Podcasts about mezzogiorno

Macroregion of Italy

  • 128PODCASTS
  • 399EPISODES
  • 23mAVG DURATION
  • 5WEEKLY NEW EPISODES
  • Jan 11, 2023LATEST
mezzogiorno

POPULARITY

20152016201720182019202020212022


Best podcasts about mezzogiorno

Show all podcasts related to mezzogiorno

Latest podcast episodes about mezzogiorno

EpicTV Climbing Chatter
Worlds 8th Highest Mountain Gets FIRST Integral Winter Ascent | Climbing Daily Ep.2073

EpicTV Climbing Chatter

Play Episode Listen Later Jan 11, 2023 11:16


The 8th highest mountain in the world Manaslu has seen its first integral winter ascent with a team made up of six sherpas and Alex Txikon. Alpinist Brette Harrington recently climbed Mezzogiorno di Fuoco an ambitious multipitch in Sardegna and this week we finally reveal the winner of the 2022 9b counter…

Radio 24 Podcast
Obiettivo salute - Buoni propositi per scegliere l'attività fisica del nuovo anno

Radio 24 Podcast

Play Episode Listen Later Jan 6, 2023


Mezzogiorno: il momento ideale della giornata per parlare di salute e raccogliere tutte le informazioni utili per orientarsi e adottare uno stile di vita salutare e quindi capace di farci stare e sentire bene. Dal lunedì al venerdì alle 12 con Nicoletta Carbone spazio alle notizie che arrivano dal mondo della ricerca nazionale e internazionale commentate con i diretti protagonisti con un approccio divulgativo e rigorosamente scientifico al tempo stesso. Dall'informazione in onda all'approfondimento on line. Sul sito di Radio24 ogni giorno interviste agli esperti, il servizio del medico risponde, video e tutorial. L'appuntamento con il mezzogiorno in salute va avanti anche nel fine settimana. Sabato alle 12 "Obiettivo Salute weekend", tutto quello che dovete fare e sapere per stare bene e sentirvi meglio al di là delle mode, dei luoghi comuni e delle leggende metropolitane. Domenica alle 12 "La bufala in tavola", pronti per andare a caccia della bufala e riportare la verità a tavola.

Ultim'ora
Lavoro, al Sud più pensioni che stipendi

Ultim'ora

Play Episode Listen Later Dec 30, 2022 1:30


Anche se di sole 205 mila unità, a livello nazionale il numero delle pensioni erogate agli italiani ha superato la platea costituita dai lavoratori autonomi e dai dipendenti occupati nelle fabbriche, negli uffici e nei negozi. La situazione più "squilibrata" si verifica nel Mezzogiorno.mgg/sat/mrv

Focus economia
Lavoro, 2022 anno record: quali prospettive per il 2023?

Focus economia

Play Episode Listen Later Dec 28, 2022


Il 2022 è stato un anno record: lo scorso ottobre il tasso di occupazione è salito al 60,5%, il valore più alto dal 1977, anno di inizio delle serie storiche. Inoltre nei primi nove mesi del 2022 sono state effettuate 6,2 milioni di assunzioni e si sono registrate 640.092 variazioni contrattuali per un totale di 6.867.184 attivazioni di contratto, recuperando e superando i livelli pre-pandemia (+7,4%). Dati molto positivi, corretti leggermente dalla rilevazione del terzo trimestre, secondo la quale l'input di lavoro misurato in Ula (Unità di lavoro equivalenti a tempo pieno) è in lieve diminuzione rispetto ai tre mesi precedenti (-0,1% rispetto al secondo trimestre 2022), mentre rallenta la crescita su base annua (+2,7% rispetto al terzo trimestre 2021). Intanto il governo ha inserito una serie di misure in manovra che riguardano il Reddito di cittadinanza e voucher. Queste novità potranno aiutare le aziende a trovare lavoratori? Il mismatch tra domanda e offerta di lavoro che interessa il 46,4% delle assunzioni che equivalgono a oltre 177mila profili dei 382mila ricercati dalle aziende (Unioncamere e Anpal). Negli ultimi giorni sono anche usciti dati interessanti che riguardano le retribuzioni degli italiani. Nel 2020, rivela l'Istat, circa il 76% dei redditi lordi individuali (al netto dei contributi sociali) "non supera i 30.000 euro annui: la metà dei redditi lordi individuali si colloca tra 10.001 e 30.000 euro annui, oltre un quarto è sotto i 10.001 euro e soltanto il 3,7% supera i 70.000 euro". È credibile che i lavoratori con oltre 30mila euro lordi l'anno siano solo il 24% del totale? Approfondiamo il tema conFrancesco Seghezzi, direttore fondazione ADAPT, centro studi su lavoro e occupazione fondato da Marco Biagi. Il 13% dei contribuenti italiani paga quasi il 60% dell'Irpef versata Secondo il rapporto di Itinerari previdenziali e Cida (Confederazione italiana dirigenti e alte professionalità), presentato oggi al Cnel, sulla base dei redditi 2020 (dichiarazioni 2021), su poco più di 41 milioni di contribuenti sono appena 5 milioni a caricarsi il peso di quasi il 60% dell'Irpef versata nelle casse dello Stato. Dalla ricerca emerge come un numero sempre più esiguo di contribuenti paga sempre di più. Nello specifico il 13% dei contribuenti ha pagato gran parte degli oltre 278 miliardi necessari per il funzionamento dell'apparato Statale. Ne abbiamo parlato con Alberto Brambilla, presidente di Itinerari previdenziali. Mezzo milioni di poveri al sud a causa del caro energia. 1,2 milioni di giovani hanno lasciato il Mezzogiorno Oltre 760.000 potenziali nuovi poveri per lo shock energetico, di cui mezzo milione al Sud. È lo scenario delineato nel Rapporto Svimez 2022, giunto alla sua 49esima edizione, presentato, lunedì 28 novembre, alla Camera dei Deputati. Il mezzogiorno rischia la recessione. Nel 2023 il PIL meridionale si contrarrebbe fino a -0,4%, mentre quello del Centro-Nord, pur rimanendo positivo a +0,8%, segnerebbe un forte rallentamento rispetto al 2022. Il dato medio italiano dovrebbe attestarsi invece intorno al +0,5%. Il 2024 dovrebbe essere un anno di ripresa sulla scia del generale miglioramento della congiuntura internazionale, unitamente alla continuazione del rientro dall'inflazione. Si stima che il Pil aumenti nel 2024 dell'1,5% a livello nazionale, per effetto del +1,7% nel Centro-Nord e dello +0,9% al Sud. Un altro elemento che emerge dall indagine riguarda l ambito della formazione, e in particolare l università. Secondo Svimez, infatti, nel 2041 il Mezzogiorno perderà il 27% degli iscritti, il Centro Nord circa il 20%. Negli ultimi vent'anni circa 1,2 milioni di giovani ha lasciato il Mezzogiorno. Uno su 4 è laureato. Ne parliamo con Luca Bianchi, direttore dello Svimez.

Radio 24 Podcast
Obiettivo salute - Diabete di tipo2: lo screening regolare con misurazione dell'emoglobina glicata può consentire di diagnosticarlo con 2 anni di anticipo

Radio 24 Podcast

Play Episode Listen Later Dec 20, 2022


Mezzogiorno: il momento ideale della giornata per parlare di salute e raccogliere tutte le informazioni utili per orientarsi e adottare uno stile di vita salutare e quindi capace di farci stare e sentire bene. Dal lunedì al venerdì alle 12 con Nicoletta Carbone spazio alle notizie che arrivano dal mondo della ricerca nazionale e internazionale commentate con i diretti protagonisti con un approccio divulgativo e rigorosamente scientifico al tempo stesso. Dall'informazione in onda all'approfondimento on line. Sul sito di Radio24 ogni giorno interviste agli esperti, il servizio del medico risponde, video e tutorial. L'appuntamento con il mezzogiorno in salute va avanti anche nel fine settimana. Sabato alle 12 "Obiettivo Salute weekend", tutto quello che dovete fare e sapere per stare bene e sentirvi meglio al di là delle mode, dei luoghi comuni e delle leggende metropolitane. Domenica alle 12 "La bufala in tavola", pronti per andare a caccia della bufala e riportare la verità a tavola.

Ecovicentino.it - AudioNotizie
Lavoro, calano gli occupati e aumentano gli inattivi. Gap tra Mezzogiorno e resto del Paese

Ecovicentino.it - AudioNotizie

Play Episode Listen Later Dec 14, 2022 1:35


Gli occupati in Italia nel terzo trimestre 2022 sono diminuiti di 12 mila unità rispetto al secondo, attestandosi a quota 23 milioni 126mila. È una fotografia del lavoro stabile quella che l'Istat fa nel terzo trimestre del 2022, ma che vede in leggero calo il numero degli occupati.

Ultim'ora
Pnrr, Svimez "Supportare la progettualità dei Comuni"

Ultim'ora

Play Episode Listen Later Dec 13, 2022 1:16


"Il Pnrr è un'occasione straordinaria per il Paese, ma c'è una grande difficoltà, soprattutto per i piccoli comuni del Mezzogiorno, ad avere un'adeguata progettualità. Su questo bisogna intervenire al più presto: rafforzando la pubblica amministrazione e supportando i comuni nella loro capacità di attuazione dei progetti che possono essere realizzati”. Così Luca Bianchi, Direttore Generale Svimez, a margine di un convegno della Banca d'Italia, a Palermo. xd6/vbo/gtr

A conti fatti. La storia e la memoria dell'economia
Svimez: l'economia del Mezzogiorno finirà in recessione

A conti fatti. La storia e la memoria dell'economia

Play Episode Listen Later Dec 10, 2022


Nel 2021 l'economia italiana è cresciuta del 6,7% e anche il Mezzogiorno, con il 5,9%, ha registrato un buon andamento. Le previsioni tuttavia non sono incoraggianti e già quest'anno la crescita nel sud d'Italia sarà di oltre un punto inferiore a quella del centro-nord. Nel prossimo anno si prevede che l'economia del Mezzogiorno finirà in recessione, secondo quanto emerge dall'ultimo rapporto presentato dalla Svimez, l'Associazione per lo sviluppo del Mezzogiorno. Ne parliamo conAdriano Giannola, presidente della Svimez.

INSIDE FINANCE
Intervista a Cristiano Carrus, Amministratore Delegato della Banca Popolare di Bari.

INSIDE FINANCE

Play Episode Listen Later Dec 6, 2022 60:28


Nell'episodio di oggi l'intervista a Cristiano Carrus, Amministratore Delegato della Banca Popolare di Bari.La Banca Popolare di Bari S.p.A. (BPB) è un istituto di credito popolare italiano, fondato a Bari nel 1960. È il primo gruppo creditizio autonomo del Mezzogiorno ed è tra le tre maggiori banche pugliesi e tra le 10 maggiori banche popolari italiane.Radicata in Puglia e nelle regioni limitrofe, conta 217 sportelli, 3 200 dipendenti e quasi 70 000 soci. È presente in 11 regioni col proprio marchio: in Puglia, Campania, Basilicata, Calabria, Molise, Lazio, Marche, Umbria, Toscana, Lombardia e Abruzzo.Nell'intervista importanti visioni sul futuro della Banca e del sistema bancario italiano.Buon ascolto.

il posto delle parole
Pietro Perone "Don Riboldi 1023-2023"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Dec 6, 2022 19:30


Pietro Perone"Don Riboldi 1923 - 2023"Il coraggio traditoSan Paolo Edizionihttps://www.edizionisanpaolo.it/Novembre e dicembre 1982: in migliaia marciano con il Vescovo di Acerra, mons. Riboldi. Manifestano con lui, con coraggio, contro la camorra e contro il suo potere. Molti, oggi, lo ricordano come il loro “25 aprile”.Tra questi, l'autore.A cento anni dalla nascita di questo grande uomo di Chiesa, il libro ripercorre le tappe essenziali del suo impegno per la legalità e per la dignità umana. La sua fu una voce che si fece sentire in Parlamento, in dialogo (e in polemica) con i politici, ma anche in mezzo ai giovani, alla gente comune e faccia a faccia con i criminali che volevano imporre la propria autorità su ogni aspetto della vita sociale.La lotta di mons. Riboldi fu efficace? Non del tutto. Essa avviò una presa di coscienza indispensabile per i successi giudiziari contro la camorra, ma restò anche, in parte, inascoltata perché egli voleva una riforma del vivere civile di Napoli, di tutta la Campania e del Mezzogiorno. E questa non è ancora venuta. Oggi i luoghi del Vescovo sono tristemente noti come “Terra dei Fuochi”, dimenticati dallo Stato e avvelenati da nuovi e feroci criminali. Simbolo di una lunga storia di coraggio e di grandi tradimenti.“Il nostro don Antonio, come amava familiarmente farsi chiamare, è stato un profeta, in senso biblico, perché ha dato speranza a un popolo, ha aiutato ad alzare la testa i poveri e i deboli, i senza tutto, come li chiamava lui. E l'ha fatto innanzitutto con l'annuncio del Vangelo e con la denuncia profetica”IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

Ultim'ora
Fdi, Pogliese “Successo Festa del Tricolore con 2mila accreditati”

Ultim'ora

Play Episode Listen Later Dec 4, 2022 1:40


“Successo della Festa del Tricolore con 2mila accreditati”. Lo afferma il coordinatore Fdi Sicilia Orientale Salvo Pogliese, tracciando il consuntivo delle tre giornate di approfondimento a Catania sui temi del rilancio del Mezzogiorno.xd9/mgg/

Radio 24 Podcast
Obiettivo salute - Covid: un team di ricercatori americani avrebbe individuato una proteina bersaglio che potrebbe bloccare il virus

Radio 24 Podcast

Play Episode Listen Later Dec 2, 2022


Mezzogiorno: il momento ideale della giornata per parlare di salute e raccogliere tutte le informazioni utili per orientarsi e adottare uno stile di vita salutare e quindi capace di farci stare e sentire bene. Dal lunedì al venerdì alle 12 con Nicoletta Carbone spazio alle notizie che arrivano dal mondo della ricerca nazionale e internazionale commentate con i diretti protagonisti con un approccio divulgativo e rigorosamente scientifico al tempo stesso. Dall'informazione in onda all'approfondimento on line. Sul sito di Radio24 ogni giorno interviste agli esperti, il servizio del medico risponde, video e tutorial. L'appuntamento con il mezzogiorno in salute va avanti anche nel fine settimana. Sabato alle 12 "Obiettivo Salute weekend", tutto quello che dovete fare e sapere per stare bene e sentirvi meglio al di là delle mode, dei luoghi comuni e delle leggende metropolitane. Domenica alle 12 "La bufala in tavola", pronti per andare a caccia della bufala e riportare la verità a tavola.

Focus economia
Inflazione a novembre stabile a +11,8%, scende nell'Eurozona

Focus economia

Play Episode Listen Later Nov 30, 2022


Nessuna frenata, solo uno stop alla corsa del dato annuo. Nelle stime preliminari Istat l indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (Nic), al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,5% su base mensile e dell'11,8% su base annua (come nel mese precedente). Su base mensile si tratta così del settimo aumento consecutivo e nel confronto annuo non vi è alcun arretramento, per un dato (11,8%) che in Italia non si vedeva dal lontano 1984. "L'inflazione acquisita per il 2022 - scrive l'Istat - è pari a +8,1% per l'indice generale e a +3,7% per la componente di fondo". Di contro, sempre l'istituto di ricerca, conferma le stime di ottobre per quanto riguarda il prodotto interno lordo: nel terzo trimestre del 2022 l'economia italiana è cresciuta dello 0,5% rispetto ai tre mesi precedenti e del 2,6% rispetto allo stesso periodo del 2021, con una crescita acquisita per l'intero 2022 pari al 3,9%. Secondo Istat 'tirano' consumi e turismo, giù l'industria. D'accordo l'Ufficio Studi di Confcommercio, secondo il quale, in questa fase, il turismo è una "diga contro la recessione. Ne parliamo proprio il direttore dell'Ufficio studi Confcommercio, Mariano Bella. Mezzo milioni di poveri al sud a causa del caro energia. 1,2 milioni di giovani hanno lasciato il Mezzogiorno Oltre 760.000 potenziali nuovi poveri per lo shock energetico, di cui mezzo milione al Sud. È lo scenario delineato nel Rapporto Svimez 2022, giunto alla sua 49esima edizione, presentato, lunedì 28 novembre, alla Camera dei Deputati. Il mezzogiorno rischia la recessione. Nel 2023 il PIL meridionale si contrarrebbe fino a -0,4%, mentre quello del Centro-Nord, pur rimanendo positivo a +0,8%, segnerebbe un forte rallentamento rispetto al 2022. Il dato medio italiano dovrebbe attestarsi invece intorno al +0,5%. Il 2024 dovrebbe essere un anno di ripresa sulla scia del generale miglioramento della congiuntura internazionale, unitamente alla continuazione del rientro dall'inflazione. Si stima che il Pil aumenti nel 2024 dell'1,5% a livello nazionale, per effetto del +1,7% nel Centro-Nord e dello +0,9% al Sud. Un altro elemento che emerge dall indagine riguarda l ambito della formazione, e in particolare l università. Secondo Svimez, infatti, nel 2041 il Mezzogiorno perderà il 27% degli iscritti, il Centro Nord circa il 20%. Negli ultimi vent'anni circa 1,2 milioni di giovani ha lasciato il Mezzogiorno. Uno su 4 è laureato. Ne parliamo con Luca Bianchi, direttore dello Svimez. Bruxelles. Nuovo regolamento sul packaging. L'industria Ue dell'imballaggio boccia il piano Bruxelles ha presentato oggi la proposta di regolamentosul packaging e punta sul riuso e il 'vuoto a rendere' per bottiglie di plastica e lattine in alluminio. L'obiettivo è ridurre i rifiuti di imballaggio del 15% pro-capite per ogni Paese entro il 2040. Secondo la proposta di regolamento, entro il 2030 il 20% delle vendite di bevande take-away dovrà essere servito in imballaggi riutilizzabili o usando i contenitori dei clienti, per arrivare all'80% nel 2040. La proposta regolamento da tempo è al centro di allarmi in alcuni paesi e, in particolare, in Italia paese leader nel settore del riciclo perché si preferirebbe il riuso dei materiali al riciclo. Tra le contestazioni la scelta Ue di procedere con un regolamento, con il quale vengono rese immediatamente applicabili le norme che, in ogni caso, saranno oggetto di negoziato tra Consiglio e Parlamento Ue. L'industria dell'imballaggio Ue boccia il piano di Bruxelles. "La proposta rischia di andare contro gli obiettivi del Green Deal, riportando indietro le lancette dell'orologio del riciclo e compromettendo la funzionalità degli imballaggi nel proteggere i prodotti e prevenire i rifiuti", evidenzia l'organizzazione di categoria, Europen, che tra i suoi membri conta anche Ferrero. Ne parliamo con Armido Marana, Vice presidente di Confindustria Vicenza con Delega alla Sostenibilità.

Ultim'ora
Occhiuto "Sì al Ponte sullo Stretto e alle infrastrutture"

Ultim'ora

Play Episode Listen Later Nov 8, 2022 1:10


"Il ponte sullo stretto è una infrastruttura strategica ma c'è il tema più complessivo delle infrastrutture del Mezzogiorno su cui faremo un gruppo di lavoro per ragionare insieme su come dotare il Sud delle infrastrutture strategiche di cui ha necessità, come l'Alta Velocità". xc3/pc/gsl

Ultim'ora
Occhiuto "Sì al Ponte sullo Stretto e alle infrastrutture"

Ultim'ora

Play Episode Listen Later Nov 8, 2022 1:10


"Il ponte sullo stretto è una infrastruttura strategica ma c'è il tema più complessivo delle infrastrutture del Mezzogiorno su cui faremo un gruppo di lavoro per ragionare insieme su come dotare il Sud delle infrastrutture strategiche di cui ha necessità, come l'Alta Velocità". xc3/pc/gsl

Ultim'ora
Occhiuto "Sì al Ponte sullo Stretto e alle infrastrutture"

Ultim'ora

Play Episode Listen Later Nov 8, 2022 1:10


"Il ponte sullo stretto è una infrastruttura strategica ma c'è il tema più complessivo delle infrastrutture del Mezzogiorno su cui faremo un gruppo di lavoro per ragionare insieme su come dotare il Sud delle infrastrutture strategiche di cui ha necessità, come l'Alta Velocità". xc3/pc/gsl

Ultim'ora
Occhiuto "Sì al Ponte sullo Stretto e alle infrastrutture"

Ultim'ora

Play Episode Listen Later Nov 8, 2022 1:10


"Il ponte sullo stretto è una infrastruttura strategica ma c'è il tema più complessivo delle infrastrutture del Mezzogiorno su cui faremo un gruppo di lavoro per ragionare insieme su come dotare il Sud delle infrastrutture strategiche di cui ha necessità, come l'Alta Velocità". xc3/pc/gsl

Ultim'ora
Occhiuto "Calabria e Sicilia siano l'hub dell'Europa sul Mediterraneo"

Ultim'ora

Play Episode Listen Later Nov 3, 2022 1:48


"Sono convinto che si possano sviluppare attività insieme perché il Mezzogiorno e in particolare la Calabria e la Sicilia possano essere l'hub dell'Europa sul Mediterraneo”. Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, a margine della conferenza stampa di presentazione dell'esercitazione nazionale “Sisma dello Stretto 2022”, a Reggio Calabria.xa5/pc/gsl

Ultim'ora
Occhiuto "Calabria e Sicilia siano l'hub dell'Europa sul Mediterraneo"

Ultim'ora

Play Episode Listen Later Nov 3, 2022 1:48


"Sono convinto che si possano sviluppare attività insieme perché il Mezzogiorno e in particolare la Calabria e la Sicilia possano essere l'hub dell'Europa sul Mediterraneo”. Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, a margine della conferenza stampa di presentazione dell'esercitazione nazionale “Sisma dello Stretto 2022”, a Reggio Calabria.xa5/pc/gsl

Ultim'ora
Occhiuto "Calabria e Sicilia siano l'hub dell'Europa sul Mediterraneo"

Ultim'ora

Play Episode Listen Later Nov 3, 2022 1:48


"Sono convinto che si possano sviluppare attività insieme perché il Mezzogiorno e in particolare la Calabria e la Sicilia possano essere l'hub dell'Europa sul Mediterraneo”. Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, a margine della conferenza stampa di presentazione dell'esercitazione nazionale “Sisma dello Stretto 2022”, a Reggio Calabria.xa5/pc/gsl

il posto delle parole
Carlo Trigilia "La sfida delle disuguaglianze"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Oct 30, 2022 25:05


Carlo Trigilia"La sfida delle disuguaglianze"Contro il declino della sinistraIl Mulino Editorehttps://www.mulino.it/Perché le classi deboli si stanno allontanando dai partiti di sinistra? La sinistra di oggi saprà contrastare le disuguaglianze e difendere la democrazia?Le disuguaglianze sono molto cresciute nelle democrazie avanzate. Le conseguenze della pandemia e l'invasione dell'Ucraina contribuiscono ad aggravare il quadro. La sinistra europea e quella italiana si trovano così ad affrontare una nuova sfida, decisiva non solo per il loro futuro, ma anche per quello del capitalismo democratico. L'elettorato popolare, che ne costituiva il fulcro, alimenta infatti l'esodo verso l'astensionismo e verso la nuova destra radicale, attratto dalla protesta e dal populismo. A fronte del peggioramento delle condizioni di lavoro e di vita, vecchi e nuovi gruppi più a disagio non si sentono oggi rappresentati. Questo volume, valendosi di un ampio materiale di ricerca, indaga sulle difficoltà della sinistra europea - con l'eccezione interessante dei paesi nordici - nel contrastare le nuove disuguaglianze come aveva fatto negli anni del grande sviluppo post-bellico. Ma mette anche in luce come la sfida non sia persa. C'è ancora un futuro per il capitalismo democratico: passa da un riorientamento dell'offerta politica della sinistra di cui vengono qui discusse condizioni e possibilità.Carlo Trigilia è professore emerito di Sociologia Economica nell'Università di Firenze. È membro dell'Accademia Nazionale dei Lincei ed è stato ministro per la coesione territoriale nel 2013-14. Fra i suoi libri con il Mulino: «Grandi partiti e piccole imprese» (1986); «Sviluppo senza autonomia. Effetti perversi delle politiche nel Mezzogiorno» (1992). Da ultimo ha curato «Capitalismi e democrazie. Si possono conciliare crescita e uguaglianza?» (2020).IL POSTO DELLE PAROLEAscoltare fa Pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

Ultim'ora
Lollobrigida "Il Governo è compatto, al lavoro su strategia integrata"

Ultim'ora

Play Episode Listen Later Oct 29, 2022 1:12


"Il Governo è coeso e lavorerà in modo trasversale tra i ministeri, in una logica integrata". Lo ha detto il ministro dell'Agricoltura e della Sovranità Alimentare, Francesco Lollobrigida, a margine di un'iniziativa al Centro Agrolimentare di Roma, rispondendo a una domanda su possibili sovrapposizioni di competenze con il ministero del Mare e del Mezzogiorno.xf3/sat/

TRAPPIST
189: La galleria degli orrori del governo Meloni

TRAPPIST

Play Episode Listen Later Oct 22, 2022 41:28


Giorgia Meloni e i suoi ministri hanno giurato, mettendo fine all'allucinazione che questo sarebbe stato un governo moderato. Al contrario, tra i ministri ci sono molti nomi impresentabili e figure dell'estrema destra.L'elenco è problematico persino nel nome assegnato ad alcuni dicasteri: come quello per l'Agricoltura e la sovranità alimentare, che sembra un richiamo all'autarchia; o quello dell'Istruzione, che diventa dell'Istruzione e del Merito; o quello della Famiglia, della Natalità e delle Pari Opportunità. È rientrato dalla finestra anche il famoso ministero del Made in Italy, che sostituirà quello dello Sviluppo Economico — ribattezzato, appunto, ministero delle Imprese e del Made in Italy. Durante la lettura della lista, Meloni ha invertito Zangrillo e Pichetto Fratin, che saranno rispettivamente ministro della Pubblica amministrazione e dell'Ambiente. Una svista può capitare — ma nel frattempo entrambi avevano iniziato a parlare a nome dei rispettivi ministeri.Per il resto: Eugenia Roccella, la nuova ministra della Famiglia, della Natalità e delle Pari Opportunità, è stata portavoce del Family Day ed è famosa per le proprie posizioni anti-abortiste — lo scorso 25 agosto ha dichiarato in tv che “l'aborto non è un diritto” ed è contraria all'adozione per le coppie LGBTQI+. È anche autrice di libri come Eluana non deve morire e Contro il cristianesimo: Onu e Ue come nuova ideologia.Anche sul lato economico non va molto meglio: il ministero dell'Economia alla fine è stato assegnato al leghista-governista Giancarlo Giorgetti, probabilmente come mossa per blindare la Lega al governo a prescindere dai capricci di Salvini. Giorgetti, nonostante l'aura di affidabilità e le lodi del ministro uscente Franco, è un leghista molto “classico,” soprattutto nell'atteggiamento verso il sud: in passato è stato al centro di diverse polemiche in proposito — come quando nel 2018, commentando il Rdc, aveva detto che era una misura gradita “all'Italia che non ci piace” — e da ministro dello Sviluppo economico del governo Draghi ha destinato meno fondi del Pnrr al sud rispetto a quanto previsto e con più ritardo — del 40% che sarebbe dovuto andare al Mezzogiorno, a giugno il suo ministero era fermo al 25%.E la nuova ministra del Lavoro e delle politiche sociali, Marina Calderone? È una strenua sostenitrice del lavoro “flessibile” contrapposto al posto fisso e al salario minimo. Vuole che i giovani abbiano la “capacità del rischio.” Nel suo libro del 2012 10 idee per il lavoro dei nostri figli, Calderone criticava “l'architettura legislativa votata all'assistenzialismo” e costruzioni bolsceviche come il servizio sanitario nazionale o le borse di studio, colpevoli di andare incontro ai più poveri e non ai più meritevoli.Sono preoccupanti anche altri nomi, solo in apparenza meno impresentabili: a partire da Calderoli ministro agli Affari Regionali e alle Autonomie, dove potrà portare avanti un'agenda autonomista e pseudo-federalista, oppure il già citato ministero delle Imprese e del Made in Italy che è stato affidato ad Adolfo Urso, presidente uscente del Copasir ed esponente di FdI proveniente da una lunga militanza nel Msi. Una delle figure più criticate è quella di Daniela Santanché, posta al dicastero del Turismo nonostante i suoi evidenti interessi nel settore, essendo co–proprietaria insieme a Briatore del Twiga, il famigerato stabilimento di lusso a Forte dei Marmi, che fattura all'anno 4 milioni di euro e paga una concessione d'affitto allo Stato di 17.619€. Comunque non vi vorremmo illudere, la maggior parte dei membri del governo sono senatori e non deputati — e questo potrebbe essere un punto debole per il futuro, data la maggioranza più risicata in Senato.Sostieni l'informazione indipendente di the Submarine: abbonati a Hello, World! La prima settimana è gratis: https://thesubmarine.it/hw-abbonati/

Effetto giorno le notizie in 60 minuti
Napoli: droga e cellulari ai detenuti, in manette il Garante

Effetto giorno le notizie in 60 minuti

Play Episode Listen Later Oct 18, 2022


Caro energia: oggi le proposte della Commissione Europea sul tetto temporaneo al prezzo del gas. Ne parliamo conMatteo Villa, analista ISPI area Europa. Rimaniamo in tema gas. Nel padovano e nel trevigiano, un fornitore è costretto a rinunciare al 50% dei propri clienti per spese insostenibili. Con noi Davide Cecchinato, presidente di Adiconsum Veneto. Napoli: arrestato il Garante dei detenuti con l'accusa di introdurre cellulari e droga a Poggioreale. Ci racconta tutto Chiara Marasca, giornalista del Corriere del Mezzogiorno di Napoli.

Radio 24 Podcast
Obiettivo salute - Gli 8 parametri per la salute cardiovascolare

Radio 24 Podcast

Play Episode Listen Later Oct 14, 2022


Mezzogiorno: il momento ideale della giornata per parlare di salute e raccogliere tutte le informazioni utili per orientarsi e adottare uno stile di vita salutare e quindi capace di farci stare e sentire bene. Dal lunedì al venerdì alle 12 con Nicoletta Carbone spazio alle notizie che arrivano dal mondo della ricerca nazionale e internazionale commentate con i diretti protagonisti con un approccio divulgativo e rigorosamente scientifico al tempo stesso. Dall'informazione in onda all'approfondimento on line. Sul sito di Radio24 ogni giorno interviste agli esperti, il servizio del medico risponde, video e tutorial. L'appuntamento con il mezzogiorno in salute va avanti anche nel fine settimana. Sabato alle 12 "Obiettivo Salute weekend", tutto quello che dovete fare e sapere per stare bene e sentirvi meglio al di là delle mode, dei luoghi comuni e delle leggende metropolitane. Domenica alle 12 "La bufala in tavola", pronti per andare a caccia della bufala e riportare la verità a tavola.

Radio 24 Podcast
Obiettivo salute - L'attività fisica ridurrebbe il rischio di cancro al seno

Radio 24 Podcast

Play Episode Listen Later Oct 7, 2022


Mezzogiorno: il momento ideale della giornata per parlare di salute e raccogliere tutte le informazioni utili per orientarsi e adottare uno stile di vita salutare e quindi capace di farci stare e sentire bene. Dal lunedì al venerdì alle 12 con Nicoletta Carbone spazio alle notizie che arrivano dal mondo della ricerca nazionale e internazionale commentate con i diretti protagonisti con un approccio divulgativo e rigorosamente scientifico al tempo stesso. Dall'informazione in onda all'approfondimento on line. Sul sito di Radio24 ogni giorno interviste agli esperti, il servizio del medico risponde, video e tutorial. L'appuntamento con il mezzogiorno in salute va avanti anche nel fine settimana. Sabato alle 12 "Obiettivo Salute weekend", tutto quello che dovete fare e sapere per stare bene e sentirvi meglio al di là delle mode, dei luoghi comuni e delle leggende metropolitane. Domenica alle 12 "La bufala in tavola", pronti per andare a caccia della bufala e riportare la verità a tavola.

Radio 24 Podcast
Obiettivo salute - Super anziani e super memoria

Radio 24 Podcast

Play Episode Listen Later Oct 5, 2022


Mezzogiorno: il momento ideale della giornata per parlare di salute e raccogliere tutte le informazioni utili per orientarsi e adottare uno stile di vita salutare e quindi capace di farci stare e sentire bene. Dal lunedì al venerdì alle 12 con Nicoletta Carbone spazio alle notizie che arrivano dal mondo della ricerca nazionale e internazionale commentate con i diretti protagonisti con un approccio divulgativo e rigorosamente scientifico al tempo stesso. Dall'informazione in onda all'approfondimento on line. Sul sito di Radio24 ogni giorno interviste agli esperti, il servizio del medico risponde, video e tutorial. L'appuntamento con il mezzogiorno in salute va avanti anche nel fine settimana. Sabato alle 12 "Obiettivo Salute weekend", tutto quello che dovete fare e sapere per stare bene e sentirvi meglio al di là delle mode, dei luoghi comuni e delle leggende metropolitane. Domenica alle 12 "La bufala in tavola", pronti per andare a caccia della bufala e riportare la verità a tavola.

HORECA AUDIO NEWS - Le pillole quotidiane
3059 - La fotografia dell'Italia attraverso speranza di vita, occupazione

HORECA AUDIO NEWS - Le pillole quotidiane

Play Episode Listen Later Oct 4, 2022 6:36


La "Misura del Benessere dei territori", resa periodicamente nota dall'Istat, consente di comprendere meglio la concentrazione di vantaggi e svantaggi in determinate aree dello spazio nazionale, localizzando quali contribuiscono meglio di altre alle medie nazionali.Nonostante le diverse dinamiche osservate nella congiuntura negativa da Covid-19, nei domini Salute, Istruzione, Lavoro e Benessere economico le distanze restano marcate e si accentuano in particolare per la speranza di vita e il reddito dei lavoratori dipendenti, indicatori che tra pre e post pandemia segnano un chiaro arretramento dei livelli di benessere per la generalità delle province del Mezzogiorno, con il conseguente ampliarsi del divario con il Centro-Nord.

Radio 24 Podcast
Obiettivo salute - Giornata Mondiale del cuore

Radio 24 Podcast

Play Episode Listen Later Sep 29, 2022


Mezzogiorno: il momento ideale della giornata per parlare di salute e raccogliere tutte le informazioni utili per orientarsi e adottare uno stile di vita salutare e quindi capace di farci stare e sentire bene. Dal lunedì al venerdì alle 12 con Nicoletta Carbone spazio alle notizie che arrivano dal mondo della ricerca nazionale e internazionale commentate con i diretti protagonisti con un approccio divulgativo e rigorosamente scientifico al tempo stesso. Dall'informazione in onda all'approfondimento on line. Sul sito di Radio24 ogni giorno interviste agli esperti, il servizio del medico risponde, video e tutorial. L'appuntamento con il mezzogiorno in salute va avanti anche nel fine settimana. Sabato alle 12 "Obiettivo Salute weekend", tutto quello che dovete fare e sapere per stare bene e sentirvi meglio al di là delle mode, dei luoghi comuni e delle leggende metropolitane. Domenica alle 12 "La bufala in tavola", pronti per andare a caccia della bufala e riportare la verità a tavola.

I fondi europei
La politica di coesione e Next Generation Eu

I fondi europei

Play Episode Listen Later Sep 21, 2022 8:26


Nelle scorse puntate, abbiamo visto i cinque obiettivi del nuovo accordo di Partenariato.In questa puntata vedremo quali strategie sono state messe in atto per coordinare efficacemente la politica di coesione e Next Generation Eu. Uno degli aspetti più importanti per questo periodo di programmazione. Negli anni a venire, gran parte delle risorse a disposizione saranno destinate allo sviluppo del Mezzogiorno. Infatti, anche il Pnrr, che trova lo stesso fondamento giuridico della politica di coesione nei trattati UE, prevede che non meno del 40% delle risorse, la cosiddetta “Quota Mezzogiorno”, venga investita al Sud, che riceverà anche il 64% delle risorse della politica di coesione 2021-2027.Ma la sovrapposizione di investimenti non è soltanto geografica. Anche le priorità del Pnrr e dei fondi di coesione sono sovrapponibili e le sfide cruciali riguardano l'innovazione, la digitalizzazione e la transizione digitale. Vediamo insieme quali sono i settori su quali porre maggiore attenzione.

Radio 24 Podcast
Obiettivo salute - Epilessia novità dalla ricerca

Radio 24 Podcast

Play Episode Listen Later Sep 20, 2022


Mezzogiorno: il momento ideale della giornata per parlare di salute e raccogliere tutte le informazioni utili per orientarsi e adottare uno stile di vita salutare e quindi capace di farci stare e sentire bene. Dal lunedì al venerdì alle 12 con Nicoletta Carbone spazio alle notizie che arrivano dal mondo della ricerca nazionale e internazionale commentate con i diretti protagonisti con un approccio divulgativo e rigorosamente scientifico al tempo stesso. Dall'informazione in onda all'approfondimento on line. Sul sito di Radio24 ogni giorno interviste agli esperti, il servizio del medico risponde, video e tutorial. L'appuntamento con il mezzogiorno in salute va avanti anche nel fine settimana. Sabato alle 12 "Obiettivo Salute weekend", tutto quello che dovete fare e sapere per stare bene e sentirvi meglio al di là delle mode, dei luoghi comuni e delle leggende metropolitane. Domenica alle 12 "La bufala in tavola", pronti per andare a caccia della bufala e riportare la verità a tavola.

Ultim'ora
Elezioni, Letta "Puntiamo a una rimonta che passi dal Mezzogiorno"

Ultim'ora

Play Episode Listen Later Sep 17, 2022 0:32


"Noi puntiamo a una rimonta che passi dal Mezzogiorno, ci sono tanti elementi che ce lo dicono". Lo dice il segretario nazionale del Pd, Enrico Letta, a Potenza, a margine di un'iniziativa elettorale,xc2/mgg/red

Ultim'ora
Elezioni, Letta "Puntiamo a una rimonta che passi dal Mezzogiorno"

Ultim'ora

Play Episode Listen Later Sep 17, 2022 0:32


"Noi puntiamo a una rimonta che passi dal Mezzogiorno, ci sono tanti elementi che ce lo dicono". Lo dice il segretario nazionale del Pd, Enrico Letta, a Potenza, a margine di un'iniziativa elettorale,xc2/mgg/red

Il Corsivo di Daniele Biacchessi
Coalizioni molto fragili. Parte seconda | 16/09/2022 | Il Corsivo

Il Corsivo di Daniele Biacchessi

Play Episode Listen Later Sep 16, 2022 3:18


A cura di Ferruccio Bovio Nel riprendere il discorso, interrotto ieri, su questi ultimi dieci giorni di campagna elettorale, non possiamo che trarre, senz'altro, delle lamentose conclusioni, pensando ai limiti di una legge che, come il tanto (e forse giustamente) bistrattato “Rosatellum”, consente ai partiti - che pure compongono una stessa coalizione - il massimo della concorrenza tra di loro, nella consapevolezza che comunque, alla fine, pur di governare, i voti ottenuti, anche su programmi molto diversi, andranno obbligatoriamente a sommarsi, senza fermarsi troppo a sottilizzare. Dopo il 25 settembre, è ovvio che un governo, in un modo o nell'altro, bisognerà pur farlo ed allora ribadiamo che, per quello che riguarda il centrodestra - come si è già detto ieri – verrà probabilmente a galla tutta una serie di contraddizioni di assoluta rilevanza sia sul piano geopolitico, che su quello economico o delle riforme istituzionali. Se andiamo, invece, a guardare a cosa bolle in pentola nel centro sinistra, destinato – stando almeno ai sondaggi – a subire una sonora sconfitta, la situazione, in una certa qual misura, appare paradossalmente già molto più chiara, anche se rassegnata. Non a caso - riferendosi proprio alla coalizione composta dal PD, da + Europa, da Sinistra e Verdi e da altre sigle minori - Enrico Letta ha dichiarato che lui a governare con la sinistra di Fratoianni e con l'ecologismo duro e puro di Bonelli non ci pensa affatto. E la cosa, vista sul piano strettamente politico, è più che comprensibile, dal momento che si sta parlando di uno schieramento elettorale che cerca di far convivere posizioni tradizionalmente conflittuali tra di loro, quali sono quelle che sono espressione di un riformismo liberale con altre che, invece, si rifanno a più lontane esperienze storiche di matrice massimalista. È però strano, che il segretario del PD un'affermazione del genere l'abbia fatta proprio mentre è ancora in pieno svolgimento la campagna elettorale...In sostanza, Enrico Letta dice, a chiare lettere, che il centro sinistra ha già rinunciato in partenza a porsi come possibile alternativa di governo, puntando al massimo a ridimensionare il quasi certo successo dello schieramento avversario ed accontentandosi semplicemente di complicare un po' di più il compito di Giorgia Meloni o di chi, comunque, cercherà di dare vita ad un esecutivo di destra…. Francamente, non ricordiamo una campagna elettorale che, dalla nascita della Seconda Repubblica in poi, si sia caratterizzata per tanto pressapochismo... È, infatti, dal 1994 che le coalizioni guidate da Berlusconi si scontrano con quelle formate dagli antiberlusconiani, prospettando soluzione di governo tutte discutibili, ma almeno ben distinte ed alternative tra di loro. Il rischio di una caotica ingovernabilità in cui non si capisce bene chi sta con chi o contro cosa, sembra, pertanto, elevatissimo, anche nel caso in cui la destra ottenga un buon risultato elettorale. Ma a complicare i giochi, al fotofinish, potrebbe concorrere anche un'ulteriore incognita che incombe su entrambi i maggiori competitors: cosa succederebbe, infatti, se il forte recupero di cui, soprattutto nel Mezzogiorno, sembrano essere protagonisti i 5 Stelle di Giuseppe Conte, impedisse persino il formarsi di una qualsiasi maggioranza numerica, sia essa di destra o di sinistra? Forse a Mario Draghi incominciano a fischiare le orecchie.

Radio 24 Podcast
Obiettivo salute - Trapianto di microbiota: decifrate le modalità di successo della tecnica in diverse patologie

Radio 24 Podcast

Play Episode Listen Later Sep 16, 2022


Mezzogiorno: il momento ideale della giornata per parlare di salute e raccogliere tutte le informazioni utili per orientarsi e adottare uno stile di vita salutare e quindi capace di farci stare e sentire bene. Dal lunedì al venerdì alle 12 con Nicoletta Carbone spazio alle notizie che arrivano dal mondo della ricerca nazionale e internazionale commentate con i diretti protagonisti con un approccio divulgativo e rigorosamente scientifico al tempo stesso. Dall'informazione in onda all'approfondimento on line. Sul sito di Radio24 ogni giorno interviste agli esperti, il servizio del medico risponde, video e tutorial. L'appuntamento con il mezzogiorno in salute va avanti anche nel fine settimana. Sabato alle 12 "Obiettivo Salute weekend", tutto quello che dovete fare e sapere per stare bene e sentirvi meglio al di là delle mode, dei luoghi comuni e delle leggende metropolitane. Domenica alle 12 "La bufala in tavola", pronti per andare a caccia della bufala e riportare la verità a tavola.

Il Corsivo di Daniele Biacchessi
Coalizioni molto fragili. Parte seconda | 16/09/2022 | Il Corsivo

Il Corsivo di Daniele Biacchessi

Play Episode Listen Later Sep 16, 2022 3:18


A cura di Ferruccio Bovio Nel riprendere il discorso, interrotto ieri, su questi ultimi dieci giorni di campagna elettorale, non possiamo che trarre, senz'altro, delle lamentose conclusioni, pensando ai limiti di una legge che, come il tanto (e forse giustamente) bistrattato “Rosatellum”, consente ai partiti - che pure compongono una stessa coalizione - il massimo della concorrenza tra di loro, nella consapevolezza che comunque, alla fine, pur di governare, i voti ottenuti, anche su programmi molto diversi, andranno obbligatoriamente a sommarsi, senza fermarsi troppo a sottilizzare. Dopo il 25 settembre, è ovvio che un governo, in un modo o nell'altro, bisognerà pur farlo ed allora ribadiamo che, per quello che riguarda il centrodestra - come si è già detto ieri – verrà probabilmente a galla tutta una serie di contraddizioni di assoluta rilevanza sia sul piano geopolitico, che su quello economico o delle riforme istituzionali. Se andiamo, invece, a guardare a cosa bolle in pentola nel centro sinistra, destinato – stando almeno ai sondaggi – a subire una sonora sconfitta, la situazione, in una certa qual misura, appare paradossalmente già molto più chiara, anche se rassegnata. Non a caso - riferendosi proprio alla coalizione composta dal PD, da + Europa, da Sinistra e Verdi e da altre sigle minori - Enrico Letta ha dichiarato che lui a governare con la sinistra di Fratoianni e con l'ecologismo duro e puro di Bonelli non ci pensa affatto. E la cosa, vista sul piano strettamente politico, è più che comprensibile, dal momento che si sta parlando di uno schieramento elettorale che cerca di far convivere posizioni tradizionalmente conflittuali tra di loro, quali sono quelle che sono espressione di un riformismo liberale con altre che, invece, si rifanno a più lontane esperienze storiche di matrice massimalista. È però strano, che il segretario del PD un'affermazione del genere l'abbia fatta proprio mentre è ancora in pieno svolgimento la campagna elettorale...In sostanza, Enrico Letta dice, a chiare lettere, che il centro sinistra ha già rinunciato in partenza a porsi come possibile alternativa di governo, puntando al massimo a ridimensionare il quasi certo successo dello schieramento avversario ed accontentandosi semplicemente di complicare un po' di più il compito di Giorgia Meloni o di chi, comunque, cercherà di dare vita ad un esecutivo di destra…. Francamente, non ricordiamo una campagna elettorale che, dalla nascita della Seconda Repubblica in poi, si sia caratterizzata per tanto pressapochismo... È, infatti, dal 1994 che le coalizioni guidate da Berlusconi si scontrano con quelle formate dagli antiberlusconiani, prospettando soluzione di governo tutte discutibili, ma almeno ben distinte ed alternative tra di loro. Il rischio di una caotica ingovernabilità in cui non si capisce bene chi sta con chi o contro cosa, sembra, pertanto, elevatissimo, anche nel caso in cui la destra ottenga un buon risultato elettorale. Ma a complicare i giochi, al fotofinish, potrebbe concorrere anche un'ulteriore incognita che incombe su entrambi i maggiori competitors: cosa succederebbe, infatti, se il forte recupero di cui, soprattutto nel Mezzogiorno, sembrano essere protagonisti i 5 Stelle di Giuseppe Conte, impedisse persino il formarsi di una qualsiasi maggioranza numerica, sia essa di destra o di sinistra? Forse a Mario Draghi incominciano a fischiare le orecchie.

Focus AGRICOLTURA
BIO PESTICIDA: L'amico delle API

Focus AGRICOLTURA

Play Episode Listen Later Sep 15, 2022 2:34


L'ENEA, l'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, e l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, hanno lavorato insieme per dar vita ad un bio pesticida amico delle api.

Radio 24 Podcast
Obiettivo salute - La cronobiologia dell'amnesia globale transitoria

Radio 24 Podcast

Play Episode Listen Later Sep 14, 2022


Mezzogiorno: il momento ideale della giornata per parlare di salute e raccogliere tutte le informazioni utili per orientarsi e adottare uno stile di vita salutare e quindi capace di farci stare e sentire bene. Dal lunedì al venerdì alle 12 con Nicoletta Carbone spazio alle notizie che arrivano dal mondo della ricerca nazionale e internazionale commentate con i diretti protagonisti con un approccio divulgativo e rigorosamente scientifico al tempo stesso. Dall'informazione in onda all'approfondimento on line. Sul sito di Radio24 ogni giorno interviste agli esperti, il servizio del medico risponde, video e tutorial. L'appuntamento con il mezzogiorno in salute va avanti anche nel fine settimana. Sabato alle 12 "Obiettivo Salute weekend", tutto quello che dovete fare e sapere per stare bene e sentirvi meglio al di là delle mode, dei luoghi comuni e delle leggende metropolitane. Domenica alle 12 "La bufala in tavola", pronti per andare a caccia della bufala e riportare la verità a tavola.

Radio 24 Podcast
Obiettivo salute - Camminare con costanza fa bene al cervello

Radio 24 Podcast

Play Episode Listen Later Sep 9, 2022


Mezzogiorno: il momento ideale della giornata per parlare di salute e raccogliere tutte le informazioni utili per orientarsi e adottare uno stile di vita salutare e quindi capace di farci stare e sentire bene. Dal lunedì al venerdì alle 12 con Nicoletta Carbone spazio alle notizie che arrivano dal mondo della ricerca nazionale e internazionale commentate con i diretti protagonisti con un approccio divulgativo e rigorosamente scientifico al tempo stesso. Dall'informazione in onda all'approfondimento on line. Sul sito di Radio24 ogni giorno interviste agli esperti, il servizio del medico risponde, video e tutorial. L'appuntamento con il mezzogiorno in salute va avanti anche nel fine settimana. Sabato alle 12 "Obiettivo Salute weekend", tutto quello che dovete fare e sapere per stare bene e sentirvi meglio al di là delle mode, dei luoghi comuni e delle leggende metropolitane. Domenica alle 12 "La bufala in tavola", pronti per andare a caccia della bufala e riportare la verità a tavola.

Radio 24 Podcast
Obiettivo salute - Sale: meno è meglio. Ma perché e quanto usarne? La parola all'esperto

Radio 24 Podcast

Play Episode Listen Later Sep 7, 2022


Mezzogiorno: il momento ideale della giornata per parlare di salute e raccogliere tutte le informazioni utili per orientarsi e adottare uno stile di vita salutare e quindi capace di farci stare e sentire bene. Dal lunedì al venerdì alle 12 con Nicoletta Carbone spazio alle notizie che arrivano dal mondo della ricerca nazionale e internazionale commentate con i diretti protagonisti con un approccio divulgativo e rigorosamente scientifico al tempo stesso. Dall'informazione in onda all'approfondimento on line. Sul sito di Radio24 ogni giorno interviste agli esperti, il servizio del medico risponde, video e tutorial. L'appuntamento con il mezzogiorno in salute va avanti anche nel fine settimana. Sabato alle 12 "Obiettivo Salute weekend", tutto quello che dovete fare e sapere per stare bene e sentirvi meglio al di là delle mode, dei luoghi comuni e delle leggende metropolitane. Domenica alle 12 "La bufala in tavola", pronti per andare a caccia della bufala e riportare la verità a tavola.

Ultim'ora
Letta "I ministri leghisti bloccano i fondi per il Sud"

Ultim'ora

Play Episode Listen Later Sep 5, 2022 1:49


"Noi chiediamo ai ministri leghisti del governo, in particolare, di non bloccare l'assegnazione del fondo 'Coesione e sviluppo', cioè i fondi strutturali per i prossimi sei anni, che già avrebbero dovuto essere ripartiti nelle settimane scorse". Così il segretario del Pd, Enrico Letta, a Catania. "Per la Sicilia questi fondi europei valgono 6 miliardi di euro per i prossimi sei anni. Il fatto che i ministri leghisti stiano bloccando l'assegnazione di questi fondi non solo per la Sicilia, anche per altre regioni del Mezzogiorno, è uno scandalo".xe6/vbo/gsl

Ultim'ora
Letta "I ministri leghisti bloccano i fondi per il Sud"

Ultim'ora

Play Episode Listen Later Sep 5, 2022 1:49


"Noi chiediamo ai ministri leghisti del governo, in particolare, di non bloccare l'assegnazione del fondo 'Coesione e sviluppo', cioè i fondi strutturali per i prossimi sei anni, che già avrebbero dovuto essere ripartiti nelle settimane scorse". Così il segretario del Pd, Enrico Letta, a Catania. "Per la Sicilia questi fondi europei valgono 6 miliardi di euro per i prossimi sei anni. Il fatto che i ministri leghisti stiano bloccando l'assegnazione di questi fondi non solo per la Sicilia, anche per altre regioni del Mezzogiorno, è uno scandalo".xe6/vbo/gsl

Elezione straordinaria
Ep. 3 - Le liste e il risiko dei collegi

Elezione straordinaria

Play Episode Listen Later Aug 24, 2022 15:26


Con la presentazione delle liste i partiti scoprono le carte e presentano agli elettori i loro candidati: tra conferme, new entry e grandi esclusioni, facciamo il punto su questa fondamentale tappa verso le elezioni, cercando di capire come funziona il risiko dei collegi, dove avverranno i veri “scontri”. Lo facciamo con Francesca Schianchi, giornalista del quotidiano La Stampa.I contributi audio di questa puntata sono tratti da Repubblica.it del 27 gennaio 2018, da ilFattoQuotidiano.it del 27 gennaio 2018 e del 22 agosto 2022, dall'edizione delle 20 del Tg1 del 22 agosto 2022, dalla puntata di Mezz'ora in più su Rai3 del 21 agosto 2022, da Agenzia Televisiva Nazionale Vista del 10 agosto 2022, dal profilo Facebook di Giuseppe Conte del 15 agosto 2022, da Skytg24 del 20 agosto 2022, dalla Gazzetta del Mezzogiorno.it del 29 agosto 2022, dalla puntata di Omnibus su LA7 del 19 febbraio 2018.

il posto delle parole
Pasquale Pellegrini "Salviamo il mondo a tavola"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later Aug 9, 2022 24:41


Pasquale Pellegrini"Salviamo il mondo a tavola"Guida a un'alimentazione sana e sostenibileCittà Nuovahttps://www.cittanuova.it/La salute e l'ambiente si tutelano nel piatto. In una società dove la produzione di cibo è imponente proliferano al tempo stesso anche diete di vario genere. Ciò accade perché la sua abbondanza crea problemi alla salute. L'obesità e le malattie metaboliche sono i più gravi e impegnano una parte considerevole della spesa sanitaria. Dalle scelte personali può iniziare un cammino di transizione ecologica. Quindi, non è un eufemismo sostenere che nel piatto si definisce il futuro della Terra. La spesa di una famiglia è un “atto politico”, si sarebbe detto in altri tempi; in realtà è un gesto di responsabilità che può determinare cambiamenti epocali e processi di equa ripartizione delle risorse a livello mondiale. L'opera parte dai bisogni nutrizionali dell'uomo e, allargando la prospettiva, affronta i temi del consumo e degli sprechi, dell'agricoltura sostenibile e del suo legame con il territorio, dei bisogni alimentari dell'umanità e si spinge nel mondo dei cibi funzionali e della nutraceutica. Gli alimenti caratterizzano la dimensione sociale ed economica di una regione, di una nazione e arricchiscono la tradizione gastronomica. Perciò il rapporto con il cibo è qualcosa di più complesso e articolato: è ripensare la centralità del creato come luogo di relazioni sane ed equilibrate.Pasquale PellegriniEsperto in informazione e comunicazione scientifica, editorialista e collaboratore del Corriere del Mezzogiorno. Ha scritto diversi libri, tra cui, Dio lo vuole. Intervista sulla Crociata con Franco Cardini; Ogni giorno l'amore un reportage sull'affettività di coppia realizzato con Vittoria Modugno; Cattolici dal potere al silenzio, un'intervista a Beppe del Colle sull'evoluzione politica dei cattolici dal dopoguerra a Berlusconi (Premio Capri-San Michele 2011); Una chiesa al passo coi tempi con Rocco d'Ambrosio.L'ultima opera pubblicata è in libreria da qualche mese, Scienze e spiritualità. La Trascendenza tra cultura, ricerca neuroscientifica ed evoluzione. Realizzata con Vito Antonio Amodio è un approccio scientifico al tema della spiritualità basato su ricerche neuroscientifiche. Per i ragazzi Pellegrini ha scritto il romanzo Il mistero dei cavalieri del rombo.Nel 2014 ha vinto il Premio nazionale divulgazione scientifica per il giornalismo con servizi sulle frontiere delle neuroscienze. In collaborazione con il Corriere del Mezzogiorno ha organizzato, a Bari, il Festival della scienza.IL. POSTO DELLE PAROLEascoltare fa pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

Radio 24 Podcast
Obiettivo salute - Trasmissione del 27 giugno 2022

Radio 24 Podcast

Play Episode Listen Later Jun 27, 2022


Mezzogiorno: il momento ideale della giornata per parlare di salute e raccogliere tutte le informazioni utili per orientarsi e adottare uno stile di vita salutare e quindi capace di farci stare e sentire bene. Dal lunedì al venerdì alle 12 con Nicoletta Carbone spazio alle notizie che arrivano dal mondo della ricerca nazionale e internazionale commentate con i diretti protagonisti con un approccio divulgativo e rigorosamente scientifico al tempo stesso. Dall'informazione in onda all'approfondimento on line. Sul sito di Radio24 ogni giorno interviste agli esperti, il servizio del medico risponde, video e tutorial. L'appuntamento con il mezzogiorno in salute va avanti anche nel fine settimana. Sabato alle 12 "Obiettivo Salute weekend", tutto quello che dovete fare e sapere per stare bene e sentirvi meglio al di là delle mode, dei luoghi comuni e delle leggende metropolitane. Domenica alle 12 "La bufala in tavola", pronti per andare a caccia della bufala e riportare la verità a tavola.

Radio 24 Podcast
Obiettivo salute - CAR – T: una terapia salvavita

Radio 24 Podcast

Play Episode Listen Later Jun 17, 2022


Mezzogiorno: il momento ideale della giornata per parlare di salute e raccogliere tutte le informazioni utili per orientarsi e adottare uno stile di vita salutare e quindi capace di farci stare e sentire bene. Dal lunedì al venerdì alle 12 con Nicoletta Carbone spazio alle notizie che arrivano dal mondo della ricerca nazionale e internazionale commentate con i diretti protagonisti con un approccio divulgativo e rigorosamente scientifico al tempo stesso. Dall'informazione in onda all'approfondimento on line. Sul sito di Radio24 ogni giorno interviste agli esperti, il servizio del medico risponde, video e tutorial. L'appuntamento con il mezzogiorno in salute va avanti anche nel fine settimana. Sabato alle 12 "Obiettivo Salute weekend", tutto quello che dovete fare e sapere per stare bene e sentirvi meglio al di là delle mode, dei luoghi comuni e delle leggende metropolitane. Domenica alle 12 "La bufala in tavola", pronti per andare a caccia della bufala e riportare la verità a tavola.

Radio 24 Podcast
Obiettivo salute - Vaiolo delle scimmie

Radio 24 Podcast

Play Episode Listen Later May 20, 2022


Mezzogiorno: il momento ideale della giornata per parlare di salute e raccogliere tutte le informazioni utili per orientarsi e adottare uno stile di vita salutare e quindi capace di farci stare e sentire bene. Dal lunedì al venerdì alle 12 con Nicoletta Carbone spazio alle notizie che arrivano dal mondo della ricerca nazionale e internazionale commentate con i diretti protagonisti con un approccio divulgativo e rigorosamente scientifico al tempo stesso. Dall'informazione in onda all'approfondimento on line. Sul sito di Radio24 ogni giorno interviste agli esperti, il servizio del medico risponde, video e tutorial. L'appuntamento con il mezzogiorno in salute va avanti anche nel fine settimana. Sabato alle 12 "Obiettivo Salute weekend", tutto quello che dovete fare e sapere per stare bene e sentirvi meglio al di là delle mode, dei luoghi comuni e delle leggende metropolitane. Domenica alle 12 "La bufala in tavola", pronti per andare a caccia della bufala e riportare la verità a tavola.

il posto delle parole
Chicca Maralfa "Lo strano delitto delle sorelle Bedin"

il posto delle parole

Play Episode Listen Later May 13, 2022 17:05


Chicca Maralfa"Lo strano delitto delle sorelle sorelle Bedin"Newton Compton Editorehttps://www.newtoncompton.com/La prima indagine di Gaetano RavidàDopo il fallimento del suo matrimonio, il luogotenente Gaetano Ravidà, stimatissimo investigatore dell'Arma, ha lasciato la Puglia e si è trasferito al nord. Ad accoglierlo la Stazione dei Carabinieri di Asiago, nell'altopiano vicentino, teatro delle più sanguinose battaglie della Grande Guerra. Sul paese, all'apparenza tranquillo, si allunga in realtà l'ombra di un vecchio caso mai risolto, risalente a sette anni prima: l'efferato omicidio delle sorelle Bedin, archiviato di recente. Qualcuno, tappezzando i muri di poesie enigmatiche, sembra però sollecitare la riapertura delle indagini su una vicenda che chiede giustizia. Ma non sarà solo un caso di cronaca del passato a mettere alla prova le abilità investigative di Ravidà. Nel giorno della Grande Rogazione, una processione che ogni anno si snoda per trentatré chilometri attraverso i sentieri di montagna e che coinvolge tutta la popolazione della zona, un altro brutale delitto scuoterà la quiete dell'altopiano, trasformandola in tempesta.Un vecchio delitto mai risoltoUn omicidio che sconvolge la quiete di un paese di montagna«Le pagine di questo romanzo hanno un ritmo scattante e la prosa è ricca di intuizioni. Una storia ben riuscita, nella quale sembra di ascoltare le vicende dalla viva voce dei suoi protagonisti. Ed è bello restare un po' con loro, anche dopo aver finito il libro.»la RepubblicaHanno scritto dei suoi romanzi:«Raramente capita di imbattersi in una penna così decisa e fulminea, priva di retorica e indulgenza e al contempo ricca di umanità, quale è quella di questa autrice.»Thriller Nord«Maralfa ha la mano felice nell'aggiornare e impastare il magma pulp delle passioni.»La Gazzetta del MezzogiornoChicca MaralfaÈ nata e vive a Bari. Giornalista professionista, è responsabile dell'ufficio stampa dell'Unioncamere Puglia e della Camera di Commercio di Bari. Ha collaborato stabilmente per anni con la «Gazzetta del Mezzogiorno», scrivendo di cultura e di attualità, e con i periodici specializzati «Ciao 200» e «Music». Per Antenna Sud e Rete4 (nella trasmissione di Alessandro Cecchi Paone, Giorno per giorno) si è occupata di cronaca bianca e nera. Ha esordito nella narrativa nel 2018 con la commedia nera Festa al trullo, e nel 2021 ha pubblicato il suo primo giallo, Il segreto di Mr Willer, finalista a vari premi letterari.IL POSTO DELLE PAROLEascoltare fa pensarehttps://ilpostodelleparole.it/

Storia in Podcast
Gli Appartamenti dei Principi di Carignano

Storia in Podcast

Play Episode Listen Later Apr 11, 2022 26:32


Il Palazzo Carignano è sorto per volontà di Emanuele Filiberto di Savoia-Carignano, su progetto del padre teatino Guarino Guarini che ne ha iniziato la costruzione nel 1679. È uno dei più suggestivi ed imponenti palazzi del Seicento italiano, con facciata sinuosa e rivestimento in semplice mattone, preziosamente e originalmente lavorato.L'edificio era sorto nell'area adibita a scuderie dal principe Tommaso, capostipite del ramo cadetto Savoia-Carignano, ed aveva in origine una pianta a C aperta sui giardini; l'attuale struttura quadrangolare è dovuta all'aggiunta del corpo di fabbrica ottocentesco costruito per ospitare il Parlamento italiano, e terminato nel 1871, dopo lo spostamento della capitale a Roma. Il salone centrale ellittico situato nella parte seicentesca, già destinato alle feste, era stato trasformato nel 1848 in aula del Primo Parlamento Subalpino.Oggi il Palazzo ospita due diversi musei, oltre alla sede della Direzione Regionale Musei. Al piano terreno gli Appartamenti dei Principi di Carignano riaperti al pubblico nel 2011 grazie al sostegno della Compagnia di San Paolo, raccontati in un podcast realizzato al loro interno. Al piano nobile è ospitato il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano.L'Appartamento di Mezzogiorno con le meravigliose boiseries dorate è aperto stabilmente, mentre saltuariamente è proposta al pubblico la visita dell'Appartamento di Mezzanotte e dei suoi saloni, affrescati da Stefano Maria Legnani detto il Legnanino, il valente pittore che lavorò nel Palazzo fra fine Sei e inizio Settecento.La voce del podcast è di Angela Maria Rita Farruggia, Direttore di Palazzo Carignano. Funzionario architetto proveniente dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Torino, presso cui si è occupata di tutela monumentale e paesaggistica, interventi sui beni culturali e attività di promozione e valorizzazione della sede storica di Palazzo Chiablese. In servizio nel Ministero dal 2010, è in possesso dei titoli di dottore di ricerca in Storia e critica dei beni architettonici e ambientali e di specializzazione post lauream conseguiti al Politecnico di Torino, dove è stata assegnista di ricerca e ha svolto attività di docenza a contratto.A cura di Francesco De Leo. Montaggio di Silvio Farina.https://storiainpodcast.focus.it - Canale I Savoia------------Storia in Podcast di Focus si può ascoltare anche su Spotify http://bit.ly/VoceDellaStoria ed Apple Podcasts https://podcasts.apple.com/it/podcast/la-voce-della-storia/id1511551427.Siamo in tutte le edicole... ma anche qui:- Facebook: https://www.facebook.com/FocusStoria/- Gruppo Facebook Focus Storia Wars: https://www.facebook.com/groups/FocuStoriaWars/ (per appassionati di storia militare)- Youtube: https://www.youtube.com/user/focusitvideo- Twitter: https://twitter.com/focusstoria- Sito: https://www.focus.it/cultura

Focus economia
La povertà in Italia nel 2021

Focus economia

Play Episode Listen Later Mar 8, 2022


Nel 2021 le famiglie in povertà assoluta in Italia sono il 7,5%, lieve calo rispetto al 7,7% nel 2020. Lo rileva l'Istat spiegando che gli individui in povertà assoluta sono circa 5,6 milioni (9,4% del totale, come lo scorso anno. "Senza la crescita dei prezzi al consumo registrata nel 2021 (+1,9%) - sottolinea l'Istituto - l'incidenza di povertà assoluta sarebbe stata al 7,0% a livello familiare e all'8,8% a livello individuale, in lieve calo, quindi, rispetto al 2020". L'incidenza di povertà assoluta, spiega l'Istat, è sostanzialmente stabile tra le famiglie con persona di riferimento occupata, da 7,3% del 2020 a 7,0% (quasi 922mila famiglie in totale), a sintesi di un miglioramento per questo tipo di famiglie al Nord (da 7,9% a 6,9%) e una sostanziale stabilità nel Mezzogiorno (dal 7,6% all'8,2%). In ulteriore difficoltà le famiglie con persona di riferimento cerca di occupazione (da 19,7% del 2020 a 22,6%). Dietro la notizia Con questi prezzi dell'energia, a oggi conviene tornare alle bombole del gas, invece che continuare a tenere il tradizionale contratto di fornitura. Il salto indietro è di trent'anni.Oggi il gas ha toccato 204 euro al megawatt h (-10%), aveva aperto in rialzo ad Amsterdam del 21,04% a 275 euro.Ieri aveva segnato il massimo storico di 300 euro al Mwh(+54%). E alla luce delle incertezze dovute alla guerra in Ucraina continua a salire il prezzo dell'oro mentre il rally interessa quasi tutte le materie prime, in testa il nichel che ha registrato un aumento record del 66% a 487.078 dollari la tonnellata. Il lingotto con consegna immediata guadagna un altro 0,9% a 2.013 dollari l'oncia. Nell'ultimo mese le quotazioni, sottolinea Bloomberg sono cresciute del 4%. Crescono anche argento e ferro. La strategia energetica europea L'Europa cerca di rendersi indipendente dalle forniture energetiche della Russia. E' questo l'obiettivo del Consiglio europeo informale di Versailles in programma per il 10-11 marzo e del programma Repower Eu lanciato oggi dalla Commissione europea.Erano circolate voci su un eventuale lancio di "eurobond" su vasta scala per finanziare le spese dell'energia e della difesa, sulla scia di quanto era stato fatto con il piano Next Generation Eu. Ma sono state smentite dal vice presidente della Commissione europea Frans Timmermans. L'indiscrezione su possibili Eurobond in cantiere aveva acceso le borse in giornata. Ospiti: Massimo Baldini, docente di Scienza delle Finanze presso l'Università di Modena e Reggio Emilia, Alessandro Plateroti, Adriana Cerretelli, editorialista del Sole 24 Ore.