamentale dell'esistenza, la caduta del velo, l'inganno fatale dell'uomo: la sua immaginazione. I nostri desideri, l'idea altissima che abbiamo di noi e del mondo, è falsa. La Realtà non è all'altezza dell'ideale. Ma è il come a rendere tutto molto più interessante.

Musica
“La saggezza del condannato a morte e altre poesie” di Mahmud Darwish

Musica

Play Episode Listen Later Dec 28, 2022 14:18


“La saggezza del condannato a morte ed altre poesie” è un esperimento più unico che raro nel panorama italiano odierno, in grado di farvi scoprire nuovi testi e tematiche di uno dei più grandi poeti di sempreTrovate tutti i link qui: https://linktr.ee/mediorientedintorni, ma, andando un po' nel dettaglio:Dal 12 gennaio sarà attiva una campagna crowfunding per sostenere il progetto, tutte le info su Linktree e nel canale Telegram-tutti gli aggiornamenti sulla pagina instagram @medioorienteedintorni-per articoli visitate il sito https://mediorientedintorni.com/ trovate anche la "versione articolo" di questo video.podcast su tutte le principali piattaforme in Italia e del mondo-Vuoi tutte le uscite in tempo reale? Iscriviti al gruppo Telegram: https://t.me/mediorientedintorniOgni like, condivisione o supporto è ben accetto e mi aiuta a dedicarmi sempre di più alla mia passione: raccontare il Medio Oriente ed il "mondo islamico"

Scrittura Efficace
61 - Chandler, la morte e l'addio

Scrittura Efficace

Play Episode Listen Later Dec 27, 2022 32:53


Raymond Chandler è il grande autore del noir, il creatore di Philip Marlowe e l'ispiratore di tanti detective simili, duri dal cuore d'oro, pronti all'azione ma scaltri nel dirimere intrighi complessi. Nelle sue storie, Chandler ha sviscerato tantissimi tematiche ma due in particolare sembrano fare da filo conduttore: la morte e l'addio. Due temi enormi, attraverso cui possiamo leggere i grandi punti di svolta della nostra vita.✍️ Tutte le nostre risorse per autori: www.scritturaefficace.com✍️ Facebook: https://www.facebook.com/scritturaefficace.officialpage/✍️ LinkedIn: https://www.linkedin.com/company/54107582✍️ Instagram: https://www.instagram.com/scritturaefficace/✍️ Youtube: https://www.youtube.com/channel/UC_PI6E3rX1xvrAB5Cnkb5nw

Monstrumana
11. Animale, donna, mostro: 'Sirene' e la politica della carne

Monstrumana

Play Episode Listen Later Dec 23, 2022 31:40


In questa puntata incontriamo una delle più antiche creature dell'immaginario mostruoso: la sirena. E lo facciamo in particolare addentrandoci nel romanzo di Laura Pugno intitolato proprio ‘Sirene', in cui l'umanità ha dovuto trovare riparo nel mondo sottomarino per scappare da un'epidemia. Nelle profondità del mare, gli umani hanno scoperto le ferine e voraci sirene e le hanno sottomesse creando un sistema di sfruttamento sia a livello sessuale che alimentare. Applicando i nostri parametri d'interpretazione del mostruoso a Sirene, vediamo sovrapporsi tre elementi fondamentali: l'animale, la donna e il mostro. Riflettiamo allora sulla concezione di animale come mostro e della donna come mostro nella nostra cultura patriarcale e specista.

Gli scimmioni non leggono Nietzsche
Gl Scimmioni 307: So this is Christmas

Gli scimmioni non leggono Nietzsche

Play Episode Listen Later Dec 23, 2022 14:44


Quest'anno a Natale basta melassa. Agata Christie, Camilleri, Malvaldi, Manzini, Alice Giménez-Bartlett, il dr. Seuss, Dickens, Ungaretti, Magrelli e altri ci presentano un Natale di morti ammazzati, di creature verdi e pelose che odiano le feste e i bambini, di pescatori e grandi conchiglie, di disperati che si improvvisano ladri travestiti da Babbo Natale, di ricchi avari ed egoisti, di soldati in licenza che vogliono starsene in disparte. Tra peli di yak, Muppet e presepi col domopak trasparente, scopriamo che Dio c'entra ancora col Natale. Però deve fare i conti con l'igiene e la teodicea.

RACCONTA IL TUO LIBRO
"LE GEMME" unici anni di poesia (2011-2022) | Cinzia Marulli

RACCONTA IL TUO LIBRO

Play Episode Listen Later Dec 23, 2022 80:14


RADIO GIANO Public History (Racconta il tuo Libro)Francesco Lioce poeta, direttivo GIANO Public History APS presenta la collana curata da Cinzia Marulli per Edizioni Progetto Cultura “le gemme” undici anni di poesia (2011-2022).Ospiti: Cinzia Marulli, curatrice della collezione di quaderni di poesia le gemme (Ed. Progetto Cultura) e della sezione di poesia ispano-americana della collana Labirinti (Ed. La Vita Felice) insieme al poeta cileno Mario Meléndez. Ha fondato e cura il blog letterario ParolaPoesia.Roberto Raieli, poeta, autore di diversi libri, cofondatore della rivista Linfera, autore e regista di teatro e cinema. Attualmente è direttore della Biblioteca del Dipartimento SARAS dell'Università Sapienza, nonché direttore ad interim della Biblioteca “Monteverdi” dello stesso ateneo.Maria Laura Valente, poetessa, redattrice per il lit-blog Versante Ripido, giurato per il Premio Bologna in Lettere e docente di Letteratura latina e italiana.Sonia Caporossi, poeta, critico e saggista.Associazione di Promozione Sociale GIANO PUBLIC HISTORYafferente al Centro interuniversitario per la ricerca e lo sviluppo della Public HistoryRadio Giano Public History - Sede di Roma Sostienici con il 5x1000 : CF 97901110581

Storia in Podcast
Natale in Ucraina

Storia in Podcast

Play Episode Listen Later Dec 21, 2022 7:43


Quando si festeggia il Natale ucraino? Partendo dalla questione riguardante il calendario ucraino e le celebrazioni natalizie, in questo podcast Yaryna Grusha racconta le tradizioni storiche sopravvissute alla cancellazione sovietica della religione, i canti natalizi, l'attualità di un Natale vissuto nel 2022 in un Paese distrutto dalla guerra.Yaryna Grusha è Professoressa di Lingua e Letteratura ucraina all'Università Statale di Milano. Ha curato per Mondadori, con Alessandro Achilli, il volume “Poeti d'Ucraina”.A cura di Francesco De Leo. Montaggio di Silvio Farina.https://storiainpodcast.focus.it - Canale Eventi e luoghi------------Storia in Podcast di Focus si può ascoltare anche su Spotify http://bit.ly/VoceDellaStoria ed Apple Podcasts https://podcasts.apple.com/it/podcast/la-voce-della-storia/id1511551427.Siamo in tutte le edicole... ma anche qui:- Facebook: https://www.facebook.com/FocusStoria/- Gruppo Facebook Focus Storia Wars: https://www.facebook.com/groups/FocuStoriaWars/ (per appassionati di storia militare)- YouTube: https://www.youtube.com/user/focusitvideo- Twitter: https://twitter.com/focusstoria- Sito: https://www.focus.it/cultura

Detto tra noi - Radio Bianconera
"DETTO TRA NOI", l'editoriale di Andrea Bosco senza peli sulla lingua. Tra calcio, cinema, letteratura e musica.

Detto tra noi - Radio Bianconera

Play Episode Listen Later Dec 20, 2022 2:09


"DETTO TRA NOI", l'editoriale di Andrea Bosco senza peli sulla lingua. Tra calcio, cinema, letteratura e musica.

Millevoci
Voci della letteratura di casa nostra (3./3)

Millevoci

Play Episode Listen Later Dec 20, 2022 54:30


Scrittura Efficace
60 - Scurati, tra emozioni e storia

Scrittura Efficace

Play Episode Listen Later Dec 20, 2022 38:07


Antonio Scurati è un autore capace di imporsi, con i suoi testi, al centro di un dibattito eterno nella cultura italiana. Oltre alle tematiche immerse sia nella storia che nell'attualità, Scurati ci introduce a uno stile di scrittura a tratti sperimentale, capace di alternare i punti di vista tra protagonista e società, mettendoci davanti a strati emotivi fatti di contraddizioni, desideri e una certa riflessione sullo spirito del tempo.✍️ Tutte le nostre risorse per autori: www.scritturaefficace.com✍️ Facebook: https://www.facebook.com/scritturaefficace.officialpage/✍️ LinkedIn: https://www.linkedin.com/company/54107582✍️ Instagram: https://www.instagram.com/scritturaefficace/✍️ Youtube: https://www.youtube.com/channel/UC_PI6E3rX1xvrAB5Cnkb5nw

Le Forme della Luce | Fotografia
Il Canto della Neve Silenziosa

Le Forme della Luce | Fotografia

Play Episode Listen Later Dec 19, 2022 26:20


Cosa unisce il fotografo Josef Sedek allo scittore americano Hubert Selby Junior? Entrambi hanno trovato il modo - attraverso la loro arte - di ascoltare il canto della la neve, sembrerebbe. Ecco la puntata Natalizia 2022 di "Le Forme della Luce" il podcast visivo dedicato alla Fotografia a cura di Valerio Cappabianca.

Bookatini
S03ep46 -Libri con animali

Bookatini

Play Episode Listen Later Dec 16, 2022 39:05


Bentornati in Bookatini - il podcast per chi è ghiotto di libri. L'episodio 46 è dedicato ai romanzi con protagonist animali non umani. Nell'episodio di oggi abbiamo chiacchierato di questi libri-L'amico fedele, di Sigrid Nunez, Garzanti editore-Il piccolo serpente, di A. L. Kennedy, E/O editore-Io e Mabel – ovvero l'arte della falconeria, di Helen MacDonald, Einaudi editore-L'arte di correre sotto la pioggia, di Garth Stein, Piemme edizioniPotete contattarci, scrivere commenti, suggerimenti, domande e condividete con noi le vostre letture su questo tema contattandoci nella pagina Instagram Bookatini_podcast, dove potete trovare anche le nostre live, in onda a mercoledì alterni Se volete sostenerci e godere di contenuti aggiuntivi, potete unirvi a 4 possibili livelli di Patreon che trovate al link:https://www.patreon.com/bookatiniEcco i dettagli:-Con un contributo di 1 € al mese potete diventare BOOKATINI IN BIANCO. A che cosa hai diritto?o alla nostra eterna gratitudine-Con un contributo di 1,5 € al mese potete diventare BOOKATINI AL SUGO. A che cosa hai diritto?o alla nostra eterna gratitudineoA news e aggiornamenti sulle nostre letture, con anticipazioni, scoop e confronti diretti-Con un contributo di 3 € al mese potete diventare BOOKATINI AL PESTO. A che cosa hai diritto?o alla nostra eterna gratitudineoA news e aggiornamenti sulle nostre letture, con anticipazioni, scoop e confronti direttiouna puntata bonus! Abbiamo deciso di trasferire su questa piattaforma la rubrica "Ce l'ho e l'ho anche letto": sarai quindi tra i pochi eletti a poter usufruire di questo contenuto inedito-Con un contributo di 5 € al mese potete diventare i pregiati BOOKATINI AL TARTUFO. A che cosa hai diritto?o alla nostra eterna gratitudineoA news e aggiornamenti sulle nostre letture, con anticipazioni, scoop e confronti direttiouna puntata bonus! Abbiamo deciso di trasferire su questa piattaforma la rubrica "Ce l'ho e l'ho anche letto": sarai quindi tra i pochi eletti a poter usufruire di questo contenuto ineditooGruppo di Lettura su TelegramLa sigla di Bookatini è scritta e suonata da Andrea Cerea

Laser
Canti migranti (2./2)

Laser

Play Episode Listen Later Dec 14, 2022 27:37


Una geografia cantata in due puntate in cui si racconta di come le canzoni viaggino - a differenza degli esseri umani - libere nel mondo e di come si facciano strada fino alle nostre orecchie usando l'alfabeto delle emozioni, per il quale nessuno è profugo e tutte e tutti hanno una voce propria, un corpo e qualcosa di importante da raccontare. O meglio: da cantare.Seconda puntata: "Le parole della mamma"Hoa, Sarjan, Ruta, Jean e gli altri probabilmente non sanno che anche da qui, dalla Svizzera italiana, in migliaia sono partiti a cercare fortuna. Ad accompagnarli alcune canzoni, alle quali veniva affidato il compito di raccontare la condizione dell'emigrazione. Da Osco all'America e ritorno, passando per Isone, Biasca, la Val Cannobina, Bergamo e tutti i luoghi da dove si partiva, i canti di emigrazione portavano la loro verità. Mattia Pelli l'ha esplorata davanti a un risotto con Guido Pedrojetta, che ha lavorato per lunghi anni presso la cattedra di Letteratura e filologia italiane dell'Università di Friburgo, appassionato di canto popolare, che ci regala perle tratte dal suo archivio di registrazioni inedite raccolte sul campo nelle valli ticinesi. Ad accompagnarci ci sono: lo spirito del grande etnomusicologo Alan Lomax e le note di "Mamma mia dammi cento lire", "Trenta giorni di nave a vapore" e de "l'emigrante" di Vittorio Castelnuovo.

il posto delle parole
Adriana Cavarero "Orrorismo"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Dec 13, 2022 30:05


Adriana Cavarero"Orrorismo"Ovvero della violenza sull'inermeCastelvecchi Editorehttp://www.castelvecchieditore.com/Gli attentati suicidi, le stragi di civili, i massacri delle guerre contemporanee: la violenza potenziata che rinnova il nostro raccapriccio quasi quotidianamente è violenza sugli inermi. Il femminile ha fatto irruzione anche sulla scena contemporanea. Donne, talvolta madri, si contano ormai tra le attentatrici suicide come tra le aguzzine della prigione di Abu Ghraib e la loro entrata in scena aumenta la ripugnanza e l'effetto si moltiplica. Quasi che l'orrore, come già sapeva il mito, avesse bisogno del femminile per rivelare la sua autentica radice. Parte da qui la riflessione di Adriana Cavarero in cui filosofia, cronaca, letteratura e mito si intrecciano per dare forma e contenuto a una vera e propria fenomenologia della violenza contemporanea.Adriana CavareroGià ordinaria di Filosofia politica all'Università di Verona, è attualmente professoressa onoraria e presidente del comitato scientifico dell'Hannah Arendt Center for Political Studies presso lo stesso ateneo. È stata visiting professor alla New York University e alla University of California Berkeley. Tra le sue pubblicazioni Inclinazioni. Critica della rettitudine (2011), Platone (2018), Democrazia sorgiva. Note sul pensiero politico di Hannah Arendt (2019). Castelvecchi sta ripubblicando le sue opere, a cominciare da A più voci. Filosofia dell'espressione vocale (2021) e Tu che mi guardi, tu che mi racconti. Filosofia della narrazione (2022).IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

il posto delle parole
Luigi La Rosa "A Parigi con Marcel Proust"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Dec 8, 2022 19:05


Luigi La Rosa"A Parigi con Marcel Proust"Le stagioni della memoriaGiulio Perrone Editorehttps://www.giulioperroneditore.com/Sul finire dell'estate e di un amore malinconico, il protagonista di questo libro rilegge la vita di Marcel Proust alla luce dell'infanzia angosciata, della giovinezza sognante e timida, degli amori sofferti e totalizzanti, del desiderio impetuoso e soprattutto attraverso i luoghi che segnarono la biografia dell'autore, ridefinendone il rapporto con Parigi e con le sue fascinazioni. Le case di famiglia, i quartieri, i salotti eleganti, la frivolezza mondana sconvolti dall'irrompere della guerra e dai ritmi travolgenti della modernità: sono le tappe di un itinerario avvincente e intenso che, di pagina in pagina, elegge la creazione letteraria a imperativo assoluto. Nulla si perde nel quadro che la letteraturarisuscita. Nulla smarrisce l'antico significato perché tutto ritorna, tutto partecipa al disegno complessivo, ogni tessera ricollocata nel mosaico finale. Quello che Luigi La Rosa ci consegna è un ritratto fedele dell'artista, ma anche una testimonianza sull'uomo e sul genio, forse il massimo al quale la Francia abbia dato i natali. Il talento e la solitudine del quotidiano, le difficoltà e le epifanie dello spirito, gli abbagli, i segreti, le malattie e le iperboli compongono un profilo insieme unico e universale, la storia di un'esistenza tormentata, sempre ai limiti dell'eccesso, ma irrinunciabilmente devota alle ragioni della parola, della voce che si muta in racconto. A Parigi con Marcel Proust è prima d'ogni cosa un atto d'amore per il padre della Recherche e un seducente invito al lettore contemporaneo a riscoprirne il mistero, le peripezie, l'appassionante geografia.Luigi La Rosaè siciliano, vive tra Catania e Parigi. Collaboratore di riviste e quotidiani, ha curato per Rizzoli-Bur numerosi volumi e raccolte saggistiche. Solo a Parigi e non altrove e Quel nome è amore sono apparsi per i tipi di Ad est dell'equatore. Si è occupato della sezione letteraria della guida verde di Parigi di Touring Club. Per l'editore Piemme ha pubblicato L'uomo senza inverno (finalista Premio Minerva) e Nel furor delle tempeste (Premio Elmo).IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

Bookatini
Episodio speciale bookatini coatti - Il gioco del calamaro

Bookatini

Play Episode Listen Later Dec 8, 2022 46:18


Bentornati su Bookatini - il podcast per chi è ghiotto di libri. In questa puntata speciale, in collaborazione con il podcast Brivido Coatto (https://www.brividocoatto.com/)per festeggiare il loro compleanno, giochiamo insieme al gioco del calamaro. Nel farlo, parliamo dei libri che abbiamo letto per i gruppi di lettura che frequentiamo in carne e ossa. Con noi trovate anche Betty – elisabetta_lisabettyna su instagram, che ringraziamo di cuore per aver giocato con noi. Come al solito trovate tutti i riferimenti ai libri citati anche nella carrellata delle copertine della pagina Instagram bookatini_podcast.Nell'episodio di oggi abbiamo chiacchierato di questi libri: -L'equilibrio delle lucciole, di Valeria Tron, Salani editore-L'ultimo amore di Baba Dunja, di Alina Bronsky, Keller editorePotete contattarci, scrivere commenti, suggerimenti, domande e condividete con noi le vostre letture su questo tema contattandoci nella pagina Instagram Bookatini_podcast, dove potete trovare anche le nostre live, in onda a mercoledì alterni Se volete sostenerci e godere di contenuti aggiuntivi, potete unirvi a 4 possibili livelli di Patreon che trovate al link:https://www.patreon.com/bookatiniEcco i dettagli:-Con un contributo di 1 € al mese potete diventare BOOKATINI IN BIANCO. A che cosa hai diritto?o alla nostra eterna gratitudine-Con un contributo di 1,5 € al mese potete diventare BOOKATINI AL SUGO. A che cosa hai diritto?o alla nostra eterna gratitudineoA news e aggiornamenti sulle nostre letture, con anticipazioni, scoop e confronti diretti-Con un contributo di 3 € al mese potete diventare BOOKATINI AL PESTO. A che cosa hai diritto?o alla nostra eterna gratitudineoA news e aggiornamenti sulle nostre letture, con anticipazioni, scoop e confronti direttiouna puntata bonus! Abbiamo deciso di trasferire su questa piattaforma la rubrica "Ce l'ho e l'ho anche letto": sarai quindi tra i pochi eletti a poter usufruire di questo contenuto inedito-Con un contributo di 5 € al mese potete diventare i pregiati BOOKATINI AL TARTUFO. A che cosa hai diritto?o alla nostra eterna gratitudineoA news e aggiornamenti sulle nostre letture, con anticipazioni, scoop e confronti direttiouna puntata bonus! Abbiamo deciso di trasferire su questa piattaforma la rubrica "Ce l'ho e l'ho anche letto": sarai quindi tra i pochi eletti a poter usufruire di questo contenuto ineditooGruppo di Lettura su TelegramLa sigla di Bookatini è scritta e suonata da Andrea Cerea

Copertina
Episodio 69 | Speciale Natale 2022

Copertina

Play Episode Listen Later Dec 7, 2022 33:26


di Matteo B. Bianchi | La stagione dei regali è finalmente incominciata e non potevano mancare i consigli di lettura di Copertina, per tutti i gusti e tutte le età. Il primo ospite, infatti, è Giovanni Avolio della libreria “L'ora di libertà” di Roma, che dà qualche suggerimento per i piccoli lettori e le piccole lettrici. Per i più grandi, invece, Massimo Cuomo ci consiglia di provare le box letterarie di Romanzi.it, iniziativa da lui co-creata e che specialmente sotto le feste diventa una bellissima idea regalo per lettori e lettrici forti, ma non solo. Ancora non ti basta? Su illibraio.it puoi trovare altre idee e la guida al regalo perfetto, scaricabile in pdf.

il posto delle parole
Tiziano Panconi "Giovanni Boldini e il mito della Belle Epoque"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Dec 3, 2022 24:59


Tiziano Panconi"Giovanni Boldini e il mito della Belle Epoque"Palazzo Mazzetti, Astifino al 10 aprile 2023https://www.arthemisia.it/it/giovanni-boldini-asti/La Belle Époque, i salotti, le nobildonne e la moda: è il travolgente mondo di Giovanni Boldini, genio della pittura che più di ogni altro ha saputo restituire le atmosfere rarefatte di un'epoca straordinaria.Letteratura e moda, musica e lusso, arte e bistrot si confondono nel ritmo sensuale del can can e producono una straordinaria rinascita sociale e civile.Fino al 10 aprile 2023 Giovanni Boldini, uno degli artisti italiani più amati di ogni tempo, viene celebrato con una grande mostra a Palazzo Mazzetti di Asti.Dopo i successi delle mostre Chagall. Colore e magia, Monet e gli impressionisti in Normandia, I Macchiaioli. L'avventura dell'arte moderna, la collaborazione tra Fondazione Asti Musei e Arthemisia continua a richiamare folle di visitatori ad Asti.Il nuovo progetto, a cura di Tiziano Panconi, è dedicato al genio indiscusso di Boldini.80 magnifiche opere – tra cui Signora bionda in abito da sera (1889 ca.), La signora in rosa (1916), Busto di giovane sdraiata (1912 ca.) e La camicetta di voile (1906 ca.) – sono protagoniste di una narrazione cronologica e tematica al tempo stesso.L'esposizione presenta una ricca selezione di opere che esprime al meglio la maniera di Boldini, il suo saper esaltare con unicità la bellezza femminile e svelare l'anima più intima e misteriosa dei nobili protagonisti dell'epoca.Una mostra che pone l'accento sulla capacità dell'artista di psicoanalizzare i suoi soggetti, le sue “divine”, facendole posare per ore, per giorni, sedute di fronte al suo cavalletto, parlando con loro senza stancarsi di porle le domande più sconvenienti, fino a comprenderle profondamente e così coglierne lo spirito, scrutandone l'anima.Farsi ritrarre da Boldini significava svestire i panni dell'aristocratica superbia di cui era munificamente dotata ogni gran dama degna del proprio blasone. Occorreva stare al gioco e accettarne le provocazioni, rispondendo a tono alle premeditate insolenze ma, infine, concedersi, anche solo mentalmente, facendo cadere il muro ideologico dell'alterigia, oltre il quale si celavano profonde fragilità.Egli coglieva al volo l'attimo fuggente, quel momento unico in cui un'occhiata più sincera rivelava lo stato d'animo e la mimica del corpo si faceva più espressiva, l'istante in divenire fra un'azione e l'altra, quando la forza motoria di un gesto si esauriva, rigenerandosi prontamente in quello successivo.Negli anni della maturità e poi della senilità, le lunghe e vorticose pennellate, impresse come energiche sciabolate di colore, rimodellavano in senso dinamico i corpi delle sue “divine” creature e il suo stile, a un tempo classico e moderno, costituiva la miglior risposta alle vocazioni estetiste e progressiste manifestate dagli alti ceti sociali.La mostra Giovanni Boldini e il mito della Belle Époque, con il contributo concesso dalla Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali del Ministero della cultura, è realizzata dalla Fondazione Asti Musei, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, dalla Regione Piemonte e dal Comune di Asti, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, in collaborazione con Arthemisia, con il patrocinio della Provincia di Asti e vede come sponsor il Gruppo Cassa di Risparmio di Asti.Catalogo edito da Skira.IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

Bookatini
S03ep45 -Se non soffriamo non siamo contente - wrap up

Bookatini

Play Episode Listen Later Dec 2, 2022 39:26


Bentornati su Bookatini - il podcast per chi è ghiotto di libri. Nella puntata 45, parliamo dei libri che abbiamo letto di recente. Come al solito trovate tutti i riferimenti ai libri citati anche nella carrellata delle copertine della pagina Instagram bookatini_podcast.Nell'episodio di oggi abbiamo chiacchierato di questi libri: -Pandora, di Susan Stoles-Chapman, Neri Pozza editore-Mi chiamo Lucy Barton, di Elizabeth Strout, Einaudi editore-L'anno delle volpi, di Cristiano Demicheli, Hypnos editore-Sanguina ancora, di Paolo Nori, Mondadori editorePotete contattarci, scrivere commenti, suggerimenti, domande e condividete con noi le vostre letture su questo tema contattandoci nella pagina Instagram Bookatini_podcast, dove potete trovare anche le nostre live, in onda a mercoledì alterni Se volete sostenerci e godere di contenuti aggiuntivi, potete unirvi a 4 possibili livelli di Patreon che trovate al link:https://www.patreon.com/bookatiniEcco i dettagli:-Con un contributo di 1 € al mese potete diventare BOOKATINI IN BIANCO. A che cosa hai diritto?o alla nostra eterna gratitudine-Con un contributo di 1,5 € al mese potete diventare BOOKATINI AL SUGO. A che cosa hai diritto?o alla nostra eterna gratitudineoA news e aggiornamenti sulle nostre letture, con anticipazioni, scoop e confronti diretti-Con un contributo di 3 € al mese potete diventare BOOKATINI AL PESTO. A che cosa hai diritto?o alla nostra eterna gratitudineoA news e aggiornamenti sulle nostre letture, con anticipazioni, scoop e confronti direttiouna puntata bonus! Abbiamo deciso di trasferire su questa piattaforma la rubrica "Ce l'ho e l'ho anche letto": sarai quindi tra i pochi eletti a poter usufruire di questo contenuto inedito-Con un contributo di 5 € al mese potete diventare i pregiati BOOKATINI AL TARTUFO. A che cosa hai diritto?o alla nostra eterna gratitudineoA news e aggiornamenti sulle nostre letture, con anticipazioni, scoop e confronti direttiouna puntata bonus! Abbiamo deciso di trasferire su questa piattaforma la rubrica "Ce l'ho e l'ho anche letto": sarai quindi tra i pochi eletti a poter usufruire di questo contenuto ineditooGruppo di Lettura su TelegramLa sigla di Bookatini è scritta e suonata da Andrea Cerea

Il podcast di Italiano Avanzato
Parliamo di libri - Infinite Jest

Il podcast di Italiano Avanzato

Play Episode Listen Later Dec 1, 2022 15:22


Una nuova rubrica su Italiano Avanzato: Parliamo di libri!Se il podcast ti piace, considera l'idea di sostenerlo con Patreon! Sarà un grande aiuto:https://www.patreon.com/italianoavanzato

il posto delle parole
Anna Folli "Ardore"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Dec 1, 2022 32:42


Anna Folli"Ardore"Romain Gary e Jean Seberg, una storia d'amoreNeri Pozzahttps://neripozza.it/Il suo nome era Romain Gary, ma anche Roman Kacev, Shatan Bogat, Émile Ajar. Voleva vivere mille esistenze, ognuna con una delle sue tante personalità. Prima di diventare uno dei piú grandi scrittori del Novecento, è stato un bambino ebreo scappato dalla Lituania, un eroe della Seconda guerra mondiale e un diplomatico. È stato l'unico scrittore nella storia della letteratura a vincere due volte il Premio Goncourt grazie a una finzione che l'ha fatto entrare nel mito. Ha vissuto tutta la sua vita come fosse un romanzo. Jean Seberg era bellissima, fragile e piena di sogni. Veniva da una sperduta cittadina dello Iowa dove i giorni scorrevano tutti uguali e la vita era una lunga strada dritta e monotona. Ma lei sentiva di essere diversa, anche se ancora non sapeva come. Lo scoprí una sera quando, nel buio della sala, apparve un giovane Marlon Brando ne Il mio corpo ti appartiene. Da quel momento Jean seppe che solo recitare poteva renderla felice. E come in una fiaba, a diciassette anni un grande regista di Hollywood la scelse tra migliaia di ragazze e la rese una star. A ventidue, con À bout de souffle di Godard, diventò l'indimenticabile musa della Nouvelle Vague. Ma a Jean ancora non bastava. La sua anima era vicina agli ultimi della terra e le sue lotte per l'uguaglianza la resero una diva scomoda, perseguitata dall'FBI. Jean e Romain erano diversi in tutto e appartenevano a mondi lontani, eppure a entrambi è bastato uno sguardo per capire che volevano passare insieme il resto della loro esistenza. Per vivere fino in fondo la loro passione hanno messo in gioco tutto e per dieci anni sono stati la coppia piú invidiata e piú ammirata di Parigi. Poi la depressione, la paura, il declino. Si suicidano entrambi a distanza di un anno l'una dall'altro. Prima Jean, poi Romain. Non erano fatti per la felicità, anche se insieme hanno conosciuto momenti luminosi e perfetti e il loro amore, che ha segnato un'epoca, è andato oltre i tradimenti, le separazioni, la malattia, i disinganni. Ed è andato persino oltre la morte. Questo libro, a metà tra biografia e romanzo, montato come un film, è il racconto della loro storia. Una storia profonda e irresistibile. Jean è di una bellezza che a Romain pare quasi intollerabile: «Una meraviglia di bocca carnosa, il cui disegno svelava una sorta di strana vulnerabilità: era una bocca indifesa, come quella dei bambini. Il naso un po' all'insú e i capelli dai riflessi biondi, davano al viso un alone di tenerezza e di dolcezza». Tutto, in Jean, ha il sapore della gioventú.Anna Folli è stata caporedattore per l'Editoriale Domus negli anni Novanta e direttore di riviste di settore. Autrice di interviste, reportage culturali, recensioni di libri, ha collaborato con i principali quotidiani e settimanali e con note riviste letterarie on line. È autrice del programma I Magnifici trasmesso su Radio 24. È stata coautrice e direttrice del festival di letteratura e musica Le Corde dell'Anima che ha ospitato scrittori e musicisti internazionali.IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

Te lo spiega Studenti.it
Guide maturità - Diario lettera e autobiografia

Te lo spiega Studenti.it

Play Episode Listen Later Dec 1, 2022 4:40


Il diario, la lettera e l'autobiografia sono tre forme di scrittura accomunate dal fatto di essere scritture intime, cioè forme comunicative che aprono al lettore l'interiorità e l'emotività dello scrittore. In questa pillola ne analizziamo somiglianze e differenze, anche partendo da illustri esempi letterari. Se vuoi approfondire, intanto, puoi farlo qui: https://www.studenti.it/diario-lettera-e-autobiografia-struttura-e-spiegazione.htmlColonna sonoraBlippy trance / Poppers and prosecco - Kevin Mac Leod https://incompetech.com/

il posto delle parole
Andrea Tomasetig "Maria Mulas. Milano, ritratti di fine '900"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Nov 26, 2022 24:16


Andrea Tomasetig"Maria Mulas"Milano, ritratti di fine '900Palazzo Reale, Milanofino all'8 gennaio 2023Le sale dell'Appartamento dei Principi di Palazzo Reale a Milano ospitano - fino all'8 gennaio 2023 - la mostra Maria Mulas. Milano, ritratti di fine '900, promossa dal Comune di Milano – Cultura prodotta e organizzata da Palazzo Reale e dall'Archivio Maria Mulas, con la curatela di Andrea Tomasetig. L'archivio fotografico contiene, oltre a reportage e lavori di ricerca, anche un numero imponente di ritratti – oltre 500 – di personaggi di primo piano delle arti e della cultura. In mostra ve ne sono un centinaio, giunti da una lunga esposizione al Museo Nazionale Slovacco promossa dall'Istituto Italiano di Cultura di Bratislava e frutto di una selezione che documenta lo stretto rapporto della fotografa con Milano e i suoi protagonisti nel trentennio che conclude il Novecento.Milano in quegli anni sta affermandosi come la capitale del design, della moda, dell'editoria, e non solo. È il luogo intorno a cui ruota un universo di talenti nativi o d'adozione, giunti da tutta Italia e dal mondo. Maria, arrivata poco più che ventenne nel lontano 1956 dalla natia Manerba del Garda sulla scia del fratello, li ritrae nei posti giusti e nei momenti giusti e ce li restituisce con una freschezza e intensità senza eguali, degna erede del fratello maggiore Ugo scomparso prematuramente nel 1973. Gli anni Settanta, Ottanta e Novanta sono per lei una girandola di incontri, Biennali veneziane e Kassel, allestimenti e inaugurazioni di mostre, presentazioni letterarie, feste e reportage in giro per il mondo. Ma il luogo d'osservazione privilegiato è sempre Milano che, come un magnete, accoglie e integra le varie provenienze regionali e straniere, ed è in quegli anni uno straordinario laboratorio di creatività e modernità che poi ritrasmette in Italia e nel mondo. Facendo della città il proprio epicentro, Maria Mulas ha mostrato come nessun altro il volto del mondo artistico e culturale milanese, italiano e internazionale.Sono centinaia e centinaia coloro che sono stati ritratti da lei: artisti, galleristi, critici, designer, architetti, scrittori, editori, giornalisti, stilisti, registi, attori, intellettuali, imprenditori, amici. Un elenco dettagliato ne riporta ben 539, dalla “A” di Claudio Abbado alla “Z” di Franco Zeffirelli. Non meraviglia che il Comune le abbia dedicato nel 1998 una grande mostra sempre a Palazzo Reale, consacrandola come “l'occhio di Milano”, e che oggi la celebri nuovamente come la fotografa che - pur appartata rispetto al circuito delle gallerie e del mercato dell'arte - ha colto l'anima profonda, vera di Milano, che è una città non in posa, ma dinamica, al lavoro, la città delle arti e delle professioni e dell'imprenditoria più avanzata.Per facilitare il percorso del visitatore l'esposizione è suddivisa in sei sezioni: Architettura e Design; Arte; Letteratura e Editoria; Moda; Arti dello Spettacolo; Milano cosmopolita e Maria nel mondo. È evidente che, dato lo spazio a disposizione, non ci possono essere tutti i nomi importanti che ha ritratto, né Maria Mulas poteva allora fotografare tutti quelli che noi oggi riteniamo importanti. Ma dal suo formidabile archivio emerge una sequenza altamente rappresentativa di personalità che incarnano molta parte della cultura italiana e del made in Italy. Alcuni nomi: Giorgio Armani, Gae Aulenti, Joseph Beuys, Giorgio Bocca, Roberto Calasso, Gillo Dorfles, Umberto Eco, Inge Feltrinelli, Dario Fo, Carla Fracci, Allen Ginsberg, Krizia, Vico Magistretti, Enzo Mari, Marcello Mastroianni, Ottavio Missoni, Bruno Munari, Fernanda Pivano, Gio Ponti, Miuccia Prada, Ettore Sottsass, Giorgio Strehler, Ornella Vanoni, Lea Vergine, Luigi Veronesi, Gianni Versace, Andy Warhol.La mostra è accompagnata da un catalogo pubblicato dall'editore Umberto Allemandi, con scritti di Andrea Tomasetig, Paolo Fallai, Stefano Salis e Patrizia Zappa Mulas.https://www.allemandi.com/IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

AI CONFINI - di Massimo Polidoro
Il vero Sherlock Holmes

AI CONFINI - di Massimo Polidoro

Play Episode Listen Later Nov 24, 2022 19:44


Tutti sappiamo che Sherlock Holmes è l'immortale detective nato dalla fantasia di Arthur Conan Doyle, protagonista di avventure letterarie poi diventate film di successo e serie televisive la cui richiesta sembra non finire mai. Pochi, invece, sanno che a ispirare Conan Doyle per il suo infallibile investigatore fu una persona realmente esistita… Ed è di questo che parleremo oggi a Strane Storie!Aderisci alla pagina PATREON e sostieni i miei progetti e il mio lavoro: http://patreon.com/massimopolidoroPartecipa e sostieni su TIPEEE il progetto del mio Tour 2022 in tutta Italia: https://it.tipeee.com/massimopolidoro Scopri il mio Corso online di Psicologia dell'insolito: https://www.massimopolidorostudio.com​Ricevi l'Avviso ai Naviganti, la mia newsletter settimanale: https://mailchi.mp/massimopolidoro/avvisoainaviganti e partecipa alle scelte della mia communitySeguimi:Instagram: https://www.instagram.com/massimopolidoro/ Gruppo FB: https://www.facebook.com/groups/MassimoPolidoroFanClub Pagina FB: https://www.facebook.com/Official.Massimo.Polidoro Twitter: https://twitter.com/massimopolidoro Sito e blog: http://www.massimopolidoro.com Iscriviti al mio canale youtube: https://goo.gl/Xkzh8A

il posto delle parole
Sara Durantini "Annie Ernaux. Ritratto di una vita"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Nov 23, 2022 25:20


Sara Durantini"Annie Ernaux. Ritratto di una vita"dei Merangoli Edizionihttps://deimerangoli.it/Il "Ritratto" di Annie Ernaux, pubblicato in concomitanza con il Premio ricevuto e con la rimessa in discussione in molte paesi del mondo dei diritti femminili, è un racconto biografico scritto "con lei e non su di lei", racconta Sara Durantini. Le tempistiche e le affinità tra gli eventi rendono questo ritratto unico nel suo genere, uno scrigno prezioso che contiene una lunga intervista inedita, a cuore aperto, di Annie Ernaux, in cui svela alcuni dettagli mai raccontati del suo rapporto con i genitori, soprattutto con la madre.Un inedito ritratto della vita di Annie Ernaux, scrittrice francese, insignita nel 2022 del Premio Nobel per la Letteratura. Sara Durantini attraverso un lavoro certosino offre al lettore un quadro biografico che culmina nell'incontro a Cergy, in Francia, per una emozionante intervista che fa parte di questo libro.Il testo, come un reportage, fissa per immagini gli avvenimenti pubblici e privati di Annie Ernaux, che ha rotto gli argini del falso perbenismo consacrandosi alla scrittura. Sara Durantini consegna un libro dove narrativa, saggistica e giornalismo si alternano e si completano restituendo istantanee del passato e del presente che si ricompongono in questo Ritratto di una vita: dall'infanzia a Lillebonne in Normandia all'adolescenza, dagli studi alla coscienza di sé, dall'aborto al matrimonio, dalla nascita dei figli al divorzio, dal tumore al nuovo amore. Quella che emerge è una donna commovente, lucida e coraggiosa che si afferma nel panorama mondiale della letteratura.“Annie Ernaux, insignita del Premio Nobel per la Letteratura nel 2022. Con lei hanno vinto tutte le donne.” (Sara Durantini)Immagine di copertina: Floriana Porta, Ritratto di Annie Ernaux, acquarello su carta, 2022.Traduzione dell'intervista ad Annie Ernaux a cura di Luigi Romildo.Sara Durantini, nata a San Martino dall'Argine (MN) nel 1984, è laureata in Lettere moderne e da giovanissima inizia a dedicarsi alla scrittura. Infatti vince l'edizione 2005-2006 per la sezione inediti del Premio Tondelli con il racconto L'odore del fieno e nel 2007 pubblica Nel nome del padre (Fernandel Editore). Partecipa alle antologie collettive di varie case editrici. Nel 2021 pubblica L'evento della scrittura. Sull'autobiografia femminile in Colette, Marguerite Duras, Annie Ernaux (13lab editore). Da oltre dieci anni scrive articoli per riviste letterarie online e cartacee.IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

Bookatini
S03ep44 - Fantasy al femminile

Bookatini

Play Episode Listen Later Nov 18, 2022 63:10


Bentornati in Bookatini - il podcast per chi è ghiotto di libri. L'episodio 44 è dedicato ai romanzi fantasy e di fantascienza scritti da donne, e per farlo ci siano fatti aiutare da Roberta, appassionata ed esperta di questi due generi e delle loro commistioni. La trovate alla pagina Instagram: https://www.instagram.com/grigio.fumo/ Nell'episodio di oggi abbiamo chiacchierato di questi libri-Sovrani delle tenebre: Ciclo della terra piatt, di Tanith Lee, Mondadori editore-La quinta stagione, di N. K. Jemisin, Mondadori editore-La mesmerista, di Sara Simoni, Acheron Books editore-Il priorato dell'albero delle arance, di Samantha Shannon, Mondadori editorePotete contattarci, scrivere commenti, suggerimenti, domande e condividete con noi le vostre letture su questo tema contattandoci nella pagina Instagram Bookatini_podcast, dove potete trovare anche le nostre live, in onda a mercoledì alterni Se volete sostenerci e godere di contenuti aggiuntivi, potete unirvi a 4 possibili livelli di Patreon che trovate al link:https://www.patreon.com/bookatiniEcco i dettagli:-Con un contributo di 1 € al mese potete diventare BOOKATINI IN BIANCO. A che cosa hai diritto?o alla nostra eterna gratitudine-Con un contributo di 1,5 € al mese potete diventare BOOKATINI AL SUGO. A che cosa hai diritto?o alla nostra eterna gratitudineoA news e aggiornamenti sulle nostre letture, con anticipazioni, scoop e confronti diretti-Con un contributo di 3 € al mese potete diventare BOOKATINI AL PESTO. A che cosa hai diritto?o alla nostra eterna gratitudineoA news e aggiornamenti sulle nostre letture, con anticipazioni, scoop e confronti direttiouna puntata bonus! Abbiamo deciso di trasferire su questa piattaforma la rubrica "Ce l'ho e l'ho anche letto": sarai quindi tra i pochi eletti a poter usufruire di questo contenuto inedito-Con un contributo di 5 € al mese potete diventare i pregiati BOOKATINI AL TARTUFO. A che cosa hai diritto?o alla nostra eterna gratitudineoA news e aggiornamenti sulle nostre letture, con anticipazioni, scoop e confronti direttiouna puntata bonus! Abbiamo deciso di trasferire su questa piattaforma la rubrica "Ce l'ho e l'ho anche letto": sarai quindi tra i pochi eletti a poter usufruire di questo contenuto ineditooGruppo di Lettura su TelegramLa sigla di Bookatini è scritta e suonata da Andrea Cerea

Copertina
Episodio 68

Copertina

Play Episode Listen Later Nov 16, 2022 36:45


Di Matteo B. Bianchi | In questa puntata Matteo ha un annuncio importante da fare, ma non mancano anche consigli di lettura e ospiti. La prima è Novella Gebbia della libreria appena nata “Trouvaille” di Torino, specializzata in Fantasy e Fantascienza. Sempre sull'onda delle novità, il secondo ospite è Lorenzo Palloni, uno dei nomi dietro alla Revue Dessinée Italia. Infine, la collega podcaster Roberta Lippi ci consiglia un libro tra i suoi preferiti.Libri consigliati:NOI TRE di Johanna Hedman, FrassinelliIL BIKINI DI SYLVIA PLATH di Giada Biaggi, nottetempoCORPO LIBERO di Ilaria Bernardini, MondadoriNovella Gebbia della nuova libreria Trouvaille di Torino consiglia:SAGA DI TEMERAIRE, vol. I - LA GUERRA DEI DRAGHI di Naomi Novick, FanucciSTRANIERO IN TERRA STRANIERA di Thomas Heinlein, FanucciLorenzo Palloni della Revue Dessinée Italia consiglia:PALESTINA di Joe Sacco, MondadoriL'autrice e podcaster Roberta Lippi consiglia:IL RACCONTO DELL'ANCELLA di Margaret Atwood, Ponte alle grazie

il posto delle parole
Alberto Manguel "Dante. Orizzonti dell'esilio"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Nov 8, 2022 23:32


Alberto ManguelNicola Giuseppe Smerilli"Dante. Orizzonti dell'esilio"con una nota di Carlo OssolaLeo S. Olschki Editricehttps://www.olschki.it/Si possono rappresentare i luoghi di un esilio, quand'esso non ha – per l'esule – niente di “proprio”? Quando – soprattutto per Dante – i nomi che sono il paesaggio della memoria affiorano ormai in dolente litania: «Sacchetti, Giuochi, Fifanti e Barucci / […] Sizii e Arrigucci» (Par., XVI, 104 e 108). Alberto Manguel e Nicola Giuseppe Smerilli ci accompagnano nella Ravenna che gli occhi di Dante poterono contemplare negli sguardi eterni che lo fissavano dalle icone musive dei monumenti bizantini nella città dell'ultimo rifugio. L'appello che discende da quelle pareti azzurre e oro non detta soltanto le luminose tessere del Paradiso ma rimuove altresì dal “qui” ogni parvenza: «In Dante ci sono immagini che si allontanano e si accomiatano. È difficile scendere le valli del suo verso dai mille addii». La formula di Osip Mandel'štam ci accompagna in questo viaggio di parole e immagini, pronte a svanire dalla vista per imprimersi nella mente, in un delicato incidersi del sempre: «[…] sì come cera da suggello, / che la figura impressa non trasmuta» (Purg., XXXIII, 79-80). Un libro che raccoglie, come ha scritto Alberto Manguel, «il respiro dell'universo nel respiro della parola».Alberto Manguel è uno scrittore, traduttore e critico canadese. Ha pubblicato sia narrativa che saggistica e ha ricevuto numerosi premi internazionali, tra cui il Formentor 2017 e il Premio Gutenberg 2018. Fino ad agosto 2018 è stato direttore della Biblioteca nazionale argentina. Ha occupato la cattedra di "Europa: lingue e letterature" presso il Collège de France dal 2021 al 2022. Attualmente è direttore di "Espaço Atlântida: Centro de Estudos da História da Leitura" a Lisbona. - (agosto 2022).Nicola Giuseppe Smerilli ha insegnato Scenografia e Fotografia presso l'Accademia di Belle Arti di Roma e Bari. Ora insegna Fotografia dei Beni Culturali ed Editing della fotografia all'Accademia di Belle Arti di Frosinone. Si dedica alla ricerca fotografica dagli anni Settanta e recentemente ha intrecciato il suo percorso con quello di alcuni poeti contemporanei. - (agosto 2022) -Carlo Ossola insegna al Collège de France, cattedra di «Letterature moderne dell'Europa neolatina». Presso Olschki ha pubblicato l'Autunno del Rinascimento, 1971 e 2014; l'edizione dell'inedito di Carlo Denina, Dell'impiego delle persone, 2020, e delle rare Storie bibliche di Johann Peter Hebel, 2020. - (maggio 2020) -IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

il posto delle parole
Rocco Rosignoli "L'arte di Leonard Cohen"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Nov 7, 2022 23:46


Rocco Rosignoli"L'arte di Leonard Cohen"Tra storia, musica ed ebraismoMimesis Edizionihttps://www.mimesisedizioni.it/Nato a Montréal, figlio di un commerciante e di un'immigrata sfuggita ai pogrom, Leonard Cohen cresce seguendo le tappe della vita ebraica e mostra presto un grande talento per la parola. Il suo esordio avviene come poeta, ma raggiunge la fama come cantautore, emozionando il pubblico di tutto il mondo. La sua è una poetica di opposti che si compenetrano: poli estremi, ma mai in contraddizione fra loro, che mostrano l'essenza trascendente della vita. In questo saggio, Rocco Rosignoli si concentra sulla produzione letteraria e musicale di Cohen, andando a scoprirne il legame con i testi sacri, con i midràsh, con la cabala, con la letteratura ebraica americana. Attraverso quest'analisi vengono alla luce anche una forte influenza del cattolicesimo e le visioni politiche di Cohen. In appendice, una breve intervista al maestro Carlo Tetsugen Serra, tra i massimi esperti di buddhismo giapponese, aiuta a comprendere il rapporto che Cohen ha avuto con lo zen di scuola Rinzai, del quale nella maturità è ordinato monaco.Rocco Rosignoli, classe 1982, è un musicista e cantautore parmigiano. Chitarrista e violinista, suona un po' tutto quel che si trova per le mani. Laureato in Lettere, è un appassionato studioso di lingua e cultura ebraiche. Ha lavorato con Alessio Lega, Max Manfredi, Miriam Camerini, Lee Colbert della Moni Ovadia Stage Orchestra. Collabora con il Museo Ebraico Fausto Levi di Soragna (PR). Ha pubblicato sette dischi solisti, due raccolte di poesie e un saggio sul film Il laureato.IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

Bookatini
S03ep43 - Di questo parlo pochissimo - wrap up

Bookatini

Play Episode Listen Later Nov 4, 2022 58:13


Bentornati su Bookatini - il podcast per chi è ghiotto di libri. Nella puntata 43, parliamo dei libri che abbiamo letto di recente. Come al solito trovate tutti i riferimenti ai libri citati anche nella carrellata delle copertine della pagina Instagram bookatini_podcast.Nell'episodio di oggi abbiamo chiacchierato di questi libri: -Il grande cerchio, di Maggie Shipstead, Rizzoli editore-Wolf Hall, di Hilary Mantel, Fazi editore-Il canto di Calliope, di Natalie Haynes, Sonzogno editore-Il verdetto, di Graham Moore, Neri Pozza editorePotete contattarci, scrivere commenti, suggerimenti, domande e condividete con noi le vostre letture su questo tema contattandoci nella pagina Instagram Bookatini_podcast, dove potete trovare anche le nostre live, in onda a mercoledì alterni Se volete sostenerci e godere di contenuti aggiuntivi, potete unirvi a 4 possibili livelli di Patreon che trovate al link:https://www.patreon.com/bookatiniEcco i dettagli:-Con un contributo di 1 € al mese potete diventare BOOKATINI IN BIANCO. A che cosa hai diritto?o alla nostra eterna gratitudine-Con un contributo di 1,5 € al mese potete diventare BOOKATINI AL SUGO. A che cosa hai diritto?o alla nostra eterna gratitudineoA news e aggiornamenti sulle nostre letture, con anticipazioni, scoop e confronti diretti-Con un contributo di 3 € al mese potete diventare BOOKATINI AL PESTO. A che cosa hai diritto?o alla nostra eterna gratitudineoA news e aggiornamenti sulle nostre letture, con anticipazioni, scoop e confronti direttiouna puntata bonus! Abbiamo deciso di trasferire su questa piattaforma la rubrica "Ce l'ho e l'ho anche letto": sarai quindi tra i pochi eletti a poter usufruire di questo contenuto inedito-Con un contributo di 5 € al mese potete diventare i pregiati BOOKATINI AL TARTUFO. A che cosa hai diritto?o alla nostra eterna gratitudineoA news e aggiornamenti sulle nostre letture, con anticipazioni, scoop e confronti direttiouna puntata bonus! Abbiamo deciso di trasferire su questa piattaforma la rubrica "Ce l'ho e l'ho anche letto": sarai quindi tra i pochi eletti a poter usufruire di questo contenuto ineditooGruppo di Lettura su TelegramLa sigla di Bookatini è scritta e suonata da Andrea Cerea

Te lo spiega Studenti.it
Mitologia - Apollo e Dafne

Te lo spiega Studenti.it

Play Episode Listen Later Nov 3, 2022 3:38


Il mito di Apollo e Dafne è raccontato da Apuleio nelle sue Metamorfosi, ma è un classico ripreso da moltissimi artisti nelle varie epoche: il capolavoro più rilevante è probabilmente il gruppo scultoreo di Gian Lorenzo Bernini.In questa pillola scopriremo come si sviluppi nel mito la storia della fanciulla trasformata in lauro, e quale significato abbia. Intanto, se vuoi, puoi approfondire qui: https://www.studenti.it/mito-apollo-e-dafne.htmlColonna sonoraBlippy trance / Poppers and prosecco - Kevin Mac Leod https://incompetech.com/

il posto delle parole
Chiara Montini "Il clan Nabokov"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Nov 2, 2022 23:21


Chiara Montini"Il clan Nabokov"Quando l'erede è il traduttoreMimesis Edizionihttps://www.mimesisedizioni.it/Cosa ne sarebbe stato di Nabokov senza la moglie? L'intransigente scrittore, traduttore controcorrente e fascinoso professore aveva bisogno di Vera Nabokov. Quando incontra la futura sposa, è un uomo a pezzi: “So di essere noioso e sgradevole, intriso di letteratura… Ma ti amo”, le scrive. L'amorosa moglie lo sprona severa e fiduciosa affinché dia il meglio di sé: ne rilegge, corregge e traduce l'opera. A lui le luci della ribalta che lei controlla dietro le quinte. Finché, un bel giorno, la coppia invidiata da tutti dà alla luce l'unico adorato figlio, Dmitri. Dopo qualche indugio, l'erede entrerà a far parte del clan, garantendo la successione del prospero impero. Il clan Nabokov è un saggio biografico che, partendo dalla traduzione, caposaldo dell'opera nabokoviana, si avventura alla scoperta di terre inesplorate attraverso lingue e paesi, vite e letterature. Si conclude in Italia, sull'ultimo dei Nabokov, il figlio che cresce “all'ombra del grande albero” e tanto somiglia a un personaggio nabokoviano.Chiara Montini è traduttrice e ricercatrice. Ha pubblicato una cinquantina di saggi e articoli in italiano, francese e inglese e curato volumi e riviste universitarie, tra cui La lingua spaesata. Il multilinguismo oggi (2014); Traduire: genèse du choix (2016); Towards a Genetic of Translation Studies (2017). Nel 2019 ha curato una raccolta dei saggi sulla traduzione di V. Nabokov, Traduzioni pericolose. Saggi 1941-1969 (2019). Tra le sue traduzioni: Mercier e Camier, di Samuel Beckett, Einaudi 2015IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/